Skip to main content

Full text of "Win Magazine 229"

See other formats


Poste Italiane Spedizione in A.R - 45% Art. 2 Comma 20/B Legge 662/96 - Aut. N. DCDC/035/01 /CS/CAL • Distributore esclusivo: Press-di Distribuzione Stampa e Multimedia S.r.l. - 20090 Segrate (MI) 



Trasforma in un clic il tuo sistema operativo 
in una versione leggera, scattante e no crash! 




LA MIA INKJET 

STAMPA IN ?D 

Solo cosi realizzi fantastici 
modelli tridimenstonali 
con la stampante di casa 

PER CHATTARE 
BASTA IL BROWSER 

Ecco il link segreto per rimanere 
sempre in contatto con i tuoi amici 
senza installare nulla sul PC 


INTERNET 
SU 4 RUOTE 

Scopriamo le tecnologie usate 
a bordo della nostra auto. Cosa ci 
riserva il futuro delle connected car? 


CONVERSIONI 
FACIU FACIU 

Rendi qualunque file multimediale 


✓ Guadagna GHz di potenza extra ✓ Velocizza il PC del 400% 

eliminando processi brucia risorse ottimizzando dischi e memoria RAM 

✓ Più reattività ai comandi ✓ Amplifica il segnale Wi-Fi 

deframmentando il registro truccando router e parametri nascosti 


compatibile con tutti i tuoi device 

sul dvd mimmxm ee 

FAI IL MAKEUP 
AL TUO SITO WEB 



INCHIESTA SHOCK! 

-*- 


COSI SIAMO 
TUTTI SPIATI 

Ecco come funziona la rete di spionaggio 
che sta facendo tremare mezza Italia. " 

I tuoi account sono davvero al sicuro? 


Trasforma semplici pagine HTML 
in capolavori di moderno design 


SUL DVDEH 


TELEVISIONI DAL FUTURO 


SKY TV ORA IN 
REALTA VIRTUALE 

Immergiti nei nuovi 
contenuti televisivi usando. 
smartphone e visore VR: | 
ne vedrai delle belle! 


SUL DVD LE APP GRATUITE 













































FIBRR 50 MEGR 



30 MEGA 33€ttsE* 93 MESA 3B€'r€5E- 50 riEGftFB;; ***« 

PRIMI 3 MESI SUCCESSIVAMENTE Ì8C/MESE ^ PRIMI 3 MESI, SUCCESSIVAMENTE 43C/MESE PRIMI 3 MESI, SUCCESSIVAMENTE S9C/MESE 


ROUTERWIFI IN COMODATO ROUTERWIFI IN COMODATO SERVIZIO CENTRAUNO FINO A 5 INTERNI 


TRAFFICO INTERNET ILLIMITATO 

i 

TRAFFICO INTERNET ILLIMITATO 

ROUTER WIFI IN COMODATO 

| 

VOCE ILLIMITATA <-«| 

S 

■ 

VOCE ILLIMITATA (**•) a 

TRAFFICO INTERNET ILLIMITATO 

ASSISTENZA PROFESSIONALE NO CALL CENTER 


ASSISTENZA PROFESSIONALE, NO CALL CENTER ■! 

VOCE ILLIMITATA (**♦) 


1 

1 

ASSISTENZA PROFESSIONALE, NO CALL CENTER 

- 


Il costo di attivazione della fibra è variabile, in base alle promozioni in corso, contattateci per ulteriori informazioni. 

(*) Naviga fino a 30Mbps in download e 3Mbps in upload (**) Naviga fino a SOMbps in download e 1 OMbps In upload (***) fino a 3000 minuti mese effettuati sulla rete fissa 
italiana, 300 minuti mese effettuati sulla rete mobile italiana. 


aconet 

app'Kations Communications network 



MIGRA L'ADSL IN FIBRA -, 

800.123.539 

_ y 

Aconet srl | +3906659691 | www.aconet.it | comm@aconet.it 








Anno XX -n.ro 3 (229)-Marzo 2017 
Periodicità mensile -18/02/2017 
e-mail: winmag@edmaster.it 
www.winmagazine.it 

Reg. Trib. di Cs n° 618 del 7 settembre 1998 
Cod. ISSN: 2284-4279 

DIRETTORE RESPONSABILE: Massimo Mattone 
RESPONSABILE EDITORIALE: Gianmarco Bruni 
REDAZIONE: Paolo Tarsitano, Giancarlo Giovinazzo 
COLLABORAZIONI: Alessandro Longo, Carla Felicetti, 

Fabio Marotta, Fulvio Fontana, Martina Oliva, Michelangelo Pisu, 
Michele Antoniou, Stefano Nisticò 

SEGRETERIA DI REDAZIONE: Rossana Scarcelli 
(rscarcelli@edmaster.it) 

INDIRIZZO MAIL REDAZIONE: winmag@edmaster.it 

REALIZZAZIONE GRAFICA: CROMATIKA &rl 
RESPONSABILE PRODUZIONE: Giancarlo Sicilia 
PROGETTO GRAFICO E ART DIRECTOR: Paolo Cristiano 
RESPONSABILE GRAFICO DI PROGETTO: Salvatore Vuono 

IMPAGINATONE E GRAFICA: L Ferrara, E. Monaco, L. Pelle, 

G. Salvagnoni, F. Grandinetti 
ILLUSTRAZIONI: Tony Intieri, Arturo Barbuto 

CONCESSIONARIA PER LA PUBBLICITÀ: 

EMOTIONAL PUBBLICITÀ SRL 
ViaF. Melzi d’Eril, 29 - 20154 Milano 
Tel 02/76318838 
info@emotionalsrl.com 

EDITORE: Edizioni Master S.p.A. 

Via Bartolomeo Diaz, 13 - 87036 Rende (CS) 
PRESIDENTE E AMMINISTRATORE DELEGATO: Massimo Sesti 
DIRETTORE EDITORIALE Massimo Mattone 

ABBONAMENTO E ARRETRATI 

ITALIA - Abbonamento Annuale: Base (12 numeri + CD-Rom) 
€ 29,50, sconto 25% sul prezzo di copertina € 35,88 - Plus 
(12 numeri + DVD-Rom) € 35,00, sconto 27% sul prezzo di 
copertina € 47,88 - DVD (12 numeri + DVD-Rom DL) € 59,90, 
sconto 31% sul prezzo di copertina € 71,88 - GOLD (12 nu¬ 
meri + 2 DVD) € 79,90, sconto 33% sul prezzo di copertina 
€ 119,88 - Offerte valide fino al 31/03/2017 
Costo arretrati (a copia): prezzo di copertina + € 6,10 (spedizione 
con corriere). Prima di inviare i pagamenti, verificare la disponibilità 
delle copie arretrate inviando una e-mail all'Indirizzo arretrati@ed- 
master.it La richiesta contenente i Vs. dati anagrafici e il nome del¬ 
la rivista, dovrà essere inviata via fax al num. 199.50.00.05* oppure 
via posta a EDIZIONI MASTER S.p.A. - Via Diaz, 13 - 87036 Rende 
(CS), dopo avere effettuato il pagamento, secondo le modalità di 
seguito elencate: 

- assegno bancario non trasferibile (da inviare in busta chiusa con la 
richiesta); 

- carta di credito, circuito Visa, Cattasi, o Eurocard/Mastercard (in¬ 
viando la Vs. autorizzazione, il numero di carta, la data di scadenza, 
l'intestatario della carta e il codice CW2, cioè le ultime 3 cifre del co¬ 
dice numerico riportato sul retro della carta). 

- Bonifico bancario intestato a EDIZIONI MASTER S.pA c/o BAN¬ 
CA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARUGATE E INZAGO S.C. - IBAN 
IT47R0845333200000000066000 (inviare copia della distinta insieme 
alla richiesta). 

SI PREGA DI UTILIZZARE IL MODULO RICHIESTA ABBONAMENTO 
POSTO NELLE PAGINE INTERNE DELLA RIVISTA. 

L’abbonamento verrà attivato sul primo numero utile, successivo 
alla data della richiesta. 


SOSTITUZIONE: Qualora nei prodotti fossero rinvenuti difetti o imper¬ 
fezioni che ne limitassero la fruizione da parte dell’utente, è prevista la 
sostituzione gratuita, previo invio del materiale difettato. La sostituzio¬ 
ne sarà effettuata se il problema sarà riscontrato e segnalato entro e 
non oltre 10 giorni dalla data effettiva di acquisto in edicola e nei punti 
vendita autorizzati, facendo fede il timbro postale di restituzione del 
materiale. 

Inviare il supporto difettoso in busta chiusa a: 

Edizioni Master - Servizio clienti - Via Diaz, 13 - 87036 Rende (CS) 


C SERVIZIO CLIENTI A 

(g) servizioclienti@edmaster.it 

gj|, 199.50.00.05' 199.50.50.51 * 

sempre in funzione dal lunedi al venerdì 10.00 -13.00 

'Costo massimo della telefonata 0.118 € + Iva a minuto di conversazione, da rete fìssa, 
\Jndipendenlemente dalla distanza. Da rete mobile costo dipendente daH'operatore utilizzato^ 


ASSISTENZA TECNICA (e-mail): winmag@edmaster.it 
STAMPA: STIGE SPA - Via Pescarito, 110 -10099 SAN MAURO 
TORINESE (TO) 

DUPLICAZIONI: Ecodisk S.r.l. - Via Enrico Fermi, 13 Burago di Mol- 
gora (MB) 

DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER L’ITALIA: 

Press-di Distribuzione Stampa e Multimedia S.r.l.-20090 Segrate 
Finito di stampare nel mese di Febbraio 2017 

Nessuna parte della rivista può essere in alcun modo riprodotta senza autorizza¬ 
zione scritta di Edizioni Master. Manoscritti e foto originali anche se non pubblicati 
non si restituiscono. Edizioni Master non sarà in alcun caso responsabile per i danni 
diretti e/o indiretti derivanti dall’utilizzo dei programmi contenuti nel supporto multi¬ 
mediale allegato alla rivista e/o per eventuali anomalie degli stessi. Nessuna respon¬ 
sabilità è, inoltre, assunta da Edizioni Master per danni derivanti da virus informatici 
non riconosciuti dagli antivims ufficiali all'atto della masterizzazione del supporto. 
Nomi e marchi protetti sono citati senza indicare i relativi brevetti. Windows è un 
marchio registrato di Microsoft Corporation. 


sin 


AVE S. 


v£Pu Informatico 

network 





Windows 


potente • Più veloce • Più leggero 




IL SOFTWARE CHE TRUCCA IL TUO OS 




Trasforma in un clic il tuo sistema operativo 
in una versione lesserà, scattante e no crash! 



NEWS. 6 

Le novità hardware e software del 
mese 

MAILBOX.10 

Le risposte degli esperti ai tuoi 
quesiti 


UNA RISPOSTA A TUTTO.14 

Una selezione dei problemi più 
comuni risolti dagli esperti 

PRODOTTI IN VETRINA.18 

I dispositivi hardware e software 
testati e recensiti per facilitarti 
nell'acquisto 


WIN CD/DVD-ROM.35 

Quali sono e come utilizzare i 
contenuti delle varie versioni di 
Win Magazine 

WIN EXTRA.38 

Il nostro spazio esclusivo 
sul Web 


Così siamo 
tutti spiati 

Ecco come funziona la 
rete di spionaggio 
che sta facendo 
tremare mezza Italia. 

I tuoi account sono 
davvero al sicuro? 


Internet 
su 4 ruote 

Scopriamo le tecnologie usate 
a bordo della nostra auto. Cosa ci riserva 
il futuro delle connected car? 


Win Magazine 3 



































Sommario 


Editoriale 



La mia inkjet 
stampa in 3D 

Solo così realizzi fantastici 


modelli tridimensionali 


con la stampante di casa 


SkyTVorain 
realtà virtuale 

. Immergiti nei nuovi contenuti televisivi 
usando smartphone e visore VR: 
i ■f\ 4*. ne vedrai delle belle! 


Windows è mio! 

Quanti utilizzano l'app Money preinstallata in Windows 10? E 
chi non ha mai avviato almeno una volta 3D Builder per creare e 
stampare un fantastico modello tridimensionale? Beh, in effetti, se 
non fosse per le tile presenti nel menu Start, molti di noi ignore¬ 
rebbero del tutto la presenza di questi e di tanti altri programmi 
che, al netto della loro reale utilità, contribuiscono a rendere pa¬ 
chidermiche le dimensioni del sistema operativo e a rubare spa¬ 
zio prezioso sull'hard disk che invece potremmo usare per i nostri 
file personali e per i software che davvero utilizziamo tutti i giorni. 
Disinstallarle, ovviamente, è la soluzione. In che modo? Lo sco¬ 
priamo a pagina 46 dove, tra le altre cose, vedremo anche come 
ottimizzare l'intero sistema operativo e attivare le funzioni non do¬ 
cumentate per renderlo più veloce e a prova di crash! E a proposi- 
todi crash,a pagina 54troviamo i"crash test"effettuati sulle nostre 
amate automobili sempre più connesse al Web. Abbiamo testato 
a fondo le tecnologie utilizzate per scoprire cosa ci riserva il futu¬ 
ro delle connected car. Perché Internet ormai viaggia sempre più 
spedito a bordo delle quattro ruote! 

Buona lettura! 


Paolo Tarsitano 

winmag@edmaster.it 


SISTEMA 


40 Porta Windows 
in assistenza 

Ecco l'app di Windows 10 
percondividereil desktop 
con altri PC e chiedere aiuto 
da remoto 

46 my Windows gratis! 

Trasforma in un clic il tuo 
sistema operativo in una 
versione leggera, scattante 
e a prova di crash! 


I INTERNET 


54 Internet su quattro ruote 

Viaggio alla scoperta delle 
tecnologie Web utilizzate 
a bordo della nostra 
automobile. Cosa ci riserva il 
futuro delle connected car? 

61 Per chattare basta 
il browser 

Eccoli linksegreto per 
rimanere sempre in contatto 
con i tuoi amici anche senza 
installare nulla sul computer 


ANTIVIRUS&SICUREZZA 


62 Così siamo tutti spiati 

Scopri come funziona la rete 
di spionaggio che sta facendo 
tremare mezza Italia 


MOBILE 


66 Spese sotto controllo 

Sfrutta lo smartphone per 
gestire il budget mensile 
e arrivare a fine mese senza 
sforare 



70 SkyTVin realtà virtuale 

Indossiamoli visore VR, 
attiviamo lo smartphone 
e immergiamoci nei nuovi 


contenuti televisivi di Sky: ne 
vedremo davvero delle belle! 


UTILITA&PROGRAMM. 


72 Windows più sicuro 
che mai 

Ecco come cancellare 
automaticamente la memoria 
virtuale all'arresto del sistema 

74 Fai il makeup al sito Web 

Usando il software giusto 
puoi trasformare semplici 
pagine EITML in capolavori 
di moderno design 

76 II software che registra 
Netflix 

Così aggiungi al tuo PC il 
tasto Ree che videoregistra 
tutto quello che riproduci in 
streaming sul tuo desktop 

78 Dronisti di professione 

Dalla fotogrammetria alla 
sicurezza delle città: ecco 
come fare soldi con la tua 
macchina volante 


GRAFICA DIGITALE 


82 10 super trucchi 
per foto da urlo 

Trasforma lo smartphone in 
un potente editor grafico per 


ritoccare e archiviare le tue 
fotografie 

86 La mia inkjet stampa in 3D 

Ti regaliamo il software 
magico per realizzare fantastici 
modelli tridimensionali con la 
stampante che hai a casa 


AUDIO&VIDEO 


90 Conversioni facili facili 

Con il tool giusto puoi 
rendere i tuoi file multimediali 
compatibili con tutti i device 

92 Video con idroni 
a tutta cromia! 

Scopriamo insieme le 
correzioni di base per regolare 
al meglio la tonalità e la 
saturazione di una ripresa 
aerea 


OFFICE 


94 II tuo ufficio personale 

Installa il dizionario italiano 
sulla tua copia di WPS Office 
e personalizzane l'interfaccia 


GIOCHI 


96 Battaglie nello spazio 

Salta a bordo di una navicella 
e affronta le missioni come 
un vero pilota galattico 


4 Win Magazine 

























DOMINIO | MAIL | HOSTING | SERVER 


1&1 SERVER 

VIRTUALE CLOUD 



( 800 977313 

(numero verde) 


TELEFONATA 


CERTEZZA 

PROTEZIONE 


LA DURATA DEL 
TUO CONTRATTO 


E PARLERAI CON 
UN ESPERTO 


1&1 elimina l'effetto "noisy neighbor": il nuovo 1&1 Server Virtuale Cloud è tuo al 100%! 
Sfrutta la tecnologia cloud più recente! Ideale per chi vuole sperimentare, per esempio 
con un web server o un server e-mail, ma anche per progetti complessi come applicazioni 
che utilizzano database. 


■ Risorse dedicate grazie 

alla virtualizzazione VMware 

■ Accesso completo di root 

■ Drive SSD 

■ Traffico illimitato 

■ Massime prestazioni 


■ Massima sicurezza 

■ Migliore rapporto qualità/prezzo 

■ Assistenza Clienti 24/7 

■ Scelta tra Linux/Windows 

■ Plesk ONYX 


A partire da m h M 

4 / 


€/mese 
IVA esci. 


NOVITÀ / T 


Trusted Performance. 
Intel® Xeon® processors. 


XEON 


inside 


* 1&1 Server Virtuale Cloud S a soli 4,99 €/mese IVA esci. (6,09 €/mese IVA incl.). Nessun costo di attivazione con durata di contratto di 12 mesi. Windows® e il logo Windows® 
sono marchi registrati di Microsoft® Corporation negli Stati Uniti e in altri Paesi. Maggiori informazioni sui termini e condizioni sono consultabili sul sito 1and1.it. 

1&1 Internet SE, Elgendorfer Str. 57, 56410 Montabaur, Germania. 


1and1.it 









































Aggiornamenti, indiscrezioni e curiosità dal mondo hi-tech 




Google e Facebook: 
basta notizie false 


Il social network e il motore di ricerca dichiarano guerra ai"bufalari"di professione 
per rendere il Web un ambiente digitale più pulito e affidabile 

a cura di Alessandro Longo 



L e grandi piattaforme digitali stanno com¬ 
battendo una guerra alle notizie false ("fake 
news"), ma anche ai commenti razzisti e discri¬ 
minatori; al tempo stesso i loro interventi sono 
giudicati insufficienti dalle istituzioni (in Europa 
soprattutto) e da esperti. Il risultato è che nei 
prossimi mesi vedremo salire la tensione per 
rendere questi ambienti digitali più "puliti", 
più affidabili, dato che ormai sono una fonte 
importante di informazione (soprattutto per 
le nuove generazioni). Ma sono anche, sempre 
più, un luogo dove si genera consenso politico: 
secondo alcuni osservatori, infatti, alcune storie 
false diffuse sui social hanno avuto un ruolo (non 
si sa quanto grande) per determinare l'elezione 


diTrump negli USA o la Brexit nel Regno Unito. 
L'ultima notizia, di inizio febbraio, viene da Face¬ 
book: modificherà l'algoritmo alla base della 
gerarchia di notizie che appaiono nella nostra 
bacheca, in modo da sfavorire quelle fasulle. 

Soluzioni contro i fake 

Due gli interventi previsti: "ilprimo consiste 
nell'incorporare nuovi marcatori che iden¬ 
tificheranno meglio i contenuti autentici e 
il secondo in un modo nuovo di prevedere e 
classificare in tempo reale se certi post pos¬ 
sono essere rilevanti per un utente ", scrive 
Facebook in una nota. L'intelligenza artificiale di 
Facebookevolveràperdistinguere in autonomia 
i contenuti fasulli e quindi render¬ 
li meno visibili e al tempo stesso 
marchiarli come sospetti. A fi¬ 
ne gennaio, invece, Google ha 
intrapreso una manovra per 
togliere la propria pubblicità 
AdSense su 200 siti caratte¬ 


rizzati da notizie bufala (c'è anche l'italiano Byo- 
blu). Senza pubblicità, infatti, si toglie l'ossigeno 
a questi siti. A spingere i big del Web sono anche 
le pressioni delle istituzioni. Lo scorso febbraio 
il commissario europeo Andrus Ansip li ha am¬ 
moniti: "L'autoregolamentazione regge fin 
tanto che vengono prese azioni correttive, 
in caso contrario serviranno provvedimen¬ 
ti". Quali? Per esempio, secondo una nuova 
proposta di legge in Germania, le piattaforme 
on-line rischiano una multa da 500mila euro se 
non intervengono entro 24 ore a fronte di una 
segnalazione di notizia fasulla o discriminatoria. 
A questo proposito, negli USA 80 associazioni 
per i diritti civili hanno scritto una lettera di 
protesta a Facebook accusandola di non fare 
abbastanza contro il razzismo. Google a sua 
volta è dovuto intervenire sul proprio motore 
di ricerca pertogliere da i primi risultati un sito 
che negava l'esistenza dei campi di concen¬ 
tramento nazisti.ln Italia si sono alzate diverse 
voci istituzionali (l'Antitrust, la presidente della 
Camera Laura Boldrini) che hanno chiesto una 
migliore regolamentazione del fenomeno fake 
news e cyberbullismo. La battaglia è appena 
cominciata e c'è anche chi (come Walter 
Quattrociocchi dell'IMT Alti Studi di 
Lucca) ritiene le soluzioni prospettate 
- iper regolamentazione e algoritmi 
a monte - più pericolosi delle 
stesse fake news. Rischia¬ 
no infatti di favorire so¬ 
lo lo sviluppo di censure 
e la deresponsabiliz¬ 
zazione degli utenti, 
sulla cui maturazio¬ 
ne di un senso critico 
bisognerebbe invece 
scommettere, per mi¬ 
gliorare il nuovo ecosiste¬ 
ma dell'informazione 
digitale. 










News 


Il browser protegge i nostri dati 


L e nuove versioni di Chrome e Firefox, da fine gen¬ 
naio, ci avvisano se stiamo per inserire dati sensi¬ 
bili su connessioni non sicure, ossia quelle basate su 
protocollo HTTP (ricordiamo, invece, che il protocollo 
HTTPS è protetto da crittografia). Mozilla Firefox nella 
versione 51 fa tutto questo mostrando l'icona di un 
lucchetto in grigio con un segno rosso su tutti i siti 
che ancora utilizzano il semplice HTTP che chiedono 
login e password agli utenti. Google Chrome nella 
versione 56 mostra invece avvisi anche per i siti HTTP 
che chiedono i dettagli delle carte di credito. 

■ Le nuove versioni di Firefox e Chrome ci daranno una mano 
ad indentificare facilmente i siti che potrebbero mettere 
a rischio i nostri dati personali. 



La telenovela 
del roaming 



L e istituzioni europee hanno 
chiuso l'accordo, definitivamen¬ 
te, a febbraio: dal 15 giugno 2017 
usare il cellulare all'estero (roam¬ 
ing), all'interno dell'Unione euro¬ 
pea, ci costerà come in Italia. Si ap¬ 
plica la stessa tariffa che abbiamo 
attivato. Una rivoluzione, quindi, 
ma gravata da alcune incognite. La 
prima: le regole prevedono che in 
ogni Paese le autorità di settore (da 
noi l'Agcom, www.agcom.it) stabi¬ 
liscano una soglia di traffico massi¬ 
mo che l'utente può fare all'estero 
allo stesso prezzo dell'Italia. Se ec¬ 
cediamo con telefonate e Internet, 
insomma, rischiamo di pagare un 
extra. Altra incognita è se gli ope¬ 
ratori alzeranno di conseguenza 
i prezzi per il traffico in Italia, per 
compensare le perdite sul roaming. 


L'allarme è stato lanciato dal M5S, 
per voce dell'eurodeputato grillino 
David Borrelli, il quale teme "una 
stangata peri cittadini che già in 
questi mesi hanno subito rialzi 
ingiustificati 
delle tariffe 
da parte | 
delle com¬ 
pagnie tele¬ 
foniche, co¬ 
me più volte 
denunciato 
dall'Agcom". 


Studenti digitali: 
parte il piano 
ministeriale 


O ttanta milioni di euro per fare i cittadini digitali. È quanto 
stanziato dal MIUR (Ministero dell'Istruzione dell'Università 
e della Ricerca, www.istruzione.it), attingendo alle risorse del 
Programma Operativo Nazionale Scuola. L'obiettivo è formare 
le studentesse e gli studenti ad un uso consapevole della Rete 
e attivare percorsi per valorizzare la creatività digitale. L'azione 
è mirata, fra l'altro, al sostegno di percorsi per lo sviluppo del 
pensiero logico e computazionale. Lo stanziamento è il primo 
tassello di un piano in 10 mosse, presentato dalla ministra Valeria 
Fedeli, e finanziato con 830 milioni del PON Scuola. 



Win Magazine 7 













































News 


Il drone da gara indistruttibile 


N el settore delle competizioni 
tra mini racers scontri e schianti 
al suolo rientrano nella normalità, 
con sessioni agguerrite e avvincen¬ 
ti fino all'ultima curva. Quando ci si 
"scazzotta" per la prima posizione 
molte volte i piccoli droni ne esco¬ 
no con le ossa rotte: telaio, eliche e 
componenti sono soggetti a rotture 
e cedimenti che ne compromettono 
il proseguo della gara. A quanto pare 
da quest'anno non sarà più così per¬ 
ché Aerodyne ha progettato un mini 
drone "corazziere" estremamente 
resistente agli urti e all'acqua (classi¬ 
ficato a livello IP54) oltre che a essere 
una vera e propria scheggia impazzita 
(160 km/h come velocità massima). Il 
suo nome è Nimbus 195, già presen¬ 
tato lo scorso dicembre sulla piat¬ 


taforma internazionale Indiegogo 
(www.indiegogo.com) e pronto a fare 
il suo ingresso sul mercato a partire da 
febbraio/marzo 2017. In sostanza que¬ 
sto piccolo drone è completamente 
rivestito da un telaio in carbonio che 
varia dai 3 ai 4 millimetri di spesso¬ 
re. Questa variazione di grossezza è 
distribuita in base alle zone di mag¬ 
gior stress della struttura, in modo 
da proteggerle al meglio durante gli 
impatti. Nel video promozionale che 
gira in rete è possibile vedere di cosa 
è capace questo modello: entra ed 
esce in volo tra cumuli di neve soffice 
senza alcun problema e si schianta a 
tutta velocità contro un muro senza 
riportare conseguenze. Addirittu¬ 
ra resiste al peso di un fuoristrada 
che gli passa sopra! Il Nimbus 195 



sarà disponibile in una versione RTF 
(pronto al volo) che comprende ra¬ 
diocomando e fotocamera 
inclinabile a un costo di 


750 dollari. Volendo 
è possibile acquistare 
il solo drone (senza 
radiocomando) a 
490 dollari e sarà di¬ 
sponibile ancheil solo 
rivestimento in carbonio 
al prezzo di 160 dollari. 


RUBATI GLI 
ACCOUNT DI 
XBOXEPSP 

Finiscono on-line 2,5 
milioni di account rubati 
a utenti Xboxe Psp. Gli 
account sono completi 
di e-mail, password e 
indirizzi IP. Sono stati ru¬ 
bati a settembre 2015 ma 
adesso vengono diffusi 
su Internet, su due forum 
dedicati, fra l'altro, allo 
scambio di ISO per Xbox 
360 e PSP. 



Stampanti 
a rischio hacker 

U n gruppo di ricercatori universitari ha pubblicato uno 
studio (il PDF del documento completo lo scarichi 
da Win Extra) che rivela la presenza di gravi bug in 20 
modelli di stampanti popolari, di tutte le marche, attra¬ 
verso cui un pirata può rubare via Internet i documenti 
stampati dagli utenti. Per la precisione i documenti sono 
sottratti direttamente dalla memoria delle stampanti. Un 
rischio privacy molto grave, che i produttori sottovalu¬ 
tano, notano i ricercatori, dato che è noto già da alcuni 
anni alla community degli esperti. 


IL VIDE0GI0C0 DEL MESE 


RESIDENT E 


biohazard 


L I ultima versione di Resident Evil, casa della famiglia Baker); dall'altra 
i per le nuove console e per PC, compie un grande cambiamento: 
porta aria nuova su un genere che da la prospettiva diventa in prima per- 




tempo si mostrava poco innovativo. 
Il settimo episodio di questa storica 
serie di survival horror (il primo è di 
vent'anni fa) da una parte conserva 
i suoi elementi classici (la trama è in 


sona. Così l'esperienza è ancora più 
claustrofobica e terrificante. In più si 
presta bene alla possibilità, opziona¬ 
le, di giocare in realtà virtuale- con il 
Playstation VR. Per essere davvero 


continuità con Resident Evil 6, nella sicuri di spaventarsi a morte. 


Win Magazine 










News 


MONDO SMARTPHONE 


Boom di truffe 
su cellulare 

L e associazioni dei consumatori, Adiconsum in testa 
(http://adiconsum.it), riportano un nuovo boom 
delle truffe su cellulare di tipo servizi premium non 
richiesti. E l'autorità di settore, Agcom, comincia a 
lavorare a una soluzione per rimuovere il problema 
alla radice. La truffa è nota: navighiamo su Internet 
e veniamo abbonati, inconsapevolmente, a servizi a 
valore aggiunto da 5 euro a settimana (giochi, emoti- 
con...). A volte basta un tap involontario su una pub¬ 
blicità che appare sul browser; altre volte il fornitore 
del servizio riesce ad abbonarci anche senza il nostro 
clic (che riesce a replicare in automatico sfruttando 
vulnerabilità informatiche del sistema). L'utente spesso 
se ne accorge solo dopo aver visto ridursi i soldi sulla 
ricaricabile o dopo aver trovato strani costi in bolletta. 
A quanto riporta Adiconsum, spesso l'utente deve 
battersi a lungo per ottenere il 
rimborso dall'operatore. Ec¬ 
co perché Agcom ha ripreso 
in mano questo dossier e 
sta valutando - in queste 
settimane - di 
imporre agli 
operatori una 
nuova misura 
di protezione 
degli utenti, per 
rendere meno 
immediato e più 
sicuro il sistema di 
addebiti di servizi a 
valore aggiunto. 



Primi dettagli del Galaxy S8 


I l nuovo cellulare di punta Samsung, l'S8, 
arriverà a fine marzo e sarà in dueversio- 
ni, da 5,8 e 6,2 pollici. È quanto riportano 
indiscrezioni pubblicate dalla nota testata 
inglese Guardian. Processore potenziato 
dell'11 per cento nelle prestazioni, valore 
che crescerebbe del 23 per cento per la 
GPU, mentre i consumi scenderebbero del 
20 per cento. Batterie da 3.250 e 3.750 mAh 
rispettivamente per il più piccolo e il più 
grande. Si tratta di dati non ufficiali. Sarà 
presentato invece a fine febbraio il nuovo 
tablet Tab S3, di cui anche qui ci sono solo 
indiscrezioni: 4 GB di RAM e un display con 
il formato ormai standard di 9,7 pollici. 


Samsung ha poca memoria 


D a febbraio è possibile aderire alla 
class action avviata da Altrocon- 
sumo (www.altroconsumo.it) per una 
richiesta di rimborso fino a 304 euro sui 
prodotti Samsung. Motivo: da agosto 
2009 a dicembre 2014 Samsung avrebbe 
fornito informazioni imprecise sulla re¬ 
ale capacità della memoria di numerosi 
smartphone e tablet, dalla serie S mini 
e non (in totale 16 modelli di apparecchi 
mobile) fino ai Tab 3-4-5 ed S (in questo 


caso 7 modelli di tablet) arrivando nei 
peggiori dei casi a offrire fino al 40 per 
cento in meno di memoria disponibile 
(secondo test di laboratorio) rispetto a 
quanto nominalmente dichiarato. Nel 
2014 l'Autorità Garante della Concorrenza 
e del Mercato aveva sanzionato l'azien¬ 
da coreana per un milione di euro. Per 
partecipare alla class action è sufficiente 
collegarsi al sito www.winmagazine.it/ 
link/3778 e seguire le istruzioni a video. 



Memorie bugiarde: ammessa la class action contro 
Samsung 



■Sii 


i* cliM aet»o« contro Samtung. Chi ♦ in potootto lo lo è 
•tato) d< uno «martphorw o Uolot Somtung può r>chiodor« un 
riMrcwnonto P* r *4* »vtr potuto usufruir* dolio rromoni 


Enel e Tim: sempre più fibra 


E nel (www.enel.it) e Tim (www.tim.it) sono testa a 
testa nel coprire città con tecnologia fibra ottica 
nelle case, fino a 1 Gigabit. Secondo gli ultimi dati 
riportati, Enel copre oggi 1,2 milioni di case, di cui 
900 mila a Milano e il resto a Torino e Bologna; ha 
annunciato che si espanderà a breve nell'hinter- 
land di Milano, Torino e Bologna, e nel segmento 
residenziale di Genova, per poi passare - nell'imme¬ 


diato-a Parma, Modena, Imola,Trento, Bolzano, 
Brescia, Trieste, Gorizia e Verona. Com'è noto, 
la rete Enel è usata da offerte Vodafone (fino a 
1 Gigabit), Wind, Tiscali e Go Internet. Tim ha 
avviato il cablaggio di 89 città e copre ad oggi 
1,2 milioni di case (lo stesso numero di Enel), 
con questa tecnologia. Tim lavora anche con 
Fastweb, in joint venture, su 29 città. 



Win Magazine 9 

















Mailbox 


Inviaci le tue domande: faremo di tutto per aiutarti! 
Scopri gli indirizzi e-mail della redazione a pag. 13 


m*' L'ESPERTO DI SISTEMA 
•» RISPONDE... 


PASSWORD 
DI SISTEMA 
DIMENTICATE? , 
RECUPERALE COSI! 

Ho acquistato uno stock di com¬ 
ponenti elettroniche ad un'asta 
fallimentare dove, assieme ad 
alcuni strumenti da lavoro, era¬ 
no presenti alcuni computer fun¬ 
zionanti equipaggiati con Win¬ 
dows. Alcuni hanno Windows 
XP, altri invece hanno Windows 
7 e presumo varie altre release. 
Incuriosito ho provato ad accen¬ 
dere alcuni di questi sistemi 
ma la schermata di inserimen¬ 
to password mi ha impedito di 
appagare questa curiosità. Visto 
che sono diventati di mio posses¬ 
so e quindi posso farne quello 
che voglio, sarei curioso prima 


di formattarli di vedere quali file 
o documenti essi contengono. 
Cosa posso usare per appagare 


la mia curiosità senza per questo 
rovinare il sistema operativo e 
quindi perdere tutto? 

Vittorio 

In questo caso una premessa è 
d'obbligo: le operazioni che an¬ 
dremo ad eseguire su questo com¬ 
puter sono particolari (parliamo di 


cracking). Se non si dispone dei di¬ 
ritti di utilizzo del sistema (non do¬ 
vrebbe essere questo il tuo caso), 
si incorre in un reato. Nel caso in 
cui comunque la curiosità di sco¬ 
prire il contenuto del computer 
sia superiore a qualsiasi rischio, 
possiamo procedere con le ope¬ 
razioni di recupero password. Non 
potendo accedere al sistema ope¬ 
rativo, ci affideremo ad un tool che 
permette di scovare le password 
di sistema tramite un LiveCD (ov¬ 
vero un mini sistema operativo che 
faccia eseguire il programma). La 
scelta sul tool da utilizzare è rica¬ 
duta su Ophcrack. Il programma 
può essere scaricato dal Win CD/ 
DVD-Rom in formato ISO (maste- 
rizzabile tramite qualsiasi soft¬ 
ware, anche gratuito, come CDBur- 
nerXP, Easy Burner o BurnAware 
Free). Dopo aver creato il CD con¬ 
figuriamo il BIOS del computer in 
modo che permetta l'avvio da que¬ 
sta unità. Inseriamo il disco nel let¬ 
tore e attendiamo che compaia la 



■ Non riusciamo più ad accedere al nostro account Windows? In questi casi 
a darci una mano ci pensa... Linux! 


WINDOWS 10 SI RIAWIA CON ERRORI 


Ho un problema con l'avvio del nuovo siste¬ 
ma operativo Microsoft. In poche parole, 
quando usavo Windows 7 la procedura 
d'avvio del computer era velocissima; con 
Windows 10 impiega anche oltre 5 minu¬ 
ti. Alla prima accensione appare la solita 
schermata del BIOS e dopo circa due minu¬ 
ti viene visualizzato per pochi attimi un 
messaggio d'errore che mi informa su un 
problema riscontrato dal sistema che per¬ 
tanto deve essere riavviato per effettuare 
la raccolta delle informazioni sull'errore, 
con successivo riavvio del computer. A quel 
punto il computer si riavvia, viene nuova¬ 
mente visualizzata la schermata del BIOS 
per circa un paio di minuti e finalmente vie¬ 
ne caricato Windows. Da cosa può dipen¬ 
dere questo strano malfunzionamento? 

Moreno 

Il problema sembra coincidere, in molti casi 
riportati anche da altri utenti sul Web, con ag¬ 
giornamenti a nuove versioni di Windows (an¬ 
che dal 7 all'8). Dagli indizi che dà il lettore, 
sembrerebbe che la causa, come anche in al¬ 
tri casi simili, sia un problema di compatibilità 
tra la scheda madre e il nuovo sistema opera¬ 
tivo. Non sappiamo che marca di computer 


abbia il nostro amico Moreno, ma è piuttosto 
semplice ormai aggiornare i driver della mo- 
therboard: basta utilizzare lo strumento di ag¬ 
giornamento automatico Windows Update. 
Dalla barra di ricerca del menu Start digitiamo 
proprio Windows Update e premiamo In¬ 
vio. Quindi in Aggiornamenti consigliati 
selezioniamo, se presente, l'aggiornamento 
dei driver della scheda madre. In alternativa, 
possiamo avviare uno strumento di controllo 
aggiornamenti che probabilmente il produt¬ 
tore ha fornito insieme al computer. In ultima 


istanza, possiamo andare sul sito del produt¬ 
tore hardware e cercare i driver disponibili per 
il nostro modello di computer e per Windows 

10 (la scheda madre andrà forse sotto il nome 
di Intel Chipset). Come ultimo tentativo, pos¬ 
siamo provare ad accedere al menu Impo- 
stazioni/Aggiornamento e sicurezza e clic¬ 
care su Per iniziare nella sezione Reimposta 

11 PC. Quindi scegliamo l'opzione Mantieni i 
miei file: premendo Invio il sistema provve¬ 
dere a reinstallare Windows 10 cancellando 
solo leapp installate. 



■ Sfruttando la funzione di ripristino di Windows 10 possiamo provare a correggere gii errori del sistema 
operativo senza formattare. 


10 Win Magazine 


Per facilitare la lettura degli indirizzi Internet riportati nel testo, abbiamo utilizzato la notazione T-URL: basta riportare 
nel browser l'indirizzo indicato nella forma www.winmagazine.it/link/numero per essere reindirizzati sul sito originale. 































schermata in cui scegliere la mo¬ 
dalità di avvio. Selezioniamo la 
seconda voce Ophcrack LiveCD 
Graphics mode (VESA mode). 
Nel caso in cui non dovesse fun¬ 
zionare, optiamo per la prima voce 
Ophcrack LiveCD Graphics mode 
(auto mode). Attendiamo qual¬ 
che istante (i tempi di attesa dipen¬ 
dono dalle caratteristiche tecni¬ 
che del computer) che carichi re¬ 
golarmente il sistema operativo 
(SLAX6, una piccola distribuzione 
Linux). Il Live CD eseguirà tutte le 
operazioni necessarie in automa¬ 
tico, lasciando all'utente il compito 
di segnare su di un foglio di carta le 
password svelate. La velocità con 
cui verranno svelate le password 
di sistema, dipende dalla comples¬ 
sità delle parole scelte. In ogni caso 
Ophcrack ha una percentuale di ri¬ 
uscita di circa il 99%. 


OPHCRACK UVE CD 

trovi sul DWIN EXTRA ✓CD ✓DVD 


NASCONDERE 
I PROPRI FILE E 
CARTELLE IN UN 
PC CONDIVISO 

Sto eseguendo il dottorato di 
ricerca presso l'università e, a 
causa di tagli al budget, devo 
lavorare su di un computer con¬ 
diviso con altri miei colleghi. 
Non avrei nulla da obiettare se 
non fosse che ho la necessità di 
tenere nascosti alcuni documen¬ 
ti o mie osservazioni, prima che 
queste possano essere mostrate. 
Ho anche la necessità di tenere 
nascosti dei file personali che 
nulla hanno a che vedere con 
la ricerca in questione, ma che 
per motivi pratici mi è utile che 


rimangano vicino a me a porta¬ 
ta di mano? Quale soluzione mi 
suggerite di adottare per ren¬ 
dere sicuri i miei documenti, in 
modo che non possano essere 
visionati da occhi indiscreti? 

Andrea 

Androsa FileProtector è un pro¬ 
gramma molto semplice da uti¬ 
lizzare che ti permetterà di crip- 
tare un singolo file o un gruppo 
di file all'interno di una cartella. 
Esegui il programma (per la ver¬ 
sione portable è sufficiente ese¬ 
guire il file afp.exe ) e si aprirà la 
schermata principale. Sotto la 
barra dei menu, la prima voce a 
sinistra Add file(s) (l'icona con un 
più verde e due fogli sovrappo¬ 
sti) ci permetterà di selezionare il 
file da criptare. Selezionato il file 
(o i file) in questione, clicca sulla 


voce Protect / Restore, Create 
SDX (l'icona con il lucchetto). Si 
aprirà un ulteriore piccolo menu: 
seleziona Protect/Restore" e in¬ 
serisci la password di protezione. 
Potrai utilizzare svariati algoritmi 
di protezione (quello di default Ri- 
jndael (AES) 256 bits è conside¬ 
rato sicuro perfino dall'NSA sta¬ 
tunitense) e ci verrà mostrata a 
video la "robustezza" della pass¬ 
word utilizzata. Una volta che vor¬ 
rai decriptare i contenuti, ripete¬ 
rai i passaggi precedenti: clicca 
Add file(s) (carica il file criptato 
con estensione AFP) e poi Pro¬ 
tect/Restore, ma in questo caso 
il programma ti mostrerà l'inter¬ 
faccia dove inserire la password 
per decriptare il file. 

ANDROSA FILEPROTECTOR 

Lo trovi sul CIWIN EXTRA ✓CD ✓DVD 



IL TECNICO 

HARDWARE RISPONDE 








Tj O Onv*< Updat# utility 


dì 


m 




Intel Driver Update è una utility che può tornarci utile per trovare on-line i driver 
di vecchie periferiche hardware. 


AGGIORNA I DRIVER 
DELLE VECCHIE 
PERIFERICHE 

Non riesco a trovare i driver 
audio per la mia scheda madre 
Foxconn 945G7MA di un mio 
vecchio PC che uso a casa. Ho 
provato sul sito della Foxconn, 
ma ho trovato solo i driver per 
Windows XP. lo ho installato 
Windows 10 Pro 32 bit: tutto mi 
funziona benissimo tranne che 
per la scheda audio. Mi potete 
aiutare? 

Raffaele 

Uno dei problemi quando si passa 
ad una versione aggiornata del si¬ 
stema operativo (soprattutto nel 
caso da Windows XP a Windows 
10) è quella di non trovare i driver 
adatti alla nuova versione instal¬ 
lata. Alcuni produttori seguono i 
propri dispositivi nel tempo, al¬ 
tri invece abbandonano al loro 
destino le proprie "creature" (in 
ogni caso parliamo di una scheda 
madre che ha almeno 10 anni). 
Rispetto al passato le cose sono 


cambiate, anche se alcune criti¬ 
cità rimangono invariate. Nel tuo 
caso il sito ufficiale propone dei 
driver aggiornati al 2005, quindi 
molto lontani nel tempo, rispetto 
almeno ad una versione compa¬ 
tibile con il nuovo sistema ope¬ 
rativo. Dopo una lunga ricerca 
siamo riusciti a trovare dei driver 
che potrebbero andare bene al 
tuo caso: stiamo parlando di Win¬ 
dows Vista (ma potrebbero an¬ 
che essere ritenuti "digeribili" da 
Windows 10), scaricabili a questo 
indirizzo: www.winmagazine.it/ 
link/3650. Puoi optare per gli ul¬ 
timi due collegamenti in basso, 
On-Board Audio Drivers e Sy¬ 
stem & Chipset Drivers. Nel caso 
in cui questi non dovessero an¬ 
dare, puoi sfruttare la funzionalità 
Compatibilità attivabile diccando 
col tasto destro del mouse sul file 
di installazione, scegliendo poi 
Proprietà/Compatibilità e sele¬ 
zionando Windows XP o Windows 
Vista (bada bene che è probabile 
che questo non possa funzionare 
a causa della natura dei file che 


andrai ad installare). Se dopo que¬ 
sto non dovesse ancora funzio¬ 
nare, potresti provare ad installare 
sul tuo computer il detector di In¬ 
tel che permette di cercare i driver 
mancanti o compatibili (IntelDri¬ 
ver Update, scaricabile da www. 
winmagazine.it/link/3651). Natu¬ 
ralmente, prima di effettuare ogni 
sorta di operazione, disinstalla i 
driver precedentemente instal¬ 
lati e utilizza un programma come 
CCleaner per pulire ogni traccia di 
attività precedente. Un'ultima ri¬ 
sorsa potrebbe essere quella di 
lasciar fare a Windows 10 tramite 
l'aggiornamento software driver 
interno al sistema. Vai su Cerca, 


scrivi Gestione Dispositivi e sele¬ 
ziona il link proposto. Si aprirà la 
schermata con una visione ad al¬ 
bero/radice dei componenti har¬ 
dware del sistema e apri il corri¬ 
spondente Controller Audio, Vi¬ 
deo e Giochi. Qui premi il tasto 
destro sulla voce mancante e sele¬ 
ziona Aggiornamento Software 
Driver e poi Cerca Automatica- 
mente un driver installato. Con 
un po' di fortuna potrebbe suc¬ 
cedere che il problema venga ri¬ 
solto in automatico. Se ti neces¬ 
sita una scheda audio, allora puoi 
acquistare una scheda audio USB 
esterna, facile da reperire on-line, 
dal costo di pochi euro. 


Win Magazine 11 

























v IL PILOTA 
(§ftg) DI PRONI RISPONDE... 



COSTRUISCI 
IL TUO DRONE 

Ho trovato diversi tutorial 
in rete sull'autocostruzione 
dei droni nei quali è citata la 
piattaforma Arduino. Ma cos'è 
nello specifico? 

Matteo 

In questo caso dobbiamo trala¬ 
sciare per un attimo il mondo 
dei droni consumer e adden¬ 
trarci in quello dell'autocostru- 
zione, un settore molto speci¬ 
fico e dedicato ai veri esperti. Ar¬ 
duino non è altro che una piat¬ 
taforma open source basata su 
hardware e software flessibili, 
semplici da utilizzare, per cre¬ 
are circuiti destinati non solo al 


mondo dei droni, ma anche a 
svariate applicazioni nell'ambito 
di robotica e automazione. Na¬ 
sce nel 2005 a Ivrea da un'idea 
di Massimo Banzi, ingegnere 
elettronico e professore uni¬ 
versitario, che decise di realiz¬ 
zare una piattaforma per i propri 
studenti, così da facilitarli nello 
studio dell'interaction design. Il 
grande successo di questa piat¬ 
taforma spinse l'ingegnere a ren¬ 
derla open source, e oggi sul sito 
ufficiale www.arduino.cc è possi¬ 
bile trovare circuiti, componenti 
e tutte le istruzioni per il self 
made. Essendo open, Arduino è 
visionabile da tutti e i sistemi cir¬ 
cuitali possono essere continua- 
mente migliorati dalla comunità; 


inoltre, sono state sviluppate un 
grande numero di librerie soft¬ 
ware che rendono semplice 
l'interfaccia con periferiche di 
qualsiasi tipo. I progetti basati 
su Arduino possono essere in¬ 
dipendenti o interfacciati con 
altri software come Processing, 


MaxMSP e Flash, mentre il de¬ 
sign (EAGLE) e la schematica 
(CAD) sono liberi, scaricabili e 
possono essere modificati a pia¬ 
cimento. Oggi il team Arduino è 
composto da Massimo Banzi, Da¬ 
vid Cuartielles, Tom Igoe, Gian¬ 
luca Martino e David Mellis. 


LE SOLUZIONI Al PROBLEMI HARDWARE E SOFTWARE 


In questa nuova sezione analizzeremo i problemi tecnici, i malfunzionamenti e le incompatibilità delle periferiche e 
dei programmi installati nel nostro computer, pubblicando anche le soluzioni ufficiali proposte dagli stessi produttori. 


IL PC HA PRESO LA SCOSSA 

Ogni volta che collego il mio notebook 
alla presa elettrica a muro noto uno stra¬ 
no scintillio sui contatti elettrici. È normale 
questo comportamento o devo preoccu¬ 
parmi e affrettarmi a portare il computer 
in assistenza? 

Livio 

Un leggero scintillio sui contatti del cavo 
di alimentazione del computer potrebbe 
essere dovuto anche alle correnti statiche 
che si accumulano sui componenti elettrici 
interni e che si scaricano appena il cavo di 
alimentazione tocca la presa a muro o co¬ 
munque qualche altra superficie condut¬ 
trice di corrente. Se però le scintille che noti 
sono ben evidenti e, in alcuni casi, anche ru¬ 
morose, allora potrebbe trattarsi di un pro¬ 
blema nell'alimentatore o nel cavo di ali¬ 
mentazione del notebook. Se possiedi un 
modello prodotto da HP o Compaq, sappi 
che l'azienda ha avviato un programma di 
richiamo proprio su alcuni cavi di alimen¬ 
tazione CA difettosi che potrebbero cau¬ 
sare non pochi danni sia alle persone sia al 


computer stesso con seri rischi di incendio 
e ustioni. In particolare, il programma vo¬ 
lontario di richiamo e sostituzione a livello 
mondiale riguarda i cavi distribuiti in tutto 
il mondo con i PC notebook e mini note¬ 
book HP e Compaq, nonché con gli adatta¬ 
tori CA forniti di accessori come le docking 
station, venduti da settembre 2010 a giugno 
2012. Potresti quindi avere diritto a ricevere 
gratuitamente un cavo di alimentazione 


CA sostitutivo qualora quello fornito in do¬ 
tazione col tuo notebook fosse effettiva¬ 
mente verificato come difettoso. In partico¬ 
lare, i cavi difettosi sono quelli identificati 
dal marchio LS-15 stampato sull'estremità 
dell'adattatore. Bisogna comunque tener 
presente che non tutti i notebook e mini 
notebook HP e Compaq sono stati venduti 
con un cavo difettoso: per verificarlo occorre 
rivolgersi all'assistenza ufficiale. 



12 Win Magazine 
















IL WEBMASTER 

RISPONDE... 


C'È POSTA... MA PER CHI? 

Per ottenere una risposta precisa in tempi brevi invia 
le tue richieste di assistenza in modo mirato indicando 
sempre il nome della rivista e il mese di uscita. 


1) ASSISTENZA TECNICA 

Problemi con il computer e Internet? Difficoltà a mettere in pratica 
un articolo? Vuoi qualche chiarimento su come funziona questo o 
quel software presente sul CD/DVD-Rom? 

Scrivi a winmaq(5)edmaster.it 

2) ABBONAMENTI 

Vuoi sapere come ci si abbona a Win Magazine? Sei già abbonato, 
ma non hai ancora ricevuto qualcuna delle copie che ti spettano? 
Scrivi a abbonamenti(5)edmaster.it 

3) CD/DVD-ROM 

I supporti allegati alle versioni Base, Plus, DVD e Gold non funzio¬ 
nano e vuoi sapere quali sono le modalità per richiedere la sosti¬ 
tuzione? 

Scrivi a servizioclienti(g>edmaster.it 

4) LE TUE IDEE 

Hai suggerimenti per un articolo cheti piacerebbe vedere pubblica¬ 
to sulla rivista? Vorresti collaborare con la redazione per offrire il tuo 
contributo a Win Magazine? 

Scrivi a winmaqidee(g)edmaster.it 


DECOMPRIMERE 
I FILE DIRETTAMENTE 
ON-LINE 

Scaricando programmi da Inter¬ 
net mi è capitato di incappare in 
file compressi dai formati più 
strani. Oppure di avere a che fare 
con computer dove non avevo la 
possibilità di installare nessun 
programma e quindi non poter 
vedere i I contenuto dei fi le com¬ 
pressi. Quando mi capita di tro¬ 
varmi in queste situazioni, cosa 
posso fare? 

Manlio 



Non abbiamo il PC a portata di 
mano e dobbiamo scompattare un 
archivio compresso? Basta avere una 
connessione Internet e usare il servizio 
WobZip. 


Nel caso in cui tu non disponga 
del programma adatto per 
scompattare un determinato file 
oppure non abbia la possibilità 
di installare alcun programma sul 
computer in uso, puoi utilizzare 
il servizio on-line WobZip. Se 
hai una connessione a Internet, 
inserisci nella barra degli indirizzi 
il link www.wobzip.org e con 
pochi clic potrai scompattare 
qualsiasi tipo di file. Nonostante 
sia in inglese, l'utilizzo del servizio 
è molto semplice: selezioniamo 
il file da decomprimere dal 
nostro computer ( Browse from 
computer) oppure digitiamo 
l'URL Web della risorsa da 
scompattare. Inseriamo in basso 
la password nel caso in cui il 
file sia protetto e premiamo il 
tasto Uncompress. La schermata 


successiva ci mostrerà il link al 
nostro file scompattato ( Share) 
o la possibilità di inviarcelo 
via e-mail (icona della busta 
da lettera). In basso tutti i file 
contenuti nell'archivio (suddivisi 
per cartelle e sottocartelle), a 
destra la possibilità di eliminare il 
file (DeleteUpload), comprimerlo 
in formato ZIP ( Download as a 
zip) o mandarlo al nostro account 
Dropbox ( Send to Dropbox). In 
basso abbiamo una traccia di 
tutti i file che abbiamo trattato: 
potremo in seguito eliminarli o 
scaricarne il contenuto. L'unica 
limitazione è data dalla grandezza 
massima dei file da scompattare 
in quanto non si può superare il 
limite dei 200 megabyte. 

DISATTIVARE 
0 CANCELLARE 
IL PROPRIO ACCOUNT 
FACEBOOK 

Mi chiamo Giulia e sono una non 
più giovaneappassionata di com¬ 
puter ed in modo particolare lo 
ero di Facebook. Mi sono iscritta a 
questo social network dopo sva¬ 
riate insistenze da parte di mio 
nipote. Dopo un anno di appar¬ 
tenenza alla comunità mi sono 
accorta che questa "giungla" non 
fa per me. Inizialmente sembra¬ 
va divertente frugare fra le vite 
degli altri e tenermi in contatto 
con persone che avevo dimen¬ 
ticato o "perso" da tantissimo 
tempo. Echediredella possibilità 
di seguire mio nipote in tutte le 
sue faccende sul social network. 
Il problema è nato perché a lun¬ 
go andare sono stata soggetta 
di disturbatori e in generale per¬ 
sone che cercavano di avere un 
approccio non proprio virtuale. 
Mio nipote non vuole perdere la 
sua nonna preferita su Facebo¬ 
ok e non vuole aiutarmi a chiu¬ 
dere l'account. Scrivo a voi per 
chiedere un aiuto e una guida 
che mi consenta di continuare ad 


appassionarmi al computer ma 
senza la scocciatura di guardoni 
o insetti fastidiosi che disturba¬ 
no le mie giornate al PC. 

Franca 

Se non sei sicura di voler eliminare 
definitivamente il tuo account Fa¬ 
cebook hai due possibilità: Disatti¬ 
vare il tuo account o Cancellare il 
tuo account. Con la disattivazione 
i tuoi dati non saranno più visibili 
(compreso bacheca e tutto quello 
che ti riguarda) e nessuno potrà 
più contattarti. Potrai riattivare il 
tuo account semplicemente reinse¬ 
rendo le tue credenziali di accesso 
(e-mail e password) nella scher¬ 
mata di accesso di Facebook. Se 
invece decidi di cancellarti defini¬ 
tivamente, non potrai più accedere 
a nessuna informazione passata e 


dovrai ricreare un tuo nuovo pro¬ 
filo Facebook. Per disattivare o so¬ 
spendere il tuo account posiziona 
il puntatore del mouse in alto a de¬ 
stra sul simbolo dell'ingranaggio e 
seleziona la voce Impostazioni ac¬ 
count. A sinistra seleziona la voce 
Protezione e premi il link in basso 
Disattiva il tuo account (non ti re¬ 
sta che seguire a video le semplici 
istruzioni). Per cancellare defini¬ 
tivamente il tuo account, inseri¬ 
sci nella barra degli indirizzi il link 
https://www.facebook.com/help/ 
delete_account. Nel caso in cui tu 
voglia mantenere sul tuo PC una 
copia delle tue informazioni in¬ 
serite su Facebook, posizionati in 
alto a destra sul simbolo dell'ingra¬ 
naggio, clicca su Impostazioni ac¬ 
count e premi il link in basso Sca¬ 
rica una copia. 


Elimina II mio account 


$0 Hbétn cft* AOff UU(Z2*nl p4l FiCObOOt 0 Qé\**n <M É à>0 OCCOunt vonfl# *lr*»no»0 <0 f>0 
occuporomo nnoaotamonio Tutolo Mn protoni* cfw ima urt possimi no»<ono in 
logufto r* rtcup+'Mt i continuo o to «riofimooni cno noi incorno 

So 4ov4ki «Acoro erti • tuo »c<««*t «ronfio owniniio. cocco tu f iw*ao I uno occounr 


Dopo aver selezionato la voce "Elimina il mio account" possiamo finalmente 
liberarci per sempre del nostro account Facebook. 


Win Magazine 13 




















C* Una risposta a tutto 


Sistema 


Windows 10 mostra i secondi! 

V Esiste un modo per visualizzare l'orario di sistema 

in modo esteso nella svstem trav? 

V Come posso personalizzare l'orologio nelle precedenti 

versioni del sistema operativo Microsoft? 


SERVE A CHI... 

... vuole che sulla barra delle applicazioni 
di Windows compaia l'orario di sistema 
completo di ore, minuti e secondi 


W indows 10 ha definitivamente con¬ 
quistato i personal computer di tutto 
il mondo. Grazie a una campagna promozio¬ 
nale molto più convincente di quella della 
concorrenza, Microsoft ha infatti conseguito 
in poco tempo il successo tanto agognato 
dopo le tante critiche ricevute dagli utenti 
delusi da Windows 8. Al raggiungimento di 
tale importante risultato hanno sicuramen¬ 
te contribuito in maniera determinante la 
possibilità di poter effettuare, per il primo 
anno dal lancio dell'OS, l'aggiornamento 
gratuito da Windows 7/8 e le numerose 
novità introdotte nella nuova creatura della 
casa di Redmond. 


Occhio all'orario! 

Nonostante le numerose funzionalità che 
caratterizzano Windows 10, molti aspetti 
del sistema operativo sono sostanzialmen¬ 
te rimasti invariati rispetto alle precedenti 
edizioni. Uno di questi è l'orologio di siste¬ 
ma che, grazie alla sincronizzazione con 
appositi server della Rete, risulta sempre 
estremamente preciso ed affidabile. Que¬ 
sto strumento, oltre a visualizzare l'orario, 
che può essere sia in formato 12h sia in 
quello 24h, permette anche di impostare 
automaticamente l'ora solare o l'ora legale. 
Inoltre, cliccando sull'apposito riquadro 
posizionato in basso a destra nella System 
tray è possibile aprire il calendario senza 
mai perdere di vista il desktop. Ciò che 
però manca nell'orario di Windows 10 è 
la possibilità di visualizzare i secondi di¬ 
rettamente nella barra delle applicazioni. 
Come molti di noi avranno già notato, in¬ 
fatti, l'orologio di sistema indica soltanto 


le ore e i minuti. Intervenendo però nel 
registro di configurazione di Windows 10 
possiamo modificare la visualizzazione 
dell'orario perfare in modo che, oltre alle 
ore e ai minuti, compaiano anche i secon¬ 
di, evitando quindi di cliccare su di esso 
per farlo comparire in maniera completa. 
Vediamo subito come fare. 

FREE DESKTOP CLOCK 

Lo trovi sul ►'CD •'DVD 


E SE NON ABBIAMO WINDOWS 10? 

Se sul nostro PC è installato un sistema operativo Micro¬ 
soft diverso da Windows 10, per modificare l'orologio 
dobbiamo ricorrere ad un programma di terze parti, co¬ 
me ad esempio Free Desktop Clock (sezione Sistema del 
Win CD/DVD-Rom) che permette non solo di eseguire la 
procedura illustrata nei passi ma anche di personalizzare 
a piacimento l'aspetto dell'orologio stesso. Il software 
infatti include una serie di temi che è possibile applicare 
con un clic e consente di aggiungere anche il giorno della 
settimana e molto altro. 


Così visualizzi l'orario di sistema nel formato ore, minuti e secondi 





I Per abilitare la visualizzazione dei secondi 
nell'orario di sistema dobbiamo anzitutto 
aprire il registro di configurazione di Windows 
10. Per farlo premiamo la combinazione di tasti 
Windows+R. Nella finestra Esegui che compare 
digitiamo il comando regedite premiamo Invio. 


2 Una volta aperto l'Editor del registro di si¬ 
stema, spostiamoci con il cursore del mou¬ 
se nel pannello di sinistra della finestra e cer¬ 
chiamo, espandendolo con un clic, il percorso 

HKEY_CURRENT_USER/Software/ Microsoft/ 
Windows/CurrentVersion/Explorer/'Advanced. 


3 A questo punto clicchiamo con il tasto de¬ 
stro su Advanced, selezioniamo Nuovo e 
creiamo un Valore DWORD (32bit). Rinominia¬ 
mo la chiave come ShowSecondsinSystemClock 
e, cliccando due volte, assegniamole il valore 
7. Premiamo il pulsante OK e riavviamo il PC. 


14 Win Magazine 

















Mobile 


Una risposta a tutto 


Numeri a portata di tap! 

V È possibile visualizzare sullo smartphone il tastierino 

numerico per velocizzare la digitazione del testo? 

V Come faccio a personalizzare le impostazioni 

di Gboard sul mio telefonino? 


SERVE A CHI... 

.. .vuole avere a disposizione sullo 
schermo un tastierino numerico per 
digitare il testo in modo più comodo 
e soprattutto veloce 


N el 2007 ha fatto la sua comparsa l'iPhone, 
il primo smartphone full touch, destinato 
a divenire il punto di riferimento del mercato 
mobile negli anni a venire, tant'è che diverse 
aziende, come Samsung, Sony o HTC, successi¬ 
vamente hanno iniziato a produrre dei modelli 
con sistemi operativi creati ad hoc per soddi¬ 
sfare le esigenze dei propri utenti. Al giorno 
d'oggi invece la sfida è tra Android ed iOS, che si 
contendono il ruolo di OS mobile più utilizzato. 

La nuova tastiera digitale 

Nel corso degli anni i telefonini hanno avuto 


un'evoluzione tecnologica senza precedenti. 
Una delle più interessanti novità riguarda la 
rimozione del tastierino fisico, sostituito da 
una tastiera QWERTY digitale. Ciò ha permesso 
di dedicare molto più spazio all'area adibita 
allo schermo touch, mantenendo comunque 
dimensioni e peso accettabili. L'introduzione 
di una tastiera digitale ha inoltre risolto gran 
parte dei problemi dovuti al famoso T9, che 
con le tastiere fisiche costituiva uno dei punti 
deboli della digitazione su cellulare. C'è da 
dire anche che la tastiera digitale permette 
di comporre frasi in maniera più fluida e di 
correggere rapidamente gli errori tramite le 
parole suggerite. Parlando nello specifico di 
Android, una delle tastiere che è possibile usare 
è Gboard, sviluppata da Google e disponibile sul 
sitowww.winmagazine.it/link/3771.Unadelle 
pecche di una tastiera digitale è la scomodità 
di dover premere un pulsante apposito per far 
apparire i numeri durante la digitazione mentre 


sarebbe utile avere a disposizione sia nume¬ 
ri che lettere in un'unica schermata. Anche 
Gboard non è esente da questo difetto, però 
è possibile ovviare al problema. Infatti esiste 
una semplicissima procedura che ci permet¬ 
te di visualizzare il tastierino numerico sulla 
Gboard, migliorando ulteriormente la scrittura 
e rendendola più rapida. Per eseguire questa 
modifica andremo ad agire direttamente sulle 
impostazioni di Gboard senza scaricare appli¬ 
cazioni esterne o quant'altro. 

MODIFICHIAMO IL LAYOUT 

Un altro metodo per visualizzare il tastierino numerico 
consiste nel modificare il layout della tastiera Gboard. 

Per farlo, entriamo sempre nelle Impostazioni e sele¬ 
zioniamo la voce Aspetto e layout. Di default dovrebbe 
essere selezionato lo stile Tedesco (QWERTY). Dunque 
modifichiamolo cambiando la lingua in Italiano e sce¬ 
gliendo il layout PC. A questo punto premiamo Salva per 
applicare le modifiche e avremo il tastierino numerico 
nella stessa schermata della tastiera. Purtroppo questa 
procedura è valida solamente per la tastiera Gboard. 


Ecco come attivare il tastierino numerico di Gboard sul nostro telefonino 


G fcca 

qwertyuiop 
a s d f g h j k I 
♦ zxcvbnm<3 

7 123 , © _ Q 

I Per poter configurare correttamente 
Gboard, come prima cosa dobbiamo acce¬ 
dere alle impostazioni di questa tastiera digi¬ 
tale sul nostro smartphone. Per farlo tappiamo 
sull'icona a forma di ingranaggio che troviamo 
immediatamente sopra la tastiera. 


14:43 ■ 0 ^ „ xaMmlTMCS» 

<r Impostazioni tastiera Gboa... : 


Lingue 

Preferenze 

Tema 

Correzione testo 


2 A questo punto, una volta avuto accesso 
al menu delle Impostazioni di Gboard, 
proseguiamo tappando sulla voce Preferen¬ 
ze. In questo modo potremo aprire la sezione 
che consente di personalizzare ogni singolo 
aspetto della tastiera digitale. 


Tosti 


Riga de» numeri 

layout QWERTY QWERT? • A/f w[ i 


Mostra tasto per cambiare emo)i 

QuarcJo viene attuato il Litio per 

1 tosto per combart tmQua 

• 

Tasto input vocale 

• 


3 Non ci rimane quindi altro da fare che 
attivare l'opzione Riga dei numeri pre¬ 
sente nella sezione Tasti. Fatto ciò, potremo 
visualizzare e utilizzare tranquillamente il 
tastierino numerico che troveremo diret¬ 
tamente sopra la tastiera Gboard. 


Win Magazine 15 


















CREARE 

UN SITO WEB 

IN 5 PASSI 

è semplice 

le possibilità 

infinite 


websitex5.com 






WebSite X5 

NUOVA VERSIONE 13 


A casa, in viaggio 
o su un'isola deserta. 



Incomedia WebSite X5 

è il software desktop 
per costruire siti responsive 

quando e dove vuoi. 

Senza conoscere una riga 
di codice. E senza 
alcun abbonamento. 


O INCOMEDIA 



APPROFITTA DEL CODICE SCONTO E RISPARMIA IL 20% 


Vai sul nostro sito, scegli un prodotto dallo store 
e aggiungi il codice al carrello prima di completare l'acquisto. 


EP13WM2 


offerta valida fino al 30/08/2017 








| PCall-in-one | RouterWi-Fi | Range Extender | 



In vetrina 


Si adatta al tuo stile di vita 


Bello, compatto e versatile, offre la soluzione completa 
per il computing quotidiano 


ACERASPIRE Z3-715 

ACER • Tel. 199 509950 • www.acer.it 

L /Acer Aspire Z3-715 è il sostituto 
■ ideale del vecchio e ingombrante 
PC desktop. Grazie al design all-in-one 
occupa pochissimo spazio e al tempo 
stesso mette a disposizione un ampio 
schermo da 23,8 pollici Full HD grazie al 
quale sarà un piacere lavorare, navigare 
su Internet o guardare un film in stream¬ 
ing. Il design, poi, è molto elegante e 
lo rende perfetto per ogni stile di vita. 
Sa sorprenderti per quanto è bello, ma 
anche per le sue funzionalità. Lo scher¬ 
mo è multitouch così puoi sfruttare al 
massimo le potenzialità di Windows 
10 e divertirti come se stessi usando 
un tablet gigante. Nonostante poi sia 
molto compatto, integra anche il vec¬ 
chio e caro masterizzatore DVD, utile 
per recuperare vecchi dati o installare 
qualche programma. 

Un po'a corto di memoria 

Acer ha cercato di mettere in 
questo PC tutto quello che oc¬ 


corre per lavorare, studiare e 
divertirsi ad un budget mol¬ 
to accessibile. Le prestazioni 
sono più che buone grazie al 
processore Core i5 di settima 
generazione e c'è anche una 
scheda video dedicata per 
gestire qualche gioco non 
troppo impegnativo e appli¬ 
cativi di grafica. Andrebbe 
aumentata la RAM, perché 4 
GB sono il minimo sindacale 
e il disco da 1 TB è sì capien¬ 
te, ma sicuramente meno 
performante di un'unità SSD. 
Naturalmente tutto non si 
può avere e il produttore ha 
dovuto comunque accettare 
dei compromessi per non 
far lievitare il prezzo 
finale. 


€1.036e 


1. , 


ti,ii 

e 

41 1 

* t 

0 

9 


-PI 




Processore: I ntel Core Ì5-7400T • Memoria 
RAM: 4GB • Hard Disk: 1.000 GB • Scheda Video: NVIDIA 
GeForce 940M • Schermo: 23,8" Full HD touch • Unità ottica: 
DVD • Sistema operativo: Windows 10 Home • Extra: 1 USB 

2.0,4 USB 3.0, Wi-Fi, Bluetooth, HDMI • Dimensioni: 468,6 
x 592,8 x 36 mm- Peso: 8,2 kg 



Convenienza 8 
Caratteristiche 7 
Innovazione 8 


VOTO 


23 


DRIVER 

AGGIORNATI 

Win-. wk 

W 


Wi-Fi superveloce 

NETGEAR R8500-100PES NIGHTHAWKX8 

NETGEAR • Tel. 02 38591018 • www.netgear.it 


I l Nighthawk X8 è il routerTri- 
Band Wi-Fi più veloce sul mer¬ 
cato. Oltre a raggiungere l'incredi¬ 
bile velocità di 5,3 Gbps, è dotato 
di quattro antenne 
attive capaci di am¬ 
plificare il segnale e 
migliorare la coper- 



Convenienza 5 
Caratteristichel 0 
Innovazione IO 


VOTO 


tura e la stabilità delle connessio¬ 
ni dei dispositivi mobile. Integra 
inoltre due porte USB per la con¬ 
divisione dei file e 6 porte Gigabit 
Ethernet. Il massimo per il gioco 
on-line e lo streaming 4K. 

Standard Wi-Fi: IEEE 802.1 1 ac 
Velocità Wi-Fi: fi no a 
5,3Gbps • Interfacce: 7 

10/100/1000 Mbps, 1 USB 
2.0,1 USB 3.0 -Dimensioni: 
316x264x61 mm 


25 


Wireless ovunque 


TP-LINK RE350 

TP-LINK • www.tp-link.it 




C on questo piccolo Range Extender puoi 
eliminare le zone d'ombra della tua rete 
Wi-Fi e portare il segnale in ogni stanza. Gra¬ 
zie agli indicatori di segnale intelligenti puoi 
trovare facilmente la posizione ottimale per 
l'installazione mentre le due antenne esterne 
assicurano connessioni più forti e stabili. Il 
tutto supportato dallo standard 802.1 lac 
per una velocità massima di 1,2 Gbps. 


Standard Wi-Fi: IEEE 802.1 lac • Velocità Wi-Fi: fino a 1,2 
Gbps • Interfacce: 1 10/100/1000 Mbps -Dimensioni: 126 

x 75x43 mm 



Convenienza 9 
Caratteristiche 8 
Innovazione 8 

VOTO 25/30 


18 Win Magazine 















| Notebook | Multifunzione | Mouse | 


In vetrina 





^ PROCESSORE SUPER POTENTE 
^ DISPLAY DA 15,6" FULL HD 
^ RAM ABBONDANTE ANCHE PERI GIOCHI 


Leggero 
e potente 

Un notebook unico nel design 
che non si fa mancare nulla 


HP PAVILION15-AU116NL MODERI GOLD 


HP • Tel. 848 800871 • www.hp.com/it 


Processore: Intel Core Ì7-7500U • RAM: 12 GB • Hard 
Disk: 128 GB SSD+1TB -Scheda video: NVIDIA GeForce 
940MX da 4 GB • Display: 15,6" (1920x1080) • Sistema 
operativo: Windows 10 • Extra: Wi-Fi, Bluetooth, 2 
USB 3.1,1 USB 2.0, HDMI, lettore memory card, Webcam 
Dimensioni: 38,3 x 24,3 x 2,25 cm • Peso: 2 kg 


L I addetto alla vendita di un negozio 
i d'informatico si sarà visto propor¬ 
re innumerevoli volte la stessa do- 
manda:"voglio un portatile potente, 
bello, con la batteria che duri molto e 
che costi poco". Il Pavilion 15-au 116nl 
è tutto questo e anche molto di più. 
Non c'è caratteristica che HP abbia 
trascurato, dal design personalizzato 
nel colore oro, alla configurazione 
completa sotto ogni aspetto. Ogni 
particolare è stato studiato per rispon¬ 
dere alle esigenze dell'acquirente ma 
in modo razionale ed equilibrato. La 
configurazione si avvale di 
un processore Intel Core i7 
di settima generazione, di 
ben 12 GB di RAM e di una 
scheda video dedicata da 
4 GB. 


Il difetto è non averlo 

Qualcuno potrebbe obiettare che 
perché un PC sia davvero veloce 
deve avere un disco SSD. HP lo sa 
bene e non ha trascurato neanche 
questo aspetto offrendo una doppia 
soluzione: un'unità SSD M.2 da 128 
GB per sistema operativo e appli¬ 
cazioni e un classico hard disk da 1 
TB per i dati. Per non farsi mancare 
nulla ci ha messo anche il maste- 
rizzatore DVD, un sistema HP Au¬ 
dio Boost con speaker doppi e una 
tastiera retroilluminata con tasti a 
isola. Trattandosi poi di 
un portatile non poteva 
mancare una batteria ad 
alta capacità in grado di 
assicurare un'autonomia 
fino a 9 ore. 


Convenienza 9 
Caratteristiche 8 
Innovazione 8 

VOTO 25/30 


Specialista nelle foto 


Mouse di precisione 


CANON PIXMA TS9050 

CANON ITALIA •Tel.848800519 • www.canon.it 


SOUND BLASTERX SIEGE M04 

CREATIVE • www.creative.com 


P rogettata per i fotografi più esi¬ 
genti, utilizza 6 cartucce d'in¬ 
chiostro per offrire la migliore resa 
cromatica possibile ed è dotata 
di un ampio display touch da 5" 
a colori per realizzare i tuoi pro¬ 
getti anche 



Convenienza 

7 

Caratteristiche 9 

Innovazione 

9 


VOTO 


senza PC. Il design è più compatto 
del 30% rispetto ad altri modelli, 
ha il Wi-Fi con NFC, il lettore di me¬ 
morie SD e doppio alimentatore 
per i fogli. 

Risoluzione di stampa: 9600x2400 dpi 
Tecnologia di stampa: 6 

serbatoi d'inchiostro separati 
Velocità: 1 5 ipm monocromatica, 
10 ipm a colori • Interfacce: USB, 
Wi-Fi, Ethernet • Dimensioni: 
372x324x140 mm 


25 


M ouse dedicato ai giocatori più esigenti. Il Sound BlasterX 
Siege M04 è dotato di un precisissimo sensore LED a infrarossi 
PMW3360 a 12.000 DPI nativi, di ben 7 pulsanti programmabili 
e di un sistema di illuminazione a LED reattivo alfambiente che 
può essere personalizzato con 16,8 milioni di colori. 



Sensore: ottico da 12.000 DPI • Interfaccia: USB • Pulsanti: 7 personalizzabili • Dimensioni: 


Convenienza 

7 

Caratteristiche 

9 

Innovazione 

9 

VOTO 25/30 


Win Magazine 19 


















Design classico, prestazioni al top 
e facile da espandere 

Smartphone 

ASUS ZENFONE 3 DELUXE ZS570KL 


atch | 


ASUS • Tel. 199 400089 • www.asus.it 


S.O.: Android 6.0 Marshmallow • CPU: Qualcomm 
Snapdragon 821 • Memoria: 6 GB di RAM, 64 GB Storage 
Autonomia: n.d. • Dim./Peso: 156,4 x 77,4 x 7,5 
mm/170 grammi • Display: 5,7", 1920x1080 pixel 
Extra: Fotocamera posteriore 23 Megapixel, fotocamera 
frontale 8 Megapixel 


DISPLAYDA5,7 POLLICI FULLHD 


- 6 GB DI RAM 


un po'alto considerato a quello cui ci 
ha abituati Asus in passato. 


L o Zenfone 3 Deluxe è la dimostra¬ 
zione che anche Asus è in grado di 
realizzare smartphone di fascia alta che 
non hanno nulla da invidiare ai brand 
più blasonati. Molto elegante nel design 
grazie al guscio in metallo, nonostante 
i suoi 5,7 pollici di diagonale è meno 
massiccio di quello che si potrebbe 
pensare. Sotto la scocca troviamo un 
processore Snapdragon 821 da 2,4 GHz, 
una GPU Adreno 530,6 GB di RAM e 
64 GB di Storage UFS 2.0. 

Un comparto hardware in 
grado di offrire prestazio¬ 
ne da primo della classe. 

La fotocamera posteriore 
è dotata del sensore Sony 


IMX318 da 23 Mpixel con stabi¬ 
lizzatore ottico e autofocus ultra 
rapido con tecnologiaTriTech. Se 
le condizioni di luce sono buone, 
la qualità delle immagini non ha 
nulla da invidiare a una vera digi- 
cam e può anche riprendere video a 
4K. La fotocamera frontale è un po'più 
sottotono, ma comunque in grado di 
scattare foto da 8 Mpixel. Purtroppo 
non è esente da qualche piccolo difetto. 

I pulsanti in basso sono un 
po'scomodi e poco reatti¬ 
vi, l'interfaccia proprietaria 
non convince, l'autonomia 
della batteria potrebbe es¬ 
sere migliore e il prezzo è 


Convenienza 8 
Caratteristiche 8 
Innovazione 9 

VOTO 25/30 


Smartphone 
di lusso 


L'Honor è tutto mio! 


Rispetto ai top di gamma 
in meno ha solo il prezzo 


HONOR 8 PREMIUM 

HONOR • www.honor.com 



R ispetto all'Honor 8 si differenzia 
solo per la capacità interna di 64 
GB. È uno dei migliori smartphone 
per rapporto qualità/prezzo. Ha un 
display luminoso e molto definito, 
un ottimo comparto fotografico e 
una dotazione hardware capace di 
prestazioni al top. L'au¬ 
tonomia della batteria 
supera abbondante¬ 
mente il giorno di uti¬ 
lizzo. 


S.O.: Google Android 6.0 Marshmallow 
CPU: HiSilicon Kirin 950 • Memoria: 
4 GB di RAM, 64 GB Storage 
Autonomia: n.d. • Dim./Peso: 
145,5 x 71 x 7,5 mm/153 grammi 
Display: 5,2", 1080x1920 pixel 
Extra: Fotocamera 


Convenienza 

Caratteristiche 

Innovazione 


23 


posteriore Dual 12 
MP e frontale da 
8 MP, lettore di 
impronte digitali. 



Per gli sportivi 


HUAWEI FU 

HUAWEI • www.huawei.com 

P iù che uno smartwatch 
èunfitnesstracker,un 
orologio pensato per mo¬ 
nitorare le attività sporti¬ 
ve. Grazie al suo display 
monocromatico, consuma 
poca energia riuscendo 
così ad avere un'autono¬ 
mia di quasi una settima¬ 
na. Ha un design elegante, 
il cardiofre¬ 
quenzime¬ 
tro ed è im¬ 
permeabile 
fino a 50 m 
di profondità. 


Display: 1,04" pollici (208x208) 
monocromatico • Memoria 
interna: 16 MB • 
Impermeabilità: 
IP68 • Sensori: 
Accelerometro, 
giroscopio e cardio¬ 
frequenzimetro 


Convenienza 7 
Caratteristiche 7 
Innovazione 8 

VOTO 22/3» 



20 Win Magazine 




















| Gadget hi-tech | 


In vetrina 



Prestazioni al top! 

Il Walkera Scout X4 è l'anello di congiunzione tra i droni 
di fascia consumer e quelli professionali 



Quadricottero 

WALKERA SCOUT X4 

SCORPIO S.R.L. • Tel. 0461 823099 • www.scorpio.it 

L a sottile linea che divide i droni professionali 
da quelli consumer si assottiglia quandotiria- 
mo in causa il Walkera Scout X4, un drone dalla 
linea accattivante, costruito con buoni materiali 
e distribuito con un kit ricco di componenti. 
È a tutti gli effetti un modello che si avvicina 
molto alle performance dei droni professionali 
e, cosa molto importante, nonostante le sue 
ottime qualità non costa una fortuna! Nel kit in 
dotazione, oltre allo Scout X4 già assemblato, 
troviamo le quattro eliche, la batteria LiPo da 
22,2 V e da 5.400 mAh, un'ulteriore batteria LiPo 
a tre celle da 11,1 Veda 2.200 mAh (aggiunta 
dalla ditta che distribuisce il modello in Italia) 
e da inserire nella trasmittente al posto delle 



La scocca è costruita con ottimi materiali plastici 
rinforzati con polimeri di carbonio. 


pile stilo, la scatola che contiene la videocamera 
iLook+ con rispettiva antenna, il gimbal a tre assi 
G-3D e il caricabatterie con il suo alimentatore 
da 220 V. Altro particolare di questo kit è la pre¬ 
senza di un trasmettitore data link Bluetooth da 
2,4 GHz che permette un utilizzo in modalità 
Ground Station tramite smartphone o tablet, 
ma al momento solo con sistema Android. 
Probabilmente in futuro Walkera immetterà 
anche un software per iOS. 

Caratteristiche tecniche 

La scocca dello Scout X4 è costruita con ot¬ 
timi materiali plastici rinforzati con polimeri 
di carbonio che rendono il look moderno e 
aggressivo. Molto bene anche gli accorgimenti 
tecnici: sopra e sotto ogni braccetto del drone 
ci sono delle prese d'aria per agevolare il raf¬ 
freddamento della parte elettronica durante il 
volo. I motori sono quattro del tipo brushless 



L'antenna del GPS è montata superiormente alla 
scocca in posizione ottimale. 


WK-WS-34-002 da 500 kv, inseriti nella scocca 
e fissati al resto del telaio tramite viti autobloc- 
canti. L'antenna del GPS è montata sulla parte 
superiore della scocca con un supporto dagli 
angoli arrotondati che si abbina molto bene alle 
linee del quadricottero. La camera in dotazione 
è di ottima fattura: si chiama iLook+ ed è legge¬ 
ra (125 g), compatta (82 x 41 x 44 mm), dotata 
di un'ampia visione grazie al grandangolo da 
170° e offre la possibilità di registrare su scheda 
di memoria di tipo MicroSD. Il caricabatterie 
IMAX B6 non è un componente"esclusivo"per 
il Walkera Scout X4, perché, oltre a ricaricare le 
batterie di questo drone, è possibile usarlo con 
tutti i tipi di batterie presenti sul mercato dalle 
2 alleò celle.Tradotto: può ricaricare le batterie 
di tanti altri modelli. 


vedere tutti i dati e le informazioni in tempo 
reale! Sul radiocomando sono installati diversi 
switch che permettono il settaggio secondo le 
esigenze dell'operatore. Nella parte inferiore ci 
sono i tasti per entrare nel menu e scegliere le 
varie opzioni: sulla sinistra troviamo gli switch 
per il comando dei carrelli e dell'elevatore IOC, 
mentre a destra sono posizionati lo switch per 
il cambio del sistema di volo (manuale- punto 
fisso e ritorno a casa) e quello per attivare/ 



La fotocamera iLook+ offre una visione grandangolare 
a 170° e registra le immagini su MicroSD. 


disattivare la registrazione video. Sono due le 
rotelle per regolare il gimbal: sulla parte laterale 
a sinistra troviamo quella per il rollio, mentre 
a destra c'è la rotella per il beccheggio. Infine 
in alto a destra del corpo del radiocomando 
è posizionato lo switch dell'FMOD o volo in 
circolo automatico. 



Radiocomando al top! 

Il Devo FI 2E dato a corredo è un ra¬ 
diocomando di ottima fattura: 
trasmette in 2,4 GFIz e rice¬ 
ve il segnale in 5,8 GHz: 
questo permette di 
controllare il dro¬ 
ne in tutte le 
fasi di volo in 


maniera sem¬ 
plice ma preci¬ 
sa. Sul display da 
5 pollici è possibile 
visionare il voltaggio 
delle batterie, il tempo 
di volo, la quota, la lon¬ 
gitudine e la latitudine, la 
velocità dello spostamento 
del quad, la distanza dal pun¬ 
to di partenza, oltre natural¬ 
mente alle immagini trasmesse 
dalla videocamera. Insomma, altro 
che display, questo è un piccolo com¬ 
puter di bordo sul quale il pilota può 


Win Magazine 21 












Al servizio del tuo busines 


Diventa Rivenditore 

dei servizi di Hosting Solutions! 







- /B0 


Soluzioni personalizzate 
a costi veramente competitivi. 

www.hostingsolutions.it/business/programma-rivenditori/ 




-H-H4 



You 
irti ìei 



www.hostingsolutions.it 






















s per soluzioni di successo. 


Scopri le nostre 
Soluzioni Data Center! 



Hosting Solutions è il punto di riferimento nel mercato 
dell’hosting. Tecnologia, ricerca e innovazione 
per assicurare un costante miglioramento dei servizi 
e rispondere con qualità ed efficacia alle esigenze dei clienti. 



Hosting 

Solutions 

out of thè box 


bloodyfine 


























In vetrina 


| Multimedia | Libri | 


Non solo masterizzazione 

La soluzione completa per mettere al sicuro i file, anche quelli multimediali 



CYBERLINK P0WER2G011 
PLATINUM 

CYBERLINK •www.cyberlink.com 

P ower2Go 11 nella versione Platinum è 
molto più che un semplice programma 
di masterizzazione. Supporta naturalmente 
i Blu-ray e i formati a 4K. Oltre a creare CD 
Audio, è anche in grado di ripparli in qualità 
lossless. Oggi però i supporti ottici sono sem¬ 
pre meno usati e Cyberlink lo sa bene. Così 
ha aggiunto un potente software di conver¬ 
sione video in grado di rendere compatibili i 
propri filmati con qualsiasi dispositivo, dagli 
smartphone alla console. E non è finita qui. 
Grazie alla funzione Scarica e Backuppa è in 



Sono incluse le app 
Power Media Player 
per la riproduzione 
Multimediale Portatile 
e Wave Editor per il 
Montaggio Audio. 


grado di salvare video diYouTube, Facebook, 

FlickreVimeoedi masterizzarli direttamente 

su disco. E perfinire ha anche la funzione per 

creare un'unità di ripristino di Windows e di 

tutti i nostri file su CD, DVD, Blu-ray e persino 

su USB. In questo modo se dovesse succe- Caratteristfdie 9 

dere qualcosa al nostro sistema, avremo la innovazione 8 

possibilità di ripristinarlo senza perdere i 

nostri dati più importanti. 


Smartphone col turbo 


Racconti fotografici 


ASHAMP00 DROID OPTIMIZER 


ASHAMP00 • www.ashampoo.com 

I l nostro smartphone non è più scattante 
come una volta? Allora è arrivato il momento 
di bel tuning con Droid Optimizer. Questa 
applicazione è in gradodi risolvere i problemi 
comuni e di ottimizzare il nostro dispositivo 
Android riportandolo ai fasti iniziali. Basta 
un tap per liberare spazio, eliminare le tracce 
di navigazione e 
disabilitare i com¬ 
ponenti che non 
servono riducendo 
il consumo energe¬ 
tico. 


Convenienza IO 
Caratteristiche 8 
Innovazione 8 

VOTO 26/so 



MAGIX PH0T0ST0RY DELUXE 

MAGIX • www.magix.com 

G razie alla sua interfaccia intuitiva, sarà un 
gioco da ragazzi realizzare slideshow con 
le immagini riprese dalla videocamera. La fun¬ 
zione di creazione automatica rende il tutto 
più veloce: devi solo selezionare i contenuti e 
la musica che vuoi usare come sottofondo. Puoi 
scegliere tra oltre 
750 brani musicali e 
tantissimi effetti per 
dare un aspetto pro- 
fessionaleal risultato 
finale. 


Convenienza 7 
Caratteristiche 8 
Innovazione 8 


VOTO 


23 


PHOTO 
STORY 
' DEjm 







€69,9 


L'angolo del libro 



SPIA NELLA RETE 

APOGEO • www.apogeonline.com 

Questo manuale aiuta a comprendere le tecniche 
di spionaggio informatico sfruttando le tracce che 
lasciamo in giro per il Web. Usare Google per ricerche 
non convenzionali, indagare le relazioni sociali, inter¬ 
cettare le comunicazioni su WhatsApp, entrare nel 
mondo dei software-spia e molto altro ancora. 


Autore: Riccardo Meggiato • Pagine: 160 



WINDOWS 10 

APOGEO •www.apogeonline.com 

Un completo manuale sul sistema operativo Microsoft, 
che aiuta a prendere dimestichezza con tutte le funziona¬ 
lità partendo dalle basi. Si parte dal ritorno al menu Start 
all'uso delle app eagli strumenti multimediali. Prendere¬ 
mo dimestichezza con la nuova interfaccia e impareremo 
a configurare l'OS per adattarlo alle nostre esigenze. 


Autore: Marco Ferrerò • Pagine: 360 


24 Win Magazine 





















| Famiglia e Junior: giochi per console e PC | 


In vetrina 


Gestisci il tuo team di FI 


M0T0RSP0RT MANAGER I Q | STICKSPORTS LTD • www.sticksports.com 


S enza un buon manager 
che gestisce il team ai box, 
la vittoria non si porta a casa. 
Occorre una buona strategia di 
gara, saper scegliere il momento 
giusto per il cambio gomme, la 
mescola migliore per la parten¬ 
za e avere una squadra in grado 
di mettere a punto l'auto. Non 
è un compito facile e in Ferrari 
lo sanno bene visto 
che negli ultimi an¬ 
ni, pur cambiando 
diversi team ma¬ 
nager, di vittorie 
ne sono arrivate 


poche. Se pensi di poter far 
meglio, Motorsport Manager è 
il modo migliore per dimostrar¬ 
lo. Questo gioco di gestione per 
appassionati di automobilismo 
ti permette di guidare un team 
di FI in ogni suo aspetto, sia in 
pista che fuori. Oltre a decidere 
le strategie di gara, dovrai sce¬ 
gliere i piloti, costruire l'auto, 
selezionare! mem¬ 
bri del team e ogni 
singolo aspetto. Il 
tutto supportato 
da una grafica di 
altissimo livello. 


Convenienza 

8 

Caratteristiche 

9 

Innovazione 

8 

VOTO 25/so 



A causa della mancanza della licenza FIA, nel gioco non troveremo piloti, scuderie e 
tracciati reali, ma questo non influisce sulla qualità complessiva. 


Il flipper diventa virtuale 

PINBALL FX2VR 

CI E IBI | ZEN STUDIOS LTD • blog.zenstudios.com 


Corse in stile retro 

HIGHWAY RUNNERS 

gl f; FL0RIAN BRÓNNIMANN • https://itunes.apple.com 


D opo 

V 


successo della 
^ versione standard, Zen 
Studios ha pensato bene 
di realizzare una versione 
del suo flipper digitale per 
i visori VR come appunto 
quelli della Playstation. 

Una volta indossato il viso¬ 
re, si verrà trasportati in un 
mondo virtuale per offrire 
un'esperienza più immersiva e anche più realistica. Si può scegliere 
di cimentarsi tra tre tavoli (Secrets of thè Deep, Mars ed Epic Quest) 
oppure scaricarne altri acquistandoli: purtroppo chi ha già acquistato 
i flipper in altre versioni non può importarli in questa 
versione VR ma dovrà riacquistarli. 



^ ir 



• ■ % 

• 


VOTO 23 


U n gioco di corsa tra stra¬ 
de cittadine che omag¬ 
gia le vecchie console. Non 
solo la grafica è quella clas¬ 
sica con pixel giganti, ma 
lo sviluppatore ha persino 
pensato a rendere l'inter¬ 
faccia simile a quella di un 
vecchio schermo a tubo ca¬ 
todico, con i bordi bombati. Ci sono quindi livelli in 5 ambientazioni 
diverse. Per completarli le difficolta sono inferiori rispettoai titoli classici 
cui si ispira: basta evitare gli ostacoli lungo il percorso per portarea casa 
il premio. Per pilotare si possono usare l'accelerometro 
del dispositivo mobile e i comandi touch. 


VOTO 22 



Multimedia Junior. 


VERO 0 FALSO-IL GIOCO 


u 


3 ■=- a 


n simpatico gioco per mettere alla prova le proprie conoscenze 
nel campo della geografia, scienza, cinema, musica, sport e molto 
altro. Lo scopo è quello di rispondere con vero o falso 
ad una serie di affermazioni nel minor tempo possibile. 
È anche possibile sfidare un'altra persone sullo stesso 
dispositivo attraverso la funzione schermo diviso. Un 
modo divertente per imparare cose nuove. 


Piattaforma: Android 
Sviluppatore: LOTUM media GmbH 
Quanto costa: Gratuito 



PAINNT - PRO ART FILTERS 

D ivertiti a trasformare le tue foto in opere artistiche con oltre 130 filtri 
a disposizione. Puoi sceglieretra classici,fumetti, moderno, astratto 
e mosaici. Basta un tocco e l'immagine si trasforma in 
una pittura come quelle esposte nelle gallerie d'arte. 
Naturalmente i lavori possono poi essere condivisi con 
i propri amici. Peccato però che per sbloccare i vari filtri 
occorre effettuare i soliti acquisti in app. 





Piattaforma: Android 
Sviluppatore: Moonlighting Apps, LLC 

Quanto costa: Gratuito 


Win Magazine 25 





















In vetrina 


| Giochi | 


Ad ognuno l'eroe che si merita 

OVERWATCH <gB IOU BLIZZARD • https://playoverwatch.com/it-it 

S paratutto in prima persone in cui un eroe con la sua 
squadra di sei elementi deve affrontare altre squadre 
in partite che si disputano in arene sparpagliate per 
la Terra. Prima di buttarsi nella battaglia è necessario 
scegliere l'eroe da impersonare. Ci sono eroi più bravi 
nell'attacco, altri nella difesa, altri ancora di supporto. Le 
modalità di gioco sono 4. Conquista, dove le due squa¬ 
dre si dividono tra chi deve attaccare e chi difendere un 
obiettivo. Trasporto, dove una squadra deve riuscire a 
portare un oggetto da un punto a un altro mentre l'altra 
squadra deve fare di tutto per impedirglielo. Controllo, 
dove le squadre si affrontano per prendere il controllo 
di un obiettivo. Conquista/Trasporto, infine, dove una 
squadra deve prima conquistare un obiettivo e poi 
trasportarlo fino a destinazione mentre l'altra squadra 
deve impedirglielo. 


C'è anche una Collector's Edition con 
in più il libro illustrato, la colonna 
sonora e la statuetta del Soldato-76. 


Convenienza 

8 

Caratteristiche 

9 

Innovazione 

8 

VOTO 25/30 1 



Viaggio entusiasmante 

DARKSOULSiil 

©osocasi BANDAI NAMCO • www.darksouls3.com 


Q uesto quinto capitolo della 
saga creata da From Software 
ha fatto centro. Dopo tutti questi 
anni era difficile rinnovarsi, ma il 
lavoro del team di sviluppo è stato 
notevole e l'esperienza accumu¬ 
lata ha permesso di perfezionare 
un gioco già di per sé notevole. 
Imperdibile per chi ha già giocato 
agli episodi precedenti, ma consi¬ 
gliatissimo anche a chi si approc¬ 


cia per la prima volta: Dark Soul 
III è in grado di regalare immense 
soddisfazioni ad entrambi. Tra i 
punti di forza c'è un level design 
di altissimo livello, supportato da 
un sistema di controllo dinamico. 
Ci si immerge in un viaggio emo¬ 
zionante e una volta arrivati alla 
fine, dopo circa 50 ore di gioco, 
viene voglia di 
ricominciare. 


VOTO 27 




Avventura magica 

THE LAST GUARDIAN 


BKiB» | {20 | JAPAN STUDIO •www.playstation.com 


Q uesto secondo DLC si disco¬ 
sta in modo netto dal passa¬ 
to. La storia è semplice. Mentre su 
New York è in corso una bufera 
di neve, un gruppo di agenti 
viene inviato in missione nella 
zona nera per recuperare l'anti¬ 
doto all'epidemia che ha messo 
in ginocchio la città. Armati di 
una pistola e con un equipag¬ 


giamento di base, il nostro eroe 
si troverà ad affrontare, oltre ai 
soliti nemici, anche condizioni 
climatiche avverse. Dal punto di 
vista tecnico siamo di fronte a un 
gioco di alto livello, con ambien¬ 
tazioni molto ben realizzate che 
trasmettono in modo realistico 
il freddo della 
città. 


VOTO 27 


26 Win Magazine 














public String getMatricolaQ { 



Studente.java:1: cannot inherit from final Persona 
public class Studente extends Persona { 








ptoQfaW 

«or Va O'ù potente P' 


public final class Persona { 


iWSSSSSSSS» jr., 

SSSSBSBSS^ 


public 1 


_ public vd 

) 

publ ic Stri! 

) 

public String 

) 

r 

public class Studente exl 
String matricola;! 




PELLEGRINO I 


public String getMi 
return 

> Il 


Guida all® {jyjjjdows. 

ini^'lGNU/l-inux 


IN EDICOLA 




EDIZION 

MASTER 








In vetrina 


| Le app che cercavi | Mobile | 


Speciale "Settimana bianca" 


Montagne senza segreti 

NAVIONICSSKI €®l*# 


database con oltre 
2.000 comprensori sciisti- 
ci, in cui trovare impianti, 
J rifugi, percorsi e direzioni, 
compresi Resort e oltre 37.000 chilo¬ 
metri di piste site in Europa, Asia, 
Stati Uniti, Sud America, Canada e 
Australia. I criteri di ricerca consen¬ 
tono di trovare le nostre 
piste preferite e raggiun¬ 
gere biglietterie, rifugi, 
negozi per il noleggio e 
punti di soccorso, nonché 
i luoghi di interesse pub¬ 


blico più vicini alla posizione in cui 
ci troviamo. I percorsi effettuati pos¬ 
sono essere registrati in modo da 
analizzarne le statistiche, le durate 
ed effettuare il playback dinamico 
delle tracce. In questo modo è pos¬ 
sibile scoprire dove e quando abbia¬ 
mo raggiunto la velocità più elevata 
al fine di ottimizzare le 
performance future. Uti¬ 
lissimi il Bollettino Neve 
e le funzioni Sharing per 
condividere piste, foto e 
video sui principali social. 


Convenienza 10 
Caratteristiche 10 
Innovazione 10 

VOTO 30bo 


Tutte da navigare le 
mappe interattive delle 
piste più frequentate 
nel mondo. 



Previsioni in 3D 

METEOEARTH GEI9I*# 


Neve e valanghe 

METEOMONT <32331** 



Creata dalla MeteoGroup come 
uno strumento professionale per 
le previsioni meteo radiotelevi¬ 
sive, l'applicazione visualizza 
differenti livelli meteo per mostrare la co¬ 
pertura nuvolosa, le precipitazioni, il vento, 
la pressione, ecc. La prima schermata mostra 
il globo terrestre in 3D sul quale è possibile 
azionare le funzioni di zoom attraverso le 
consuete gesture. Tra le funzioni disponi¬ 
bili segnaliamo la possibilità di accedere 
a migliaia di live Webcam puntate sulle più 
note località del mondo. L'abbonamento 
Premium offre previsioni meteo fino a cin¬ 
que giorni. 



Convenienza 10 
Caratteristiche 10 
Innovazione 10 

VOTO 30/30 


Sviluppata in collaborazione 
con il Corpo forestale dello 
Stato e il Comando Truppe 
Alpine insieme al Servizio 
Meteorologico dell'Aeronautica, con¬ 
sente di accedere alle informazioni 
meteo-nivometriche, al bollettino pe¬ 
ricolo e a numerosi supporti utili per 
chi frequenta la montagna, nonché a 
tutti i contenuti disponibili sul portale 
meteomont.org. L'app è strutturata in 
modo da supportare le esigenze di di¬ 
verse tipologie di utenti, dai meno esper¬ 
ti agli sciatori in pista e agli escursioni¬ 
sti fuori pista, fino agli addetti ai lavori. 




Convenienza 10 
Caratteristiche 10 
Innovazione 10 

VOTO 30/30 


Trova la vetta Segui la bussola 

PEAKFINDEREARTH <±zt*+ ALTIMETERGPS GISSI* 


Sci acrobatico 

HUCKITFREERIDESKIING3D €22331*# 


Consultabile completamente 
\ off-line, l'app fornisce le infor- 

mazioni relative ad oltre 
earr 250.000 vette con funzioni di 
rendering rapido dei paesaggi circostanti 
in un raggio di circa 300 km. Le funzioni 
GPS consentono di ottenere la posizione 
attuale mentre la finestra di dialogo per¬ 
mette di inserire le coordi¬ 
nate manualmente. 


Un utilissimo altimetro/tachime¬ 
tro che utilizza il GPS interno per 
rilevare l'altitudine senza ricorre¬ 
re alla connessione Internet. Di¬ 
spone di Pedometro/contapassi, Bussola con 
Place Finder per vedere in quale direzione si 
trova il luogo prescelto e la comoda funzione 
Ritrova posizione, utile per salvare l'attuale 
posizione e poi mostrare la 
strada più breve per il ritorno. 


9 Gli amanti dello sci estremo po¬ 
tranno soddisfare i loro desideri 
cimentandosi in questo gioco il cui 
obiettivo è guidare uno sciatore 
lungo un percorso innevato eseguendo acro¬ 
bazie a mezz'aria fino ad atterrare in modo 
perfetto. Per pilotare il protagonista utilizzere¬ 
mo il tilt control mentre col joystick e i coman¬ 
di laterali si potranno effettua¬ 
re le acrobazie durante il salto. 


VOTO 29 



VOTO 28, 


28 Win Magazine 






































| Mobile | Le app che cercavi | 


In vetrina 


Pianifica i tuoi percorsi 


MAPS 3D PRO GPS PER BICI, TREKKING, SCI O \éw 


Applicazione GPS di geo- 
coaching, pianificazione, 
registrazione e condivisio¬ 
ne di percorsi, ideale per 
tutte le attività outdoor invernali. Le 
sue funzioni consentono di tracciare 
numerose informazioni tecniche rela¬ 
tive al percorso oltre alla possibilità di 
pianificare un'escursione 
inserendo semplicemente 
dei segnaposti direttamen¬ 
te sulla mappa, per poi 
esportare il tutto ed inviar¬ 
lo tramite e-mail. Le mappe 


tridimensionali sono ricavate grazie 
alla combinazione della cartografia 
Outdoor OpenStreet Map e le scansio¬ 
ni NASA del profilo altitudinale terre¬ 
stre, con la possibilità di scaricare gra¬ 
tuitamente tutte le cartine di nostro 
interesse. Con la funzione di pre-carica 
è possibile caricare le carte geografiche 
via Wi-Fi o 3G/4G per poi 
utilizzarle off-line. Dispone 
di bussola con indicazione 
costante della meta e della 
distanza in linea d'aria sulla 
veduta in 3D. 



Convenienza 10 
Caratteristiche 10 
Innovazione 10 

VOTO 30/so 


Le mappe 3D offrono la 
possibilità di visualizzare il 
terreno da ogni prospettiva 
garantendo la migliore 
stima del territorio. 



Sciare informati 


Notizie di montagna 


SKIINFO NEVE & SCI (» lé# 


DOVESCIARE G»#* 


Emozionante corsa al volante di 
un'autovettura Gran Turismo scel¬ 
ta tra i numerosi modelli disponi¬ 
bili, ciascuno dei quali con caratte¬ 
ristiche uniche e mirate a soddisfare al meglio 
le nostre esigenze di guida. Si inizia acquistan¬ 
do una delle automobili a disposizione per poi 
dotarsi di modelli più performanti (Audi, Por¬ 
sche, Bugatti, Lamborgini ecc.) non appena 
avremo guadagnato sufficiente denaro grazie 
ai premi in palio nelle gare. In modalità multi¬ 
player si gareggia on-line con 16 giocatori 
scelti in modo automatico ma è anche possi¬ 
bile sfidare i nostri amici connessi sulla stessa 
rete Wi-Fi. 




Convenienza 10 
Caratteristiche 10 
Innovazione 10 


VOTO 30 


Permette di misurare la velocità 
di percorrenza, quella massima 
raggiunta, i chilometri percorsi 
nonché il dislivello coperto dal¬ 
lo sciatore mostrando sulla mappa il trac¬ 
ciato completo del percorso. Attraverso la 
sezione News possiamo leggere le notizie 
inerenti il mondo della neve e della mon¬ 
tagna, per conoscere tutte le novità relati¬ 
ve all'apertura o chiusura delle stazioni 
oltre alle informazioni a carattere genera¬ 
le. È possibile consultare il bollettino neve 
di un luogo d'interesse, visionare la cartina 
delle piste, le Webcam e le informazioni 
generali della località. 




Convenienza 10 
Caratteristiche 10 
Innovazione 10 

VOTO 30/so 


Discese da brivido 

FRESH TRACKS SNOWBOARDING Wm\é 

Simulazione dedicata agli amanti 
dello Snowboard, che combina 
grafiche e fisica da console ad 
“ un'esperienza di gioco mozzafiato 
in stile arcade. Il gioco consente di gareggiare 
in quattro differenti competizioni e con diver¬ 
si gruppi di avversari per rendere le discese 
ancora più adrenaliniche. È possibile scegliere 
percorsi multipli e competere 
on-line con nuovi avversari. 


Bollettino neve 

METEO NEVE «iv 

Un editor di immagini facile da 
utilizzare che consente di creare 
simpatiche cornici fotografiche a 
tema perii giorno di San Valentino. 
La foto da processare può essere prelevata 
dalla galleria del dispositivo oppure scattata 
direttamente attraverso la stessa applicazione. 
Il contenuto acquisito può essere poi decorato 

con ulteriori gadget come cuo- 

r ■,,, VOTO 28 

ricini e frasi d amore. 


Le tue escursioni 

GE0FLYER3D MAPS EUROPE GDI* 

App di mapping con routing e 
registrazione GPS consultabile 
anche off-line. Il terreno viene 
visualizzato in modalità 3D usan¬ 
do i modelli digitali della NASA che offrono 
una risoluzione di dettaglio molto elevata. 
Si possono preparare gli itinerari sfruttando 
le funzionalità di calcolo dei percorsi e regi¬ 
strarli per riutilizzarli all'oc- 
correnza. 



VOTO 29 




VOTO 30 


Win Magazine 29 

























RICARICA LA TUA VOGLIA DI 


ABBONATI SUBITO CON IL 60% DI 



Keco^er* 


HOUCBDEBfc 




JisSSS* 

rM 


i'SSSSgsk 


tès ce^ a ! e 
£«**** 


ssasssws»*^ 

Segu\ \a nostta gui V» ^ 1ras(0 , ro aeum^ eWB 

«sssss:** cST'.-sse 

«e 


: 


















INFORMATICA E TECNOLOGIA 


SCONTO E UN FANTASTICO REGALO! 



POWER BANK 

Con batteria agli ioni di Litio 
da 2.200mAh con laccetto 
portachiavi e cavetto 
USB/microUSB 


‘ per 2*. j 

numeri 


Compila il coupon che trovi qui di seguito 
per non perdere questa promozione o vai su 
shop.edmaster.it W. 


* Il PowerBank verrà inviato nel colore disponibile a magazzino. 


Ritaglia e spedisci il coupon in busta chiusa a: EDIZIONI MASTER S.p.A. Via Diaz, 13 - 87036 Rende (CS) oppure invialo via fax al n. 199.50.00.05 


Si, desidero abbonarmi a Win Magazine: 

I I Base (12 numeri) € 24,99 anziché € 35,88 (-30%) 

I I Base (24 numeri) € 48,99 anziché € 71,76 (-32%) + Powerbank in REGALO 
Là Plus (12 numeri) € 33,50 anziché € 47,88 (-30%) 

CU Plus (24 numeri) € 63,99 anziché € 95,76 (-33%) + PowerBank in REGALO 
□ DVD (12 numeri) € 48,99 anziché € 71,88 (-32%) 

Cd DVD (24 numeri) € 74,99 anziché € 143,76 (-48%) + PowerBank in REGALO 
Cd Gold (12 numeri) € 65,00 anziché € 119,88 (-46%) 

Cd Gold (24 numeri) € 94,99 anziché € 239,76 (-60%) + PowerBank in REGALO 


Nome _ 

Cognome _ 

Via _ 

n° _ CAP_Provincia_ 

Città _ 

o 

5 n. cellulare _ 

s 

S n. telefono_ 

e-mail _ 

sesso: _ data di nascita: _ 

titolo di studio: CU Lic Scuola Elementare CU Lic. Scuola Media Inferiore CU Diploma CU Laurea 


I Nome _ 

I 

1 Cognome _ 

1 Via _ 

1 

I n° CAP Provincia 

E - - - 

p Città _ 

| n. cellulare _ 

o 

s n. telefono_ 

q 

S e-mail _ 

I 

stato civile: □ Celibe/Nubile □ Coniugato □ Vedovo/a □ Divorziato/a □ Convivente 
professione:_ 


Scelgo di effettuare il pagamento attraverso: 

I I Bonifico bancario intestato a EDIZIONI MASTER S.pA c/o |—1 - . , , , „ I—i w . . . . . 1£ mio- 7 o 

*— 1 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARUGATE EINZAGO S.C. I I Contrassegno: pagherò al corriere alla consegna | I Versamento su conto corrente postale n.16821878 

IBAN: IT47R0845333200000000066000 intestato a Edizioni Master S.pA 

(inviando copia della distinta via fax oppure via posta) Q carta di Credito: vai su httpV/shop.edmaster.it per completare 

la transazione 


Informativa ex art. 13 d.lgs. 196/2003 “codice in materia di protezione dei dati personali": Edizioni Master Spa con sede in Rende, oda Lecco n. 64 - Z. Ind. -, in qualità di ‘Titolare” del trattamento, è tenuta a fomirLe alcune informazioni su l'utilizzo dei Suoi dati personali. I dati personali raccolti da Edizioni Master, nel 
presente coupon, sono conferiti direttamente dall'interessato e sono trattati, indispensabilmente, al solo fine di dare esecuzione alla Sua richiesta di abbonamento; per tale finalità non è richiesto il consenso, ex art.24 comma 1 lett b. I trattamenti saranno effettuati mediante strumenti manuali, informatici e telematici, con logiche 
correlate al rapporto in essere ed agli obblighi previsti dalle leggi vigenti. L'interessato potrà esercitare, presso la Edizioni Master Spa, i diritti di cui all'alt. 7 del D.Lgs. 196/2003: modifica, cancellazione, correzione, etc. I dati ravccoiti, potranno essere comunicali, per la stessa finalità, ai Responsabili ed agli Incaricati designati 
da Edizioni Master, owero a società collegate e controllate, facenti parte del medesimo gruppo editoriale; potranno altresi essere tratteti per finalità promo-pubbliciteria, commerciale, per l'invio di altre offerte, per indagini di mercato con il suo consenso esplicito. 

Dichiaro di essere maggiorenne e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell’Informativa Q SI \^\ NO 


Win Magazine 229 - offerta valida fino al 31.032017 


Firma 





















































| Film | 


In vetrina 


OloONtANIMA' 


J 



PETS - VITA DA ANIMALI 
(BLURAY) 

Max è un simpatico cagnolino 
che vive felice con Katie, la sua 
padrona. Un giorno però lei 
rientra a casa con il pelosissimo 
Duke, un enorme cane randagio 
proveniente dal canile del posto. 
Max cerca allora di convincere 
Katia a liberarsi del nuovo 
inquilino. 

Voci: Alessandro Cattelari, Pasquale Petrolo 

Quanto costa:€21,99 



CICOGNE IN MISSIONE 
(BLURAY) 

Le cicogne, che fin dai tempi 
antichi hanno consegnato i 
bambini, adesso invece vengono 
destinate alla spedizione di 
pacchetti contenenti oggetti 
ordinati on-line. Tutto cambia 
quando un bambino spedisce 
una lettera per chiedere loro un 
fratellino. 

Voci: Federico Russo, Alessia Marcuzzi 

Quanto costa: €16,99 



PICCOLO GRANDE EROE 
(DVD) 

Il giovane Yankee Irving non è 
molto bravo a giocare a baseball. 
Nonostante ciò questo sport è 
la sua passione e Babe Ruth, 
giocatore dei NY Yankees, è il suo 
mito. Un giorno però la mazza di 
Babe viene rubata... 

Voci: Manuel Meli, Roberto Stocchi 

Quanto costa: €9,99 



DEEPWOEW 

INFERNO SULL'OCEANO I 


DRAMMATICO 

È il 20 aprile 2010 quando al lar¬ 
go delle coste della Louisiana, nel 
golfo del Messico, si verifica uno 
dei più gravi disastri ambientali 
di tutti i tempi: sulla piattaforma 
petrolifera semisommergibile De- 
epwater Horizon a 1.550 metri di 
profondità avviene una fortissima 
esplosione che crea un inferno di 
fuoco e causa undici vittime oltre 
che lo sversamento di tonnellate 
di greggio direttamente nell'oce¬ 
ano. I 126 lavoratori altamente 
specializzati che si trovano a bor¬ 
do della piattaforma, una volta 
coinvolti in questa catastrofe, si 
trovano pertanto a dover lottare 
per la propria sopravvivenza. A 


prendere in mano la situazione è 
Mike Williams, capo del compar 
to tecnico, che guidando i propri 
uomini cercherà di salvare più 
persone possibile. 

Regia: Peter Berg • Attori: Mark Wahlberg, Kurt 
Russell, John Malkovich, Gina Rodriguez, Dylan O'Brien 
Durata: 97 minuti • Anno: Stati Uniti, 2016 • Pro¬ 
duzione: Eagle Pictures • Sito ufficiale: www. 
deepwaterhorizon.movie 



Cafè Society 


Commedia 

Nella New York degli anni 30 il 
giovane Bobby Dorfman decide 
di lasciare la bottega del padre e di 
andare a Los Angeles, in California, 
sperando di diventare un agente 
cinematografico. Una volta giun¬ 
to sul posto, però,, si innamora di 
Voony, segretaria di suo zio, alla 
quale chiede di sposarlo. Rifiuta¬ 
ta la sua proposta di matrimonio, 
Bobby ritorna a New York, dove 
dirige il night club"Cafè Society". 

Regia: Woody Alien 

Attori: Jesse Eisenberg, Kristen Stewart, Jeannie Berlin, 
Steve Carell, Blake Lively, Parker Posey, Corey Stoll 
Durata: 96 minuti 



I corrotti 

Azione 

Mentre si trovano entrambi nella 
stanza delle prove del loro dipar¬ 
timento di polizia, l'agente Jim 
Stone e il suo collega, il sergen¬ 
te David Waters, scoprono una 
cassaforte nascosta. I due poli¬ 
ziotti decidono di fuggire con il 
suo contenuto ma finiscono ben 
presto per avere a che fare con un 
gigantesco giro di corruzione che 
li obbliga a lottare per salvare la 
loro stessa vita. 

Regia: Alex Brewer, Benjamin Brewer 

Attori: Nicolas Cage, Elijah Wood, Sky Ferreira, Eric 

Heister 

Durata: 92 minuti 



Bastille Day 
Il colpo del secolo 

Azione 

A Parigi nei giorni precedenti 
la ricorrenza della presa della 
Bastiglia l'agente della CIA Sean 
Briar viene incaricato di interro¬ 
gare Michael Mason, un abile 
borseggiatore accusato di aver 
compiuto un attentato in una 
piazza della capitale francese. 
Sean scopre però che i disordini 
causati sono invece un diversivo 
per rapinare la Banca di Francia. 

Regia:JamesWatkins 

Attori: Idris Elba, Richard Madden, Charlotte Le Bon, José 
Garcia, Kelly Reilly, Thierry Godard, Anatol Yusef 
Durata: 90 minuti 


32 Win Magazine 


















| In edicola | 


Edizioni Master 


AMAZON 

PROGRAMMINO 

Tecniche, codici e trucchi per la più 
potente piattaforma Web. Una guida 
pratica per imparare a trasformare il 
nostro sito Web in una filiale del più 
grande negozio del mondo con Amazon 
Associates e a riprogrammare Amazon 
Dash e Raspberry Pi per controllare 
qualsiasi dispositivo! 



amazon 

programming 

Tecniche, codice e trucchi 
per U piti potente piattaforme Web 


viOKMator 

CMBO<S<PM< 


IN EDICOLA 



llllllll 




a 


3 




HI-TECH 2017 


COSI E TUTTO 

GRATIS! 

Servizi, trucchi e guida pratica per avere subito 
a costo zero tutto ciò che (in qui hai pagato 



COSÌ È TUTTO 
GRATIS 

Servizi, trucchi e guida pratica per avere subito 
a costo zero tutto ciò che fin qui hai pagato: 

• Software, giochi e App con codici seriali 

• Telefonate illimitate & messaggi SMS 

• Decoder software per vedere film, partite e 
concerti "live" • Quotidiani e libri digitali da 

sfogliare su tablet e smartphone • Immenso 
hard disk virtuale per scambiare file in 
segreto • Navigatore GPS con mappe 3D 

per non perdere mai la rotta • Traduttore 
istantaneo per parlare qualsiasi lingua 


50 SOFTWARE 
OPEN SOURCE 

che non ti faranno 
rimpiangere 
Windows & MacOSX 

Grafica, multimedia, ufficio, sistema: c'è 
sempre un'alternativa gratuita e libera 
che gli OS proprietari si sognano 

IN EDICOLA 

l * 



min ih 


10 SITI PER 

GUADAGNARE 

DAVVERO! 

Con la nostra guida trasformi 
facilmente il tuo tempo libero 
e le tue passioni in entrate extra 



I QUADERNI DEL BIMBY 

II ricettario tascabile unofficial 
per il robot da cucina più amato 



l Quaderni del 

Bimby 


IN EDICOLA 


V. 


IL CINEMA A CASA TUA 

Un thriller da paura e una 
commedia strappalacrime che 
ti terranno incollato alla TV, in 
edicola a prezzo speciale con 
Idea Web Compiega 1 



Win Magazine 33 




























































W\«tW* 


CAMBIO TELEFONO 

MA WHATSAPF? 

toco corno vaitele te 


*sst»*rgÈ& 

✓»»«*££*$*» rrrT, 




ZggÉSgr 


SCARICA MP ^ 


EDIZION 

MASTER 


non perdere H nuovo numero 


tini 

fjf 

k * l> 1 in 1 

ML 

|]<J 











Magazine © 


L'interfaccia grafica 
del Win CD/DVD-Rom 


La Home dei supporti allegati alla rivista utilizza lo stile grafico 
di Windows 10. Ecco come utilizzare tutte le sezioni disponibili 


Win H DVD DI WIN MAGAZINE 203 (!) 

M 

9 


Antivims&Sicurezza 
Audio&Video 
|^| Giachi 
& Grafica Digitale 
Indispensabili 
Internet 

Masterizzazione 
Mobile 
Office 

Pendrive 
Sistema 

Utilità&Programmazione 

Win 


X 

© 

1 





W 


VSDC Free Video 
Editor 3.0.0.345 


Panda Free Antivirus Lazesoft Recovery 


15 


Suite Home 4,0.1 




Ni 


Nevron Writer2.0 


a a 


Top Trial 


Ashampoo GetBadc 
Photo 1.0.1 


WebSite X5 Home 
11 



Win 


COME USARE IL 
NOSTRO CD/DVD 

Inseriamo il supporto nel let¬ 
tore per avviare automatica- 
mente la nuova interfaccia. In 
alternativa, possiamo avviarla 
da Risorse dei computer, cuc¬ 
cando con il tasto destro del 
mouse sull'unità contenente 
il Win CD/DVD e selezionando 
Apri, facciamo un doppio clic 
sulfile Win_Magazine.exe per 
avviare il caricamento della 
nuova interfaccia. 



UN MONDO DI CONTENUTI 

Cliccando sul logo di Win Magazine (in basso) verrà aperto un 
menu con tutte le categorie del software. Sulla destra verranno 
mostrate le tile con i contenuti principali che guesto mese ti 
abbiamo riservato: Film in DVD Video, Gioco completo, 
Software commerciale e tanto altro. 



LA USTA DEL SOFTWARE 

Accedendo a una particolare categoria, troveremo le icone 
di tutti i software in essa contenuti. Scegliamo il programma 
da installare sul nostro computer e clicchiamo sulla relativa 
icona per aprire una nuova finestra con la descrizione e la 
scheda tecnica. 



OCCHIO AL CODICE SERIALE 

All'interno della scheda tecnica abbiamo previsto anche un 
campo Ser/a/e all'interno del guale verrà inserito (se previsto 
durante la fase di registrazione del softwarre) il codice di 
attivazione del programma: copiamolo [Ctrl+Q e incolliamolo 
nella schermata di registrazione del programma ( Ctrl+V ). 


Win Magazine 35 



















0 Scegli la tua rivista 




Il convertitore 
universale ^ 


La raccolta 
completa di 
codecaudio 
e video che 
funzionano da 
pendrive 




2 REGALI ESCLUSIVI 


I programmi completi scelti 
dalla Redazione per mettere 
in pratica i nostri tutorial 


i Turbo System 

Tool Kit 2017 

Tutti gli strumenti per ripulire, ottimizzare 
e velocizzare il sistema operativo 


Leggi il tutorial a pagina 46 



Non perdere il "Top Game" 
del mese per giocare alla grande 
con il tuo computer 


WIN MAGAZINE 

PLUS 


SPECIALE APP MOBILE 


Spese 

sotto 

controllo 

L'app giusta per 
gestire il budget 
mensile e arrivare 
a fine mese 
senza sforare 



Leggi il tutorial a pagina 66 


Space Q 


ombat 



GIOCO 

COMPLETO 


Missioni nello spazio al comando della flotta 


Un simulatore di combattimenti spaziali in 
modalità single player basato sul motore 
grafico Open Source Irrlicht e sulle librerie 
audio Irrklang. Il gioco comprende ben 11 
stazioni spaziali, 69 missioni, 11 navicelle 
e oltre 120 oggetti differenti (asteroidi, 
spazzatura spaziale, navicelle ecc.). È bene 
tenere presente che il cozzare contro un 
asteroide, così come contro un blocco va¬ 
gante nello spazio, distrugge la navicella 


facendo terminare il gioco, ma possiamo 
sempre salvare il risultato corrente al fine 
di riprendere dal salvataggio e non rico¬ 
minciare da capo ogni volta. Ci sono inol¬ 
tre tre sezioni dedicate all'addestramento. 
Il simulatore permette infatti di migliorare 
le abilità nel pilotare le navicelle, nella ge¬ 
stione delle armi e nell'uso di comandi vari 
imponendo dei vincoli da rispettare per 
portare a termine la missione. 


Ed in più ALTRI 30 SOFTWARE COMPLETI 


36 Win Magazine 













Scegli la tua rivista © 


FILM IN DVD 


WIN MAGAZINE 

DVD 


INCLUDE DVD DA 8,5 GB 


Un DVD doppio con film in DVD, 
Gioco completo, 4 GB di software 
e tanti contenuti extra 



PARADÌi] 


A) 

* 




hmàr I 

1 


~ Ri ALI A 


I sogni diventeranno realtà 

Un paziente psicopatico 
è perseguitato da incubi 
persistenti di un ragazzo che 
aveva sacrificato la propria 
vita per salvare la sorella da un 
rapinatore. Lui crede che non 
avrà pace finché la bambina sarà 
in pericolo, ma l'ospedale in cui è 
rinchiuso non intende liberarlo. 
Con l'aiuto di un paziente riesce 
ad ingannare i medici e soltanto 
dopo aver salvato la bambina 
conoscerà la verità. 


SCHEDA TECNICA 


REGIA: STEVEN GILLIAN 
CAST:DEVEREJEHL, SABRINA 
GENNARINO, JENNIFER CHUDY, TONY 
TSENDEAS, SHELLEY MCPHERSON 
DURATA: 99 MINUTI 


GENERE: THRILLER 
ANNO: USA 2005 


% 


V 


» 


t 


/ 


THE FALL BEFORE 

PARADISE 


Ed in più, oltre ai contenuti presenti nella versione Plus, ALTRI 20 SOFTWARE COMPLETI 


WIN MAGAZINE 

GOLD 


INCLUDE 2 DVD DA 8,5 GB 


Questo mese film "Top Title", 
gioco e 2 software completi 



Ano. R„ 


♦ * r po Kjij 


SCHEDA TECNICA 


’Ev:i. Bis à 


REGIA: MARKATKINS 

CAST: ADAM BALDWIN, UDO KIER, 

JENNIFER GATES, KRISTIN LORENZ, 

MARKSHEPPARD 

DURATA: 90 MINUTI 

GENERE: HORROR 

ANNO:USA 2004 



Ed In più TUTTI I CONTENUTI DELLA VERSIONE DVD 


UN UOMO CON IL POTERE TERRIBILE 
DI CAMBIARE LA VITA 

Il confine tra finzione e verità diventa sempre più 
debole: Jeff Stenn, sceneggiatore professionista, 
viene contattato da un eccentrico produttore per 
scrivere una storia su un serial killer. Lo scrittore 
pianifica cosi un modo del tutto originale e 
terrificante per far morire i propri personaggi, 
ma nel frattempo alcune persone a lui vicino 
muoiono inspiegabilmente, in un modo fin 
troppo simile al mondo appena realizzato... 


[FILM IN DVD VIDEO 


Win Magazine 37 




0 Scegli la tua rivista 



I contenuti che trovi nelle versioni di Win Magazine non ti 
bastano? Ecco per te uno spazio esclusivo pieno di contenuti 
inediti. Scoprilo su www.winmagazine.it/winextra 


SOFTWARE IN REGALO 


C0MMANDER12 

Il software giusto che 
permette di archiviare, 
catalogare e correggere 
tutti i tuoi scatti in digitale 

Richiesta registrazione gratuita on-line 





WINDOWS 10 
PROBLEMA 
RISOLTO 


Il manuale 
segreto delle 
soluzioni alle 
anomalie 
del sistema 
operativo 



Win Extra: accesso rapido! 

La procedura di registrazione, semplice e veloce, ti permette 
di accedere subito ai contenuti esclusivi del nostro club privò 


CODICE DI ACCESSO 

MAR17229WM 

Non perdere la tua copia di Win Magazine in edicola. 

Ogni mese troverai una nuova password per accedere a Win Extra 



Una nuova registrazione 

Collegati al sito www.winmagazine.it/ 
winextra e clicca Registrati, situato in 
alto a destra. Scrivi i tuoi dati personali e un 
Indirizzo e-mail valido; scegli poi un Nome 
utente e una Password e infine premi Invia. 


Cè posta per te! 

Controlla la tua casella di posta elet¬ 
tronica: troverai un'e-mail con il link 
di attivazione del tuo account. Cliccaci sopra 
per completare la registrazione e ritorna nella 
Home Page di Win Extra. Clicca su Accedi. 


Loqin diretto 

Nel form che appare digita Username 
e Password scelti in fase di registrazio¬ 
ne e il codice di accesso di Win Extra che trovi 
in questa pagina. Infine, scegli il numero della 
rivista dal menu a tendina e clicca su Accedi ! 


38 Win Magazine 


























































giì SPECIALI di WIN NIAGAZINE 



gU-ss . - 


sistema 


Magazme 


--... 


SPECIALI 


Win Magale 


EDIZIONI 

master non perdere il nuovo numero 
















Fai da te | Assistenza remota 


Sistema 




Ecco l’app di Windows 10 per 
condividere il desktop con altri 
PC e chiedere aiuto da remoto 



sU ppORT 


rifornì 


mor® 


far 


nere 


Cosa ci 
occorre FACLE 

SISTEMA OPERATIVO 

WINDOWS 
10 HOME 

Quanto costa: € 135,00 
Sito Internet: 

www.microsoft.it 



LEGGI 

ANCHE... 


SuWinMagazine228,a 
pagina 54, trovi la guida 
pratica per creare un DVD 
d'emergenza da usare 
quando Windows non vuo¬ 
le più saperne di avviarsi. 



P roblemi a scaricare la posta elettroni¬ 
ca? Il PC si blocca quando si avvia un 
determinato software o in particolari 
condizioni d’utilizzo? In questi casi si cerca 
sempre l’amico esperto per chiedergli aiuto 
e farsi risolvere il problema. Anche al più 
esperto degli smanettoni, però, viene molto 
difficile trovare una soluzione senza essere 
fisicamente davanti al PC malfunzionante. 
Così di solito, sfruttando particolari tool, la 
persona che deve fornire l'aiuto si connette 
da remoto al computer che ha problemi. Per 
rendere il tutto molto più semplice, nell'ulti¬ 
mo aggiornamento di Windows 10 Microsoft 
ha introdotto l'applicazione Assistenza rapida 
pensata proprio per aiutare le persone a farsi 
assistere da qualcuno quando si verificano 
problemi. Chi quindi ha la fortuna di avere 
l'ultima versione del sistema operativo della 
casa di Redmond può servirsi di questo utile 
strumento senza dover installare altro e sen¬ 
za dover smanettare con porte da aprire sul 
router o servizi di DNS dinamici da attivare. 

Il codice di accesso 

L’app Assistenza rapida è già installata in 
Windows 10 e non si può scaricare dal Win¬ 
dows Store o procurarla su qualche sito Web. 
Usarla è estremamente facile: basta che la 
persona che fornisce assistenza comunichi 
a chi ha problemi un codice per stabilire 
la connessione. Assistenza rapida ha uno 
strumento per prendere note sul desktop 
remoto: in questo modo si potranno indicare 
meglio alcune cose alla persona che si sta 
aiutando. Il tool può essere utile anche a 
chi vuole accedere alle risorse del proprio 
computer quando si trova fuori casa: in que¬ 
sto caso, però, per stabilire la connessione 
è necessario che ci sia sempre qualcuno 
che possa inserire il codice e confermare la 
condivisione dello schermo. 



















Assistenza remota | Fai da te 


Sistema 


«Connessione remota in un clic 

Con la nuova applicazione Assistenza rapida introdotta in Windows 10 diventa molto più semplice e veloce 
accedere a un computer remoto e fornirgli assistenza. Ecco la guida passo passo per usarla al meglio. 



^ L’app a portata di clic 

L'Assistenza rapida è una nuova app di Win¬ 
dows 10 e quindi non può essere installata 
su versioni precedenti. Per usarla clicchiamo sul pul¬ 
sante Start e scorriamo l’elenco delle app fino a tro¬ 
vare la voce Accessori Windows. Clicchiamoci sopra 
e selezioniamo Assistenza rapida. 



^ Ecco il codice di accesso 

Eseguito l’accesso, verrà visualizzato un codi¬ 
ce a 6 cifre. Questo codice andrà comunicato 
alla persona che ha bisogno di assistenza. Lo si può 
inviare per messaggio, per e-mail o anche comuni¬ 
carlo a voce per telefono. È importante fare in fretta 
perché il codice scade dopo 10 minuti. 


Dare o richiedere aiuto? 

Scegliamo tra Richiedi assistenza e Offri 
assistenza. Chi deve consentire l’accesso al 
proprio PC deve scegliere la prima opzione mentre 
la seconda dovrà essere selezionata da chi la deve 
fornire. Quest'ultimo deve inoltre avviare per primo la 
procedura per ottenere il codice di accesso. 


^ Confermare in 10 minuti 

A sua volta la persona che ha bisogno di 
assistenza avvia sul proprio PC l’app Assi¬ 
stenza rapida, ma questa volta seleziona l'opzione 
Richiedi assistenza. Al passo successivo dovrà quin¬ 
di inserire il codice a 6 cifre comunicatogli dalia per¬ 
sona che gli fornirà assistenza e preme il tasto Invia. 


^ Autenticarsi con Microsoft 

Come detto, è la persona che deve offrire 
assistenza che avvia per prima la procedura. 
Per farlo deve cliccare su Offri assistenza. Al passo 
successivo dovrà quindi effettuare l'accesso al pro¬ 
prio account Microsoft inserendo l’indirizzo di posta 
elettronica e la propria password. 


^ Lo schermo è condiviso 

Gli verrà ricordato che serve la sua autoriz¬ 
zazione e gli verrà visualizzato il nome della 
persona che gli fornirà assistenza. Non resta che pre¬ 
mere Consenti e dopo alcuni istanti sul desktop in 
alto comparirà una piccola finestra che notifica l’at¬ 
tivazione della condivisione dello schermo. 



Per i vecchi Windows 

E chi sul proprio computer ha installato una 
versione di Windows precedente alla IO? In 
questi casi non si potrà utilizzare l’app As¬ 
sistenza rapida ma ci si dovrà servire dello 
strumento Desktop Remoto presente in tutte 
le vecchie versioni del sistema operativo. 
Questo tool è molto facile da utilizzare all'in¬ 
terno della stessa rete, ma se si vuole accedere 
dall’esterno la procedura di configurazione 


richiede un po’ di tempo. In compenso ha il 
vantaggio che può essere utilizzato anche da 
uno smartphone e da un tablet che non deve 
per forza avere sistema operativo Windows. 
Microsoft, infatti, ne ha realizzato un’app 
anche per Android e iOS. 

Per molti ma non per tutti 

Anche Desktop Remoto ha delle limita¬ 
zioni: non è disponibile, ad esempio, nelle 


versioni Home di Windows. In questi casi 
le soluzioni sono due: forzare l'abilitazione 
del Desktop Remoto con un piccolo hack 
o servirsi di un programma diverso come 
TeamViewer o Chrome Remote Desktop. 
Nelle pagine seguenti vedremo come con¬ 
figurare e usare ognuna di queste soluzioni 
per consentire a tutti di ricevere assisten¬ 
za o collegarsi al computer di casa anche 
quando si è fuori. ► 


Win Magazine 41 





























O Sistema 


Fai da te | Assistenza remota 


IL PANNELLO DI CONTROLLO PER SBLOCCARE UN PC IN PANNE 

Impariamo a prendere confidenza con gli strumenti messici a disposizione dall'app Assistenza rapida. 



KB AGGIUNGI ANNOTAZIONE 

Permette di accedere al pennarello che serve 
per annotare alcune cose sul desktop del 
computer remoto 

E1 ADATTA SCHERMO 

Adatta il desktop del computer remoto alla 
finestra dell’Assistenza rapida in modo da 
poter visualizzare tutti gli elementi 

E3 RIAVVIA 

Serve per riavviare il computer remoto. 

In alcuni casi, un riavvio del sistema è 
necessario, come ad esempio quando si 
installa qualche app. Dall’altra parte è 
necessario che ci sia qualcuno per effettuare 
il login e fornire nuovamente l’autorizzazione 

El GESTIONE ATTIVITÀ 

Apre lo strumento Gestione attività sul PC 
remoto per visualizzare tutti i processi attivi 
in background in questo momento 

El SOSPENDI 

Serve a interrompere momentaneamente la 
condivisione dello schermo. Per ristabilirla 
sarà sufficiente premere su Riprendi 

El TERMINA 

Interrompe la condivisione dello schermo 
e consente al proprietario del PC remoto di 
riprendere il controllo del sistema 

E2 DIDASCALIE 

Cuccando sul pulsante con i tre punti è 
possibile visualizzare o nascondere le 
voci dei vari tasti presenti nella finestra di 
Assistenza rapida 


Pronti a dare assistenza 


Messi in comunicazione i due sistemi, da un qualsiasi computer con Windows 10 connesso a Internet possiamo 
ora lavorare sul PC remoto per accedere alle sue risorse o risolvere eventualmente i problemi presenti. 



^ Regoliamo la vista 

Attivata la condivisione dello schermo, rego¬ 
liamo la dimensione della finestra di Assi¬ 
stenza rapida e clicchiamo sul pulsante Adatta 
schermo : in questo modo il desktop sarà adattato 
alla finestra per visualizzare tutti gli elementi. Di con¬ 
seguenza saranno modificate anche le proporzioni. 


^ Iniziamo l’assistenza 

Ora possiamo lavorare sul PC remoto come 
se ci trovassimo fisicamente davanti al 
monitor. Per aiutare la persona che si trova dall’al¬ 
tra parte potrebbe essere utile annotargli qualcosa 
sul desktop. Per farlo clicchiamo sul tasto Aggiungi 
annotazione per accedere allo strumento pennarello. 


^ Prendiamo nota 

Cliccando sull'icona del pennarello scegliamo 
il colore da usare per le annotazioni. Non è 
però possibile scegliere la larghezza del tratto. Clic¬ 
cando sulla Gomma verranno cancellate tutte le 
annotazioni. Quando abbiamo terminato l’assisten¬ 
za, basterà cliccare sul tasto Termina. 


42 Win Magazine 

















Assistenza remota | Fai da te 


Sistema 


^Assistenza per vecchi PC 

Se si possiede un computer con una versione di Windows precedente alla 10, gli si può 
fornire assistenza usando la funzione Desktop Remoto. Ecco come configurare il PC da assistere. 


Crea una password per F Account 

Cada 

it U pw cr d <o<Wn« girti ile»t*nn« unii dyfHt comatafc • Ofn K(MO 


Ot« pill l HI< | A/» stk» 


^ Impostiamo la password 

Per prima cosa è necessario controllare che l’utente abbia 
protetto l'accesso al computer con una password. Occor¬ 
re andare in Pannello di controllo/Account utente e protezione 
famiglia/Account utente ed eventualmente impostare una password 
sicura per l’utente in questione. 



Chi può accedere? 

Clicchiamo Seleziona utenti per scegliere gli utenti che 
potranno connettersi da remoto al PC. Quelli che sono confi¬ 
gurati con i privilegi di amministratore hanno già diritto all’accesso. 
Possiamo però concedere l'accesso anche a quelli senza privilegi 
cliccando su Aggiungi. 



Configurare il router 

Per raggiungere il PC dall'esterno è necessario configurare 
il port forwarding sul router in modo che le connessioni che 
arrivano sulla porta TCP/IP3389 siano reindirizzate sul proprio IP. La 
configurazione del router dipende dal modello e ci si dovrà affidare 
al manuale operativo. 



^ Abilitiamo l’assistenza remota 

Fatto ciò, andiamo nel menu Start, clicchiamo col tasto 
destro su Computere selezioniamo Proprietà. Dal pannello 
di sinistra clicchiamo quindi su Impostazioni di connessione remo¬ 
ta e assicuriamoci che sia spuntata la voce Consenti connessioni di 
Assistenza remota al computer. 



Meglio attivare il firewall 

Ora da Pannello di controllo/Sistema e sicurezza/Windows 
Firewall occorre cliccare su Consenti programma o funzio¬ 
nalità con Windows Firewall e controllare che il Desktop remoto sia 
abilitato: in caso contrario abilitarlo mettendo la spunta e salvando 
le nuove impostazioni. 


{£not> 


Accesso Remoto Facile 


^ Iscriviamoci ad un server DNS 

Se il proprio provider Internet non fornisce un indirizzo IP fis¬ 
so, per consentire di raggiungere il PC da remoto occorre¬ 
rà appoggiarsi a uno dei tanti servizi DDNS come No-IP (www.noip. 
com/it-IT) che consente di avere un indirizzo univoco per connettersi 
dall’esterno alla rete di casa. 




NON SOLO HOME 

Il Desktop remoto è 
una caratteristica non 
presente nelle versioni 
Home di Windows. È 
possibile comunque 
aggiungerla anche a 
queste versioni con un 
piccolo hack. Si tratta 
di RDPWrappercheè 
possibile scaricare da 
https://github.com/ 
stascorp/rdpwrap/. Lo 
script deve essere av¬ 
viato con idiritti di Am¬ 
ministratore altrimenti 
non verrà installato 
correttamente. 

QUAL È IL MIO IP? 

Per configurare il port 
forwarding sul router 
è necessario conoscere 
TIP con quale il proprio 
PC è connesso alla rete 
di casa. Per farlo sarà 
sufficiente avviare il 
Prompt dei comandi, 
digitare il comando 
ipconfig e premere In¬ 
vio. Per conoscere inve¬ 
ce TIP col quale il router 
è connesso a Internet 
basterà visitare il sito 
www.whatismyip.com/ 
it. Naturalmente questo 
IP potrebbe cambiare 
se il provider ne fornisse 
uno dinamico. In questo 
casosi dovrà utilizzare 
un servizio DDNS per 
consentire comunque 
l'accesso da remoto. 


► 


Win Magazine 43 













































O Sistema 


Fai da te | Assistenza remota 



SEMPRE ATTIVO 

Per potersi connettere 
da remoto al PC di 
casa questo non deve 
trovarsi in uno stato di 
sospensione o iberna¬ 
zione. Dobbiamo quindi 
assicurarci che sul com¬ 
puter remoto queste 
due modalità siano im¬ 
postate su Ma/andando 
nelle impostazioni del 
risparmio energetico. 

NELLA STESSA LAN 

Se ci si deve connettere 
a un PC presente nella 
stessa rete locale, la 
procedura è molto più 
semplice perché non 
deve essere configurato 
alcun servizio DDNS. 
Basterà immettere TIP 
locale del computer 
remoto per stabilire la 
connessione. 


Colleghiamoci da remoto 

Scopriamo adesso tutti i modi per collegarsi al vecchio computer di casa sfruttando la funzione 
di Desktop Remoto. Per farlo possiamo usare un PC ma anche uno smartphone con l’app giusta. 


> Accatson * 


1 Attività incili 


Blocco noe* 

Calcolane « 

ci) Cantre cmcronizzM»cn« 

: -»r*s;»er« a un proattor* di rttt 

Carla 

^3 Comasstona 0«<top ramotc 


■ Corniti ad un preMtter* 
lS È*«gui 

Immagini 

Esplora ritorta 

4Ì 

Melica 

Pannalo input panna «pftssiom m. ì 

_sa_- 

Coir potar 



^ Il vecchio metodo 

Ci si può collegare in diversi modi sfruttando la funzione 
Desktop Remoto. Il primo consiste nell’usare lo strumen¬ 
to presente anche sui vecchi sistemi. Dal menu Start/Programmi/ 
Accessori clicchiamo su Connessione Desktop Remoto per avviare 
l'applicazione che ci serve. 


^ Inseriamo le credenziali 

In Computer immettiamo IIP del router (nel caso in cui il pro¬ 
vider fornisca un IP fisso) o l'indirizzo del servizio DDNS che 
si è scelto di usare. In Nome utente indichiamo l'account con cui ci 
si vuole connettere e che deve essere stato abilitato come visto nei 
passi precedenti. 



^ Occhio alle impostazioni 

Prima di connetterci, in Visualizza impostiamo la risoluzio¬ 
ne con cui lavorare. In Risorse locali , si possono gestire le 
impostazioni audio, la stampante e le combinazioni da tastiera. In 
Prestazioni, infine, si può scegliere la velocità di connessione per 
ottimizzare le prestazioni. 


^ Colleglliamoci al PC remoto 

Basta ora cliccare su Connetti per stabilire la connessione al 
PC remoto. Non resta che immettere la password per l’uten¬ 
te (Passo CI) e dopo alcuni istanti ci si troverà sul desktop dell’altro 
PC. La finestra potrà essere ridotta per lavorare contemporaneamen¬ 
te in remoto e in locale. 




^ Connessione da Windows 10 

Se ci si connette da Windows 10 è possibile utilizzare l’app 
Remote Desktop scaricabile dal Windows Stare. Basterà clic¬ 
care sul pulsante +, selezionare Desktop e inserire gli stessi dati del 
PC remoto usati precedentemente, ovvero IIP (o il DDNS) e il nome 
utente con la password. 



^ Operazioni remote anche in mobilità 

È possibile collegarsi da remoto al PC di casa anche da 
smartphone o tablet. Per farlo basta usare l'app Remote 
Desktop che Microsoft ha reso disponibile non solo per i suoi devi¬ 
ce, ma anche per Android e iOS. La si può scaricare rispettivamente 
dal Play Stare e dall’App Stare. 


44 Win Magazine 































Assistenza remota | Fai da te 


Sistema 


Ecco la soluzione alternativa 


Se troviamo complicati gli strumenti messi a disposizione da Windows, possiamo collegarci a un computer 
remoto sfruttando Teamviewer, un piccolo tool compatibile con tutte le piattaforme. 


Teamviewer 


Team Vi 

è arrivai 

■ .. 


— 



Scanoa TaamV 

keaMT 


^ Procuriamoci il programma 

Scarichiamo gratuitamente TeamViewer da 
Win Extra. Al momento dell’installazione si 
può scegliere tra una serie di opzioni come ad esem¬ 
pio awiarlo soltanto senza installarlo. Deve essere 
comunque avviato su entrambi i dispositivi: è dispo¬ 
nibile anche per smartphone e tablet. 



^ Il proprio identificativo 

Una volta avviato, sulla sinistra verrà visualiz¬ 
zato l’ID e la Password che dovranno essere 
comunicate al PC dal quale ci si vorrà connettere. 
Andando in Extra/Opzioni è possibile anche Impo¬ 
stare una password personale e abilitare l’avvio auto¬ 
matico con Windows. 


r 



^ Stabilire la connessione 

Avviamo TeamViewer dal PC dal quale ci si 
vuole collegare. In ID interlocutore inseriamo 
l’ID del PC remoto e clicchiamo Collegamento con 
l’interlocutore. Inseriamo la Password e clicchiamo 
Accedi. Pochi istanti e si potrà lavorare sul PC remo¬ 
to come se fossimo davanti lo schermo. 


@ Accesso anche via Chiome 

Possiamo collegarci a un computer remoto anche attraverso il browser di Google usando l’estensione Chrome 
Remote Desktop. Vediamo come mettere in pratica anche questa utile soluzione. 



0»#J al rnp'Moto M compì/* a *\*e» KC«dn d ter* ck tu 
C *n6n4T « ferrarti I co4c« 4 KC*IK 


Co 4«c» éà mx9%*> W486&272$ 



^ Prepariamo il browser 

Avviamo Chrome, andiamo nel Chrome Web 
Store e cerchiamo l’applicazione Chrome 
Remote Desktop. Per installarla sarà sufficiente clic¬ 
care Aggiungi e poi confermare. La procedura deve 
essere ripetuta su entrambi i PC. Avviamo quindi l'app 
sul PC remoto e concediamo i permessi. 


^ Procurarsi il codice 

Selezioniamo Assistenza remota e clicchiamo 
Condividi per installare il programma host. Ver¬ 
rà visualizzato un codice a 12 cifre che dovrà essere 
usato per la connessione da remoto. Andiamo sull’al¬ 
tro PC, avviamo l’app e sempre in Assistenza remota 
clicchiamo sul tasto Accesso. 


^ Il controllo è totale 

Inseriamo il Codice di accesso e premiamo 
Connessione. Sull’altro PC verrà visualizzata 
una finestra nella quale cliccare Condividi per stabilire 
la connessione. Una volta eseguito l'accesso, visualiz¬ 
zeremo il desktop dell'altro computer. Al termine clic¬ 
chiamo su Disconnetti. u 


Win Magazine 45 










































O Sistema 


Fai da te | Trasforma il tuo Windows 


my Windows 
gratis! 

Trasforma in un clic il tuo sistema operativo in una 
versione leggera, scattante e a prova di crash! 


Cosa ci 
occorre 

TOOL DI 

OTTIMIZZAZIONE 

MYWINDOWS 

Lo trovi si : rfCD ✓DVD 

€35—E) 

Sito Internet: 

www.winmagazine.it 
Note Tutti i software 
inclusi in myWindows 
li trovi nella sezione 
Speciali/Turbo 
System Toolkit del 
Win CD/DVD-Rom 


N egli anni Windows è diventato un vero e 
proprio ecosistema software capace di 
offrire tutti gli strumenti necessari per 
utilizzare il computer in qualsiasi ambito, dalla 
programmazione alla produttività d’ufficio, 
passando per l'intrattenimento ludico e mul¬ 
timediale. Proprio questa sua usabilità a tutto 
tondo, però, in alcuni casi può diventare il suo 
principale difetto. In Windows 10, ad esempio, 
vengono preinstallate numerose applicazioni 
di cui a volte ignoriamo finanche l’esistenza. 
Certo, alcuni utenti troveranno utilissima l’app 
Meteo, mentre altri non potranno fare a meno 
dell’aggregatore di notizie finanziarie Money. 
Ma che dire dell’app 3D Builder? Tutti gli utenti 
che non hanno alcun interesse per la grafica 
tridimensionale semplicemente non sapran¬ 
no che farsene. Ciononostante l’app fa bella 


mostra di sé nel menu Start insieme a tante 
altre, contribuendo a rendere pachidermiche 
le dimensioni del sistema operativo: per l'in¬ 
stallazione di Windows 10 a 64 bit, ad esempio, 
vengono richiesti almeno 20 gigabyte di spazio 
sul disco rigido. Va bene l’usabilità, ma perché 
sacrificare prezioso spazio di archiviazione che 
potremmo dedicare ai nostri file per fare spa¬ 
zio a strumenti che nella migliore delle ipotesi 
neanche avvieremo mai? 

Un sistema su misura 

Per dare una risposta a questa domanda ab¬ 
biamo preparato una guida pratica che ci 
consentirà di personalizzare la nostra copia 
di Windows creandone una versione molto 
più leggera e scattante: una sorta di Windows 
Personal Edition. Nei vari tutorial scopriremo 


innanzitutto come disinstallare le app inuti¬ 
li e, di conseguenza, guadagnare spazio su 
hard disk e GHz di potenza extra eliminando 
processi brucia risorse. Impareremo quindi a 
deframmentare il registro di configurazione 
per fare in modo che Windows abbia una mag¬ 
giore reattività ai nostri comandi e a installare 
un nuovo disco SSD e RAM aggiuntiva per 
rendere il PC 400% più veloce. Vedremo poi 
come amplificare e stabilizzare il segnale Wi-Fi 
truccando il router e il browser. Infine entre¬ 
remo nei menu nascosti del sistema operativo 
e delle principali applicazioni per attivare le 
funzioni non documentate e rendere il nostro 
OS davvero più veloce, ottimizzato e a prova di 
crash. Al termine ciascuno di noi potrà davvero 
dire di avere un "suo Windows" installato sul 
computer! 


IL SOFTWARE MAGICO PER PERSONALIZZARE WINDOWS 


Ecco tutti i software integrati nel toolkit myWindows (lo trovi nella sezione Speciali/Turbo System Toolkit2017) 
che ci permettono di ripulire, ottimizzare e velocizzare la nostra copia del sistema operativo. 



ASHAMPOO WINOPTIMIZER12 

Ottimizza il sistema e risolve qualsiasi 
problema hardware e software in un clic 

CCLEANER 5.26.5937 

Ripulisce a fondo il computer da file 
inutili e obsoleti 

REVO UNINSTALLER 
2.02 PORTABLE 

Un tool per rimuovere qualsiasi 
software senza lasciare tracce 
sull'hard disk 

HDDCONTROL2 

Si prende cura del disco rigi¬ 
do grazie a diversi tool che 
si occupano di monitorarlo, 
pulirlo e deframmentarlo 

10APPSMANAGER 

Un tool utile che permette 
di eliminare facilmente le 
app superflue preinstallate in 
Windows 10 


FILEHIPPO APP MANAGER 2.0N4 

Un tool indispensabile per tenere applicazio¬ 
ni e programmi sempre aggiornati 

SG TCP OPTIMIZER 4.0 

Basta un clic per ottimizzare il protocollo 
TCP e guadagnare in velocità su Internet 

DNSJUMPER2.0 

Il modo più semplice per cambiare server 
DNS impostandoli con un clic del mouse 

EKAHAU HEATMAPPER 

Permette di mappare la copertura della rete 
Wi-Fi per ottimizzare la connessione 
a Internet 

ACRYLICWIFI HOME 3.1.6 

Connessione wireless lenta? Ecco il tool 
per gestire al meglio le connessioni 

GOOGLE CHROME CLEANUP TOOL 

Un indispensabile remover "1-clic" per 
eliminare i programmi sospetti dal browser 
di Big G 


NETSPOT 1.0.0.334 

Analizza e risolvi i problemi di segnale 
della tua rete Wi-Fi 

AVAST! BROWSER CLEANUP 12 

Ripristina il tuo browser al suo stato iniziale 
per ripulirlo di tutto il superfluo 

ANVI BROWSER REPAIRTOOL 2.0 

Basta un clic per ripristinare e riparare 
le impostazioni del browser 

THEGREATSUSPENDER 
FOR CHROME 6.21 

Un add-on per recuperare preziose risorse 
di sistema ottimizzando l'uso della memoria 
da parte del browser 

TEST PILOT PER FIREFOX 

Gestisci al meglio la cronologia, i segnalibri 
e velocizza la ricerca di contenuti sul Web 

FIREFOXTASK MANAGER 

Controlla quanta memoria viene utilizzata 
dalle schede aperte nel browser 






Trasforma il tuo Windows | Fai da te 


Sistema 


ALLEGGERIAMO LA NOSTRA COPIA DI WINDOWS 


ALL 

Da sempre le ver- 
1 sioni del sistema 
operativo Microsoft 
integrano piccoli software 
che, secondo le intenzioni 
degli sviluppatori, dovreb¬ 
bero migliorarne l'usabilità: 
Windows Media Player, la cal¬ 
colatrice, il calendario, Paint, 
il Blocco Note... alcune sono 
utili, altre decisamente me¬ 
no. In genere, comunque, tut¬ 
te queste applicazioni sono 
poco invasive e non rubano 


preziose risorse di sistema. 
Le cose sono però cambiate 
con l'arrivo di Windows 10: 
l'ultima versione del siste¬ 
ma operativo, infatti, integra 
decine di app che occupano 
spazio inutilmente e che il 
più delle volte servono solo 
a indirizzare l'utente verso 
servizi a pagamento offerti 
da Microsoft. E come se non 
bastasse, sono anche difficili 
da rimuovere: per alcune ba¬ 
sta selezionarne il nome nel 


menu Start col tasto destro 
del mouse e cliccare sulla vo¬ 
ce Disinstalla che appare nel 
menu contestuale. In altri ca¬ 
si, invece, occorre intervenire 
direttamente nei file di con¬ 
figurazione di Windows, col 
rischio di combinare qualche 
pasticcio e rendere instabile 
tutto il sistema. Così come 
potrebbe essere problema¬ 
tico eventualmente ripri¬ 
stinarle qualora non fosse 
possibile farlo direttamente 


dallo Store di Windows 10. 
Dobbiamo quindi tenercele 
nostro malgrado e rinun¬ 
ciare a rendere più leggera 
la nostra copia del sistema 
operativo e a liberare pre¬ 
zioso spazio di archiviazione 
sull'hard disk? Ovviamente 
no! Grazie al tool 10AppsMa- 
nager integrato nel nostro 
myWindows possiamo ri¬ 
muoverle e ripristinarle con 
un solo clic del mouse. Ve¬ 
diamo come. 


Disinstalliamo le app inutili integrate nel sistema operativo 


- 

—— • 

4 OMMO # 

* » 

ZI* 

■ 

1 f _ 



1 Scarichiamo da Win Extra l'archivio compresso 10amW10.zip : 

scompattiamolo sul Desktop, accediamo alla cartella TOAppsMa- 
nagerv2 creata automaticamente ed eseguiamo il file WAppsMa- 
nager.exe contenuto al suo interno: il tool è in versione portable e 
funziona quindi senza installazione. 


g| Il II KH 

ac Builder Alarmi Calculotor Cane?» Food Gel Office Gel Skype 




èo<3 MklWOft 

(Set Su Health caienoo Mapi Messaging andSkype win 

□ h~ 3 q 

Mone/ ****'£ ** Ar*y©« W#rn to Unirai*! th<s «pp ’ 



co!^.on Pfrotos fteadcr Scao Solitale Scora 


2 Nella schermata che appare selezioniamo l'applicazione in¬ 
tegrata in Windows 10 che vogliamo rimuovere, clicchiamo 
sulla sua icona e rispondiamo Sfalla richiesta di rimozione. Per 
ripristinare le app cancellate, invece, basta cliccare Reinstalle 
attendere il completamento della procedura. 


LA LASCIO 0 LA CANCELLO? SELEZIONE RAGIONATA DELLE APP DI WINDOWS 10 


Permette di creare, visualizzare e stampare modelli 3D. 

Se non ci interessa e se, soprattutto, non abbiamo una 
stampante 3D, possiamo disinstallarla. 

Permette di visualizzare film e programmi televisivi, 
ma in circolazione si trovano player multimediali più 
efficienti, come l'ottimo VLC. Inoltre, il suo scopo è quello 
di farci acquistare contenuti dalla piattaforma Microsoft. 

Rimuoviamola senza problemi. 

È l'assistente vocale di Windows 10: la sua integrazione col 
sistema operativo è tale che, se non abbiamo un microfono 
e non ci interessa usarlo, possiamo soltanto disattivarlo 
diccando nel campo Chiedimi qualcosa della barra delle 
applicazioni, poi su Impostazioni e impostando su No le 
voci relative. 

OTTIENI ^ c ^ e un a PP' è un collegamento a Internet che permette 
______ di scaricare una versione di prova della suite Office 360. 

Possiamo di certo cancellarlo. 

Offre un servizio del tutto analogo a Google Mappe o alle 
MAPPE mappe di Apple. Se abbiamo un computer desktop o un 
notebook, possiamo senz'altro disinstallare l'app. 


3D BUILDER 


FILMS&TV 


CORTANA 


SOLITARIO 

È la versione aggiornata del classico gioco Microsoft. Su 
Windows 10 è ancora gratuita, ma visualizza annunci 
pubblicitari. Possiamo disinstallarla? Dipende da 
quanto siamo nostalgici! 

GROOVE 

MUSIC 

Al pari di Spotify, permette di acquistare e ascoltare musica 
in streaming. Come player non è granché e può essere 
benissimo sostituito da Windows Media Player. Se non 
scarichiamo MP3 da Internet, possiamo disinstallarla. 

XBOX 

Crea statistiche di gioco per i nostri videogame preferiti 
e offre una chat per chiacchierare con altri appassionati. 

Serve, inoltre, per interfacciarsi con la Xbox: se non siamo 
dei giocatori incalliti e non abbiamo la console, possiamo 
disinstallarla. 

MONEY 

È un aggregatore di notizie prevenienti dal mondo della 
finanza. Se non siamo interessati all'argomento risulta del 
tutto superflua e possiamo disinstallarla senza problemi. 

SPORT 

Raccoglie notizie sportive da tutto il mondo con tanto di 
aggiornamenti in tempo reale. Se prefriamo poltrire sul 
nostro divano di casa, possiamo disinstallarla! 



Win Magazine 47 

























O Sistema 


Fai da te | Trasforma il tuo Windows 


Z Ripuliamo il sistema operativo 

Con CCleaner (incluso nel nostro myWindows) possiamo correggere ali errori del registro di sistema 
e “alleggerire’* il disco rigido eliminando i file temporanei e disinstalfando i software non più utilizzati. 



^ Ripuliamo il sistema 

La versione di CCleaner integrata nel nostro 
myWindows non necessita di installazione. 
Avviamolo e spostiamoci nella sezione Pulizia. Cuc¬ 
cando Analizza e poi Avvia pulizia il programma 
svuoterà la cache dei browser, i file temporanei di 
sistema e delle più importanti applicazioni. 



^ Correggiamo il registro 

Per verificare se ci sono problemi all’inter¬ 
no del registro di Windows ed eventualmente 
correggerli con CCleaner, facciamo clic sul pulsante 
Registro nell'elenco a sinistra. Fatto ciò, clicchiamo 
su Ripara selezionati... in basso a destra per cor¬ 
reggere gli errori trovati dal programma. 



^ Disinstallazione sicura 

Con CCleaner possiamo effettuare disin¬ 
stallazioni sicure anche dei programmi che 
il Pannello di Controllo non elenca. Per avviare la 
scansione dei software installati clicchiamo su Stru¬ 
menti e poi su Disinstallazione. Selezioniamo i pro¬ 
grammi da disinstallare e premiamo Disinstalla. 


fi Più veloci con un solo clic! 

Grazie ad Ashampoo WinOptimizer, integrato nel nostro myWindows, potremo effettuare un’analisi del sistema 
e ottimizzarlo automaticamente per renderlo scattante e davvero a prova di crash. Vediamo in che modo. 



^ Via con l’installazione 

Eseguiamo il file EXE che troviamo nell’archi¬ 
vio Win0ptimizer12.zip. Quando richiesto, 
clicchiamo Ottieni una chiave di attivazione gratuita. 
Verremo reindirizzato sul sito del produttore: digitiamo 
un indirizzo e-mail valido e clicchiamo Richiedi chiave 
per versione completa. 



v/ 


^ Ecco il codice seriale! 

Completiamo la registrazione cliccando sul 
link contenuto nell'e-mail ricevuta da Asham¬ 
poo. Copiamo [Ctri+C] il codice di attivazione, tornia¬ 
mo alla proceduta d’installazione e clicchiamo Copia 
dagli Appunti, confermando con Attiva ora. Quindi 
proseguiamo cliccando Avanti. 



^. Ottimizzazione con un clic 

Attendiamo il termine della procedura e avvia¬ 
mo la pulizia automatica del sistema cliccando 
sull’icona Ottimizzatore a 1 clic sul Desktop. Assicu¬ 
riamoci che sia abilitata l’opzione Fai la scansione e 
elimina solo dopo conferma. Al termine dell'analisi, 
clicchiamo Elimina Ora. 


48 Win Magazine 

















































































Trasforma il tuo Windows | Fai da te 


Sistema 


li Guadagnare GHz di potenza extra 

Ecco le configurazioni avanzate per eliminare i processi brucia risorse, deframmentare il registro di configurazione 
di Windows e ottimizzare l’intero sistema operativo. 


SERVIZI INUTILI? ECCO COME DISATTIVARLI 

All'avvio del PC oltre a Windows 
vengono avviati numerosi servi¬ 
zi la cui esecuzione può ridurre 
le prestazioni del sistema. Con il 
modulo Gestione servizi di Win- 
Optimizer (che trovi nel nostro kit 
myWindows) possiamo disabilitare 
quelli non indispensabili. Il modulo 
fornisce informazioni aggiuntive 
su ogni servizio, che è classificato con un punteggio attribuito dalla comunità 
di utenti di WinOptimizer. Nella sezione Migliora prestazioni avviamo il 
servizio Gestione servizi. Per ogni servizio presente nella lista clicchiamo 
su Dettagli. Se il servizio non è necessario, clicchiamo su Arresta per termi¬ 
narlo. Impostiamo poi il Tipo di Avvio su Disattiva. Ricordiamo, però, che 
terminare servizi di sistema o indispensabili può causare malfunzionamenti 
del PC anche gravi. Ponderiamo attentamente, tramite i punteggi attribuiti 
e i dettagli aggiuntivi, se eliminare o meno un servizio presente nella lista. 



COSI SBLOCCHIAMOI PROCESSI CHE 
RALLENTANO WINDOWS 

Quando chiudiamo un'applica¬ 
zione a volte può succedere che 
alcuni processi in esecuzione nel 
sistema non vengano terminati 
correttamente, continuando così 
a consumare risorse e rallentare 
l'intero sistema. Con il modulo 
Gestione processi di Ashampoo 
WinOptimizer possiamo visualizzare l'elenco di quelli attivi ed even¬ 
tualmente terminarli. Facciamo clic sulla voce Gestione processi e 
scorriamo la lista dei task avviati. Se rileviamo un processo sospetto 
o un programma che non risponde, possiamo terminarlo diccando 
sul tasto Fine processo in alto. Possiamo anche ottenere informa¬ 
zioni sul processo, selezionandolo e diccando sul pulsante Dettagli. 



SOLO APPLICAZIONI UTILI 

Avviando Windows vengono attivati anche 
numerosi servizi ed eseguite applicazioni che 
possono rallentare il PC. Così come per i servizi, 
WinOptimizer 12 integra il modulo Sintonizza 
Avvio che consente di gestire i programmi 
caricati all'avvio. Il modulo prevede l'attribu¬ 
zione di un punteggio on-line per ogni voce 
presente nell'elenco .Cicchiamo Sintonizza 
Avvio, selezioniamo un elemento indeside¬ 
rato dalla lista e clicchiamoci sopra col tasto 
destro del mouse. Scegliamo Disattiva : in 
questo modo il sistema escluderà il software al 
riavvio e impiegherà meno tempo ad avviarsi. 
Possiamo anche eliminare definitivamente la 
voce dall'elenco diccando sul tasto Elimina. 


ORDINE NEL REGISTRO 

Il registro di sistema rappresenta, in un certo senso, 
il cuore di Windows. Pertanto, quando non è in 
"perfetta forma" può rallentare considerevolmente 
le prestazioni del computer. A questo scopo Win¬ 
Optimizer 12 implementa un modulo Ottimizza 
Registro che analizza il registro di sistema alla 
ricerca di voci superflue o chiavi corrotte e le eli¬ 
mina automaticamente. Per avviarlo clicchiamo 
sulla voce corrispondente nella lista dei moduli. 
Se il sistema rileva 
problemi, al termi¬ 
ne della scansione 
clicchiamo Elimina 
ora. In via precau¬ 
zionale verrà creato 
anche un backup 
del registro. 


DEFRAMMENTIAMO 
IL REGISTRO 

Per accelerare 
l'apertura dei pro¬ 
grammi installati e 
diminuire il tempo 
di avvio del sistema, 
ottimizziamo il registro di Windows. Basta 
avviare l' Ottimizzatore a 1 clic dalla sezione 
Moduli/Manutenzione sistema e attendere 
il termine della procedura. Assicuriamoci, però, 
che l'operazione sia abilitata. Per verificarlo, 
dalla schermata principale deW Ottimizzatore 
a 1 clic, accediamo alla scheda Opzioni e 
verifichiamo che la casella Esegui Ottimizza 
registro sia spuntata. 




TENIAMO D'OCCHIO I SOFTWARE INSTALLATI 

Quando disinstalliamo un software non sempre la procedura viene completa¬ 
ta correttamente. Può capitare che rimangano, nell'elenco delle applicazioni 
installate, voci ad esso relative. Per risolvere questo problema affidiamoci 
al modulo Gestione disinstallazioni di Ashampoo WinOptimizer, che 
visualizza un elenco di tutte le applicazioni presenti nel computer consen¬ 
tendo sia di disinstallare i programmi, 
sia di eliminare le voci corrotte. Avviamo 
il modulo Gestione disinstallazioni, 
scegliamo l'applicazione da eliminare e 
clicchiamo Disinstalla applicazione. 
Se dopo aver rimosso il programma la 
voce rimane in elenco, selezioniamola e 
clicchiamo Elimina voce. 



UNA BELLA MESSA A PUNTO 


Per utilizzarealmeglioWindows è necessario abilitare o meno alcune 
funzionaWth.CWcchiamo Messa a Punto nella sezione Personal izza 
Windows e impostiamo! campi nelle varie sezioni. Possiamo abilitare 
l'accesso automatico al sistema senza dover inserire una password, 
spuntando Rendi automatico l'accesso di questo utente all'avvio 
di Windows e digitando negli appositi cam¬ 
pi il Nome utente account e la Password. 

Oppure, in Esplora risorse, disabilitiamo il 
controllo utente agendo sulla casella Usa 
il Controllo dell'account utente (UAC). 

Al termine clicchiamo Applica e riavviamo. 





Win Magazine 49 



































O Sistema 


Fai da te | Trasforma il tuo Windows 



^ Ottimizziamo l’hard disk 


DEFRAMMENTARE: 
QUALE MODALITÀ 
SCEGLIERE? 


Ashampoo HDD Control 
2 mette a disposizione 
diverse strategie di 
deframmentazione 
che, aperta la scheda 
Defrag, è possibile sele¬ 
zionare diccando sulla 
freccetta a destra del 
pulsante Inizia Defram¬ 
mentazione. Possiamo 
scegliere tra la Defram¬ 
mentazione Intelligen¬ 
te (deframmenta tutti i 
possibili file e li sposta 
nella migliore posizione 
su disco per garantire 
un accesso veloce), la 
Deframmentazione Ve¬ 
loce (deframmenta tutti 
i file senza spostarli) e 
la Deframmentazione 
Normale (deframmenta 
e sposta tutti i file). 


QUANTO SPAZIO 
OCCUPA? 

A furia di salvare do¬ 
cumenti, video, foto 
e di scaricare file da 
Internet lo spazio su 
disco rigido si esaurisce 
in fretta. Spesso non 
ci rendiamo neanche 
conto di quanto spazio 
occupino alcune cartelle 
che magari conten¬ 
gono file che usiamo 
raramente. Peravere 
la situazione sotto 
controllo, in Ashampoo 
HDD Control 2 andiamo 
nella scheda Analisi, se¬ 
lezioniamo dal menu a 
tendina l'hard disk ola 
partizione da analizzare 
e premiamo Inizia. Nel 
report grafico generato 
visualizzeremo lo spazio 
su hard disk occupato 
da singoli file e cartelle. 
Perfiltrare i risultati 
non dobbiamo fare 
altro che scegliere una 
categoria di file (ad 
esempio Video files) dal 
menu a tendina Mostra. 


Con HDD Control 2, compreso nel nostro myWindows, proteggiamo il disco da rallentamenti 
e blocchi di sistema. Vediamo come ripulirne la cache e cancellare tutta la zavorra di Windows. 



la tua chiave di licenza 


C«CMd*cAAeou* 


Ottieni una duave di attivazione gratuita 


Richiedi la licenza per versione completa gratuita 


'pmw) Mwln » <* —■» a tww 

tm l*«m pdvk a nriM . •* (M pm MMaptad «OO Cani al i 



^ Attiviamo la licenza 

Eseguiamo il file ashampoo_hdd_control_2_2.1.0_ 15508. 
exe (sezione Speciali/Turbo System Toolkit 2017 del Win 
CD/DVD), selezioniamo Italiano e confermiamo con OK. Premiamo 
Accetto e procedo, quindi clicchiamo sul pulsante Ottieni una chia¬ 
ve di attivazione gratuita. 



^ Programma attivato! 

Clicchiamo Attiva orai, Avanti e terminiamo con Fine. Avvia¬ 
mo il programma e nella schermata della versione Premium 
premiamo No Grazie. Nella scheda Monitoraggio selezioniamo un 
hard disk: in basso troveremo tre indicatori (Salute, Prestazione, 
Temperatura) sul suo stato di salute. 



^ Un controllo approfondito 

Se desideriamo eseguire un test della superficie del disco alla 
ricerca di settori difettosi, rimanendo sempre nella scheda 
Monitoraggio facciamo clic sul pulsante Test di superficie. Que¬ 
sto processo richiederà diverso tempo a seconda delle dimensioni 
e della velocità del disco. 


^ Coniamo il codice seriale 

Digitiamo la nostra e-mail e premiamo Richiedi chiave per 
versione completa. Se siamo registrati sul sito Ashampoo, 
effettuiamo il login e recuperiamo il seriale di attivazione. Selezionia¬ 
molo e copiamolo (Ctrl+C). Torniamo in HDD Control e incolliamo 
(Ctrl+V) in La tua chiave di licenza. 



^ Lo “screening” del disco 

Cliccando sul pulsante DatiSM.A.R.T. possiamo aprire la 
schermata con tutti i parametri di funzionamento rilevati 
durante il funzionamento dell'unità. Scopriremo così quale attributo 
ha un valore che influisce negativamente sulla salute del disco rigi¬ 
do. Chiudiamo la finestra con OK. 



< 

Opr«m Care» 

X 

o 

Stop 

1 —1 

MoiviHn 

Elimina 

S#1«2'0A« Tutto 

Siile ut NMtino 1 Tgt * 

Fie 




Canna 

•/ RaporL««r 



«or 

C : fr o? vrCata vaoraaeftfcMi 

</ _ Mport«ar 




CifroyiffCatXioowmei 

• ^«eoorteaò 



cab 

C : ?ropaflnC«ta »*erey.Vr 




war 

CVroe«irC«tiVtoeitA)Mi 


i 


Alla ricerca dei file inutili 

In Drive Cleaner clicchiamo Cerca. Il programma eseguirà 
una scansione del disco e visualizzerà tutti file i ridondanti 
e non utili che troverà memorizzati in esso. Selezioniamo una delle 
voci presenti in Mostra Files, spuntiamo i file da eliminare e clic¬ 
chiamo Elimina. 


50 Win Magazine 






































Trasforma il tuo Windows | Fai da te 


Sistema 


* 400% più veloci con l’SSD 

I dischi a stato solido costano sempre meno ed è quindi arrivato il momento di mandare in pensione il vecchio 
hard disk. Grazie al kit Silverstone SST-TS06B possiamo installarne uno su qualsiasi PC senza smontare nulla! 





^ Individuiamo l’hard disk... 

Scolleghiamo il notebook dall’alimentazione e 
rimuoviamo la batteria. Prima di toccare qua¬ 
lunque componente interna, scarichiamo a terra la 
nostra elettricità statica toccando qualcosa di metalli¬ 
co. Individuiamo nella parte inferiore il vano del disco 
rigido e apriamolo svitando la vite che lo blocca. 


^ Sblocchiamo il drive ottico 

Nella parte inferiore del notebook è presen¬ 
te, nella zona centrale, una vite che blocca 
il drive ottico allo chassis del notebook. Svitiamola 
e facciamo leva con il cacciavite all'interno del foro 
per fare scorrere il drive ottico verso l'esterno. Infine 
estraiamolo dallo chassis con delicatezza. 


L’hard disk diventa USB 

Fissiamo il disco rigido all'adattatore. Se 
presente, svitiamo dal drive ottico la piccola 
prolunga metallica e avvitiamola all’adattatore. Infi¬ 
ne inseriamolo nel vano del drive ottico del notebook 
allineando il foro presente nella prolunga con quello 
dello chassis. Quindi avvitiamo la vite. 


^ ... e tiriamolo fuori dal case 

Afferriamo saldamente la linguetta nera, se 
presente, e facciamo scorrere il disco verso 
la sua parte anteriore (dove non sono presenti i con¬ 
tatti); poi solleviamolo ed estraiamolo delicatamente 
dal vano. Infine svitiamo le quattro viti laterali che lo 
fissano al supporto e il gioco è fatto. 



^ Togliamo la maschera! 

Inseriamo nel foro presente nella parte ante¬ 
riore del drive ottico un oggetto appuntito per 
sbloccare il carrello. Estraiamo quest'ultimo e indivi¬ 
duiamo i ganci che assicurano la mascherina esterna 
al carrello. Facciamo leva su di questi per sganciarla 
facendo attenzione a non danneggiarli. 



Semplici assemblaggi 

Estraiamo il carrello del drive ottico (Passo 1 
e Passo 2) e fissiamo la mascherina a corre¬ 
do con il kit SilverStone al carrello, inserendo i gan¬ 
ci nelle apposite sedi e facendoli scorrere da destra 
verso sinistra. Quindi premiamo con decisione per 
completare l'assemblaggio delle parti. 


^ Installiamo il nuovo SSD 

Fissiamo il nuovo SSD al supporto avvitando 
le 4 viti laterali e inseriamolo nel vano inferio¬ 
re del notebook. Afferriamo saldamente la linguetta 
nera, se presente, e facciamo scorrere il disco ver¬ 
so la sua parte posteriore per innestare i contatti in 
quelli del notebook. Quindi richiudiamo il vano. 


-à. Un drive ottico come nuovo 

Inseriamo sul Silverstone (www.amazon.it) la 
mascherina inserendo i ganci nelle apposite 
sedi e facendola scorrere da sinistra a destra: fissia¬ 
mola premendo in modo deciso. Inseriamo il vecchio 
hard disk nell’apposito vano dell’adattatore e faccia¬ 
molo scorrere verso i contatti per connetterlo. 


^ Il masterizzatore è esterno 

0 Estraiamo il cavo USB posteriore dal box e 
posizioniamo al suo interno il drive ottico 
spingendolo verso il fondo. Avvitiamo il drive ottico 
attraverso le 2 viti posteriori. Infine utilizziamo il cavo 
di alimentazione, sempre a corredo con il kit, e col¬ 
leghiamolo ad un’altra porta USB. 






► 


Win Magazine 51 











































O Sistema 


Fai da te | Trasforma il tuo Windows 


© Aggiorniamo la RAM del PC 

Per poter sostituire i banchi di memoria installati sulla scheda madre dobbiamo aprire il case. Vediamo 
come effettuare correttamente questa operazione sia su computer desktop sia su notebook. 



Un’operazione a “PC aperto” 

Spegniamo e scolleghiamo dalla rete elettrica 
il PC, rimuoviamo la paratia laterale destra del 
case così da avere accesso alla scheda madre e alla 
RAM. Sui notebook la RAM è posta nella parte inferio¬ 
re, protetta da uno sportellino in plastica che è possi¬ 
bile rimuovere facilmente. 


^ Sfiliamo le bacchette di RAM 

Rimuoviamo i moduli di memoria per leggerne 
le specifiche: premiamo leggermente i due fer¬ 
mi alle estremità degli slot e, una volta aperti, sfiliamo i 
moduli. Nei notebook le clip di bloccaggio sono metal¬ 
liche: esercitiamo pressione su entrambe allargandole 
prima di sfilare i moduli. 


^ Inseriamo il nuovo modulo 

Quando inseriamo un nuovo banco di memoria 
negli slot della scheda madre dobbiamo fare 
attenzione a non installarlo nel verso sbagliato. Verifi¬ 
chiamo, quindi, che la tacca presente nella parte infe¬ 
riore della bacchetta di memoria corrisponda con quel¬ 
la indicata sulla scheda madre. 



UN TEST PER 
LA MEMORIA 


Quando il PC inizia a 
fare le bizze, manife¬ 
stando strani blocchi e 
riavvii, una delle prime 
verifiche da effettuare 
è il test della RAM. Se 
qualche cella di memo¬ 
ria si è danneggiata, in¬ 
fatti, è facilissimo che il 
computer vada incontro 
a malfunzionamenti. Lo 
stesso test può essere 
effettuato dopo aver 
montato nuova memo¬ 
ria, per verificare che 
sia tutto OK. Il software 
più usato per queste 
verifiche è Memtest86+ 
(scaricabile da Win 
Extra). 



^ Un semplice “clic” ed è fatta! 

Inseriamo il blocco di memoria in posizione orizzontale. Per 
fissarlo all'alloggiamento premiamo sui bordi della memoria 
fino a quando i fermi in plastica ai lati dello slot non saranno comple¬ 
tamente alzati e avranno saldamente bloccato il modulo. 


^ Una veloce verifica 

Richiudiamo il case del PC e accendiamolo. Al riavvio veri¬ 
fichiamo con il software CPU-Z (scaricabile da Win Extra) 
che la nuova RAM venga riconosciuta correttamente. Se il PC non si 
accende e sentiamo dei beep ripetuti, ripetiamo l'installazione. 



AGGIORNIAMO LA RAM DEL PORTATILE 

Su un notebook l'installazione di un modulo di memoria non 
è poi molto diversa da quella di un PC. L'unica differenza è che 
banco di RAM va inserito con una certa inclinazione e poi 
sollevato per fissarlo allo slot. I blocchi di memoria, nei notebook, non 
vanno inseriti in orizzontale, ma in diagonale. Anche in questo caso gli 
slot di memoria hanno un unico verso di inserimento: facciamo quindi 
attenzione quando li installiamo. Inseriamo il banco di memoria nello slot 
con un'inclinazione di circa 30°. Spingiamo il modulo nel connettore e, 
una volta che è arrivato in fondo, solleviamolo in modo da far richiudere 
le mollette metalliche. Rimettiamo a posto lo sportellino e accendiamo 
il notebook. Verifichiamo quindi con CPU-Z che la nuova memoria RAM 
venga correttamente rilevata. Se all'accensione del portatile vengono 
emessi dei beep ripetuti, ripetiamo l'installazione. 



52 Win Magazine 









































Trasforma il tuo Windows | Fai da te 


Sistema 


ANALIZZIAMO LA RETE WIRELESS DI CASA 

Vogliamo sapere in quali aree dell'appartamento il Wi-Fi è più debole? Ekahau 
Heat Mapper, il software gratuito scaricabile da Win Extra, mostra esattamente 
quanto sia intenso il segnale in ogni punto della casa. Se abbiamo una plani¬ 
metria di casa la diagnosi è più facile. Se è su carta scannerizziamola o fotografiamola 
tramite smartphone e poi salviamo l'immagine sul PC (meglio se notebook, in modo da 
portarlo in giro per casa) in formato JPG. In alternativa, facciamo riferimento alla griglia 
presente nel programma. Quindi avviamo HeatMapper. Scegliamo se usare una mappa 
[Ihaveamapimage) oppure se affidarci alla griglia (Idont'thavea mapimage). Chiu¬ 
diamo la guida e sulla planimetria o sulla griglia clicchiamo sul punto in cui ci troviamo: 
verrà visualizzato un pallino verde. Spostiamoci lentamente con il notebook e clicchiamo 
spesso sulla posizione in cui ci troviamo, facendo apparire altri pallini collegati da frecce. 
Spostiamoci in tutte le stanze e in più posizioni possibili, ricordando però che abbiamo 
solo 15 minuti a disposizione per "coprire" tutto l'appartamento. Infine, clicchiamo col 




tasto destro del mouse sulla mappa. HeatMapper visualizzerà le WLAN trovate come una termocamera: le aree verdi indicano le zone con la 


ricezione migliore, i colori dall'arancio al rosso quelle dove la ricezione è debole o assente. Scegliendo la posizione giusta per il router è possibile 


ridurre al minimo le aree senza rete e migliorare la ricezione nelle altre. Riposizioniamolo ed effettuiamo nuovamente la misurazione. 


© Amplifichiamo il segnale Wi-Fi 

Risolvere i problemi di rete, trovare le impostazioni ottimali, risparmiare energia: ecco come truccare il router. 


SISTEMIAMO 
AL MEGLIO IL ROUTER 

Spesso la ricezione wireless migliora se si cam¬ 
bia posizione al router. Di solito lo si installa a 
muro e, per verificare di aver trovato la mi¬ 
glior posizione, si usa il programma Ekahau 
Heat Mapper come mostrato nel box qui so¬ 
pra. Evitiamo comunque di sistemarlo troppo 
vicino ad oggetti metallici, casse audio o altre 
fonti di interferenza come baby monitor, forni 
a microonde e dispositivi Bluetooth. Verifichia¬ 
mo se ruotando il router o le antenne la ricezio¬ 
ne migliora. Ricordiamo che le antenne non in¬ 
viano il segnale dalla punta, ma con un ango¬ 
lo di 90°. Non copriamo le prese d’aria: il ro¬ 
uter genera calore, che deve essere dissipato 
altrimenti va in crash. 


OCCHIO ALLE 
INTERFERENZE 


Se nonostante tutto la connessione WLAN del 
router è lenta, probabilmente ci sono delle 


IN BREVE 


CONNESSIONI 

PROTETTE 


Per connettere in mo¬ 
do sicuro gli adattato¬ 
ri premiamo il pulsante 
di crittografia sul primo 
dispositivo (a seconda 
dal PowerLine utilizzato, 
premiamo brevemente 
o teniamo premuto per 
qualche secondo il ta¬ 
sto Home), poi premia¬ 
mo lo stesso tasto an¬ 
che sull’altro dispositivo 
entro due minuti. 



interferenze radio. Per verificarlo e risolvere il 
problema apriamo il menu di gestione del di¬ 
spositivo (abbiamo usato un FritzIBox 7490, 
ma la procedura può essere generalizzata) di¬ 
gitando http://fritz.box nel browser. Clicchia¬ 
mo Rete Wireless/Canale Radio per vedere 
cosa succede nella banda dei 2,4GHz (per i 5 
GHz clicchiamo Banda da 5 GHt). Nel grafico 
che appare vedremo la situazione: le interfe¬ 
renze possono essere causate dalla vicinanza 
di altri dispositivi Wi-Fi, giocattoli, telecomandi, 
trasmettitori wireless audio/video e altri dispo¬ 
sitivi del genere. Se non lo abbiamo già fatto, 
clicchiamo sulla casella Impostazione auto¬ 
matica delle impostazioni per il canale radio 
e poi su Applica. Non sempre però quest’op¬ 
zione porta a risultati ottimali. Se perdiamo il 
segnale o la rete si disconnette proviamo ma¬ 
nualmente altri canali. 


AGGIORNAMENTI 

AUTOMATICI 


Per garantire la sicurezza e il buon funziona¬ 
mento del router (nell’esempio abbiamo utiliz¬ 
zato un FritzIBox 7490) bisogna aggiornarlo, 
ma non tutti si ricordano di verificare periodi¬ 
camente se sono disponibili update. Con l’at¬ 
tuale FritzIOS la cosa non è un problema, visto 
che è presente la funzione di aggiornamento 
automatico. Le opzioni a disposizione sono tre: 

• Servizio push per email: verremo avvertiti 
dei nuovi aggiornamenti disponibili tramite e- 
mail e, su richiesta, potremo scaricare il nuovo 
FritzIOS nel router. 

• Aggiornamento automatico: gli aggiornamenti 



importanti per la sicurezza e quelli che porta¬ 
no nuove funzioni vengono installati automa¬ 
ticamente sul FritzIBox senza che sia neces¬ 
sario fare nulla. Di solito l'installazione avviene 
di notte, quando nessun dispositivo è collegato 
al router. Questa è l'opzione attivata di default. 
Installazione manuale: è possibile verificare 
manualmente la presenza di nuove versioni 
di FritzIOs cliccando su Cercare FritzIOs. Se 
disponibili, possiamo scaricarli e aggiornare il 
router, altrimenti verremo avvertiti che abbia¬ 
mo l’ultima versione del software. 


IL WI-FI SULLA RETE 
ELETTRICA 


Se non riusciamo a coprire tutto l'appartamen¬ 
to con il segnale Wi-Fi, possiamo ricorrere agli 
adattatori PowerLine che portano la WAN an¬ 
che dove il router non riesce. I dati vengono tra¬ 
sportati sfruttando le linee elettriche di casa e 
due adattatori, uno collegato al router e uno di¬ 
slocato laddove si desidera portare la connes¬ 
sione. Non installiamo l’adattatore nella prima 
presa che troviamo: proviamone più di una per 
capire qual è quella che permette di ottenere 
le prestazioni migliori e quali dispositivi interfe¬ 
riscono con la qualità della trasmissione dati. ■ 


Win Magazine 53 






















© Internet 


Parliamo di... | Automobili connesse 


Internet su 
quattro ruote 

Viaggio alla scoperta delle tecnologie Web utilizzate a bordo della 
nostra automobile. Cosa ci riserva il futuro delle connected car? 


S ono pochi gli ambiti della vita quoti¬ 
diana in cui il progresso è diventato 
così “tangibile” come nel caso della 
connessione Internet sulle nostre auto¬ 
mobili. Quelli che un tempo erano solo 
sogni e desideri oggi diventano realtà. 
Da tempo assistenti tecnologici connessi 
alla grande Rete ci aiutano nella vita di 
tutti i giorni, ad esempio sostituendosi ai 
conducenti nella guida delle macchine 


in autostrada. Il bello è che ormai tutto 
questo non è offerto soltanto da costose 
automobili di lusso: oggi anche le utilitarie 
sono dotate di sistemi connessi a Internet 
in grado di individuare la stazione di ri- 
fornimento più economica oppure posti 
liberi nei parcheggi. Nella connessione 
alla Rete, l'auto può essere paragonata 
a smartphone e tablet? Sì. Non si tratta 
più di un "sogno", ma è ormai un trend 


consolidato. Già nel 2020, in tutto il mon¬ 
do, qualsiasi auto nuova dovrà offrire la 
possibilità di essere connessa alla Rete. 
Ma non è ancora tutto, perché l'industria 
automobilistica è sempre in fermento e 
spuntano continuamente nuove speri¬ 
mentazioni. Quali saranno i progetti più 
convincenti? Scopriamolo insieme in que¬ 
sto reportage sulla situazione attuale delle 
connected car. 



Inteqrazione del telefono 




Lo smartphone è ormai diventato la “sala comandi” della nostra vita quotidiana e l’industria automobilistica cerca quindi 
di collegare alla rete auto e smartphone, nel modo migliore. 


Audi Q2 Phonebox 

Audi offre per la prima volta in un Mini-SUV, un’inte¬ 
grazione totale con lo smartphone. Il telefono, attra¬ 
verso una speciale antenna posizionata nel portaog¬ 
getti, si collega in modalità wireless ad un’antenna 
esterna, migliorando la ricezione. Inoltre i telefoni 
che supportano questa tecnologia potranno essere 
ricaricati via wireless. 

Opel Adam Ricarica a induzione 

Opel, per la sua utilitaria Adam, offre un sistema per 



la ricarica a induzione del telefono cellulare. In que¬ 
sto modo la batteria si ricaricherà in modalità wire¬ 
less durante la marcia. La concorrenza offre questo 
sistema di ricarica solo per modelli di auto più grandi 
e più costosi. 

Volvo Smartphone anziché le chiavi per l’auto 

Volvo sarà la prima casa automobilistica al mondo 
che eliminerà le chiavi per l’auto. L'apertura dell'auto 
avverrà tramite smartphone. Grazie ad un’App sarà 
possibile aprire e chiudere le portiere via Bluetooth, 
nonché avviare il motore. Volvo ha presentato questa 
nuova tecnologia al Mobile World Congress e, nella 
prossima primavera, verrà effettuato il primo test a 
Goteborg. In seguito questa nuova tecnologia potreb¬ 
be trovare impiego anche sulle auto a noleggio. In 
futuro i clienti potrebbero ritirare o restituire un auto 
preso il servizio di noleggio, anche prima dell'orario 
di apertura o dopo 

Skoda/Seat - Integrazione indipendente 

Non è ancora stato definito quale sistema dovrà 
diventare di serie per l'integrazione dello smartpho¬ 
ne. Apple utilizza “CarPlay”, Google “Android Auto” e 
altri smartphone “Mirror-Link”. La maggior parte dei 
modelli di auto Seat e Skoda supporta tutte le piatta¬ 
forme, indipendentemente dal loro sistema operativo. 

VW up - Smartphone come schermo 

Perle utilitarie come la VW up latecnologia per rendere 
connesso questo segmento di auto è ancora costosa. 


Il prezzo base di questo modello è 9.850 Euro e, per 
la maggior parte dei clienti, lo schermo del navigatore 
integrato nel cruscotto richiede un costo aggiuntivo 
troppo elevato. Volkswagen risolve il problema ricor¬ 
rendo allo schermo dello smartphone, su cui potranno 
essere visualizzati anche dati relativi al veicolo, come 
numero di giri e consumi. 



y 


54 Win Magazine 






























Automobili connesse | Parliamo di... 


Internet0 



Testa Uptlate tramite Internet 

Occorre più potenza? Nessun problema. Tesla rilascia vari update per i modelli 
S e X tramite Internet, facendoli pervenire direttamente all’automobile. Con 
questa modalità, l’azienda americana è in grado di offrire anche una maggior 
autonomia per le proprie E-Auto. 


Mini Cabrio Segnalatore per la pioggia 

Avete lasciato la vostra Cabrio con il tettuccio aperto e inizia a piovere? Sulla 
Mini Cabrio, i sedili non si bagneranno. Un'App intelligente, collegata ad un radar 
che segnala l’arrivo della pioggia, vi avviserà prima che scoppi il temporale. 


Porsche Servizio RTTI 

Porsche, per tutti i vecchi modelli, offre la possibilità di installare il servizio 
informativo in tempo reale sul traffico, già incluso nella dotazione di serie 
delle nuove auto. 


L’automobile consente sempre più di navigare in Internet, grazie a smartphone e PC. Riportiamo qui di seguito le ultime 
“invenzioni” delle case automobilistiche. 


Opel Karl Hotspot LTE per le utilitarie 

Opel è l’unico produttore che offre una connessione LTE sul segmento di 
autovetture con prezzo inferiore a 10.000 Euro, come ad esempio la Karl. In 
totale otto modelli di auto potranno essere collegati a questo Hotspot. Que¬ 
sta connessione è già inclusa nella dotazione, unitamente al servizio di assi¬ 
stenza personale Opel e il servizio automatico di emergenza, che diventerà 
obbligatorio dal 2018. 


auto Tesla che, sui modelli S e X offre uno schermo di grande formato, che sempli¬ 
fica enormemente la visualizzazione delle pagine. 


\ 




Tesla Model X Schermo 

Leggere pagine Web in auto, non è piacevole. A meno che non si tratti di un 


Connessione Internet sulle utilitarie? È piuttosto rara: fa eccezione la Opel Karl 
con Hotspot LTE. 



Win Magazine 55 


























0 Internet 


Parliamo di... I Automobili connesse 



Una piccoletta con 
tanta energia, visto 
che offre un impianto 
audio mostruoso: JBL 
installa sulla Fortwo 
un sistema con una 
potenza di 240 Watt. 


Entertainment 



Nel comparto audio l’evoluzione non è visibile, ma si fa sentire. Se un tempo era 
sufficiente un’autoradio, oggi le auto offrono piccoli impianti audio prodigiosi. 


Smart BrabusJBL-Sound 

Il JBL-Soundsystem si com¬ 
pone di 8 speaker, che inclu¬ 
dono un subwoofer nel baule 
e un amplificatore da 240 Watt. 
Sul modello Fourfour il sistema offre anche due 
speaker aggiuntivi per toni alti e bassi siste¬ 
mati nelle portiere posteriori, che aumentano 
la potenza complessiva a 320 Watt. 

Volvo Spotify 

Volvo è la prima casa automobilistica al mondo 
che integra le sue nuove vetture con il popolare 
servizio di musica in streaming Spotify. Per il 


momento l’offertadi questa App sarà possibile 
sulle auto della serie 90. 

VW up Beats by Dr. Dre 

Il sistema audio del popolare produttore 
americano "Beats by Dr. Dre” è in grado di 
offrire una potenza di 300 Watt ed è costi¬ 
tuito da sette speaker, tra cui un potente 
subwoofer sistemato nell’alloggiamento della 
ruota di scorta. 

Opel Adam Infinity-Sound 

L’efficiente sistema offerto dalla Opel Adam 
può essere ottenuto con un sovraprezzo di soli 


400 Euro. Si compone di otto speaker realizzati 
da Infinity, specialista americano per l’audio, e 
sono in grado di diffondere una potenza di 315 
Watt. Il subwoofer, posizionato sotto il pianale 
del baule al posto della ruota di scorta, eroga 
ben 90 Watt. 

Volvo S90 Bowers & Wilkins 

Volvo, per la prima volta, offre un sistema audio 
di Bowers & Wilkins sulle vetture non appar¬ 
tenenti al segmento di lusso. 119 speaker, a 
bordo della S90, sono posizionati in modo 
ottimale nell’abitacolo della vettura e offrono 
la migliore resa audio. 


Comfort 


Le auto moderne si muovono senza conducente, è possibile parcheggiarle senza essere alla 
guida e sorvegliarle attraverso lo smartphone, grazie ad app intelligenti e assistenti digitali. 


Testa Model X AutoPilot 

Dopo un incidente mortale avvenuto negli 
USA, l’AutoPilot di Tesla ha suscitato 
aspre critiche. Tutto questo non ha però 
cambiato i progetti di Tesla e il sistema 
per la guida autonoma continuerà ad 
essere sperimentato, a differenza di 
quanto invece avviene presso i produttori 
europei. Il sistema apporterà anche un 
aumento del comfort. 

BMWSerieSComanditramitegestures 

BMW, sulle vetture della nuova serie 5, 


installa il noto sistema di comandi tramite 
gestures, utilizzato per la serie 7 e prossi¬ 
mamente amplierà anche il numero delle 
funzionalità. Ora è in grado di riconoscere 
più comandi gestuali. 

Audi Q7 e-tron Acceleratore attivo 
a due stadi 

L’Assistente di efficienza predittivo” sug¬ 
gerisce al guidatore quale modalitàdi guida 
utilizzare, le informazioni sullostatusdi marcia, 
sui limiti di velocità o sul tipo di pendenza, 
avvisando il conducente con unavibrazione 


del pedale del gas. Tutto questo dovrebbe 
consentire di risparmiare carburante. 

BMW Serie 5 Visuale remota a 
360 gradi 

BMW offre sullo smartphone una visione 
tridimensionale in tempo reale della pro¬ 
pria auto. I conducenti delle vetture Serie 
5 potranno controllare in remoto, se attorno 
all’auto è tutto in ordine. Questafunzionalità 
è disponibile per ora come optional extra 
per la nuova BMW Serie 5. Su altri modelli, 
il sistema verrà installato in futuro. 



Mercedes Classe E Parcheggio 
remoto 

La nuova Classe E è in grado di parcheg¬ 
giare autonomamente tramite un’App dello 
smartphone. La manovra sarà possibile sia 
negli stalli di parcheggiotrasversali che lon¬ 
gitudinali. L'app "Mercedes me” è gratuita: 
basterà semplicemente registrare il veicolo. 

_ y 


Navigatore 


Gli ingorghi oggi sono quasi una regola e diventa quindi sempre più importante poter sfruttare una navigazione connessa. 
Grazie a informazioni in tempo reale sui traffico, il navigatore cerca percorsi alternativi. 




Audi/BMW/Mercedes Here 

Per la prima volta Audi, BMW e Mercedes 
hanno stretto un'alleanza. Queste tre grandi 
case automobilistiche hanno adottato il servi¬ 
zio cartografico Here di Nokia. I tre produttori 
si servono dei dati delle mappe anche per le 
auto a guida autonoma. 

Skoda Kodiaq Google Street View 

L’impiego di Google Maps come navigatore è 
già stato scelto da Audi. Il servizio viene ora 
adottato anche da Skoda, consorella di VW. 
Non appena viene digitata una destinazione, 
Google Street View provvede a visualizzare i 
dintorni del luogo su un ampio touchscreen 
da 8 pollici. Il sistema verrà presto installato 


anche su altri modelli. 

Audi A4/A5 Ricerca vocale dei POI 

“Cerco un ristorante italiano” - i nuovi modelli 
di vettureA4/A5consentirannodi localizzare le 
destinazioni con estremasemplicità. La ricerca 
dei “Punti d’interesse” potrà essere gestita 
con i comandi vocali offerti dall’automobile. 

VW up Reai Time Traffic 

Mentre sulle auto costose le informazioni 
in tempo reale sul traffico sono ormai uno 
standard, le utilitarie offrono di norma una 
navigazione priva di queste importanti segna¬ 
lazioni. Volkswagen, per la nuova versione 
della Up, offre un’App per la navigazione che, 


utilizzando i dati dello specialista olandese 
TomTom, segnala come aggirare le code. 

Mercedes Classe E Display 

Schermo da record! Mercedes integra nella 
vettura un doppio display di elevata risoluzio¬ 
ne, ampio 12,3 pollici (31,2 centimetri) che 
sembra sospeso in aria. Con questo schermo, 
sarà possibile visualizzare in grande formato 
le mappe per la navigazione. 



56 Win Magazine 






























Automobili connesse | Parliamo di... 


Internet^ 


Mobilità innovativa 


La tecnologia informatica non modifica solo la guida delle auto. Vediamo quali sono le soluzioni innovative per l’intero 
universo della mobilità. 



Airdog Drone autonomo 

Airdog è un drone particolarmente indicato per utilizzi 
amatoriali: la videocamera si gestisce da sola e non 
è necessario l’intervento del pilota per orientarla ed è 
inoltre in grado di seguire gli spostamenti dell’utente. 
Airdog riesce a seguire il veicolo e a filmarlo, sia su 
strade provinciali isolate, che in un’escursione offroad. 
Offre però un’autonomia solo di un quarto d’ora, per¬ 
ché la batteria non consente una durata più lunga. La 
manovra di atterraggio potrà essere avviata manual¬ 
mente, ma, in caso di batteria scarica, l’Airdog ritor¬ 
nerà sempre al punto di partenza e atterrerà. Il costo 
del drone autonomo è di circa 1.700 Euro. 




COBI Smart Bike 

COBI consente di collegare il proprio smartphone 
alla bicicletta. Dopo averlo inserito nel supporto per il 
manubrio, COBI è in grado di comunicare via Bluetooth 
con la sua App (iOS e Android), trasformandosi così in 
un computer di bordo. Grazie a un controller gestibile 
con il pollice e a comandi vocali, l’utente potrà mante¬ 
nere le mani sul manubrio e continuare a guardare la 
strada. L’App offre: navigatore, meteo in tempo reale, 
varie informazioni relative alla potenza della pedalata e 
una funzione di allarme contro il furto. Gli appassionati 
di E-Bike potranno ricevere informazioni anche sulla 
distanza percorsa e sul livello di carica della batteria, 
che consente anche di ricaricare lo smartphone. Questo 
gadget fornirà una maggior sicurezza e più comfort. 


Haibike Chiamata d’emergenza per ciclisti 

Haibike ha sviluppato assieme a un operatore mobile 
tedesco il sistema eConnect. Questa On-Board Unit è 
in grado di registrare le cadute dalla bicicletta, grazie 
a sensori intelligenti, che percepiscono se la pedalata 
si è interrotta bruscamente o se la ruota è uscita di 
strada. Se il ciclista non reagisce alla segnalazione che 
appare sul display, il sistema provvede a lanciare una 
telefonata di emergenza ad un numero preimpostato, 
fornendo i dati del GPS. 

Garmin Pedali intelligenti 

Analogamente alle bici da professionisti, il sistema di 
Garmin (a partire da 699,99 Euro) basato sull'uso del 
pedale Vector e Vector 2S, è in grado di misurare la 
frequenza della pedalata e la performance comples¬ 
siva (in Watt) direttamente dal pedale, durante l’uso 
della bici. Potrà essere montato in pochi minuti su 
quasi tutte le ruote da bicicletta e provvede a visua¬ 
lizzare i parametri misurati sul display di dispositivi 
compatibili ANT. 

FahrradJaeger Protezione antifurto 

Il segnalatore di furto Insect (89 Euro) della Fahrradja- 
eger, simile esteticamente ad una pendrive USB, può 
essere fissato con viti al telaio della bicicletta. In caso 
di tentativo di furto, il sistema emette un allarme sonoro 
a volume alto (90 dB) ed invia una segnalazione push 
sullo smartphone, a tutti i membri della community di 
ciclisti nel raggio di 100 metri. 





Guida assistita 


L’auto a guida autonoma è ancora futuristica, ma alcune case automobilistiche lavorano da tempo affinché questo sogno 
si avveri e continuano a sperimentare modelli in grado di muoversi senza alcun intervento del conducente. 



Tesla Autopilot 

Il sistema “Autopilot” riappare anche in questa categoria, 
visto che il suo impiego è previsto anche per il proget¬ 
to di “Guida Assistita”. Il nome tende un po’ a irritare, 
poiché analogamente ad altri sistemi, il conducente 
dovrebbe mantenere le mani sul volante e l’Autopilot 
provvederebbe solo a offrire assistenza. 

Mercedes E Sorpasso autonomo 

Oggi numerose auto sono in grado di muoversi quasi 
senza intervento del conducente. La Mercedes Classe 
Ecompie un passo in avanti molto efficace: l’automobi¬ 
le sarà in grado di eseguire sorpassi autonomamente. 

\ ___ 


L’assistente attivo per il cambio di corsia funziona in 
questo modo: lafreccia direzionale si attiverà per alcuni 
secondi, l’auto provvederà a controllare la situazione 
del traffico e, se la manovra sarà possibile in tutta 
sicurezza, eseguirà il sorpasso in modo autonomo. Il 
rientro nella corsia di destra avverrà seguendo lo stes¬ 
so principio. Mercedes, con la classe E sta realizzando 
un prodotto quasi al limite del codice stradale e della 
responsabilità legale. 

BM W Serie 5 Assistente per guida in autostrada 

A partire dalla prossima primavera BMW con le vetture 
della nuova serie 5 cercherà di fare un passo avanti 
relativamente alla guida autonoma. All’inizio però solo 
in situazioni di traffico poco problematiche, come ad 
esempio in presenza di code, traffico lento e su tratti 
autostradali poco battuti. La limousine della classe 
superiore sarà in grado di mantenere automatica- 
mente la distanza di sicurezza dall'auto che precede, 
da vettura ferma e fino ad una velocità di 210 km/h, 
occupandosi anche della gestione del volante. Se 
il conducente abbandona l’autostrada, il sistema si 
disattiverà automaticamente. 


Audi A3 Assistente per ingorghi 

Sulla versione riveduta dell'A3 Audi ha installato l'assi¬ 
stente per traffico, già presente sui modelli più grandi. 
Questa vettura compatta, se lo si desidera, è ora in grado 
di muoversi senza intervento del conducente, raggiun¬ 
gendo una velocità massima di 60 chilometri all’ora. 



Win Magazine 57 
































0 Internet 


Parliamo di... I Automobili connesse 



Logitech offre una soluzione 
che abbina in modo pratico 
supporto per lo smartphone 
e App, consentendo così 
di potere gestire i programmi 
durante la marcia. 


App per automobili 


L’utilizzo pratico degli smartphone non conosce limiti, infatti nuove App consentono di 
offrire continuamente nuove funzioni. Vi presentiamo le migliori. 


Here We Go 

Questa applicazione per la naviga¬ 
zione è l'unica App che consente 
di navigare gratuitamente in tutto il 
mondo e di consultare mappe off-line 
illimitatamente. Tutto questo fa rispar¬ 
miare sui costi di Internet anche all’estero. 

Logitech ZeroTouch 

Si tratta di una combinazione intelligente tra 
smartphone e App. La ZeroTouch riconosce 
quando lo smartphone viene inserito nel 
supporto e provvede ad avviare immediata¬ 
mente questa App Android. Oltre alla fun¬ 
zione vivavoce offre anche comandi vocali 
per navigatore, WhatsApp e musica. 

TomTom Go mobile 

Con questa nuova App per la navi¬ 
gazione i conducenti potranno 
caricare le mappe desiderate 
sul proprio smartphone 
Android o iOS. Anziché 
pagareprofu malamente 
un abbonamento fis¬ 
so, gli utenti potranno 
pagare un'una tantum per 
il download della mappa desiderata. 

PlugSurfing 

Dove posso ricaricare la mia auto elettrica? 
PlugSurfing viene in aiuto, segnalando l’ubi¬ 
cazione delle colonnine per la ricarica. Per 


ogni città, l’App visualizza su una mappa 
tutte le colonnine. Il servizio potrà essere 
pagato a mezzo carta di credito. 

Carly 

Cosa non funziona sulla mia auto? Cosa 
significa quella spia? Carly offre un’App 
con adattatore per la porta di diagnosti¬ 
ca standard, per eseguire un check della 
propria vettura. Grazie a questo servizio 
gli automobilisti potranno risparmiare sugli 
interventi del meccanico. 

Mercedes Remote Parking Pilot 

Se nel garage sotterraneo lo stallo di 
parcheggio è talmente stretto da rendere 
quasi impossibile parcheggiare l’auto sen¬ 
za graffiarla, le vetture di Classe E, grazie 
all’App Remote Parking Pilot comandabile 
da remoto, potranno entrare e uscire dallo 
stallo in tutta sicurezza. 

Audi MMI Connect 

I conducenti di autovetture ibride Plug-in 
potranno ora redigere una tabella/calen¬ 
dario per eseguire la ricarica delle batterie. 
Tutti gli altri conducenti di Audi hanno inve¬ 
ce la possibilità di comandare il bloccaggio 
delle portiere, di essere informati quando è 
necessarioeseguirelavoridi manutenzione, di 
pre-impostareledestinazioni perii navigatore 
oppure di ricevere assistenza viasmartphone 
per raggiungere il luogo desiderato. 



Europcar Ubeeqo 

Europcar non fornisce solo auto a noleg¬ 
gio, ma attraverso la sua App può mettere 
a disposizione anche taxi e auto in servizio 
Car-Sharing della Cat2Go. È possibile anche 
prenotareautoanoleggio, in modotradizionale. 

Google Maps 

Google Maps è in grado di procurare taxi via 
MyTaxi. Gli utenti avranno inoltre la possibi¬ 
lità di scaricare mappe off-line, pianificare 
fermate intermedie e leggere le previsione 
del traffico per il percorso scelto. 

BMW Connected 

La nuova App di BMW è ora in grado di 
organizzare viaggi, tenendo conto degli 
appuntamenti memorizzati sullo smart¬ 
phone e di avviare automaticamente la 
navigazione. Attraverso notizie Push è in 
grado di ricordare puntualmente l’orario 
di partenza. 


\ 




Servizi connessi 


L’auto connessa non si rivela d’aiuto solo per la guida, ma anche per attività collegate, 
che potrebbero fare risparmiare visite in officina. 


BMW Update via Internet 

In passato aggiornare le mappe del navi¬ 
gatore era costoso, infatti i produttori 
offrivano il nuovo materiale cartografico 
su CD-ROM, checostavanogeneralmente 
oltre 100 Euro. BMW fa ora pervenire 
via Web questi update direttamente al 
servizio infotainment dell’auto. Il servizio 
è gratuito per tre anni. 

Mercedes me 

Con il proprio programma Mercedes 
offre l’assistente digitale “me”. L'as¬ 
sistente provvede a segnalare quando 
dovrà essere eseguito il tagliando per 
la manutenzione, avvisa sulle sca¬ 
denze dei controlli o indica il livello di 
riempimento del serbatoio. È inoltre 
possibile impostare le destinazioni 

\ _ 


per il navigatore, comodamente dal 
computer di casa. 

Ford Path 

Ford, attraverso “Path”, puntaastabilire 
un rapporto dipitale con i propri clienti. 
Oltre alla versione base Ford continua 
ad aggiungere altri servizi. In futuro, 
sarà possibile pagare la sosta nel par¬ 
cheggio solo per la durata esatta, senza 
che l'automobilista debba estrarre il 
tagliando. Path utilizza lo stesso siste¬ 
ma di pagamento offerto dal servizio di 
carsharing Car2go. 

Opel OnStar 

Opel offre il sistema OnStar su tutta 
la gamma delle proprie vetture, inclu¬ 
sa la nuova auto elettrica Ampera-e. 


Attraverso OnStar, oltre ad avere sem¬ 
pre a bordo un hotspot LTE attivo, 
sarà possibile fruire di un Cali Center. 
OnStar avviserà inoltre l’automobilista 
sulle date di scadenza per i controlli 
alla vettura. A bordo è già disponibile 
anche il tasto SOS, che diventerà obbli¬ 
gatorio dal 2018 per le auto nuove. 

Tesla Update via Internet 

Tesla è stato il primo produttore a pro¬ 
gettare auto tenendo conto dell’espe¬ 
rienza di uno specialista IT. Gli update 
arrivano all’automobile direttamente via 
Internet. Tesla inoltre consente ai pro¬ 
pri clienti di testare nuove tecnologie, 
come il sistema “Autopilot”, rendendole 
disponibili dietro pagamento, al termine 
delia fase di test. 



■ WLAN, Cali Center e tasto SOS: 
Opel utilizza i servizi offerti per le 
auto di lusso, anche per le vetture 
di segmento inferiore. 


58 Win Magazine 
























Internet0 


A MEM 

SO min a 


Apple 
IPhone 7 e 
IPhone 7 Plus: 
la tecnologia 
CarPlay di 
Apple consente 
di visualizzare 
una serie di 
App sul display 
dell'auto. 


Smartphone 


Quale telefono si rivela più idoneo ad essere connesso con l’auto? Ecco cinque smartphone al top. 


Samsung Galaxy S7 

L’attuale modello top di gamma di Sam¬ 
sung convince per la luminositàdel display, 
per la ricarica a induzione e la tecnologia 
rSAP (uno speciale protocollo per impianti 
vivavoce), offerta anche dall’S7 Edge. 
Unico punto debole: la batteria, che offre 
un’autonomia di solo nove ore. Prezzo: 
da 509 Euro. 

HTC10 

L’HTC 10 è uno smartphone Android di 
prim’ordine, che offre un’usabilità veloce, 
il suo utilizzo si rivela convincente anche 
in auto: l’HTC 10 è dotato di un ottimo 


sistema vivavoce e la batteria vanta 
un’autonomia di undici ore - una durata 
niente male. Unico punto debole il display 
un po’ troppo scuro, come riscontrato da 
Win Magazine nel test. 

Prezzo: da 543 Euro 

Honor 8 

L’Honor 8 è la versione economica 
dell’Huawei P9 e si rivela convincente 
soprattutto per la lunga autonomia della 
batteria, pari a oltre 13 ore. È collegabile 
agevolmente a tutti i sistemi vivavoce. Il 
display offre una luminosità adeguata. 
Prezzo: da 348 Euro 


Huawei P9 Lite 

Si rivela il top per il rapporto prezzo/ 
qualità. Il P9 Lite offre un display nitido, 
sufficientemente luminoso, una tec¬ 
nologia attuale e un design elegante. 
Ottima la durata della batteria di oltre 
13 ore e la presenza di un sensore per 
impronta digitale, che facilita lo sblocco 
del dispositivo. Offre anche un secondo 
slot per le SIIVI. Prezzo: da 239 Euro. 

Apple iPhone 7 Plus 

Il display vanta una luminosità superla¬ 
tiva rispetto ad altri smartphone Apple 


e, inoltre, offre un formato che si rivela 
adeguato e comodo. Attraverso la tec¬ 
nologia CarPlay di Apple è possibile 
visualizzare sul display dell'auto le info di 
varie App, come iMessage, l’applicazione 
per le mappe o Spotify. Per il momento lo 
smartphone dovrà essere collegato via 
cavo, ma prossimamente il collegamento 
sarà wireless. Con un utilizzo intensivo la 
batteria dura fino a dodici ore. Un punto 
debole è costituito dalla mancanza della 
tecnologia rSAP, che penalizza l’iPhone 
nell’uso confortevole degli impianti viva¬ 
voce. Prezzo: da 869 Euro 


COMI t»jr «MI & COMI 


SAMSUNG GALAXY 7 


" j ) 


VUT « 6 * S©«*C*«**T*d1 


HTC10 


► 


Win Magazine 59 
















































0 Internet 


Parliamo di... I Automobili connesse 


Sicurezza 




La Connected Car presenta numerosi vantaggi, dato che la tecnologia smart a bordo delle auto potrà aiutare a evitare 
incidenti e ad attenuarne le conseguenze. 



Opel Astra LED Matrix 

Nel segmento delle auto di lusso l'impiego dei fanali 
Led Matrix è oggi ampiamente diffuso, ma non sul 
segmento economico delle utilitarie compatte. Opel 
è il primo produttore che ha in programma l'introdu¬ 
zione di fanali, che non miglioreranno solo la visuale, 
ma illumineranno senza abbagliare anche le vetture 
che provengono in senso opposto. 

Audi A4 Assistente di svolta 

Grazie al sistema di Audi, installato per la prima volta 
su vetture di classe media, dovrebbe essere possibile 


evitare incidenti nella manovra di svolta. L'assistente 
di svolta riconoscerà i veicoli provenienti in senso con¬ 
trario e provvederà a “inchiodare” automaticamente, 
nel caso di un incidente incombente. 

Mercedes E Sterzata autonoma 

Oggi gli assistenti per la frenata d’emergenza sono 
diventati standard anche sulle utilitarie e possono 
evitare incidenti nel traffico urbano. Mercedes, con 
la nuova classe E, fa un passo in avanti e il sistema 
provvede anche asterzare, dopo essersi assicurato, 
che la manovra non provochi un’altra situazione di 
pericolo, nel caso in cui sia incombente una colli¬ 
sione, ad esempio evitando di investire un pedone. 

Audi A5 Avviso discesa dall’auto 

Sistemi radar, in grado di tenere sotto controllo il 
traffico dietro la propria vettura, ne esistono già parec¬ 
chi, ma il sistema di assistenza di Audi per scendere 
dall’auto in tutta sicurezza funziona anche quando 
la vettura è ferma. Il sistema avvisa il conducente 
prima che quest’ultimo apra la portiera, se da dietro 


si sta avvicinando un veicolo. Sulla versione coupé, 
dotata di lunghe portiere, l’assistente si rivelerà utile. 

Volvo S90 Road Edge Detection 

Gli assistenti per la guida in autostrada si rivelano 
un’innovazione molto utile e l'obiettivo sarà riusci¬ 
re a progettare un sistema che consenta una guida 
senza intervento del conducente. Per ottenere tutto 
questo devono però sussistere condizioni ideali, ad 
esempio una segnaletica orizzontale perfettamente 
visibile. Volvo ha ora presentato un sistema in grado 
di riconoscere i bordi della carreggiata anche senza 
questa segnaletica. 




Connected car 


Chi costruisce la miglior auto connessa dell’anno? Diamo un’occhiata alle dieci più importanti novità: dall’utilitaria 
alla limousine di lusso. 





Audi Q2 

Audi equipaggia laQ2con sistemi 
di assistenza e soluzioni multi¬ 
mediali, presenti finora solo sui 
modelli più grandi. È probabile 
che questa piattaforma si riveli 
idonea ad essere impiegata 
anche su tutte le VW, inclusa 
la Passat, 



BMW Serie 5 

BMW, con la nuova serie 5, 
punta a recuperare lo svan¬ 
taggio rispetto alla Classe E di 
Mercedes. La sua limousine è 
completamente connessa ed 
è in grado di muoversi fino alla 
velocità di 210 Km/h, quasi sen¬ 
za intervento del conducente. 



Hyundai i30 

Fino ad oggi l’auto connessa 
non è stato il cavallo di battaglia 
dell’azienda coreana. Relativa¬ 
mente alla Connected Car, il 
produttore coreano è quasi una 
generazione indietro rispetto alle 
case automobilistiche europee. 
La nuova Hyundai Ì30 è il primo 
modello in grado di allinearsi con 
gli altri produttori. 



Mercedes Classe E 

Relativamente ai sistemi di assi¬ 
stenza, Mercedes si è spinta molto 
avanti, offrendo per la guida assi¬ 
stita, tutto quello che a tutt’oggi è 
permesso in Germania, presentando 
anche nuovesoluzioni multimediali. 



Opel Ampera-e 

L’Ampera-e è conosciuta negli 
USA come Chevrolet Bolt, la cui 
connettività è stata esportata in 
Europa. Offre tra l'altro OnStar, 
un assistente connesso ad un 
Hotspot LTE. 



Porsche Panamera 

Nella sua fascia di prezzo, la 
vecchia Panamera era annove¬ 
rata tra le auto che offrivano la 
peggiore connettività. La situa¬ 
zione è totalmente cambiata 
con il nuovo modello, infatti 
la versione Plug-in può essere 
comandataadistanzaviaApp. 



Renault Mégane 

PerlacompactMégane, Renault 
ha adottato la tecnologia dei 
modelli più grandi Talisman ed 
Espace. Per la Mégane, l’azien¬ 
da continuerà a migliorare la 
connettività, sia per i sistemi di 
assistenza che per le soluzioni 
multimediali. 



Skoda Kodiaq 

Skoda, appartenente al gruppo 
VW, è il primo brand che utilizzerà 
l’updateperii “sistemamodulare 
d'infotainment”, che include tra 
l’altro un ampio schermo per 
visualizzare i luoghi catturati 
da Google Street View. 



Tesla Model X 

Il Model X offre una connetti¬ 
vità migliore rispetto al Model 
S. Per i dati sul traffico, Tesla 
utilizza l'ottimo servizioonline di 
Google. L’“Autopilot” consente 
la guida assistita. 



VW Tiguan 

La nuova Tiguan è al passo con 
tempi, offrendo funzionalità 
extra, riservate finoraaveicolidi 
classe superiore, come il display 
Head-up o le info in tempo reale 
sugli ingorghi. Gli assistenti in 
dotazione sono idonei ad essere 
impiegati anche su vetture di 
segmento elevato. 

___ ^ 


60 Win Magazine 




























































| Skype | Software 


Internet^ 


Per chattare 
basta il browser 


Cosa ci 
occorre ,3, 

CLIENT DI CHAT ON-LINE 

SKYPE 

€3—3i) 

Lo trovi su; t?CD ►'DVD 

Sito Internet: 

www.skype.com 


Ecco il link segreto per rimanere sempre in contatto con 
i tuoi amici anche senza installare nulla sul computer 


T utte le app e i servizi per il 
VoIP e la messaggistica istan¬ 
tanea attualmente presenti 
sulla piazza richiedono all'utente 
la registrazione di un account per 
poter essere utilizzati. La pratica è 
generalmente abbastanza semplice 


ma in alcuni casi potrebbe essere 
un po’ una scocciatura. Fortuna 
però che grazie a Skype l'ostacolo 
può essere aggirato. In che modo? 
Grazie ad un semplice trucco che 
siamo riusciti a scovare e che, me¬ 
raviglia delle meraviglie, può esse¬ 


re attuato direttamente dal browser 
Web, senza dover installare il client 
apposito del servizio sul computer 
in uso. Basta avere una connessio¬ 
ne a Internet attiva funzionante e 
il gioco è fatto. Scopriamo in che 
modo procedere. 



Avviamo una conversazione 

Apriamo il browser, digitiamo www.skype.com nella 
barra degli indirizzi e clicchiamo Invio sulla tastiera. 
Facciamo clic sul pulsante Avvia una conversazione , 
digitiamo il nome utente che vogliamo usare e clicchiamo 
nuovamente su Avvia una conversazione. 


Condividiamola con gli amici 

Una volta visualizzata la pagina della conversazione, 
I clicchiamo sul pulsante Copia collegamento sulla sini- 
' stra per copiare il link della chat e condividerlo con gli 
amici con cui vogliamo chiacchierare. In alternativa, clicchiamo 
su Invita via e-mail. 




Iniziamo a chattare 


B Quando altri utenti (massimo 300) si uniranno alla con¬ 
versazione potremmo iniziare a chattare mediante il 
campo di testo in basso. Per inviare il messaggio pre¬ 
miamo il tasto Invio. Possiamo anche inserire emoji e allegati 
cliccando sui relativi pulsanti. 


Chiamate audio e video 


H Facendo clic sui pulsanti con la telecamera e la cornet¬ 
ta telefonica in alto a destra possiamo invece avviare, 
rispettivamente, una videochiamata oppure una chia¬ 
mata vocale. Se usiamo un browser diverso da Edge dobbiamo 
però installare l’apposito plug-in indicato. 



UNA CHAT CON 
LA SCADENZA 


Trattandosi di una 
soluzione fruibile 
senza dover effettuare 
registrazioni varie 
e pensata perlopiù 
per le conversazioni 
veloci e necessarie, 
le sessioni di chat che 
vengono create con 
Skype Online senza 
account hanno una du¬ 
rata massima pari a 24 
ore. Quindi, una volta 
trascorso tale arco di 
tempo, il link per la 
condivisione della con¬ 
versazione non risul¬ 
terà più funzionante, 
la finestra di chat non 
sarà più raggiungibile 
egli eventuali utenti 
al momento colle¬ 
gati verranno subito 
disconnessi. Ciò non 
toglie comunque che, 
una volta scaduto il 
tempo, non possa es¬ 
sere creata una nuova 
sessione di chat con gli 
stessi utenti. La limi¬ 
tazione, ovviamente, 
può anche essere 
aggirata andando a 
creare un vero e pro¬ 
prio account che, è 
bene tenerlo a mente, 
può essere usato senza 
problemi anche diret¬ 
tamente da Web. 


Win Magazine 61 



























C* Antivirus&Sicurezza 


Per saperne di più | EyePyramid | 



LEGGI 

ANCHE... 


SuWinMagazine226,a 
pagina 56, abbiamo pub¬ 
blicato la guida pratica 
per attivare e configurare 
il massimo livello di pro¬ 
tezione per il nostro com¬ 
puter usando la Emsisoft 
Internet Security. 


Le password ormai non 
garantiscono più una 
sufficiente sicurezza per 
i nostri dati personali. Su 
Win Magazine 225, a pa¬ 
gina 66, troviamo la guida 
pratica per usare al meglio 
i nuovi sistemi di protezio¬ 
ne biometrici. 


S 


Così siamo 
ulti spiati 

Ecco come funziona la rete 
di spionaggio che sta facendo 
tremare mezza Italia 


C orreva l'anno 2008 quando, in quella 
che sembrava una tranquilla giornata 
di settembre, a New York successe qual¬ 
cosa che avrebbe scosso i mercati economici 
di tutto il mondo: la compagnia Lehman 
Brothers annunciò di voler dichiarare ban¬ 
carotta, con un debito di oltre 600 miliardi 
di dollari e la capacità di pagarne appena 
un decimo, e l’indice Dow lones perse 500 
punti. È immediatamente chiaro che il mec¬ 
canismo a catena appena innescato porterà 
al fallimento di molte altre aziende in tutto 
il mondo e alla perdita di valore di parecchi 
titoli azionari. Questo insegna a tutti una 
preziosa lezione: le operazioni in borsa sono 
pericolose. Non è la prima volta che succede, 
un crack si verifica in media ogni 20-30 anni: 
giusto il tempo necessario affinché la gente 
dimentichi e riprenda ad investire il proprio 
denaro in modo poco prudente. 

Prevedere il futuro 

In quello stesso momento una coppia resi¬ 
dente a Londra, ma che in realtà vive a Roma, 
i fratelli Occhionero (che al momento in cui 
scriviamo risultano semplicemente indagati), 
ha un’intuizione: l'unico modo per sapere 
quali investimenti fare è conoscere il futuro. 
Poiché questo non è possibile, la cosa miglio¬ 
re è scoprire quali importanti novità stiano 
per arrivare nel mondo economico e politico 
poco prima degli altri investitori. Insomma, 
essere i primi a sapere le cose, magari prima 
che la notizia diventi di pubblico dominio, 
concederebbe un vantaggio notevole sulla 
scelta degli acquisti e delle vendite di azio¬ 
ni. Per esempio: se il governo italiano aiuta 
un'azienda, è ovvio che il titolo azionario 
di quest’ultima manterrà un buon valore. 
Il fatto è che il Governo ci pensa sempre un 
po' prima di rendere l'operazione di pubblico 
dominio, quindi se si riuscissero ad inter- 
































| EyePyramid | Per saperne di più 


Antivirus&Sicurezza O 


COSÌ FUNZIONAVA LA RETE DI SPIONAGGIO 


Considerata la diffusione indisturbata e prolungata nel tempo 
del malware EyePyramid, ci si chiede come è stato possibile che i 
fratelli Occhionero non siano stati scoperti prima. Il fatto è che la 
loro azione aveva come bersaglio pochissime persone: al momento 
in cui scriviamo alcune stime parlano di meno di 2.000 vittime 
effettive, che è praticamente nulla in confronto alle centinaia di 
migliaia di vittime di altri attacchi informatici simili. La possibilità 
che qualcuno se ne accorgesse, quindi, era molto bassa. Inoltre, 
il programma utilizzato, EyePyramid, era molto semplice: tanto 
semplice da non destare alcun interesse per i ricercatori e gli 
esperti di sicurezza. Se fosse stato identificato, nessuno lo avreb¬ 
be studiato a fondo realizzandone appositi anti-malware. Detto 
questo, la domanda ovviamente è: se era così banale, perché ha 
funzionato così bene? Per il semplice motivo che i sistemi operativi 
e gli antivirus, in particolare nella pubblica amministrazione, non 
sono aggiornati di frequente. Molte istituzioni utilizzano ancora 
Windows XP, un sistema operativo ormai non più supportato da 
Microsoft e dunque alla completa mercé di qualsiasi pirata anche 
principiante. Inoltre, anche gli antivirus a volte non vengono 
aggiornati correttamente, o sono addirittura disabilitati perché 
rallentano troppo dei computer ormai obsoleti ma tutt'ora in uso. 
Sicuramente un altro fattore importante per il successo di questo 
tipo di attacco è la mancanza di preparazione, a livello informatico, 
di molte persone: tutti i programmi di posta elettronica permettono 
la visualizzazione dell'intestazione del messaggio, all'interno della 
quale viene indicato il reale indirizzo da cui l'e-mail è stata inviata. 
Eppure pochissimi utenti sanno che questa opzione esiste e che 
può permetterci di capire immediatamente se ci troviamo davanti 
ad una truffa di qualche tipo. 



cettare i ministri si potrebbe sapere quale 
decisione abbiano preso uno o due giorni 
prima che gli aiuti vengono effettivamente 
erogati all’azienda: così si potrebbero acqui¬ 
stare delle azioni sapendo che il loro valore 
aumenterà nel giro di qualche giorno, per poi 
rivenderle e guadagnarci. La coppia, fratello 
e sorella, sapeva bene che ciò di cui aveva bi¬ 
sogno era un malware per il controllo remoto, 
noto come RAT: avendo l'accesso remoto al 
computer di qualche persona importante 
diventava possibile leggere le sue password 
e, soprattutto, le sue e-mail. 

L’inizio delle indagini 

Il tempo passa e lo scorso marzo 2016 un’e- 
mail compare nella casella di posta del re¬ 
sponsabile della sicurezza deH'ENAV, l'ente 
nazionale per l'assistenza al volo che si oc¬ 
cupa del controllo del traffico aereo. L'e-mail 
risulta inviata da uno studio legale, con il 
quale però il destinatario non ha mai avuto 
rapporti. È proprio questo a insospettirlo e a 
convincerlo ad inoltrare il messaggio ad una 
società che si occupa proprio di sicurezza 
informatica e di analisi dei malware. Gli 
esperti si accorgono immediatamente che 
il messaggio è truffaldino: leggendo solo 


l'intestazione dell’e-mail, infatti, scoprono 
che il vero mittente è un indirizzo ospita¬ 
to da Aruba. Anche l'allegato deH’e-mail è 
considerato sospetto: si scopre essere un 
malware e si decide quindi di richiedere 
l'intervento della Polizia Postale. A questo 
punto partono le indagini: Aruba fornisce i 
dati relativi agli utilizzatori della casella di 
posta elettronica che ha inviato il messaggio. 
Gli inquirenti non sperano di riuscire a tro¬ 
vare i colpevoli, dando per scontato che sia 
stato utilizzato qualche metodo per rimanere 
anonimi: vogliono più che altro capire se e 
come la casella di posta sia stata piratata. 

Le prime tracce 

Scoprono così che l'accesso avviene attraver¬ 
so la rete Tor, il che rende impossibile risalire 
ai veri colpevoli. Tuttavia, ci si accorge anche 
di un dettaglio che la polizia postale indica 
nella propria informativa per i magistrati di 
Roma: gli stessi autori delTe-mail arrivata 
all’ENAVhanno spedito diversi altri messaggi 
ad altre società con allegato una variante 
del malware. Inviata ad ottobre del 2016, 
l’informativa della polizia permette di capire 
che c'è un insieme di personalità importanti, 
soprattutto studi legali, alle quali era stata 


sottratta la password della casella di posta 
elettronica. In questo modo i pirati potevano 
mandare e-mail contenenti malware ad altre 
persone importanti senza destare sospetti. 
Del resto, se un’e-mail arriva da un indirizzo 
qualsiasi, è facile che non le si presti attenzio¬ 
ne, ma se arriva dall’indirizzo di un avvocato, 
è probabile che la si legga con attenzione 
andando anche ad aprire gli allegati. Questo 
tipo di attacco è chiamato spear phishing e 
si tratta di un tipo di phishing progettato ap¬ 
positamente per colpire una precisa persona 
alla volta. Il malware allegato alle e-mail è 
un semplice programma di controllo remoto, 
al quale viene dato il nome EyePyramid, 
che nel corso degli anni ha subito qualche 
piccola modifica ma che nel complesso è 
rimasto sempre molto simile all’originale. 

È un programma estremamente semplice 
e gli esperti della società di sicurezza inter¬ 
pellata riescono ad analizzare il suo codice 
per scoprire che tutti i computer infettati 
dal malware, quelli su cui qualche vittima 
aveva aperto l’allegato delle e-mail, venivano 
controllati da un unico sistema centrale, che 
ovviamente doveva appartenere ai pirati. Si 
accorgono anche che una particolare libre¬ 
ria DLL installata da EyePyramid su tutti i ► 


Win Magazine 63 



C* Antivirus&Sicurezza 


Per saperne di più | EyePyramid | 


I NOSTRI ACCOUNT SONO AL SICURO? ECCO COME SCOPRIRLO 


Nome 

A 

Ultima modifica Tipo 

^1 evecvramid-checlt.vts F i::.- 




Windows Script Host X 

Non risulta presente la licenza utilizzata da Eyepyramid 

OK 





Il malware ha colpito poche per¬ 
sone, principalmente membri 
delle istituzioni, deN'economia 
e della finanza. Se non apparte¬ 
niamo a questi ambiti, è quasi 
certo che EyePyramid non ci ha 
infettati. Comunque sia, la co¬ 
sa migliore da fare per evitare 
non soltanto EyePyramid, ma 
soprattutto gli altri malware 
ben più pericolosi e diffusi, è 
avere sempre ben aggiornati 
sul proprio PC un buon antivi¬ 
rus ed un buon antispyware. 
Ce ne sono molti gratuiti per 
uso personale, come AVG Free 
Edition (presente nella sezione 
Antivirus&Sicurezza del Win 
CD/DVD-Rom). Naturalmente 
è molto importante anche assi¬ 
curarsi di non aprire gli allegati 


delle e-mail sospette: soprattut¬ 
to sui sistemi Windows, infatti, 
basta un clic per condannare il 
proprio computer. Altri sistemi, 


come GNU/Linux e Mac OS sono 
meglio protetti, anche se co¬ 
munque non del tutto immuni 
da questo tipo di malware. Per 


Grazie allo script Yarix possiamo 
verificare l'eventuale presenza 
nel nostro hard disk di una delle 
sottostrlnghe della chiave di 
licenza di EyePyramid: se rinvenute, 
costituiscono un forte indicatore 
dell'avvenuta infezione. 


quanto riguarda EyePyramid 
nello specifico, la società Yarix 
ha pubblicato uno script (sca¬ 
ricabile gratuitamente da Win 
Extra ) che verifica l'eventuale 
infezione del PC da parte del 
malware. Naturalmente, con¬ 
tro il phishing generico non vi è 
alcuna reale protezione se non 
la cautela: prima di inserire le 
nostre password in un sito Web, 
controlliamo la barra dell'indiriz¬ 
zo per assicurarci che sia quello 
giusto. 


sistemi infettati è di proprietà dell'azienda 
AfterLogic e per essere usato richiede un 
codice di licenza. Tale codice di licenza è 
presente, perfettamente identico, su tutte le 
versioni di EyePyramid dal 2010 al 2015. In 
quell’anno il codice viene cambiato perché 
una società di sicurezza informatica si era 
accorta dell’esistenza di EyePyramid, aveva 
scoperto il codice di licenza e aveva chiesto 
ulteriori informazioni ad AfterLogic, la quale 
aveva ritenuto opportuno avvertire i suoi 
clienti (cioè in questo caso i pirati informatici) 
che qualcuno era sulle loro tracce. I pirati, pe¬ 
rò, invece di concludere le loro azioni, hanno 
semplicemente cambiato codice di licenza, 
probabilmente confidenti del fatto che se 
nessuno li aveva arrestati dopo tutti quegli 
anni sarebbero stati al sicuro ancora per 
un po'. Analizzando le varie e-mail inviate 
dagli account piratati, gli esperti di sicurezza 
risalgono ad una versione di EyePyramid 
della fine del 2010, nella quale i dati rubati 
dal computer della vittima vengono inviati 
direttamente ad alcuni indirizzi Gmail. In 
seguito, invece, i dati venivano inviati ad 
altri indirizzi e-mail alcuni dei quali gestiti 
da provider degli Stati Uniti che offrono un 
certo livello di privacy e anonimato. Grazie 
a queste scoperte, però, i magistrati sono in 
grado di stabilire che l’attività di spionaggio 
è andata avanti ininterrottamente dal 2010 
al 2015: il programma EyePyramid è stato 
modificato continuamente in quell'arco di 
tempo, segno che qualcuno continuava ad 
utilizzarlo. 


Chi sono i colpevoli? 

Proprio partendo dagli indirizzi Gmail delle 
prime versioni di EyePyramid ci si accor¬ 
ge che nel 2011 la procura di Napoli aveva 
già provato a indagare su alcune attività di 
"dossieraggio" sospette. Gli inquirenti ri¬ 
salgono poi ad altri indirizzi e-mail attivati 
presso dei provider statunitensi, accomunati 
dall’avere sempre gli stessi intestatari: la 
coppia che vive a Roma. Naturalmente è 
sempre possibile che anche queste persone 
abbiano subito, come tutte le altre, un furto 
di identità digitali. Per esserne sicuri, i ma¬ 
gistrati che indagano decidono di attuare 
delle intercettazioni: se queste persone sono 
i veri colpevoli, sarà possibile coglierli sul 
fatto mentre utilizzano i dati che rubano alle 
vittime del malware EyePyramid. Proprio in 
questa fase dell’indagine c'era una piacevole 
sorpresa ad attendere gli inquirenti. Infatti i 
responsabili non hanno quasi per nulla utiliz¬ 
zato crittografia: tutte le loro comunicazioni 
erano in chiaro. La polizia postale è quindi 
riuscita a intercettare il traffico Internet tra 
il computer di uno dei membri della coppia 
e il server in cui EyePyramid memorizzava 
i dati rubati. In questo modo hanno potuto 
sapere inequivocabilmente che la coppia era 
davvero in grado di controllare il malware. La 
polizia ha scoperto un file Access nel quale i 
pirati memorizzavano l’elenco di tutti gli in¬ 
dirizzi e-mail e le password che erano riusciti 
a scoprire: ben 1.793 coppie di username e 
password. Queste password appartengono 
a personalità della politica e dell'economia 


italiana, tra i quali l’account Apple di Matteo 
Renzi e Mario Draghi. 

Dilettanti allo sbaraglio 

I due pirati discutevano tra loro usando 
persino WhatsApp, app che solo molto re¬ 
centemente ha implementato una forma di 
crittografia, ma che negli ultimi anni è sem¬ 
pre stata completamente priva di protezione 
dalle intercettazioni. La coppia teme di essere 
scoperta dalle autorità italiane e proprio di 
questo discute in alcuni messaggi WhatsApp 
che sono stati resi pubblici: in realtà, grazie a 
questi messaggi gli inquirenti capiscono che 
ambedue le persone sono coinvolte nell'at¬ 
tività di “spionaggio”. Nonostante credano 
di essere protetti dal fatto che i loro server si 
trovano in suolo americano e che quindi le 
autorità italiane non possano accedervi, ad 
un certo punto si accorgono che qualcosa 
si sta muovendo e decidono di cancellare 
tutti i dati. A quel punto, però, la polizia po¬ 
stale li stava già intercettando da qualche 
tempo. Quando i due si sono accorti che gli 
inquirenti stavano per entrare in casa loro, 
hanno provveduto a rendere inaccessibili i 
loro computer, riavviando quello protetto 
dalla cifratura BitLocker e digitando tre volte 
la password sbagliata su un altro bloccando 
la smart card identificativa. Naturalmente, 
c'è ancora molto da scoprire: gli inquirenti 
devono ancora accedere a diversi file per 
capire se la coppia sia riuscita a conoscere 
anche eventuali segreti di Stato. Vedremo 
quali saranno gli sviluppi dell’inchiesta! 


64 Win Magazine 









| EyePyramid | Per saperne di più 


Antivirus&Sicurezza O 


Sei passi per creare un malware 

S ramid è un virus dalla struttura molto semplice che, in pratica, consente l’accesso da remoto ai computer 
iti. Esistono addirittura procedura guidate per realizzarne uno simile. Analizziamole insieme. 



Il tool usato dai pirati 

Per cominciare, il pirata si procura DarkComet: il programma è gratuito e 
si trova facilmente sul Web. Per poter estrarre il file ZIP e avviare l’esegui¬ 
bile il pirata deve prima fermare la protezione in tempo reale del proprio antivirus, 
che altrimenti eliminerebbe DarkComet appena viene avviato. 


^ Aprire le porte giuste 

2 II PC del pirata deve poter essere accessibile dall'esterno. Per fare questo, 
interviene sul router per aprire la porta 1604 perché è quella predefinita 
di DarkComet. I pirati più esperti configurano DarkComet per lavorare sulla porta 
SO per non essere bloccati dai firewall delle vittime. 



-x II controllo da remoto è attivo 

Per costruire un nuovo malware, il pirata apre il menu di DarkComet e 
sceglie la voce Server module/Full editor. Entra nella scheda Network 
Settings e specifica l'indirizzo IP del proprio computer, su cui è in esecuzione 
DarkComet (per conoscerlo basta visitare il sito whatismyip.com). 


^ Malware con avvio automatico 

^ In Module Startup il pirata spunta Start stub with Windows per avviare 
il malware assieme a Windows. Si possono anche stabilire degli attributi 
per il file, come l'opzione hidden, per rendere più difficile la sua identificazione 
e tentare di impedire l’eliminazione del malware. 



^ Lo stadio finale 

g II pirata apre il tab Stub Finalization per produrre il file del malware (,Build 
thè stub), che viene di solito compresso con il sistema UPX. Quindi non 
deve fare altro che inviare il file a qualcuno e aspettare che venga aperto. Appe¬ 
na ciò avviene, riceverà una notifica da parte di DarkComet. 


^ Ecco le vittime del virus 

Il pirata apre la scheda Users dell’interfaccia di DarkComet per scoprire le 
sue “vittime”. Cliccando sul nome di un utente con il tasto destro appari¬ 
rà un menu con le varie opzioni: scegliendo Quick Window Open compare una 
serie di opzioni semplici, come la visione della Webcam. 


Win Magazine 65 















































































O Mobile 


Fai da te | Spese sotto controllo 


Ipese sotto 
controllo 


Sfrutta lo smartphone per gestire 
il budget mensile e arrivare a fine 
mese senza sforare 


Cosa ci. 
occorre , mi, ; 

APPANDROID 

ANDROMONEY 

Lo trovi su: 0CD 0DVD 
Sito Internet: 

https://play.google.com 

SMARTPHONE ANDROID 

TP-LINK 
NEFFOS Y5 

Quanto costa: €138,99 
Sito Internet: 

www.amazon.it 


FACCIAMO TUTTO 
VIA WEB 

AndroMoney ci permet¬ 
te di accedere e gestire 
il nostro conto anche 
via Web da un qualsiasi 
PC. Basta andare sul 
sito Web https://web. 
andromoney.com, 
cliccare su Signin in alto 
a destra ed effettuare il 
login usando lo stesso 
account di Google im¬ 
postato sul telefonino. 
La prima schermata che 
ci ritroveremo davanti 
sarà quella dei Report. 


N on è ancora la fine del mese e abbiamo 
già consumato tutto lo stipendio? Un 
problema che può capitare a tutti. Stare 
dietro a tutte le spese è quasi impossibile e ba¬ 
sta un imprevisto per far saltare i conti. Magari 
avevamo programmato un weekend romanti¬ 
co col partner e dobbiamo rinunciarci perché 
il conto è andato in rosso, oppure dobbiamo 
rimandare l’acquisto del nuovo smartphone 
perché non siamo riusciti a mettere da parte 
la somma necessaria. Per evitare di trovarci 
in situazioni del genere, abbiamo scovato sul 
Play Store un’interessantissima applicazione, 
AndroMoney, che ci aiuta nella gestione del 
bilancio personale. Con questa app diventa 
semplice tenere traccia di ogni spesa, anche 
quelle di pochi centesimi come un caffè al bar, 
perché anche quei pochi centesimi alla fine 
del mese potrebbero pesare molto. 

Non perdi un centesimo 

Grazie all'app è possibile tenere traccia delle 
spese e delle entrate, evitando il rischio di 
sforare il budget a nostra disposizione. Non 
occorre più conservare scontrini e ricevu¬ 
te: basta di volta in volta inserire la spesa 
nell'app e in qualsiasi momento avremo un 
quadro complessivo di quello che abbiamo 
ancora a disposizione. Per ogni entrata o 
uscita possiamo specificare la categoria, sce¬ 
gliere la valuta e inserire delle note. I report 
grafici ci permettono poi di capire quali sono 
state le voci che hanno inciso maggiormente 
sulle nostre uscite, così da prendere una 
decisione consapevole di dove possiamo 
risparmiare. Inoltre AndroMoney consente 
di sincronizzare i dati tra tutti i nostri dispo¬ 
sitivi e di gestire transizioni e report anche 
dal Web. Usarla è davvero molto semplice e 
nei passi seguenti vedremo come inserire le 
varie spese e gestire le nostre finanze. 









| Spese sotto controllo | Faldate 


Mobile 0* 


à Gestiamo il conto corrente 

Grazie alla semplice interfaccia di AndroMoney sarà un gioco da ragazzi monitorare le entrate e le uscite monetarie 
giornaliere. Con pochi tocchi avremo una dettagliata lista movimenti sempre a portata di mano. 



^ Una semplice visualizzazione 

j L’app ha una semplice interfaccia. Toccando 
—J il menu in alto a sinistra scegliamo la visua¬ 
lizzazione per giorno, settimana, mese o anno. Inizial¬ 
mente non ci sono spese o entrate registrate, quindi ci 
troveremo di fronte una schermata vuota che dovremo 
integrare con le nostre spese ed entrate. 



^ Ci sono anche le note 

^ Scelta la categoria, tocchiamo Conto per indi¬ 
care se si tratta di un pagamento in contanti, 
con carta di credito o bancario. Aggiungiamo un bene¬ 
ficiario, impostiamo una periodicità se si tratta di una 
spesa ricorrente e aggiungiamo le note esplicative. Al 
termine tocchiamo Salva per completare. 


(Si B □ (9 _0*a«t£i2 

( £ Grafico a Tona 



^ Col grafico è più semplice 

y Dalla sezione Report possiamo visualizza¬ 
re l’andamento delle nostre spese attraverso 
grafici a Torta, a Tendenza o a Barre Una volta scelto 
il tipo di grafico, si può specificare il periodo di riferi¬ 
mento e la tipologia di spesa. I grafici sono molto utili 
per avere subito un riscontro visivo. 


rei sui idi jo 

-w 

Haircut 

Publications 

CD 

Cosmetics 

Car/Motor 

« 

abito 

Medicai 

>. * 

Aggiungi... 



^ Inseriamo un movimento 

Per inserire un nuovo record tocchiamo la 
voce Nuovo. Dal pannello in alto scegliamo 
innanzitutto se si tratta di un’uscita, un'entrata o un 
trasferimento di denaro. Selezioniamo quindi la valuta 
e servendoci della tastiera inseriamo la somma relati¬ 
va alla spesa che vogliamo aggiungere. 



Tutti i dettagli 

2 Tocchiamo quindi Categoria per indicare il tipo 
di spesa che stiamo inserendo. AndroMoney 
ha già diverse categorie e sottocategorie tra cui sce¬ 
gliere, ma se non dovesse essere presente quella che 
ci serve, basta toccare Aggiungi per inserirla manual¬ 
mente indicando nome e scegliendo un'icona. 



Usiamo i filtri 

g Col tempo le spese e le entrate diventeranno 
numerose. Oltre a visualizzarne l'elenco com¬ 
pleto, AndroMoney consente di filtrare i record in base 
al tipo. Basta toccare il tasto con i tre punti in alto e 
scegliere Filtri. È anche possibile richiamare il calen¬ 
dario per avere un prospetto generale. 


-k. Budget sotto controllo 

0 Toccando l'icona in alto a sinistra si accede al 
menu principale dell’applicazione da cui pos¬ 
siamo gestire il nostro conto e il budget a disposizio¬ 
ne. Possiamo, ad esempio, impostare un allarme per 
avvisarci quando abbiamo superato di una certa soglia 
il budget settimanale. 


Feedback Vibrazione 

VHica aUlmarlrmnlo di dall 

5? 

Calcolatrice 

Mostra «utornatlcemenle U c-jlcoioflric* 

s? 

Conferma l'uscita 

Vuoi cetile* mar e pei uscire? 

? 

Anteprima 

Anleprene lecords periodo 

gf 


<o Impostazioni 


GENERALE 


Gestione Budget 

Gestisci il tuo budget con questo i 


^ Un’aoo su misura 

g Andando in Impostazioni possiamo persona¬ 
lizzare diversi aspetti di AndroMoney in modo 
da adattarla alle nostre necessità. Possiamo ad esem¬ 
pio modificare il formato della data, il colore del racco¬ 
glitore, lo stile della tastiera, il tipo di ordinamento per i 
record e molto altro ancora. 


^ Sincronizziamo i dati 

0 Possiamo installare AndroMoney su più dispo¬ 
sitivi e sincronizzare i dati per avere sempre a 
portata di mano il nostro conto personale. Da Impo¬ 
stazioni scorriamo la finestra e spuntiamo Database 
di sync. Sarà necessario eseguire l'accesso su tutti i 
dispositivi con lo stesso account Google. ► 


Win Magazine 67 







































O Mobile 


Faldate | Spese sotto controllo 


Le app per monitorare il conto 


MONEFY - MONEY MANAGER 

Monefy permette di gestire le proprie spese e 
sincronizzarle usando Dropbox. Ha un'interfac¬ 
cia moderna e usarla 
è semplicissimo: si 
possono aggiungere 
conti e carte, perso¬ 
nalizzare le categorie 
di spesa, definire un 
budget mensile e 
proteggerla con una 
password. La versione 
gratuita offre tutte le 
funzioni della Pro, ma 
comporta la visualiz¬ 
zazione di un po'di 
pubblicità di tanto in 
tanto. 



GOOD BUDGET: BUDGET 
& FINANCE »# 

Una delle più valide alternative a AndroMoney, 


consente di controllare il 
budget di spesa mensile 
e impostare le uscite ri¬ 
correnti. I dati vengono 
sincronizzati attraver¬ 
so i vari dispositivi e 
possono anche essere 
gestiti via Web. Offre 
inoltre il supporto per 
l'esportazione dei dati 
nel formato CSVin mo¬ 
do che possano essere 
analizzati anche sul PC. 


Syivc 0 Sharr a budget 



ISPESA - EXPENSE TRACKER * 

Già dal nome si intuisce che si tratta di un'app per 
i dispositivi della 
mela. Consente di 
gestire più conti, 
inserire spese 
personalizzate e 
interrogare l'ap¬ 
plicazione anche 
per gli anni pas¬ 
sati. L'interfaccia 
è semplice e intu¬ 
itiva, consente di 
gestire in modo 
preciso il bilancio 
familiare; manca 
di una versione 
Web. 


Account 

Votai 

Ircoan*. 12.770-00 

Expoma S' .026.00 

Saprete 5l.74fi.00 



wm Today 


■ Irccnw Imo od mis*% 

■ e*w«M sreoo 27.1 tu 

St««v STttCO 

Q, o 


EXPENSE MANAGER» 

Ottima applicazione, completa in tutte le 
funzioni e con in più qualche utile tool co¬ 
me il convertitore di 
valuta, il calcolatore 
per i prestiti e altro 
ancora. Si possono 
creare più account 
per ogni membro 
della famiglia, c'è il 
widget per la Home 
dello smartphone e si 
possono scattare foto 
di scontrini e altre ri¬ 
cevute per archiviarli 
nell'applicazione. 


PENNIES* 

Un'applicazione 
che fa della sua 
semplicità il suo 
punto di forza. È 
compatibile con 
iPhone, iPad e 
anche con l'Apple 
Watch. Permette 
di gestire più bud¬ 
get e controllare 
visivamente l'an¬ 
damento delle 
spese. Supporta 
il 3D Touch e la 
sincronizzazione 
con iCIoud, ma purtroppo non è localizzata nella 
lingua italiana e costa € 4,99. 


EXPENSIFYMI 

Molto utilizzata da uomini d'affari per gesti¬ 
re le proprie note 
spese con l'azien¬ 
da. Grazie alla fun¬ 
zione SmartScan è 
possibile importare 
i dati di una spesa 
semplicemente 
fotografando lo 
scontrino con lo 
smartphone. Offre 
anche l'applicazio¬ 
ne Web e la possi¬ 
bilità di importare 
le carte di credito. 

-- 





LE MIE SPESE # 

Non brilla sicuramente per l'interfaccia, ma è 
un'applicazione 
completa e ricca di 
funzioni. Consentedi 
gestire fino a 5 conti, 
supporta il backup 
dei dati, transazioni 
frazionate e ricor¬ 
renti, l'inserimento 
di immagini per le 
transazioni, imposta¬ 
re una password per 
proteggere l'accesso 
ed esportazione dei 
dati nei formati QIF 
eCSV. 


MONEY LOVER- GESTORE 
SPESE #éO 

App multipiattaforma 
con sincronizzazione 
sul Web per gestire i 
propri conti diretta- 
mente dal browser. 

Permette di fissare un 
budget per le spese e 
di ricevere una notifica 
quando viene sforato. 

La versione Premium a 
pagamento consente 
di creare fatture elet¬ 
troniche stampabili. 


MOBILLS: BUDGET 
& BILANCIO #éO 

Ottima app per gestire 
le spese e risparmiare 
soldi. Disponibile per 
ogni piattaforma mo¬ 
bile, permette di ge¬ 
stire il proprio budget 
mensile, visualizzare 
le transizioni per gra¬ 
fici, essere avvisati via 
e-mail delle scadenze, 
allegare file alle spese 
e altro ancora, è possi¬ 
bile sincronizzare i dati 
via Web su http://web. 
mobillsapp.com. ■ 




Gestisci diversi conti in un 
unico posto 


< > 



o 


68 Win Magazine 





















































H *™ 2017 L - 3 rivista d'informatìca più venduta in Europa 

n®229 13/20171 |—a 



a.2 WEB CO 


ITALIA 


SajSSB 

Kircc6n»°. 

sumocSDe 


600QU MK 

10 NUOVE FUNZIONI 

Orinare im pira, dnenlae 
uniramote, sanare le mappe 
ai mopSOeMoMoancoL. 


’P f 



Da Super Mario Run a Dropbox: ecco 
le migliori per il tuo smartphone 0 tablet 


•5 tb - 


bcimo SICUREZZA 

NIGERIA CONNECTION 

I pmm Alca» è I re Mi traili 
«temanonak fin dagl anni 30. 
Ecnl nuovi mcodL. 


FELEVi GRÀTES 
PER TUTTI! 

REPORTAGE PROIBITO 
TRA STREAMING & DOWNLOAD 

Analizzati i 20 siti underground più ricchi di prime 
visioni e serie TV. Ecco cosa abbiamo scoperto... m i ,200 

.EURO 


MASTERIZZA DALLO 
SMARTPHONE 

foto «ideo e musica nel 
ceftjiare è ardvnata la tua «a 
datale fanne suMo una 


CUCCA & DIGITA 

1 ri nuoti kit wlrelcM mouse e tastiera 
Approvali ne nostri laboratori 



È TEMPO DELLE 


|ioo% |NETFLIXI a gSt a-l> s~ 9 fcP^| jTunesI 

^PAGINE SPECIALI 

ili 


Calano i pieni, aumenta 
b produrrete.. 
in test 5 mode* «KDR 


k J\ t 


AURICOLARI SMART 

a mt di App*e «mutalo tana remiga 
• porti grammi.Vi ariani) se suonano anche 


I ED Ih PIU IOAhhID PWOhEp 


PHOTOSHOP CCVs. 
ELEMENTS15 

È sempre megko un sottrate 
pe pretesameli 0 pei andare 
bene ino pet pnnopianu? 


/ 









\\ 




OCO BBO©®[L^ 

Disponibile anche 
con DVD Doppio 







































O Mobile 


Software | SkyVR 


Indossiamo il visore VR. attiviamo lo smartphone e immergiamoci 

nei nuovi contenuti televisivi di Skv: ne vedremo davvero delle belle! 


Realtà virtuale 



S tanchi del vecchio e monotono modo 
di guardare la televisione? Tranquil¬ 
li, abbiamo scovato per voi un mo¬ 
do davvero originale per accedere ad un 
mondo di contenuti esclusivi in maniera 
spettacolare. Sul Play Store di Google è 
infatti comparsa Sky VR, un’applicazio¬ 
ne per la realtà virtuale lanciata 
dall’azienda di Murdoch. L’ap¬ 
plicazione è utilizzabile grazie 
ad un visore per la realtà vir¬ 
tuale e permette di guardare 
interessanti clip registrate a 
360° o semplici video posti in 
un'immaginaria stanza creata 
dal VR stesso. La tecnologia, 
ovviamente, è ancora da affi¬ 
nare e intelligentemente 
Sky, almeno per ora, ha 
deciso di permettere la 
visione dei contenuti a 
tutti gli utenti, anche a 
quelli che non hanno stipula¬ 
to un abbonamento con 1'emittente 
del magnate australiano (ma l’auspicio, 


c’è da scommettere, è quello di 
“acchiappare” in questo modo 
nuovi abbonati). L’applicazio¬ 
ne, inoltre, è scaricabile gratu 
itamente dallo store. I filmati 
sono divisi per categorie e so- 


in pratica 



La migliore esperienza 

Per usare al meglio il visore sediamoci in un 
luogo privo di ostacoli. Inseriamo lo smartpho¬ 
ne nel Gear e indossiamolo: in automatico, il 
VR comincerà la procedura di accensione e verremo 
catapultati in una stanza immaginaria con slide da 
scorrere per accedere ai vari contenuti. 



Ecco come muoversi 


a Al centro ci sarà un piccolo cerchio di colore 
bianco utilizzabile come puntatore per sce¬ 
gliere i contenuti. Per muoverci usiamo il 
touchpad posto sulla destra del visore. In basso al 
centro, grazie ai tasti Store, Home e Libreria potremo 
accedere al market e alla pagina principale del visore. 


Entriamo in Skv VR 

VI Scarichiamo e installiamo l’app SkyVR. Una 
bl volta aperta troveremo i video da visualizzare 
posti davanti a noi. Le schermate che ci offre 
l’app in tutto sono tre, nella prima sono presenti i con¬ 
tenuti recentemente caricati da Sky, mentre nelle altre 
è possibile accedere alle varie categorie. 


70 Win Magazine 






















| SkyVR | Software | 


Mobile 0* 


TUTTA LA TV IN REALTÀ VIRTUALE 


APPLICAZIONE COSA PUOI FARE... 


Così come SkyVR, ci darà la possibilità di visualizzare svariati 
WITHIN contenuti girati a 360°, come una canzone dei Muse o un 
simpatico cartone animato. 


FOXSPORTSVR 


NEXTVR 


OCULUS VIDEO 



Proveniente dalla stessa famiglia Sky, ma con un ambito 
più specifico ci permetterà di gustarci gli eventi sportivi più 
importanti del momento come se fossimo lì a vederli. 

Questa simpatica applicazione è una sorta di enorme 
contenitore, che ci permetterà di pescare in un'enorme libreria 
televisiva i contenuti più belli da vedere col VR. 

App di default del visore. Pescherà da tutti i social più famosi 
i video o le foto visibili in VR. I contenuti vengono aggiornati 
costantemente, in base a quelli che sono le clip o le immagini 
più diccate del momento. 


no composti da: interviste, video clip 
di imprese sportive, pezzi tratti da 
nuovi film in uscita, documentari 
naturalistici e non solo ed espe¬ 
rienze immersive catturate in 
giro per il mondo con apposite 
telecamere. Per visionare i con¬ 
tenuti è consigliabile avere 
una connessione a Internet 
decisamente potente; in 
assenza di una ADSL ve¬ 
loce, abbiamo trovato 
un modo per ovviare 
anche a questo pro¬ 
blema. Non ci resta 
che inforcare gli oc¬ 
chiali VR (per le prove abbiamo 
utilizzato il Samsung Gear VR) e goderci 
lo spettacolo a 360 gradi. 


Cosa ci t *-J 
occorre ^ 3 , 

APP ANDROID 

SKYVR 

Quanto costa: Gratuita 
Sito Internet: 

https://play.google.com 

VISORE VR 

SAMSUNG 
GEAR VR 

Quanto costa: € 129,90 
Sito Internet: 

www.amazon.it 



Mettiamo in play 

a Scelto il video, puntiamo sul contenuto e fac¬ 
ciamo un tap al centro del touchpad per il play. 
Se non disponiamo di una buona connessione, 
ritorniamo alla schermata precedente e clicchiamo sul 
tasto alla destra di Play per scaricare il contenuto e 
vederlo off-line (i file pesano tra i 100 e i 300 MB). 


Scelta dei contenuti 

VI Molti contenuti sono in lingua inglese. Alcune 
LI clip sono state riprese con speciali telecame- 
LJM re a 360° in 3D. In questi casi l’esperienza 
immersiva è assolutamente da brividi: ci ritroveremo 
sulla griglia di partenza della Formula 1 o nel bel mez¬ 
zo di un allenamento del Manchester United. 


LE APP PER LA VR 


FACEYOURFEARS 

Questa app ci permetterà di vivere avventure 
grafiche in prima persona. Per ora l'applicazione 
non offre tantissime alternative, ma alcune nuove 
funzioni sono già state messe in cantiere per il fu¬ 
turo. Aprendola potremo scegliere tra due scenari: 
un mondo futuristico dove un enorme robot vorrà 
catturarci, oppure il caldo letto di una piccola 
cameretta mentre all'esterno impazza il tempo¬ 
rale e all'interno strane creature sono lì pronte a 
spaventarci. 



NETFLIX 

Anche in questo caso Netflix sembra essere net¬ 
tamente un passo avanti a tutti gli altri siti che 
offrono cinema on demand. La piattaforma sta¬ 
tunitense, infatti, invece di arrovellarsi nel creare 
nuove clip a 360° da poter visionare col proprio 
VR, ha pensato bene di"costruire"un'accogliente 
stanza con tanto di enorme televisore dove poter 
visionare tutti i contenuti disponibili. Natural¬ 
mente per utilizzarlo avremo bisogno sempre del 
solito abbonamento o semplicemente potremo 
usufruire della prova gratuita. 

ELEMENT 

Ricordiamo l'eroe dei fumetti Marvel, Ciclope? 
Ecco, pensiamo di poter sparare con gli occhi, 
proprio come fa lui, e così avremo un'idea di cosa 
sia Element. L'app in questione, infatti, è uno 
sparatutto adattato per il visore e quindi come 
tale permette al protagonista di uccidere i propri 
avversari semplicemente guardandoli e premen¬ 
do sul touchpad. Graficamente ricorda da vicino i 
vecchi giochi per Playstation 1, ma il format sem¬ 
bra decisamente funzionare. 



VISO PLACES 

Tutti noi desideriamo visitare posti nuovi e ine¬ 
splorati e Viso Places ci permette di fare questo 
in maniera virtuale. Basterà, infatti, scegliere un 
posto per ritrovarsi catapultati in quella realtà. Per 
scegliere il luogo da visitare c'è la dettatura vocale 
o una comoda tastiera virtuale dove potremo 
digitare le lettere grazie al solito puntatore. In- 
somma basterà inforcare il nostro VR per ritrovarci 
in brevissimo tempo a Roma o Parigi in un battito 
di ciglio. 


Win Magazine 71 

























O Utilità&Program. 


Fai da te | Windows più sicuro che mai 



Ecco come cancellare 
automaticamente la memoria 
virtuale all’arresto del sistema 


Cosa ci • ^ 
occorre *3/ 


SISTEMA OPERATIVO 

WINDOWS 
10 HOME 

Quanto costa: € 135,oo 
Sito Internet: 

www.microsoft.com 


RIPRISTINIAMO 

TUTTO 

Se, dopo aver applicato 
uno dei due metodi 
illustrati nell'articolo, 
vogliamo disattivare la 
cancellazione automati¬ 
ca del file di paging pos¬ 
siamo agire nei seguen¬ 
ti modi. Per il Metodo 
1 basta seguire la pro¬ 
cedura, quindi al Passo 
2, selezionare la voce 
Disattivato e premere 
OK. Se invece abbiamo 
utilizzato WMetodo 2, 
cerchiamo nel registro 
di sistema la chiave Cle- 
arPageFiieAtShutdown 
che abbiamo creato, 
facciamo doppio clic 
su di essa, digitiamo 0 
nel campo Dati valori e 
premiamo OK. 


U na caratteristica che ha sempre con¬ 
traddistinto tutte le versioni di Win¬ 
dows è un meccanismo che consente di 
espandere la memoria RAM utilizzando una 
porzione dell'hard disk, detta per l’appunto 
“memoria virtuale". Grazie ad essa, infatti, 
è possibile avviare ed utilizzare il sistema 
operativo e le applicazioni quando la RAM 
non è più sufficiente per le operazioni che 
stiamo compiendo. 

Azzeriamo la memoria 

La memoria virtuale si serve del cosiddetto 
file di paging (pagefile.sys) che viene alloca¬ 
to da Windows sull'hard disk del nostro PC. 
L’accesso al file di paging è più lento di quello 
alla memoria RAM e, per limitare eventuali 
rallentamenti di Windows, è preferibile istal¬ 
lare sul computer hard disk molto veloci in 
fase di lettura e scrittura dei dati. Una cosa 
che molti non sanno però è che, quando viene 
arrestato il sistema (e quindi spento il PC), il 
contenuto della memoria RAM viene azzerato 
dalla mancanza di corrente mentre quello del 
file di paging rimane praticamente intatto. 
Anche se questo file viene aperto in modo 
esclusivo da Windows ed è quindi ben protetto, 
in alcuni casi (ad esempio su computer su cui 
possono essere avviati più sistemi operativi) ci 
potrebbe essere qualche problema di sicurezza 
dei dati. Infatti un hacker, qualora riuscisse ad 
avere accesso al nostro PC, potrebbe passare 
al setaccio il contenuto del file di paging e tro¬ 
vare informazioni sensibili lasciate da qualche 
applicazione. Per aumentare la sicurezza del 
computer la migliore cosa da fare è pertanto 
quella di configurare Windows in modo che il 
file di paging venga automaticamente cancel¬ 
lato ogni volta che il sistema viene arrestato. 
Teniamo conto però che, dal momento che il 
file di paging è grande anche diversi GB, l’ope¬ 
razione di cancellazione potrà richiedere più 
tempo del solito. Vediamo come fare. 













Windows più sicuro che mai | Fai da te 


Utilità&Program. C 


Cociamo tutto con un tool 

Se sul nostro computer è installato Windows 10 (oppure 7 o 8) nelle versioni Pro o Enterprise possiamo 
configurare la cancellazione del file di paging utilizzando uno strumento integrato nel sistema operativo. 


L’editor dei criteri di gruppo 

Nel box di ricerca di Windows digitiamo il comando gpedit.msc e dia¬ 
mo Invio. Quando si apre la finestra dell’Editor Criteri di gruppo locali, 
a sinistra espandiamo il percorso Configurazione computer/lmpostazioni di 
Windows/lmpostazioni Sicurezza/Criteri locali/Opzioni di sicurezza. 

Dritti nel cuore del sistema 




^ Confiquraziamo tutto in pochi clic 

A destra cerchiamo l’opzione Arresto del sistema: cancella file di 
paging della memoria virtuale. Facciamo doppio clic su di essa, quin¬ 
di nella nuova finestra, nella scheda Impostazioni di sicurezza, selezioniamo 
Attivato e diamo OK. Riavviamo infine il PC. 


Nel caso in cui invece abbiamo sul PC una versione Home di Windows, per abilitare la cancellazione automatica 
del file di paging dobbiamo effettuare una modifica al registro di configurazione. Ecco come precedere. 



Accediamo al registro 

Accediamo al box di ricerca di Windows 
digitando il comando regedite diamo 
Invio per confermare. Aperto l’Editor del Regi¬ 
stro di sistema nel pannello di sinistra cer¬ 
chiamo la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\ 
SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Session 
Manager\Memory Management. 


Serve un nuovo valore 

Dobbiamo adesso creare un nuovo 
valore. Per farlo spostiamoci col mouse 
nel riquadro a destra e clicchiamo con il tasto 
destro in uno spazio vuoto, quindi selezioniamo 
l’opzione Nuovo/Valore DWORD (32-bit). Asse¬ 
gniamo quindi al nuovo valore creato il nome 
ClearPageFileAtShutdown. 


Attiviamo la cancellazione 

automatica 

Facciamo doppio clic su questo valore. Nella 
finestra Modifica valore DWORD (32 bit) digitiamo 1 
nel campo Dati valori e premiamo OK. Anche in que¬ 
sto caso dobbiamo riavviare il PC perché le modifiche 
effettuate abbiano effetto e Windows cancelli il file di 
paging quando si arresta il sistema operativo. 


Win Magazine 73 




















































O Utilità&Programmazione 


Pubbliredazionale 


Usando il software giusto puoi trasformare semplici 

pagine HTML in capolavori di moderno design 


Fai il makeup 
al sito Web 


P rendersi cura dell'aspetto del 
proprio sito non è sempre 
cosa facile, specie se si è alle 
prime armi con il mondo del Web 
design e della programmazione. 
Tuttavia se un tempo era necessario 
condurre studi approfonditi sulla 


materia per creare e "mandare avan¬ 
ti" un portale, oggigiorno le cose 
sono cambiate. Sulla piazza sono 
infatti disponibili diversi software 
che permettono di eseguire in modo 
abbastanza semplice tali operazioni 
andando però a restituire risultati 


professionali. In particolare, grazie 
a Incomedia WebSite X5 Compact 
(in regalo per tutti i lettori di Win 
Magazine) in pochi clic possiamo 
scaricare, modificare e installare 
un nuovo template per il nostro sito. 
Scopriamo subito come. 



Apriamo il nostro progetto 

* Avviamo Incomedia WebSite X5 Compact sul PC, clic- 
chiamo su Inizia, selezioniamo Modifica un Progetto già 
esistente e carichiamo il nostro progetto iniziato sul 
numero 228 di Win Magazine. Se è stato salvato in una posizio¬ 
ne diversa da quella predefinita, importiamo cliccando Importa. 


Accediamo alla galleria 

J CIicchiamo su Avanti, selezioniamo la voce Scelta del 
Modello nel menu a sinistra e poi premiamo Modello 
Predefinito. Ci verrà mostrata la galleria dei template. 
Volendo, possiamo ordinare i modelli per categoria d’apparte¬ 
nenza e per disposizione tramite i menu in alto. 


Hoòefc Prederei 



2 


CwWrtJc 

CWlTMi 


3 





• tl • » / 

l-lnar* * 


Scegliamo il template 

Facciamo clic con il tasto sinistro del mouse sul templa- 
I te che ci piace (sono tutti gratis tranne quelli su cui c’è 
l'icona del carrello). Visioniamo poi l'anteprima sulla destra 
e, se il modello scelto ci convince, clicchiamo su OK. Se ci viene 
chiesto di attivare il modello confermiamo con OK. 


Personalizziamo lo stile dei testi 

Facciamo clic su Stile Testi, scegliamo l’elemento da 
modificare dal menu Elemento della Pagina e impostia¬ 
mo colori, font, allineamento e margine dai menu sotto¬ 
stanti. Sulla destra viene mostrata un'anteprima. Per applicare 
le modifiche apportate clicchiamo su OK. 



Cosa ci 
occorre 

EDITOR WEB 

INCOMEDIA 
WEBSITE X5 
COMPACT 11 
—B 

Lo trovi so: s?CD ►'DVD 
Sito Internet: 

www.websitex5.com 



Aleggi 


anche. 


Su Win Magazine 228, a 
pagina 52, trovi la guida 
pratica per installare e 
registrare la versione com¬ 
pleta di Incomedia 
WebSite XS Compact 
11, coni primi passi per 
realizzare un sito Web 
personale. 



MODIFICHIAMO 
IL CODICE 


Per intervenire manual¬ 
mente sul codice delle 
pagine Web possiamo uti¬ 
lizzare un editor di testo 
come Notepad-H- (sezio¬ 
ne Indispensabili del Win 
CD/DVD-Rom), molto più 
flessibile del Blocco Note 
integrato in Windows. 


SPAZIO WEB 
GRATUITO 

Per pubblicare il nostro 
sito possiamo utilizzare 
il servizio gratuito 
offerto da Altervista (it. 
altervista.org) che ci 
fornisce 500 MB di spazio 
Web come anche la 
possibilità di installare 
un database MySQL e 
utilizzare il linguaggio di 
programmazione PHP. 


74 Win Magazine 













































Pubbliredazionale | 


Utilità&Proqrammazione 



Modifichiamo i menu 

Giochiamo su Menu Principale e poi su 
Menu a Comparsa per modificare l’aspetto 
dei menu del nostro sito. Utilizziamo poi le 
relative opzioni per cambiare lo stile dei testi, gli effet¬ 
ti eccetera. Tutte le modifiche sono visibili da Ante¬ 
prima. Per applicare le modifiche clicchiamo su OK. 


Un po’ di effetti speciali 

Per personalizzare i messaggi che vengono 
visualizzati passando col mouse sugli ele¬ 
menti del sito clicchiamo su Tooltip in Sti¬ 
le del Modello. Per modificare lo showbox clicchia¬ 
mo invece su Finestra a scomparsa. In seguito, 
confermiamo le modifiche cliccando sempre su OK. 


I 


Nuovo look airintestazione... 

Clicchiamo su Avanti e procediamo a per¬ 
sonalizzare l’intestazione del sito selezio¬ 
nando l’elemento su cui intervenire dal 
riquadro al centro ed utilizzando la toolbar in alto e 
le sezioni Immagine ed Effetti. Come negli altri 
casi, le modifiche sono visibili in anteprima. 




... e al piè di pagina 

Per modificare la parte bassa delle pagine 
clicchiamo sulla scheda in alto a destra e 
selezioniamo, dal riquadro centrale, l’ele¬ 
mento grafico su cui agire. Anche in questo caso 
possiamo apportare varie personalizzazioni median¬ 
te la toolbar e le sezioni Piè di Pagina ed Effetti. 


EieetMione dd Sto tu Internai 



Il nuovo sito è on-line 

Clicchiamo adesso sulla voce Esportazione 
nella barra dei menu a sinistra, facciamo poi 
clic su Esporta il sito su Internet e, nella 
schermata successiva, digitiamo i dati dello spazio 
FTP su cui pubblicheremo il sito. Per concludere, 
clicchiamo sulla voce AvanticoWocaìa in alto a destra. 


Esporta i Progetto 



Salviamo il progetto in locale 

5 Se invece preferiamo salvare la struttura 
del sito su disco per poterla consultare 
localmente e caricarla su Internet manual¬ 
mente e in un secondo momento, selezioniamo, 
secondo le necessità, la voce Esporta il Sito su 
disco oppure quella Esporta il Progetto. 


Nell'andare ad apportare delle 
modifiche al nostro sito Internet 
potremmo avvertire l'esigenza di 
reperire ulteriori modelli grafici 
in aggiunta a quelli già annessi 
al software. In tal caso, possiamo 
affidarci all'apposito marketplace 
accessibile direttamente da In- 
comedia WebSite X5 Compact 
tramite il quale, appunto, è pos¬ 
sibile acquistare nuovi template. 
Per accedervi non dobbiamo far 
altro che cliccare sull'icona che 
troviamo in corrispondenza della 
voce WebSiteX5 Templates nella 
finestra principale del program¬ 
ma. Fatto ciò, si aprirà il browser 
Web e ci verranno subito mostrati 
tutti i vari modelli grafici che pos¬ 


siamo aggiungere alla raccolta del 
software e che possiamo usare per 
il nostro sito. Ogni tema presenta 
una grafica originale ma non ha 
contenuti, di conseguenza van¬ 
no personalizzati a proprio pia¬ 
cimento. I temi nel marketplace 
non sono però una risorsa gratu¬ 
ita. Per poterli ottenere è infatti 
necessario disporre di appositi 
crediti che possono essere a lo¬ 
ro volta acquistati sotto forma 
di pacchetti di valore differente. 
Possiamo acquistare i crediti fa¬ 
cendo clic sul pulsante con le tre 
linee in orizzontale collocato nella 
parte alta del sito del programma, 
accedendo al nostro account, clic¬ 
cando poi sul nostro nome utente 


sempre annesso al menu in alto e 
successivamente sulla voce Cre¬ 
diti. Per concludere, dovremmo 
fare clic sulla voce Acquista che 


troviamo in corrispondenza del 
pacchetto di interesse e finalizzare 
l'acquisto fornendo i dati richiesti 
per il pagamento. 



Win Magazine 75 




















































C Utilità&Programm. 


| Software | Ashampoo Snap 8 


Così aggiungi al tuo PC il tasto Ree che videoreaistra 

tutto quello che riproduci in streaming sul tuo desktop 


Il software che 
registra Netflix 


Cosa ci /O 
occorre 

TOOL DI CATTURA VIDEO 

ASHAMPOO 
SNAP 8 


Lo trovi su: tfCD •''DVD 

Sito Internet: 

www.ashampoo.com 



P er realizzare una videoguida o salva¬ 
re su hard disk un filmato riprodotto 
in streaming, occorre dotarsi di un 
apposito software "cattura schermo" come 
Ashampoo Snap 8 che questo mese diamo 
in regalo ai nostri lettori. Questi particolari 
programmi sono in grado di catturare tut¬ 
to quello che viene mostrato sul desktop, 
sia come fotogrammi singoli sia come 
file video. Snap 8, però, non si limita al 
semplice cattura-schermo, ma offre una 
suite di funzionalità complete per gestire 
ogni progetto. Permette di effettuare uno 
screen di menu o di intere pagine Web e di 
registrare un video di tutto ciò che viene 
visualizzato sullo schermo. 

Tu vedi, lui registra 

Bastano pochi passaggi per realizzare 
complete video guide e includere nel fil¬ 
mato anche il nostro volto ripreso con 
la Webcam del PC. Supporta risoluzioni 
fino a 4K e mette a disposizione una serie 
di strumenti di modifica per ritagliare, 
aggiungere commenti, evidenziare aree 
e molto altro ancora. Tra le funzionali¬ 
tà avanzate troviamo anche la cattura 
temporizzata e un accurato riconosci¬ 
mento dei testi. Ma Ashampoo Snap 8 
può essere un programma molto utile 
anche peryoutuber che vogliono pubbli¬ 
care i loro video tutorial o per chi vuole 
registrare sul proprio computer i video 
in streaming che è possibile trovare su 
Internet. Molte piattaforme, infatti, non 
consentono il download dei contenuti 
messi a disposizione, ma con un software 
come Snap 8 si può aggirare l'ostacolo e 
riuscire ugualmente a farne una copia 
personale. Nei passi seguenti, vedremo 
come ottenere la licenza completa e come 
procedere per effettuare la cattura di un 
video in streaming, lasciando ai nostri 
lettori il piacere di scoprire tutte le altre 
utili funzioni integrate nel programma. 



Il tool delle meraviglie 

( Avviamo l’installazione di Ashampoo Snap 
8 facendo doppio clic sul file eseguibile 
presente sul Win CD/DVD-Rom. Scegliamo 
la lingua italiana, facciamo OKe clicchiamoScel¬ 
to e procedo. Ci verrà chiesta la chiave di attiva¬ 
zione: cucchiamo sul pulsante Ottieni una chiave 
di attivazione gratuita. 



Attiviamo il software 

Clicchlamo sul pulsante Fatto. Continua! 
per visualizzare la nostra chiave di licenza 
personale. Non ci resta che copiarla {Ctrl+Q, 
tornare alla procedura di installazione del software 
e incollarla (Ctrl+V) nel campo apposito. Cucchiamo 
su Attiva ora! per attivare il software e portiamo a 
termine l’installazione. 


)Snap 8 




Procuriamoci la licenza 

9 Inseriamo la nostra e-mail e scegliamo 
Richiedi chiave per versione completa. 
Andiamo nella nostra casella di posta elet¬ 
tronica e clicchiamo sul collegamento di attivazio¬ 
ne che ci è stato inviato per e-mail. Inseriamo 
quindi le informazioni personali per completare il 
nostro profilo base. 



La barra di cattura 

Una volta avviato, Ashampoo Snap8 mostre¬ 
rà una piccola linguetta in alto sul desktop. 
Cuccandoci sopra viene visualizzata la bar¬ 
ra di cattura per un rapido accesso alle varie fun¬ 
zioni del programma. Da qui possiamo avviare la 
registrazione dello schermo o catturare un sempli¬ 
ce screenshot. 


: 

c 


76 Win Magazine 




































| Ashampoo Snap 8 | Software 


Utilità&Programm. C 


O Cattura un video-. 

Che cosa catturare 
C Uria finestra singola 

C Desktop (Trito k> schermo) 

( ) Schermo principale 
( Un'area rettangolare 

<• Area prefissata 

852x460 (YouTufae ■ 16:9) p~ 


323x240 (PC 4:3) 

512x384 (PC -4:3) 

643x360 (VouTube-16:9) 

__-_4_ 


Configuratone video 
Preimpostato: cattiva di un vid 


Configuratone audo 

Regstra audio da questa fot 

Driver primario di acquisiti 


Contenuti da salvare 

Per registrare ad esempio lo schermo mentre si guarda 
in streaming un video dobbiamo cliccare su Cattura video. 
La finestra che si apre ci permette di scegliere tra diffe¬ 
renti stili di cattura ( Che cosa catturare ): possiamo registrare 
una finestra, l’intero desktop o un rettangolo personalizzato. 


O Confgjra 'audio • Il vidao- 


X 


Ofirkinl vkwo 

CoOk: 

Opponi nudo 

codtt 

YfloiJnws >M»i 7 ] « 

Iwhvfcjwt AiiiS» •* | 

FoCograrranl al Mcoodo: 

Formato rtgtotraaana: 

?0 v| 

*• lOkHr. 16-M * ] 



M» KUA * j 



OK X 4«»4la Guida 


Configurazione manuale 

a Possiamo anche configurare manualmente il codec video 
e audio. Per farlo dobbiamo selezionare l’opzione Confi¬ 
gurazione personalizzata dei codec e cliccare Confi¬ 
gura. Dalla finestra che si apre potremo scegliere un altro codec, 
cambiare il bitrate e il numero di fotogrammi al secondo. 



Salviamo il video 

Al termine della cattura, viene aperta automaticamente 
la modalità di modifica. Sulla destra troveremo la barra 
Azioni da cui possiamo scegliere cosa fare del file men¬ 
tre al centro ne potremo visualizzare un’anteprima. Possiamo 
esportarlo sul PC, inviarlo per e-mail o caricarlo sul cloud. 


Carnea un video . 



C una tatara anodi 

1 mpuvtjto; C4G -1 |J «1 vd» C (.ge.-.d>UQ vi miai 

arto» {lutto io «homo) 

Lt rir 1 :i - ■ ■/. f ■ 1 r iW fi li ' -4 Are * ,v 0 Of vr - Vw 

IfrMnpotfatD' oflv a é un vìdeo o comma Unitari 

Sd*rmo prtndOdt 

[foraci ranon* Ah rvW 



1 Jn’araa rrnangnlarr 

• A/m tafewta 

MirtttOprwTut* 1M) 

tortftpranoM aura» 

Regh*r» ludo ile gunta font»: 

tftabcam 

D*Utr (aknnto 4 «Ufwfefdxw usart 


ii < -.ifte.» 


[”") WdmtnitcAa atozatoghezn vk 

• Solo a voto: rrxWa 1 folo^armi rtrftt»- -rte r»H lo 


'j&o codi t <5é 4 kc i>- - ? Mi i fotoo ameni n* 


Il codec è quello giusto 

a Sulla destra dobbiamo scegliere il tipo di codec video. 
Abbiamo due opzioni preimpostate. La prima è più indi¬ 
cata per la cattura di applicazioni, mentre la seconda è 
ideale per registrare video e altri elementi in movimento e con 
molti colori. Spuntiamo l'opzione per registrare anche l’audio. 



Pronti per registrare 

Configurate le impostazioni di cattura, premiamo Avvia 

lif 


i 


J per visualizzare la barra Cattura video. A questo punto 
avviamo il video in streaming e premiamo Inizia cattura 
per avviare la registrazione. Col tasto Stamp arrestiamo la cat¬ 
tura, mentre con Alt+P mettiamo in pausa la registrazione. 



Tante utili scorciatoie 


J Andando nella sezione Configura/Generale possiamo 
modificare i tasti di scelta rapida con altri personalizza¬ 
ti. La qualità finale delle catture video dipenderà molto 
dalle performance del proprio hardware. Per un buon risultato 
conviene lasciare le impostazioni automatiche. 



REGISTRAZIONI 

FLUIDE 

Se non si ha un compu¬ 
ter con hardware molto 
potente, oltre a usare 
una risoluzione più bas¬ 
sa, in Metodo di codifica 
selezioniamo l'opzione 
Solo cache del disco i n 
modo che la codifica del 
file video venga ese¬ 
guita successivamente, 
senza rubare preziose 
risorse mentre usiamo il 
PC per le nostre attività 
quotidiane. 

LA GIUSTA AREA 
DI CATTURA 

Se si ha un monitor con 
una risoluzione molto 
alta, è inutile effettuare 
la cattura di tutto lo 
schermo. Meglio sele¬ 
zionare la modalità di 
cattura Area prefissata 
scegliendo l'opzione 
HDe poi adattare la di¬ 
mensione della finestra 
dello streaming a quella 
di cattura di Snap 8. 


Rileggi 

=Janche. 


SuWinMagazine228,a 
pagina 46, abbiamo visto 
come scaricare sul proprio 
smartphone i film e le se¬ 
rie TV trasmesse su Netflix 
e Amazon Prime Video, in 
modo da vederle anche in 
modalità off-line. 



Win Magazine 77 































































0 Utilità&Programm. 


Parliamo di... | Guadagnare con i droni 


Granisti di 
professione 



Su Win Magazine 228, a 
pagina 80, abbiamo par¬ 
lato di drone pad, le basi 
per far decollare e atter¬ 
rare senza rischi le nostre 
macchine volanti: un 
accessorio che deve essere 
sempre presente nel kit 
del perfetto dronista. 




Dalla fotogrammetria alla sicurezza delle città: 
ecco come fare soldi con la tua macchina volante 


I n un periodo di crisi economica 
globale l’ingegno e la creativi¬ 
tà, unita allo sfruttamento delle 
nuove tecnologie, possono portare 
a inventarsi nuove professioni fino a 
qualche tempo fa nemmeno immagi¬ 
nabili. Il mondo dei droni è pieno di 
questi esempi e già da qualche anno 
stiamo vedendo come molte persone 
riescono a crearsi una fonte di reddi¬ 
to in questo campo che sia a tempo 
pieno o alternativa. Insomma, con i 
droni si possono guadagnare soldi e 
creare nuove professioni, e i dati che 
arrivano da paesi come gli Stati Uniti 
sono alquanto incoraggianti: si parla 
di una continua crescita nella pro¬ 
duzione e nell'utilizzo di droni per 
scopi lavorativi. Anche in Italia inizia 
a crescere il numero degli operatori 
che credono in questo settore, come 
cresce del resto anche il numero di 


applicazioni sul campo, da quelle 
"classiche” a quelle più curiose. 

DaM’industria ai negozi 

Sicuramente il primo campo dove 
poter guadagnare con i droni è quel¬ 
lo della progettazione, dell'assem¬ 
blaggio, della vendita a un pubblico 
specializzato e, successivamente, 
dell'assistenza. Tuttavia, creare 
un'azienda che "fabbrica” droni non 
è certo cosa facile e, soprattutto, non 
è cosa per tutti. Gli esempi più pro¬ 
fessionali che esistono lungo lo Sti¬ 
vale ci parlano di realtà molto belle, 
affermate, ma con radici ben solide 
perché costituite da tecnici profes¬ 
sionisti che già operavano nel campo 
dell'aeronautica, dell'informatica e 
della fisica. Insomma, non ci si può 
improvvisare costruttori di droni 
dall’oggi al domani, ma esistono reali 


possibilità per tutti gli appassionati 
che "masticano” di aeronautica. Tra¬ 
sformare un hobby in un lavoro non 
è certo cosa facile ma, a giudicare 
dall'aumento della richiesta, oggi 
si è ancora in tempo per intrapren¬ 
dere questa strada. In alternativa, 
se non si è portati per il lavoro im¬ 
prenditoriale, ci sono tante aziende 
nate negli ultimi anni che cercano 
tecnici specializzati da inserire nei 
vari settori come la progettazione, 
l’assemblaggio, l’assistenza, fino alla 
vendita e alla consulenza. 

Soluzioni alternative 

D'altro canto, chi non ha competenze 
tecniche a livello elevato ma nutre 
una grande conoscenza del mondo 
dei droni, può optare per la commer¬ 
cializzazione e il noleggio attraverso 
un punto vendita specializzato. Il 






IL PILOTA 
DI DRONI. GUIDA 
Al SAPR 


Un libro che fornisce le 
competenze teoriche che 
ENAC richiede ai piloti di 
drone. Sono trattate le ca¬ 
ratteristiche dei droni, il loro 
utilizzo ed è approfondita 
la normativa che ne regola 
l'impiego. 


QUANTO COSTA: 

€16,15 

AUTORE: 

Giancarlo Stretti 


LE DRITTE GIUSTE PER DIVENTARE UN VERO 
PILOTA DI DRONI 

Con il termine "dronista" intendiamo il pilo¬ 
ta che guida il drone nelle applicazioni sul campo. Per 
farlo bisogna diventare "operatore riconosciuto ENAC per le 
operazioni non critiche", seguendo un preciso iter burocratico 
che alla fine riconosce e autorizza al lavoro aereo sia il pilota sia la 
macchina. La procedura prevede un corso teorico e pratico presso 
una scuola riconosciuta da ENAC più una serie di documenti che 
si possono visualizzare sul sito dell'Ente Nazionale dell'Aviazione Civile 
(www.enac.gov.it). È bene precisare che chi esegue lavori aerei con il drone 
senza essere riconosciuto e senza tutti i permessi del caso incorre in sanzioni 
molto pesanti. Quella del dronista è una professione emergente che può 
trovare uno sviluppo interessante, perché sono svariati i campi di utilizzo di 
questa nuova tecnologia. Una volta in possesso del brevetto da pilota, si apre 
una serie di possibilità che spaziano in molti campi di applicazione, alcuni dei 
quali ancora "vergini" e che necessitano di persone specializzate. 



78 Win Magazine 






















Guadagnare con i droni | Parliamo di... 


Utilità&Programm. 0 









negozio può essere la via di sfogo per i co¬ 
struttori di droni professionali, ma allo stesso 
tempo può offrire una serie di modelli con¬ 
sumer adatti agli hobbisti. Inoltre, sempre 
con il supporto di un'azienda specializzata, 
può fornire assistenza, diventando così un 
vero e proprio punto di riferimento per il 
cliente finale. In Italia c’è anche una realtà 
che fornisce tutto il supporto per aprire un 
negozio in franchising, si chiama IDroni 
(www.idroni.net) e sviluppa una formula 
molto interessante che include anche un 
affiancamento e una continua formazione. 
Scopriamo dunque insieme tutti i modi di 
fare soldi con i droni e più precisamente 
tutte le applicazioni da svolgere sul campo. 




RIPRESE VIDEO E FOTOGRAFIA 

Sicuramente sono i servizi più r ^ = j 

richiesti, perché forniscono a chi 

richiede il lavoro del materiale j 

fotografico o delle clip video da I 

prospettive alternative e uniche 
nel loro genere. In televisione o 

su Internetvediamoogni giorno ■*» 

una grande quantità d^vide^ 

chiarezza che le riprese sono 

state effettuate da prospettive aeree per mezzo di droni.Tutto questo è possibile grazie 
alle tecnologie attuali che garantiscono immagini stabili e nitide. Inoltre, i multi rotori 
possono essere impiegati per rendere più attrattivo il materiale di promozione turistica 
e culturale di un territorio, e aumentare le potenzialità di marketing e comunicazione, 

basti pensare a fotografie aeree e riprese 
panoramiche di città, paesaggi, opere 
d'arte e strutture di rilevanza 
architettonica. Con le giuste 
accortezze e limitandosi con i 
voli in aree circoscritte e lontano 
dalle persone, è possibile fare un discorso 
analogo perappuntamenti e manifestazioni: 
questo tipo di inquadrature sono utili per chi organizza eventi in 
diretta o in differita come concerti musicali, manifestazioni sportive, 
rappresentazioni teatrali e cerimonie religiose. 


DALL'EDILIZIA Al MONUMENTI 

I SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio 
Remoto) trovano un vasto utilizzo anche 
nell'ambito di costruzioni e infrastrutture: 
è possibile monitorare lo stato di un edificio 
senza impiegare risorse umane, effettuare 
controlli alle condizioni di infrastrutture come 
strade, ponti e ferrovie, e ancora eseguire 
operazioni di fotogrammetria e rilevamento 
dati. Ma non solo, perché in un Paese come 
l'Italia ricco di beni artistici e culturali, sono 
molto richieste le rilevazioni aeree a tutela del 
patrimonio. Infatti, per un eventuale restauro, 
sono necessarie immagini nitide e precise 
del bene in questione e se un monumento 
o un affresco sono posti in luoghi di difficile 
accesso, le cose si fanno complicate se non si 
utilizza un drone. Fino a qualche anno fa per 
quasi tutte queste operazioni di rilevamento, 
si faceva affidamento su impalcature o giraffe 
con una spesa in termini di tempo e denaro 
alquanto notevoli. Inoltre, pensiamo a tutte quelle attività di controllo ad alto rischio come l'ispezione delle linee dell'alta tensione o 
il monitoraggio di zone contaminate da sostanze tossiche o inquinanti. In questi casi specifici l'intervento umano è molto rischioso, 
e allora perché non mandarci un drone? Oltre al fattore di rischio, esistono altre situazioni dove l'intervento fisico di un operatore è 
alquanto difficile se non impossibile. Per esempio, il controllo delle tubature e tutti i monitoraggi industriali di aree impervie. 


J 


Win Magazine 79 








0 Utilità&Programm 




Parliamo di... | Guadagnare con i droni | 





AGRICOLTURA, EMERGENZE controllo del territorio, soprattutto in 
E CONTROLLO questi ultimi tempi che il nostro Paese 

Nell'ultimo periodo il campo nel quale è bersagliato sempre più da catastrofi 
sono più richiesti gli interventi dei droni naturali che creano danni senza 




è quello delle rilevazioni fotografiche in 
agricoltura. Aziende private e consorzi 
richiedono agli operatori di droni delle 
prestazioni su misura, per osservare 
costantemente la situazione dei terreni 
con lo scopo di raccogliere dati per 
ottimizzare il lavoro nelle colture. E 
dall'agricoltura il passo è breve nel 


precedenti. In questo caso le prestazioni 
dei SAPR sono richieste per la mappatura 
di territori nella prevenzione di 
alluvioni, frane o terremoti, nel 
controllo dello sviluppo di valanghe e 
di incendi boschivi. Ma non solo, perché 
in caso di estrema emergenza, ovvero 
quando la tragedia è in atto, con un drone 


è possibile raggiungere le zone colpite e 
rilevare la presenza di persone in pericolo 
o eventuali vittime. Un grande aiuto per 
la Protezione Civile e i Vigili del Fuoco 
che, individuata l'emergenza in tempo 
reale, hanno il tempo di organizzare i 
primi soccorsi. Un'altra applicazione sul 
territorio è il monitoraggio delle attività 
vulcaniche e le esplorazioni minerarie, 
contesti nei quali utilizzare le risorse 
umane sarebbe estremamente rischioso. 
Poi dalle emergenze alla sorveglianza, e 
quando si parla di controllo l'intervento di 
un drone diventa adir poco fondamentale. 
Controllare con un occhio dall'alto una 
città o una zona in particolare prevede 
costi relativamente bassi e un impiego 
limitato di forze sul campo. Per gli organi 
preposti al controllo e alla lotta contro la 
criminalità come la Polizia di Stato, si crea 
l'opportunità di prevenire e se necessario 
intervenire in modo tempestivo quando si 
verificano atti illegali. Un esempio su tutti 
è l'utilizzo di multirotori da parte della 
Regione Campania nella sorveglianza 
della Terra dei fuochi, per contrastare 
l'eco-criminalità e individuare i rifiuti 
nascosti. 


L'UTILIZZO CHE NON TI 
ASPETTI 

Sono talmente tante le tecnologie offerte 
da queste macchine volanti che l'ingegno 
umano non ha mai fine e spesso sfocia in 
applicazioni innovative e fuori dalla norma. 
Per esempio, una collaborazione tra ricercatori 
svizzeri dell'Istituto Dalle Molle di studi 
sull'intelligenza artificiale (IDSIA, USI- 
SUPSI) e dell'Università di Zurigo (UZH) 
ha portato allo sviluppo di un software 
di intelligenza artificiale in grado di 
insegnare a un piccolo quadricottero a 
riconoscere e seguire sentieri nel bosco 
senza bisogno di assistenza umana. 
Questo risultato sorprendente e senza 
precedenti potrebbe essere presto 
utilizzato per affiancare le squadre 


di soccorso permettendo con la velocità 
del drone di trovare i dispersi in tempi più 
rapidi. Nella sezione news di Win Magazine 
227 avevamo riportato i primi risultati 
del "drone magazziniere", protagonista 
in Francia del progetto tra il colosso di 
logistica Geodis e l'azienda costruttrice di 
Apr Delta Drone. Il sistema, che comprende 


due differenti droni, uno a terra e 
l'altro in volo, permetterà in un 
prossimo futuro di ottenere 
informazioni e rapporti sullo 
stato del magazzino in tempo 
reale. Volando oltreoceano, 
la startup americana 
Apellix ha sviluppato un 
prototipo di drone 
per sgravare il 
personale umano 
rischiose come la pulizia delle vetrate di 
grattacieli e altre operazioni in quota su 
strutture edilizie. La macchina volante 
si chiama Worker Bee, un quadricottero 
equipaggiato con un sistema di 
pompaggio da 3.000 PSI in grado di 
garantire un certo livello di affidabilità 


da situazioni 


80 Win Magazine 














Guadagnare con i droni | Parliamo di... 


Utilità&Proqramm. 0 






L'FPV RACING 
PROFESSIONISTICO 

Diventare un bravo pilota sportivo di mini 
racers (piccoli droni da gara) può portare 
a successi, gloria e premi in denaro. Va 
detto, però, che sicuramente è la strada 
più difficile per ottenere guadagni: in 
primis servono tanti anni di pratica con 
un assiduo lavoro sul campo fatto da 
lunghe sessioni di allenamento, poi in 
Italia (a oggi) non esistono competizioni 
con ricchi premi in denaro e un pilota alle 
prime armi deve investire tempo e soldi 
su se stesso con l'obiettivo di qualificarsi 

> tra i migliori racers nei confini nazionali, 
per poi ambire alla convocazione in tornei 
internazionali nei quali, senza ombra di 
dubbio, le cifre sono da acquolina in bocca. 
Per esempio, all'ultimo World Drone Prix 
di Dubai, attualmente la gara più ricca al 
mondo, il premio più importante consisteva 
in 250mila dollari per il primo classificato 
nella gara di velocità, mentre al Giga 
Drone Racing World Masters 2016 che si è 




svolto a Busan Beach in Corea del Sud, al 
vincitore sono stati assegnati 15mila dollari. 
Insomma, il consiglio per gli appassionati 
è quello di partecipare alle manifestazioni 
per divertirsi, per conoscere tante persone 


nuove e imparare tutti i trucchi del mestiere 
dai piloti più esperti, lasciando nel cassetto 
dei desideri l'idea di fare soldi, pronti a farla 
diventare realtà solo dopo aver acquisito 
tutte le competenze necessarie... 



DRONI E AGRICOLTURA: NUMERI DA CAPOGIRO 

Secondo l'ultimo report di Zion Market Research, il valore di mercato del settore 
droni-agricoltura potrebbe arrivare a superare abbondantemente i 2 miliardi di 
dollari entro i prossimi quattro anni. Ovviamente sono numeri astronomici frutto 
di stime che per definizione non possono certo essere completamente esatte, 
ma sicuramente rendono l'idea del trend di crescita che ci si aspetta 
dall'impiego dei droni nel settore agricolo. Oltre a svolgere con più 
precisione e in meno tempo molti lavori di monitoraggio e intervento 
sui campi, i multi rotori aumentano la resa, aiutando a ridurre lo spreco di raccolto, 
ma anche di fertilizzanti e pesticidi. Tradotto: aumento di produzione e risparmio 
dei costi. In questo settore diverse aziende produttrici di droni e componenti si 
sono già "tuffate" proponendo modelli studiati ad hoc e dalle grandi prestazioni. 




























C* Grafica Digitale 


| Speciale trucchi | Google Foto 



dguper trucchi 
pr foto da urlo 


Trasforma 
un potente 
ritoccare e 


lo smartphone in 
editor grafico per 
archiviare le tue foto 


Cosa ci ! _ 
occorre FACILE 


APP FOTOGRAFICA 

GOOGLE FOTO 


Lo trovi su iìCD ✓DVD 

Sito Internet: 

https://play.google.com 
Note: Google 
Foto è disponibile 
anche periOS 


LEGGI 

ANCHE.. 


Su Win Magazine227, 
a pagina 102, trovi la 
guida pratica per trasfor¬ 
mare il tuo smartphone 
in un perfetto scanner 
fotografico grazie all'app 
Google Fotoscan. 


C hiunque ami scattare fotografie con 
il proprio smartphone conosce certa¬ 
mente l’app Google Foto. In realtà, è 
riduttivo parlare soltanto di applicazione: il 
servizio, infatti, basato quasi esclusivamente 
su funzionalità cloud, si presenta come uno 
spazio multipiattaforma, privato e sicuro per 
archiviare foto. Sul lato Web, Google Foto 
dispone già di una piattaforma on-line più 
che completa ed efficiente. Oltre a quelle per 
mobile, infatti, sono già disponibili due ap¬ 
plicazioni Desktop (denominate “IJploader”) 
per Windows e Mac. Per usare Google Foto da 
PC basta collegarsi con un account Google 
alla pagina Web https://photos.google.com o 
installare l’app Google Foto su un dispositivo 
mobile Android o iOS. All'avvio dell’app ci 
verrà chiesto di scegliere tra uno Storage 
illimitato, per immagini ad alta qualità (16 
megapixel per le foto e 1080p per i video), 
oppure 15 GB di spazio gratuito, espandibili a 
pagamento, per contenuti a qualità originale. 

Non puoi fame a meno 

Google Foto rappresenta sicuramente 
qualcosa di rivoluzionario all'interno del 
panorama delle gallerie per smartphone. 
Infatti è molto più di una semplice gallery: 
è dotato di una serie di dinamiche finora 
mai viste aH’interno di un’applicazione di 
questo tipo; il tutto accompagnato da quel 
pizzico di magia rappresentato dalla ricerca 
intelligente che, diciamocelo, da sola vale la 
candela. Google, inoltre, seguendo la teoria 
dei piccoli passi, continua a migliorare il suo 
servizio versione dopo versione e grazie alle 
funzioni introdotte con gli ultimi aggior¬ 
namenti permette ora di avere finalmente 
il pieno controllo sulle proprie collezioni di 
foto e video. Ecco quelle che fanno davvero 
la differenza! 

























| GoogleFoto | Speciale trucchi | 


Grafica Digitale 


PRIMI PASSI IN GOOGLE FOTO 


I numeri di Google Foto sono davvero strabi¬ 
lianti: appena un anno dopo il lancio, il servizio 
di Google ha già 200 milioni di utenti attivi e 
ben 13.700Terabyte di immagini e video me¬ 
morizzati. Non c'è da stupirsi, visto che Google 
Foto nella sua versione base è gratuito e facile 
da configurare! 

• COME COLLEGARSI 

È possibile raggiungere Google Foto tramite 
browser (www.photos.google.com) o instal¬ 
lare le app disponibili per Android e iOS. Per 
utilizzarlo, però, è necessario avere un account 
gratuito Google. Se non diversamente indicato, 
i suggerimenti delle pagine seguenti posso¬ 
no essere usati sulle app Android e iOS e nel 
browser Web. 

. COSA SI OTTIENE 

Google Foto offre spazio illimitato per foto di 


dimensioni massime 
di 16 megabyte e vi¬ 
deo fino a risoluzione 
Full HD. Poiché smart¬ 
phone e fotocamere 
difficilmente superano 
questi limiti, le loro re¬ 
gistrazioni possono es¬ 
sere memorizzate con 
la qualità originale. Per 
leimmaginieivideoa 
risoluzione maggiore 
sono disponibili fino a 

15 gigabyte di spazio di archiviazione. Oltre 
questo limite si può acquistare altro spazio. 
Ad esempio 100 Gigabyte aggiuntivi costano 
soltanto 1,99 euro al mese. Quando si inizia 
ad utilizzare Google Foto è possibile scegliere 
come salvare foto e video sul cloud: se in Alta 
qualità (spazio di archiviazione illimitato) o 



Originale (15 GB al massimo). Volendo, in segui¬ 
to è possibile modificare quest'impostazione 
diccando sul menu con le tre barre orizzontali e 
su Impostazioni. Sull'applicazione è necessario 
aprire le Impostazioni, poi tappare su Backup 
eSincronizzazione, quindi su Dimensioni cari¬ 
camento e scegliere l'impostazione desiderata. 


Archiviazione, ritocco e molto altro 



2 > CANCELLIAMO 
GLI SCONOSCIUTI 

Liberarsi delle foto contenenti facce scono¬ 
sciute o non gradite è semplice. In Android 
portiamoci sull'elenco delle persone. In iOS 
e nel browser tappiamo invece sul menu, 
quindi su Album e infine su Persone. A 
questo punto, qualunque sia il dispositivo 
che utilizziamo, possiamo selezionare i volti 
indesiderati e tappare su Nascondi (An¬ 
droid) o Rimuovi risultati (iOS/browser). 
Questa procedura, ovviamente, può essere 
messa in pratica solo dopo aver attivato 
il riconoscimento dei volti seguendo la 
procedura mostrata nel trucco Abilitiamo 
il riconoscimento dei volti. 


A CACCIA DI RICORDI 

r L'ultimo aggiornamento di GoogleFoto 
ha portato all'introduzione di Google Scan, 
un'applicazione per Android e iPhone che per¬ 
mette di effettuare una scansione di vecchie 
foto direttamente tramite lo smartphone, eli¬ 
minando riflessi, imperfezioni e correggendo 
automaticamente l'orientamento. Una volta 
acquisite, le immagini possono essere salvate 
in Google Foto e condivise immediatamente. 





o 


ODO 
a tì □ 

■S CONDIVIDIAMOGLI 
ALBUM DELLE FOTO 

Un album condiviso permette a più persone 
di caricare foto visibili poi a tutti gli altri. Dalla 
schermata principale di Google Foto clicchiamo 
sul menu con le tre barre in alto a destra. Sele¬ 
zioniamo Album, poi clicchiamo sull'album che 
intendiamo condividere e infine clicchiamo in 
altoa destra sull'icona con i tre pallini. Premiamo 
poi Opzioni di condivisione e infine clicchiamo 
su Condividi. Copiamo il link visibile in Link 
da condividere e incolliamolo in un'e-mail o 
inviamolo tramite un qualunque Messenger 
(premendo Ctrl+V) per inviarlo agli amici con 
i quali vogliamo condividerlo. Cliccando anche 
su Collabora permetteremo agli altri di ag¬ 
giungere foto e video. Con Commenta, invece, 
potranno anche aggiungere commenti. 


Win Magazine 83 













O Grafica Digitale 


Speciale trucchi | Google Foto 


4 S RICONOSCIMENTO 
DEI VOLTI 

Google Foto riconosce anche i volti, 
solo che nel nostro paese la fun¬ 
zione è disabilitata per default. Per 
abilitarla, avremo bisogno dell'aiuto 
di una seconda applicazione. 

• Innanzitutto disinstalliamo l'app 
Google Foto dal nostro smartpho¬ 
ne. Non preoccupiamoci per i con¬ 
tenuti già catalogati e archiviati: 
non vengono cancellati! 


• Installiamo un servizio di VPN. 
Dallo store dello smartphone sca¬ 
richiamo quindi un servizio VPN 
gratuito, come ad esempio quello 
offerto da SurfEasy. Installiamo e 
avviamo l'applicazione, registran¬ 
doci con il nostro indirizzo e-mail. 
Tappiamo sulla barra del menu, 
poi su Change region e sceglia¬ 
mo Stati Uniti. Attendiamo che 
si attivi la connessione. 

• Installiamo nuovamente Google 


Foto e avviamo l'applicazione. 
Google attiva il rilevamento volti 
automaticamente, perché crede 
che abitiamo negli Stati Uniti. A 
questo punto, volendo, possiamo 
anche eliminare SurfEasy. 
Apparirà una barra con le persone 
che appaiono più frequentemente 
nella nostra collezione di foto. In 
questa fase dovremo pazientare 
perché il rilevamento di tutti i vol¬ 
ti può richiedere ore. Per vedere 


tutte le immagini di una persona 
specifica, tappiamo sul suo volto 
nella lista persone. 



5 S I RICORDI DELLE 
NOSTRE VACANZE 

Quando si scattano foto con lo smartpho¬ 
ne, di solito vengono memorizzate anche 
le informazioni di geolocalizzazione. La 
situazione è diversa con le fotocamere clas¬ 
siche, dove queste informazioni spesso 
sono assenti. Quando si esegue il backup 
di queste foto su Google Foto, quindi, non si 
hanno informazioni circa il luogo dove sono 
state scattate. Opzionalmente Google può 
integrare automaticamente i dati mancanti 
utilizzando la cronologia delle posizioni 
dello smartphone. Per utilizzare questa 
funzione tappiamo sul menu del l'app sullo 
smartphone, quindi su Impostazioni, poi 
su Impostazioni di geolocalizzazione 
Google e infine attiviamo lo slider presente 
in Cronologia delle posizioni. 


Gcolocalizzazione 


Attivo 


tO0i ■ 11:47 

CL : 


Modalità 


Google Play Services 

Basso utilizzo deila battei 



6 RICERCHE ANCHE 
TRAMITE LE EMOTICON 

Vogliamo cercare le foto in cui esprimiamo 
un certo stato d'animo? Possiamo utilizzare 
la ricerca tramite emoji: basta digitare quella 
desiderata nella casella di ricerca (ad esempio 
la faccetta che ride) e Google Foto troverà le 
foto in cui sorridevamo. 


7 , LIBERIAMO SPAZIO 
SULLO SMARTPHONE 

La memoria sullo smartphone si sta esau¬ 
rendo? Possiamo eliminare tutte le foto 
e i video già caricati sul cloud di Google 
Foto,checomunquerimarrannoaccessibili 
on-line tramite app o browser. Ecco come. 
In Google Foto tappiamo sull'icona con 
le tre barre e su Libera spazio. Giochia¬ 
mo una seconda volta su Libera spazio 
e poi su Rimuovi per avviare la rimozione 
degli elementi già memorizzati sul cloud. 
Importante: se la nostra fotocamera ha 
una risoluzione superiore ai 16 megapixel 
e abbiamo realizzato video con qualità 
superiore a Full HD, assicuriamoci di aver 
abilitato il salvataggio a risoluzione origi¬ 
nale, oppure potremmo perdere gli scatti 
e i video a piena risoluzione. Per sapere 
come fare, rileggiamo il box Primi passi 
in Google Foto. 




CREATIVI CON 
LE NOSTRE FOTO 


Google Foto può creare automati¬ 
camente album, collage o anima¬ 
zioni, ma se preferiamo esprimere 
la nostra creatività possiamo farlo 
agendo tramite browser. Colle¬ 
ghiamoci sul sito www.photos. 
google.com, dal menu clicchiamo 
su Assistente e in Crea nuovo 
selezioniamo ciò che vogliamo 
realizzare. 



SCARICHIAMO LE FOTO DAL PC 

Dobbiamo trasferire molte immagini dal PC? Possiamo 
copiarle semplicemente su 


TRUCCO 

EXTRA 



Google Foto utilizzando Google 
Foto Backup. Scarichiamo il programma da 
www.winmagazine.it/link/3770cliccando 

su Scarica, installiamolo, accediamo con il 
nostro account Google e selezioniamo le 
cartelle che poi saranno automaticamente 
sincronizzate con il cloud. 


84 Win Magazine 
































| GoogleFoto | Speciale trucchi | 


Grafica Digitale 


UN VIDEO AL POSTO DI SEMPLICI FOTO 

Invece di annoiare gli amici con la visione di una sfilza di foto, per¬ 
ché non realizzare uno spumeggiante video? Google Foto permette di 
farlo automaticamente, semplicemente selezionando lefoto da includere. 
Per creare il nostro film, anzitutto dobbiamo tappare su Assistente, poi 
nella parte superiore su Film, quindi potremo selezionare fino a 50 foto o 
video. Al termine della selezione tappiamo su Crea. Google assemblerà 
le foto scelte con una musica di sottofondo gestendo automaticamente 
il cambio tra un'immagine e l'altra; se il risultato ci piace tappiamo su 
Salva per salvare il tutto. Se invece tappiamo sulla matita in fondo alla 
schermata, potremo modificare la musica inserita, scegliendo tra quella 
memorizzata sullo smartphone (La mia musica) e i 49 brani inclusi in 
Google Foto (Musica per tema). Se invece si tappa sull'icona con i tre 
pallini a destra delle foto è possibile rimuovere le immagini dal filmato, 
duplicare quella corrente oppure inserirne una nuova. Per rivedere il 
filmato realizzato, tappiamo su Album e poi su Filmati: da qui potremo 
anche condividerlo con gli amici. Questo trucco può essere messo in 
pratica solo sull'app Android/iOS. 



UNA SELEZIONE RAPIDA PER LE FOTO 

Dobbiamo selezionare molte foto in una sola volta, ad esem¬ 
pio per scaricarle? C'è un metodo lento e uno veloce. Nel metodo 
lento dobbiamo sele¬ 
zionare un'immagine 
per volta cliccando su 
di essa nell'angolo in 
alto a sinistra. Quando 
le immagini da selezio¬ 
nare sono molte, q uesto 
metodo diventa scomo¬ 
do. Proviamo invece a 
selezionare la prima im¬ 
magine, poi a scorrere le 
altre tenendo premuto 
il dito sullo schermo fi¬ 
no a raggiungere l'ulti¬ 
ma foto da selezionare. 

Adesso solleviamo il 
dito e vedremo come 
tutte le foto interme¬ 
die saranno automati¬ 
camente selezionate. Il 
trucco è appi icabile solo 
mediante l'app per An¬ 
droid/iOS. 



n a * 

* 0 0 ■ 12:30 

X 5 selezionati 

A 

+ 

■1 


O Mereoledì 11 gen 



© Giovedì 29 die 2016 v 



COSA SI PUÒ FARE CON L'APPLICAZIONE FOTOGRAFICA DI GOOGLE 


Gestione delle immagini 2.0 

Google Foto è più di un contenitore per i vo¬ 
stri scatti. Il servizio non solo può presentare 
i contenuti in base alla data, ma può anche 
creare collage e film da immagini e video me¬ 
morizzati. Il servizio dispone di un avanzato 
sistema di Image Analysis che analizza auto¬ 
maticamente tutto ciò che viene memorizzato 


© 


e assegna automaticamente dei tag. In questo 
modo, se cerchiamo lefoto pertramonto 2014, 
verranno trovate tutte le immagini del 2014 
sulle quali Google ha rilevato la presenza di 
una spiaggia. 

Chic in pochi die 

Nonostante Google Foto sia soprattutto un 




servizio di memorizzazione e gestione foto, 
ha anche alcune funzioni di editing delle im¬ 
magini. Particolarmente pratica è la correzione 
automatica, con la quale bastano solo un 
paio di clic per rendere perfetta una foto. 
Ecco come: apriamo un'immagine, clicchiamo 
sull'icona della matita e poi su Automatico. 
Se il risultato ci piace, clicchiamo su Fine, al¬ 
trimenti clicchiamo su Annulla modifiche. 
Tutte le impostazioni disponibili possono 
ovviamente essere regolate manualmente. 
Oltre ai vari filtri per colore e luminosità po¬ 
tremo ritagliare lefoto, modificarne il formato 
o raddrizzarle automaticamente. 


Win Magazine 85 



















O Grafica Digitale 


Fai da te | Stampe 3D di carta 


La mia inkjet 
stampa in 3D 

Ti regaliamo il software magico per realizzare fantastici 
modelli tridimensionali con la stampante che hai a casa 


Cosa ci 
occorre difficile 

SOFTWARE DI 
MODELLAZIONE 3D 

BLENDER 

i— 

Lo trovi su IFfCD «•'DVD 

Sito Internet: 

www.blender.org 

ADD-ON DI 
MODELLAZIONE 3D 

PAPER MODEL 


SOFTWARE COMPLETO 


Lo trovi su g?CD •«'DVD 

Sito Internet: 

www.winmagazine. 

it/link/3774 


L I antico termine craft (attività manua- 
9 le, in inglese) sta vivendo una seconda 
I giovinezza tra i videogiocatori di tutto il 
mondo. PC e console sono stati forse abbando¬ 
nati a favore delfartigianato? La risposta è meno 
ovvia di quanto si possa pensare. Se il crafting 
virtuale è entrato neH'immaginario collettivo 
grazie al mitico videogioco Minecraft, il craft¬ 
ing reale si è infatti conquistato una schiera di 
appassionati grazie alla tecnica del papercraft. 

Schermi di carta 

Il papercraft prevede la creazione di oggetti 
tridimensionali tagliando, piegando e incol¬ 
lando tra loro semplici fogli di carta. A un primo 


sguardo è difficile immaginare un passatempo 
più lontano dal frenetico e ipertecnologico 
mondo dei videogiochi. Prima di poter essere 
costruito, però, un oggetto di carta deve essere 
progettato. La forma 3D deve quindi essere 
"scucita" correttamente su un piano, evitando 
qualsiasi deformazione. Ottenere lo sviluppo 
di un cubo o di una piramide è semplice, ma 
all’aumentare delle facce dell’oggetto l'opera¬ 
zione si fa via via più complessa. La difficoltà 
aumenta se vogliamo dare ai nostri oggetti 
un po’ di colore: in questo caso, infatti, do¬ 
vremo progettarne le texture. Ecco quindi 
che i software 3D utilizzati per i videogiochi 
si rivelano perfetti anche per creare modelli 


di carta! I fan di Halo sono stati tra i primi ad 
accorgersene, dando vita a una delle comu¬ 
nità di papercraft più agguerrite, in grado di 
confezionare davvero di tutto, dalle singole 
armi a intere armature (leggi a riguardo il box 
in ultima pagina). Per avvicinarci a questo 
mondo partiremo anche noi dai videogiochi, 
realizzando in Blender le nostre controfigure 
“stile Minecraft" da ritagliare (ma seguendo le 
linee guida del tutorial possiamo sbizzarrirci 
a creare tutti i nostri personaggi più amati 
dei fumetti e dei videogiochi, da Batman e 
Superman a Super Mario e Topolino). In fondo, 
chi meglio di Minecraft può portare il crafting 
virtuale nel mondo reale? 


13 Blender, carta e... toltici! 

Il nostro progetto ha bisogno di strumenti reali e virtuali. Taglierino, riga e colla sono semplici, ma richiedono 
tempo e pazienza. A sveltire il lavoro penserà Blender, grazie a uno speciale add-on. 



^ Pacchetto regalo 

Quello che non si trova in cartoleria è sul Win 
CD/DVD-Rom: andiamo nella sezione Gra¬ 
fica Digitale e scompattiamo l’archivio compresso 
MaterialeBlender.zip. All'interno troviamo l’add-on 
Paper Model (di Adam Dominec) e un modello 3D 
completo di texture ( steve.blend). 


^ Un aiuto extra 

O Procediamo ad installare Blender (sezio¬ 
ne Grafica Digitale del Win CD/DVD-Rom). 
Avviato il programma, dal menu File scegliamo 
User Preferences. Spostiamoci nel tab Add-ons 
e clicchiamo Instali from File (in basso) per sele¬ 
zionare l’add-on (file io_export_paper_model.p]/). 


-x Utenti soddisfatti 

3 Paper Model è ora parte di Blender: atti¬ 
viamolo (vedremo comparire un segno di 
spunta). Al prossimo avvio ci aspetterà nella cate¬ 
goria User (pulsante a sinistra). Per evitare di atti¬ 
varlo ogni volta clicchiamo Save User Settings (in 
basso) e chiudiamo la schermata User Preferences. 


86 Win Magazine 




















































| Stampe 3D di carta | Faldate 


Grafica Digitale 



Ecco il percorso vincente 


Modello e texture sono ospitati in due file distinti, ma il nostro amico virtuale Steve deve conoscere la posizione 
della sua skin! Controlliamo il percorso e scopriamo come salvare separatamente scena 3D e texture 2D. 



-x Allarme rosa 

Apriamo il file steve.blend in Blender (File/ 
Open). Il modello apparirà nelle sue due 
componenti base: mesh 3D (a sinistra) e texture 2D 
(a destra). Se vediamo un omino fucsia e una scher¬ 
mata vuota significa che la texture non è stata trovata 
e caricata correttamente. Rimediamo! 



^ La texture perduta... 

2 Spostiamoci nella finestra Preview (a destra) 
e poi nel tab Texture (icona a scacchi): il 
percorso della texture è nel pannello Image (in bas¬ 
so). Trovato il campo di testo Source, clicchiamo sulla 
cartella e selezioniamo steve.png. La texture appari¬ 
rà subito sul modello 3D. 



^ ... è stata ritrovata! 

0 Carichiamo la texture nella finestra 2D usan¬ 
do l’icona indicata della foto (vicino al menu 
Image). Aggiorniamo il file blend scegliendo Save bai 
menu File (in alto a sinistra). Ricordiamoci del menu 
Image: lo useremo per salvare i cambiamenti che 
apporteremo alla nostra texture. 



Movimento tridimensionale 


Impariamo a muoverci tra gli spazi di lavoro del progetto. Le impostazioni base non sono adatte al nostro mouse? 
Nessun problema: sfruttiamo la flessibilità di Blender per personalizzare i tasti! 



Inizia l’esplorazione 

■J L'interfaccia di Blender è progettata in modo 
coerente. Andiamo nella finestra 3D e muo¬ 
viamo il mouse tenendo premuta la rotella centrale: 
orbiteremo intorno al modello. Ripetiamo la stessa 
operazione nella finestra 2D: vedremo la texture scor¬ 
rere sul piano. 


^ Un tocco personale 

Alcuni mouse necessitano di configurazione. 

Torniamo in User Preferences (leggi il Pas¬ 
so A2). Nel tab Input andiamo in 3D View/3D I View 
(Global). La rotazione 3D è controllata da Rotate I View. 
clicchiamo per scegliere un tasto alternativo alla rotel¬ 
la centrale. 


^ Scelte coerenti 

Chiuso il pannello 3D View, scendiamo fino a 
Image/lmage (Global): troviamo la voce I View 
Pan e personalizziamo il tasto che trasla la texture 
2D. Per mantenere la coerenza di Blender, ripetiamo 
la scelta fatta in Rotate View. Clicchiamo Save User 
Settings (leggi il Passo A3). ► 


Win Magazine 87 































C* Grafica Digitale 


Fai da te | Stampe 3D di carta 



ISPIRAZIONE 
DALLA RETE 


Minecraftsi basa sulla 
continua modifica 
dell'ambiente di gioco. 
Creare la texture di 
un personaggio (skin) 
non è quindi segno di 
vanità, ma una sfida da 
veri gamer. Se abbiamo 
dubbi, cerchiamo Mine- 
craftSkinsu Google 
Immagini! Possiamo 
iniziare a dipingere 
senza lasciare il brow- 
ser: Novaskin (https:// 
minecraft.novaskin. 
me) offre skin di base e 
strumenti per disegnare 
on-line. 


IL FUTURO È 
DI CARTA 

Abbiamo scoperto di 
avere una vocazione per 
il papercraft? Vogliamo 
affrontare progetti 
impegnativi? Il punto 
di partenza "storico" 
è la comunità di Halo 
(www.405th.com/ 
forums), ancora oggi 
attivissima. Se invece 
preferiamo proseguire 
sulla strada della sem¬ 
plicità, Cubefold (www. 
cubefold-craft.com) ci 
regala versioni stilizza¬ 
te - ma divertentissime 
-di alcuni dei personag¬ 
gi più amati, da Star 
Wars a Totoro! 


19 Dipingiamo con i pixel 

Non lasciamoci ingannare dalla risoluzione della texture: quei pochi pixel celano incredibili 
possibilità di personalizzazione! L’add-on trasformerà tutto in un cartamodello da ritagliare. 



^ Messa a fuoco 

Appena applicata, la texture del modello appare poco 
nitida. Rimanendo in UserPreferences andiamo nel tab 
System e disabilitiamo Mipmaps. Chiuso il pannello e tornati alla 
finestra principale di Blender, passiamo da ObjectMode a Texture 
Paint (vista 3D, in basso). 



Spennellate d’artista 

Per dipingere in vista 2D scegliamo Paint invece di I Hew 
(dal menu Mode , in basso a destra). Annullata la linea di 
prova ( Ctrl+Z ), iniziamo a disegnare sul serio. Il comando Brush 
cambia pennello, la ruota imposta i colori e Radius regola lo spes¬ 
sore del tratto. 



^ Centimetri virtuali 

g Torniamo in ObjectMode (leggi il Passo DI): a destra del¬ 
la vista 2D cucchiamo il terzo tab (Scene) e impostiamo 
Units/Centimeters. Con il cursore nella vista 3D diamo N per sco¬ 
prire che il modello ha una profondità di soli 2 cm (Dimensions/Y). 
Raddoppiamolo (S, 2). 



Ua 

=: iV: V. - V— 



IM ttO 210 irt 2J0 2*0 ZW 2*0 4?b .hi »Q 

* OD 


^ Pittori in tre dimensioni 


Muoviamo il mouse tenendo il pulsante sinistro premuto: 
possiamo dipingere! La pennellata apparirà anche in vista 
2D (UV/lmage Editoi). Accanto al menu Image (leggi il Passo B3) 
apparirà un asterisco: ci avvisa che non abbiamo salvato le modi¬ 
fiche alla texture. 



Un pixel alla volta 

4 Il pennello TexDraw farà gran parte del lavoro, ma Fili 
sveltirà il riempimento delle aree. Abbozziamo le zone in 
vista 3D, impostiamo Radius:! e curiamo attentamente i dettagli 
in 2D. Creata la texture, ricordiamoci di salvarla da UV/lmage Edi¬ 
tor nel menu Image. 



^ Cuci e scuci 

0 Passiamo al tab Paper Model (a sinistra della finestra 3D, 
in basso). Nella schermata che appare clicchiamo ClearAII 
Seams per eliminare le “cuciture” esistenti e quindi Unfold: l’add- 
on creerà i tagli per stampare in formato A4. Non ci resta che pre¬ 
mere Export Paper Model. 


88 Win Magazine 








































Stampe 3D di carta | Fai da te 


Grafica Digitale 


Il ritorno dell’artigiano 

Impostati i margini di stampa, portiamo la controfigura digitale nel mondo reale. Taglierino e 
righello ci attendono: siamo pronti a lasciare il PC per affidarci alle nostre abilità manuali? 



^ Pixel di carta 

■| L'add-on Paper Model di Blender offre diverse opzioni di 
esportazione (colonna a sinistra): in Textures scegliamo 
From Materials al posto di No Texture. In questo modo la nostra 
skin verrà “scucita” insieme al modello 3D. Clicchiamo Export Paper 
Model (in alto a destra). 


^ Puzzle 3D 

0 Dobbiamo solo costruire un cubo e cinque parallelepipedi. 
La consistenza dei comuni fogli A4, però, impone un po’ di 
attenzione. Invece della forbice è meglio usare taglierino e righello. 
Per avere angoli perfetti, incidiamo (senza tagliarli del tutto) gli spi¬ 
goli da piegare. 



^ Stampa senza limiti 

Otterremo un PDF di due pagine, da aprire in Acrobat Reader 
o qualsiasi altro visualizzatore. L’add-on ha tenuto conto dei 
margini di stampa: per evitare che la versione cartacea sia più pic¬ 
cola del previsto, disabilitiamo il ridimensionamento automatico del 
documento e stampiamo! 



-k. Minecraft vive! 

^ Per non rovinare la carta, inoltre, evitiamo le colle liquide, 
preferendo le stick. Diamo ai pezzi il tempo di asciugare: 
tagliamoli, pieghiamoli e incolliamoli uno alla volta. Uniamo busto e 
gambe, quindi aggiungiamo la testa. Le braccia sono le più delicate: 
incolliamole per ultime. 





PAPERCRAFT.. 
PER FINTA! 


Il fascino dei modelli 
in carta non è sfuggito 
agli artisti digitali. Lo 
stile 3Dlowpoly, con 
isuoi pochi poligoni e 
gli spigoli netti, ricorda 
molto l'arte del paper- 
craft. Paul Chambers è 
andato oltre, realizzan¬ 
do un'isola in cui tutto, 
dai gabbiani ai ruscelli, 
è fatto di carta! Cerchia¬ 
mo Papercraft Island su 
Blender Nation (www. 
blendernation.com): 
avremo accesso al video 
originale e al dietro le 
quinte. 


NON SOLO CARTA: STAMPA LA TUA ARMATURA! 


Per semplicità noi abbiamo utilizzato dei co¬ 
muni fogli da fotocopia. Modelli più complessi 
potrebbero richiedere carte migliori e qualche 
extra (come dei fermacampione, per "animare" 
le nostre creazioni). I fan però si sono spinti oltre, 
dando vita a oggetti da indossare! 

PAPERCRAFT ALLA GIAPPONESE 

L'add-on di Adam Dominec che abbiamo utiliz¬ 
zato nell'articolo dona a Blender le funzionalità 
del software giapponese Pepakura (disponibile 
in versione gratuita ma con limitazioni sul Win 
CD/DVD-Rom o sul sito www.tamasoft.co.jp/ 
pepakura-en in versione completa a pagamen¬ 
to). Cercando pepakura su Google scopriremo 
cartamodelli di macchinine, Pokémon e... l'ar¬ 


matura di Ironman! I cosplayer usano infatti 
il papercraft per i costumi in foam o in vetro¬ 
resina. Il foam (o ÈVA) ricorda i tappetini da 



ginnastica, viene venduto in fogli e può essere 
tagliato con un normale taglierino. Rivestendo 
la carta con resina poliestere e fibra di vetro si 
ottengono invece caschi e accessori molto re¬ 
sistenti (ma attenti a lavorare in ambienti aerati 
perché le polveri di lavorazione possono esse¬ 
re molto dannosi per i nostri polmoni!). Il sito 
Instructables ci guida passo passo nella tecnica 
foam (www.winmagazine.it/link/3775), mentre 
per i modelli in vetroresina possiamo cercare 
pepakura sul sito del periodico Make (http:// 
makezine.com). 

■ Il primo amore, anche se di carta, non si scorda 
mai. Shadow Of Intent (un utente della community 
Instructables) indossa un'armatura di Halo 
progettata in Pepakura. ■ 


Win Magazine 89 






































Software | Panzera Free Audio Video Pack 


C^Audio&Video 


_ -RR' “ y i iTT 

// 


Conversioni 
facili facili 

Con il tool giusto puoi rendere i 
tuoi file multimediali compatibili 
con tutti i device 




Cosa ci 
occorre 

CONVERTITORE 

MULTIFORMATO 

PANZERA 
FREE AUDIO 
VIDEO PACK 

Lo trovi su: 0CD 0DVD 
Quanto costa: Gratuito 
Sito Internet: www. 
pazera-software.com 


I nternet è ormai stracolma di contenuti 
digitali di ogni genere, ma non tutti i di¬ 
spositivi sono in grado di riprodurli senza 
intoppi. A volte il problema sta nel fatto che 
questo o quel formato non è supportato dal 
player audio/video che stiamo utilizzando, 
in altri casi a dar noia al nostro dispositivo 
è la risoluzione del filmato oppure la parti¬ 
colare codifica adottata quando il contenuto 
è stato creato. Capita poi di voler ascoltare 
la colonna sonora di un videoclip e di non 
riuscire a trovare il modo giusto per estrarla 
e riprodurla sul nostro player portatile. Tutti 
questi problemi possono essere facilmente 
risolti con un tool tuttofare come Panzera 
Free Audio Video Pack, in grado di convertire 
qualsiasi contenuto da un formato all’altro 
in pochi semplici passi eliminando così ogni 
problema di compatibilità. Vediamo subito 
come fare. 


./] z FiecAudioVidecPackW 


1 Home 

Condividi visualizza 


y 

r^-i £ taglia 

X 

Aggiungi ad Copia 
Accesso lapido 

,nC °" 1 0 tncotla^collega mento 

Copia Elimina 


Appunti 

Organizza 

*- - 1" ■ 

> Questo PC > Download > FieeAudioVideoPaclcÉJ 


Nome 

UHir 

Accesso lapido 

ij| apps64 

19/0 

A OneDnve 

Q FreeAudioVidecPack6Z.exe 

19/0 

1 Questo PC 

_ m ntlftnn_ 

licensebct 

Q README.txt 



Avviamo il programma 

a Estraiamo l’archivio FreeAudioVideoPack.zip(sezmeAudio&Videoàe\ Win 
CD/DVD-Rom). Scompattiamo il pacchetto ,7Za 32 o a 64 bit a seconda 
della versione del nostro sistema operativo, Quindi facciamo doppio clic sul 
file eseguibile che troviamo all'interno della cartella del programma. 











Panzera Free Audio Video Pack | Software 


Audio&Video C 



La giusta opzione 

a Aperta l'interfaccia, scegliamo la conversione da compiere 
cliccando sul tasto corrispondente. Supponiamo di voler 
estrarre l'audio di un filmato e convertirlo in formato MP3 o 
FLAC per ascoltarlo sul nostro player portatile. In questo caso in Audio 
Converterselìcemmo Video -> MP3/WAV. 


A Output 

Cartella di output 
Ou stessa cartella d input 

r~i 

Se il file di output esiste: Rinomina il file esistente v 

A Profilo 



Impostazioni date sassona precedente v 




Dove salviamo il file? 


a Scelto il video, andiamo nella sezione Outputa destra: lascia¬ 
mo selezionata La stessa cartella d’inputper salvare l'audio 
convertito nellastessacartelladelfilmato.se invece vogliamo 
scegliere un'altra destinazione selezioniamo l'opzione immediatamen¬ 
te sotto, selezioniamo la cartelle e premiamo OK. 


A Impostazioni aggiuntiva 



Range 

0 Start time offset: 

0 End time offset 


Hours: ; 0 “ 

HOUfS: [T Z 


Min.: [T “ 

Min.: pT] : 


S*c 

Sec: [o_. * 


Millisec: [o_ * 

MINsec.: 0 Z 


Dopo la conversione: 

Non fare nulla 

V 


Ci serve solo un pezzetto... 

a Se ci interessa estrarre in MP3 o FLAC solo una porzione del 
video (ad esempio il primo minuto), cucchiamo sulla freccet¬ 
ta della sezione Impostazioni aggiuntive. Spuntiamo Start 
time offset e compiliamo i campi sottostanti. Facciamo lo stesso con 
End time offset e i campi sottostanti. 


© Pazera Free Audio Extractor2.3 
File Vista Lista dei files Encoder Aiuto Li 
Co Aggiungi i files ~o Aggiungi cartella C© Rimuovi i 
Num... 0 File 

1 0 £ Videoclip.mp4 


Apriamo il filmato da convertire 

a Nella nuova finestra che si apre facciamo clic su Audio 
Extractor & Converter. Dopo qualche secondo vedremo 
comparire una nuova schermata: facciamo clic su Aggiun¬ 
gi i files, selezioniamo il file video da convertire e cucchiamo sul 
pulsante Apri. 




SE IL PLAYER NON 
LEGGE GLI MKV 

L'MKV è ormai il forma¬ 
to più diffuso dei video 
in alta definizione. Non 
tutti i player da tavolo, 
però, sono compatibili 
con i contenuti MKV e 
per poterli riprodurre 
è necessario pertanto 
convertirli in altri 
formati comeMP4o 
AVI. Per farlo, dall'inter¬ 
faccia di Panzera Audio 
Video Pack dicchiamo 
sull'icona della pellicola 
in alto a sinistra e dal 
menu a tendina selezio¬ 
niamo la voce MKV-> 
AVI/MPG. Con un clic su 
Aggiungi file apriamo 
il file MKV da conver¬ 
tire e premiamo Apri. 
Scegliamo la cartella di 
destinazione e in Impo¬ 
stazioni di conversione 
scegliamo, a seconda 
delle nostre necessità, 
uno dei profili predefi¬ 
niti presenti nel menu 
Profilo. Per avviare la 
conversione premiamo 
in alto il pulsante Con¬ 
verti. 


Un brano audio in MP3 o in FLAC? 


a Spostiamoci adesso nella sezione Profilo e scegliamo sulla 
freccia del menu a tendina, quindi selezioniamo il profilo di 
conversione audio che desideriamo. Per ottenere un brano 
MP3 può andare bene MP3 192 kbit/s, per avere come output un 
file FLAC invece selezioniamo la voce FLAC. 



CONVERSIONI 
PER DISPOSITIVI 
PORTATILI 


Panzera Audio Video 
Pack consente di effet¬ 
tuare le conversioni dei 
file audio e video anche 
per alcuni dispositivi 
portatili come lo Zune, 
laPSPelIPod. Dall'in¬ 
terfaccia principale 
dicchiamo su Portable 
Devices, quindi faccia¬ 
mo clic sul tasto relativo 
al nostro device. Fatto 
ciò, nella nuova fine¬ 
stra apriamo il file da 
convertire, dal menu 
Profile selezioniamo il 
modello del dispositivo 
e il tipo di conversione 
da fare, scegliamo la 
cartella di destinazione 
e premiamo Converti. 


Via con la conversione! 


a A questo punto siamo pronti per avviare la conversione del 
video nel formato audio che abbiamo scelto. Per farlo fac¬ 
ciamo clic sul pulsante Converti che troviamo in alto. Imme¬ 
diatamente verrà eseguita la conversione e troveremo il file audio 
nella cartella che abbiamo selezionato al Passo 4. 


Win Magazine 91 












































O Audio&Video 


Software I Premiere Pro CC 


Scopriamo insieme le correzioni di base per regolare 

al meglio la tonalità e la saturazione di una ripresa aerea 

Vìdeo con i droni 
a tutta cromia! 


Cosa ci * 
occorre : acile 


EDITOR VIDEO 

Adobe 

Premiere Pro CC 

Quanto costa: 

€ 24,39/mese 

Sito Internet: 

www.adobe.com 


rSl LEGGI 
ANCHE.. 


U n video maker professionista 
deve essere in grado di for¬ 
nire al suo cliente un lavoro 
finito e di alta qualità, ma anche 
un semplice appassionato che re¬ 
alizza video aerei per hobby non ha 
certo l'intenzione di pubblicare in 
Rete o tenere care a sé clip di scar¬ 
sa fattura. Se parliamo di video in 
volo realizzati con droni, oggi la 
tecnologia offre un sacco di van¬ 
taggi impensabili fino a qualche 
anno fa. Basti pensare alla qualità 
di risoluzione in 4K, ormai una co¬ 
stante sulle camere dei mezzi più 
evoluti, oppure al perfezionamento 
di componenti come i gimbal, sem¬ 
pre più performanti per garantire 
un'ottima stabilità e di conseguen¬ 
za immagini estremamente nitide. 
Nonostante tutti questi accorgi¬ 
menti è bene ricordare che stiamo 
pur sempre girando una clip con un 
mezzo aereo e non comodamente a 
terra con la videocamera montata 
su un cavalletto. Di conseguenza 
è normale che nel girato ci siano 
imperfezioni soprattutto legate 
alla cromia, magari causate da un 
cambio di luce improvviso o da una 
manovra repentina del multicotte- 
ro. A questo punto, per migliorare la 
qualità del video aereo non possia¬ 
mo fare altro che intervenire in post 
produzione, utilizzando software 
di montaggio video appropriati 
che non fanno certo miracoli se le 
immagini originali sono scadenti, 
ma possono aumentare la qualità 
visiva e rendere il video molto più 
piacevole per l'occhio. In questo 
appuntamento ci concentriamo 
su come migliorare la cromia, ma 
essendo un aspetto molto vasto e 
pieno di sfaccettature, partiamo 


per gradi analizzando un primo 
effetto e lasciando nei prossimi ar¬ 
ticoli gli approfondimenti su tutte 
le altre funzioni. Nello specifico 
utilizziamo Adobe Premiere Pro 
CC analizzando l’effetto "Correttore 
colore atre vie" presente all’interno 
del software. 


Su WinMagazine227,a 
pagina 124, trovi il tutorial 
per cambiare in post produ¬ 
zione con Premiere Pro CC la 
cromia dei video ripresi con 
ildrone. 


Giochiamo con le tonalità 

L’effetto è provvisto di controlli spe¬ 
cifici che consentono di bilanciare i 
colori in modo che il bianco, i grigi e 
il nero risultino neutri. La regolazio¬ 
ne che rende neutra 
la dominante di co¬ 
lore in un’area cam- 
pionata è applicata a 
tutta l’immagine e, 
inoltre, è in grado di 
rimuovere la tonali¬ 
tà prevalente di tutti 
i colori. Per spiegarci 
meglio, facciamo un 
esempio: se nell’im¬ 
magine spicca una 
sgradevole domi¬ 
nante tendente al 
blu, quando si cam- 
piona un'area che 
dovrebbe essere 
bianca il controllo 
“Bilanciamento del 
bianco" aggiunge 
del giallo per neu¬ 
tralizzare la domi¬ 
nante bluastra. Con 
questa operazione 
l’aggiunta, e quindi 
la regolazione del 
giallo, viene asse¬ 
gnata a tutti i colori 
eliminando la domi¬ 
nante di colore dalla 


Una cromia perfetta 

Dopo una doverosa premessa per 
chiarire quali parametri di cromia 
andremo a modificare nella nostra 
clip, iniziamo il nostro lavoro con 
Premiere Pro CC. Una volta aperto il 
programma, scelte le impostazioni 
video e importato il filmato, dob¬ 
biamo andare nella sezione effetti 
e cliccare sulla freccetta "Effetti 
video". Si apre una serie di cartelle: 
quella che ci interessa è "Correzione 
colore”. Al suo interno troviamo 
una serie di effetti tra i quali "Cor- 


TRASCINIAMO L'EFFETTO NELLA CLIP 

Entriamo nella sezione Effetti video, poi nella cartella Correzione colore 
e cerchiamo la voce Correttore colori a tre vie. Per prendere l'effetto 
dobbiamo cliccare sopra l'icona e, tenendo premuto il pulsante sinistro 
del mouse, trasciniamolo fisicamente sulla barra della clip posta nel box 
delle sequenze. Una volta rilasciato il pulsante del mouse, nella tabella 
Controllo effetti appariranno le varie funzioni da regolare, inerenti 
a I l 'effetto Correttore colori a tre vie. 




scena. 


92 Win Magazine 























Premiere Pro CC | Software 


Audio&Video C 



CONTROLLO COMPLETO 
DEGLI EFFETTI 

Nella sezione Controllo effetti pos¬ 
siamo variare la cromia agendo sulla 
funzione Gamma tonale e variando 
i parametri che si dividono tra imma¬ 
gine principale, ombre, mezzi toni e 
luci. Una volta scelto il parametro, con 
l'opzione Angolo e bilanciamento 
tonalità possiamo spostare a nostro 
piacimento i cursori aN'interno delle 
ruote di cromia, controllando le re¬ 
golazioni di tonalità e saturazione 
mediante tre selettori colori: ombre 
(selettore sinistro), mezzitoni (selet¬ 
tore centrale) e luci (selettore destro). 


Invece perquanto riguarda la satura¬ 
zione dobbiamo inserire direttamente 
in cifre il valore: quello predefinito è 
100e non modifica i colori. I valori in¬ 
feriori riducono la saturazione, quelli 
superiori l'aumentano, mentre con il 
valore 0 si elimina qualsiasi colore. 
La funzione Gamma tonale è utile 
per donare più vitalità alle immagi¬ 
ni e la possiamo regolare mediante 
i controlli Angolo tonalità, Intensità 
bilanciamento, Guadagno bilan¬ 
ciamento, Angolo bilanciamento 
e Livelli. Il valore predefinito è Luci, 
mentre le altre opzioni del menu sono 
Principale, Ombre e Mezzitoni. 


rettore colori a tre vie". Prendiamo 
l’effetto e trasciniamolo sopra la 
barra del nostro video che appare 
nella sezione in basso allo schermo. 
Una volta trasportato l'effetto, nella 
sezione “Controllo effetti” possia¬ 
mo notare alcune funzioni come la 
definizione gamma tonale, l’angolo 
di bilanciamento tonalità e la sa¬ 
turazione. Andando a modificare 
i parametri di queste funzioni si 
vede nella sezione in alto a destra 
(dove è riportato un frame del no¬ 
stro video) come cambia la cromia 
in base alle impostazioni date. Ma 
adesso mettiamoci all’opera e sco¬ 
priamo insieme come ridare colore 
alle nostre riprese video! 


DEFINIAMO I SALTI DI COLORE 

Con la Definizione gamma tonale si inter¬ 
viene sulla serie di tonalità che riguardano 
ombre, mezzitoni e luci del video. In questo 
caso andiamo a definire i salti di colore trop¬ 
po evidenti all'interno dell'immagine. Per 
esempio, se la differenza tra un rosa e un 
blu è troppo marcata, con questa funzione 
si riescono a unire le due aree con una sorta 
di sfumatura, a volte quasi impercettibile. 
Agendo sui cursori della barra orizzonta¬ 
le si cambiano i parametri sotto riportati. 
Trascinando i cursori quadrati si regolano 
i valori di soglia, mentre agendo su quelli 
triangolari si calibra la quantità di morbi¬ 
dezza (sfumatura). 




Come esempio abbiamo utilizzato una dip aerea riguardante la famosa Torre del Bollo che si erge maestosa sul mare, all'Interno del Parco naturale di Porto Conte, in 
Sardegna, vicino ad Alghero. Nella ripresa originale (il "prima" del quale riportiamo un frame) si nota come la luce abbia influito negativamente sui colori. Questo a causa di una 
lunga manovra del drone che ha ripreso la scena quasi in controluce perché costretto a fare quella traiettoria a causa del vento, inoltre, il cielo velato ci ha messo del suo. Ma 
utilizzando nel modo opportuno le funzioni offerte dall'effetto "Correttore colore a tre vie", siamo riusciti a salvare la clip portando la cromia a un livello accettabile e facendo 
uscire nel migliore dei modi i colori dominanti della scena, come il blu del mare e il verde della macchia mediterranea. 


Win Magazine 93 


































Fai da te | Il tuo ufficio personale 



IMuo ufficio 
■personale 


Installa il dizionario italiano 
sulla tua copia di WPS Office 
e personalizzane l’interfaccia 


Cosa ci 
occorre 


SUITE DA UFFICIO 

WPS OFFICE 

Lo trovi su: 0CD 0DVD I 


L 


Sito Internet: 

www.wps.com 



!=t‘LEGGI 
ANCHE.. 


Su Win Magazine227,a 
pagina 70, trovi la guida 
pratica per usare tutte le 
funzionalità avanzate del¬ 
le applicazioni integrate 
in WPS Office. 



e applicazioni di office automation (fon¬ 
damentalmente elaboratore di testo, fo- 
Iglio di calcolo ed ambiente di creazione 
di presentazioni) sono senza dubbio quelle 
maggiormente utilizzate dalla grande maggio¬ 
ranza degli utenti professionali e domestici di 
personal computer. All'inizio della diffusione 
massiccia dell’informatica tali applicazioni 
erano viste come prodotti separati e, per ognu¬ 
na delle tipologie, la tendenza era di scegliere 
quanto di meglio offriva il mercato per il sod¬ 
disfacimento delle relative esigenze. Sin da 
allora soprattutto Microsoft ha insistito sul 
concetto che tali applicazioni dovessero essere 
tutte parte di un unico pacchetto software ed 
integrate tra loro, tanto che oggi office auto¬ 
mation è praticamente sinonimo di suite di 
applicazioni offerte in un unico pacchetto dalla 
stessa azienda di software. 

La nostra soluzione 

Il primo grande dilemma di chi si accinge oggi 
a scegliere il proprio strumento di produttività 
personale è la scelta tra il pacchetto da installare 
sul proprio PC. Per molti, la soluzione è la suite 
Office di Microsoft: garantisce piena compati¬ 
bilità con i formati di file, ma la licenza d’uso 
ha un prezzo di acquisto non indifferente. Ecco 
quindi che la scelta ideale diventa la "nostra" 
WPS Office 2016 (leggi Win Magazine 227, a 
pagina 70) che si propone come suite econo¬ 
mica ed essenziale in grado di soddisfare tutte 
le esigenze quotidiane di office automation 
della stragrande maggioranza degli utenti. Per 
raggiungere questo obiettivo gli sviluppatori 
di WPS Office hanno puntato alla leggerezza 
dell'applicazione e alla parsimonia in termini di 
requisiti di sistema richiesti per l’installazione. 
Nei passi che seguono vedremo come installare 
il dizionario per la lingua italiana e come perso¬ 
nalizzare l'interfaccia grafica secondo i nostri 
gusti e le nostre esigenze. 




























Il tuo ufficio personale | Fai da te 


Office 


Installiamo il dizionario italiano 

Ecco la procedura per attivare il correttore ortografico di WPS Office nella nostra lingua: bastano pochi clic 
per essere certi di redigere documenti di testo belli da leggere e senza alcun errore! 


Il J»_0£.:ip 

io62.tb ks 

2013 

Il cl_GR.zip 

3.25 F* 

2013 

Il cn_GB.zip 

229.67 k6 

2014 

|| rn US.zip 

171.68 kB 

2014 

1 c$_is.:ip 

267.5 kB 

2014 

Il * r_FR.zip 

362.3 kB 

2013 

|| h r_NR.zip 

1.1 MB 

2016 

Il it_XT.:ip 

356.35 kB 

2013 

|| km KM.zip 

336.22 kB 

2014 





^ Ecco il dizionario 

La mancanza della lingua italiana per l'in¬ 
terfaccia di WPS Office è un limite facilmen¬ 
te superabile; più problematica è quella del corret¬ 
tore ortografico che non è presente di default per 
la nostra lingua. Possiamo ovviare scaricando il file 
it_IT.zip dalla sezione Office del Win CD/DVD-Rom. 



^ Copiamo il file 

Scompattiamo l’archivio e copiamo la car¬ 
tella itJT nella cartella dicts all’interno del 
percorso di installazione di WPS Office: se non 
sono state fatte modifiche durante la procedu¬ 
ra guidata, è AppData\Local\Kingsoft\WPS Offi- 
ce\10.1,0.5609\office6 nella cartella dell’utente. 



^ Configuriamo l’editor di testi 

Attiviamo adesso il menu a discesa della 
voce Speli Check nella scheda Reviewói 
Writer e selezioniamo SetLanguage. Nella finestra 
che si attiva troviamo il correttore ortografico per la 
nostra lingua Italian (Italy). Selezioniamolo e pre¬ 
miamo Set Default per attivarne l'uso. 


Personalizziamo l’interfaccia 

WPS Office permette di cambiare la skin delle sue applicazioni in modo da adattarle alle nostre esigenze. 
Seguendo le nostre indicazioni bastano tre passi per completare tutta l’operazione. 



^ Modifichiamo la skin 

WPS Office 2016 si presenta con un’inter¬ 
faccia denominata 2016 White dal compor¬ 
tamento familiare a chiunque abbia usato altre sui¬ 
te di office. Le voci della barra degli strumenti atti¬ 
vano dei ribbon che contengono gli elementi grazie 
ai quali possiamo attivare le funzioni necessarie. 



Gestione personalizzata 

Premendo il pulsante identificato da una 
t-shirt in alto a destra accediamo alla gestio¬ 
ne delle skin dell’interfaccia. Nel menu scegliamo 
tra le interfacce ElegantBlacke Water Blue (f\ WS 
2013 o il Classic Style per i più nostalgici. Riavvia¬ 
mo l’applicazione per abilitare la nuova interfaccia. 



Scegliamo la lingua 

Il pulsante identificato da una A accanto a 
quello della skin dell’interfaccia ci permet¬ 
te di selezionare la lingua utilizzata dal ribbon, dai 
menu e dai messaggi generati dall’applicazione. 
Tra le lingue che possiamo scegliere per l’inter¬ 
faccia non è purtroppo presente l’italiano. 


Win Magazine 95 





























































Battaglie 
spazio! 

Salta a bordo di una navicella 
e affronta le missioni come 


un vero pilota galattico 


Cosa ci f »J 
occorre ^ 3 , 

SIMULAZIONE SPAZIALE 

SPACE COMBAT 

Quanto costa: Gratuito 
Lo trovi su 0CD 0DVD 
Sito Internet: http:// 
spacecombatgame. 
sourceforge.net 


T ra i videogiochi più appassionanti ci 
sono sicuramente quelli ambientati nello 
spazio che includono missioni e campa¬ 
gne alle quali è possibile partecipare come 
comandante di una flotta di navicelle o come 
pilota di un mezzo interplanetario. Appartiene 
a questa categoria Space Combat, un simu¬ 
latore di combattimenti spaziali in modalità 
single player, ovvero noi contro l’intelligenza 
artificiale. Basato sul motore grafico Open 
Source Irrlicht e sulle librerie audio Irrklang, 
è molto simile ad alcuni giochi commerciali 
di qualche anno fa, come Space Wars: TIE 
Fighter e Descent, solo che in questo caso il 
titolo è distribuito con licenza open source. 

Ce n’è per tutti! 

Fermo restando che ci troviamo di fronte ad 
un titolo ancora in versione alfa, il gioco com¬ 
prende ben 11 stazioni spaziali, 69 missioni, 11 
navicelle e oltre 120 oggetti differenti (asteroi¬ 
di, spazzatura spaziale, navicelle, droni, ecc). 
È bene tenere presente che il cozzare contro un 
asteroide, così come contro un blocco vagante 
nello spazio, distrugge la navicella facendo 
terminare il gioco, ma possiamo sempre sal¬ 
vare il risultato corrente al fine di riprendere 
dal salvataggio e non ricominciare da capo 
ogni volta. Ci sono inoltre tre sezioni dedicate 
all'addestramento, dopo le quali è opportuno 
passare un po' di tempo al simulatore prima 
di gettarsi a capofitto nelle missioni. Il simu¬ 
latore permette infatti di affinare le proprie 
abilità di pilotaggio, gestione armi e comandi 
vari poiché imporrà dei vincoli che dovremo 
rispettare pena il non conseguimento della 
missione (ad esempio distruggere 15 mine 
spaziali in un tempo massimo di 3 minuti). 
Bene, cosa aspettiamo allora? Saliamo subito 
sulla nostra navicella e intraprendiamo il 
nostro avventuroso viaggio spaziale! 












COSA CI OCCORRE 
PER SPACE COMBAT? 

li motore grafico utilizzato da Space Combat ha il 
pieno supporto alle OpenGL dalla versione 1.2 fino 
alle ultime rilasciate, le 4.5. Apparentemente può 
sembrare che le risorse necessarie non richiedano 
grandi numeri, ma il gioco è in grado di mettere in 
difficoltà un computer con scheda grafica nVidia 
GT610 (o equivalente ATI) e processore dual core, 
AMD o Intel che sia, da 2 GHz. Pertanto ci si regoli 
di conseguenza in funzione della dotazione del 
proprio PC. Tranne al primo avvio, la connessione 
a Internet non è strettamente necessaria. In questi 
casi al lancio, non trovando la rete, verrà restituito 
un errore: sarà sufficiente optare per Just goon per 
avviare il gioco. Lo spazio necessario su hard disk è 
circa 600 MB. 


REQUISITI DI SISTEMA 

Sistema Operativo: Windows Vista/7/8/8.1/10 

Architettura: 32/64 bit 
Spazio su disco: 72 MB 
DirectX: 9.0 

Scheda audio: SoundBlaster compatibile 


P n | p 
S VA i 
JinO 


eCombat 


NEiU^PAIGN 

UjVUrtAME 

swm»mapI 


n 


V 


il 


?U 



■ Un menu 
"ondulante" 
con effetto 3D e 
battaglie sullo 
sfondo 


13 Le operazioni preliminari 

Il gioco è ancora in fase di sviluppo e necessita di alcuni file e librerie aggiuntive per funzionare 
correttamente. Ecco la procedura da seguire per scaricarle e installarle senza problemi. 



^ Serve una libreria 

Avviamo l'installazione eseguendo il file 
spacecombat_setup.exe. Al termine, avvia¬ 
mo il gioco: se nel sistema non è presente la libreria 
zlibl.dll potrebbe comparire un messaggio di errore. 
Scarichiamola da Win Extra e copiamola nella cartella 
di installazione di Space Combat. 


^ Tutti i file necessari 

Prima di riavviare il gioco scarichiamo da Win 
Extra la cartella Data.zip. Scompattiamola 
in una qualsiasi cartella dell'hard disk (ad esempio 
il Desktop ), copiamo tutti i file contenuti al suo inter¬ 
no e incolliamoli nella cartella data che si trova nella 
directory di installazione del gioco. 


^ Le giuste impostazioni 

Cliccando su Options si aprirà una finestra 
con le opzioni di gioco. Entriamo in Input 
e clicchiamo su Assign inputs per visualizzare (o 
cambiare) i comandi da tastiera. Da Ship control nel 
menu in alto a destra selezioniamo il target ( Targe- 
ting) e i comandi di utilità (Miscellaneous). ► 


Win Magazine 97 


















Fai da te | Space Combat 



1 Via con l’addestramento! 

Prima di cominciare a giocare è necessario definire le credenziali del pilota. Scegliamo anche la modalità di 
addestramento per impratichirci un po’ ed essere così pronti ad affrontare tutte Te missioni di Space Combat. 



^ Diamo un nome al pilota 

Definiamo le credenziali del pilota. In 
basso a destra clicchiamo sull’icona 
Piloti Unknow. Nella nuova finestra clicchia¬ 
mo su Add new, quindi inseriamo il nome 
del pilota (di default è Max Powei). Al ter¬ 
mine ricordiamoci di selezionarlo e cliccare 
su Select. 



A tu pertuconitutorial 

Clicchiamo su New Campaign nel menu 
generale, selezioniamo A pilotate, quindi 
clicchiamo su Select. un video ci condurrà sulla 
stazione spaziale Olympus. Alla richiesta Would 
you skip thè following tutoriaI mission? clic¬ 
chiamo su No. Optando per Yes passeremo al 
tutorial successivo. 



^ In giro per i locali 

Avendo optato per No inizieremo l'ad¬ 
destramento e verremo seguiti passo 
dopo passo. Al termine del caricamento pre¬ 
miamo Invio e, nella nuova schermata, la bar¬ 
ra spaziatrice che evidenzierà i vari locali le cui 
funzioni appaiono in basso quando ci passiamo 
sopra col mouse. 


0 Via con l’addestramento! 

È arrivato il momento di uscire con la flotta e mettere alla prova le nostre abilità di pilota. Quando avremo 
superato le varie fasi di apprendimento potremo avviare finalmente la missione. 



^ Comincia l'addestramento 

Spostiamo adesso il puntatore sull'ulti¬ 
ma porta in fondo {Start Mission) e cuc¬ 
chiamoci sopra. Verremo proiettati in un’altra 
stanza: premiamo la barra spaziatrice e optia¬ 
mo di nuovo per Start Mission. Inizieremo così 
il nostro addestramento guidati da una voce (in 
inglese). 


^ Come siamo andati? 

Dal cockpit seguiamo le istruzioni della 
voce guida e proseguiamo fino al termi¬ 
ne allorquando ci verranno riportate le statisti¬ 
che relative a questa fase di addestramento. 
Facciamo clic sulla spunta in basso a sinistra 
per proseguire con la fase successiva (in tota¬ 
le sono 3). 


^ La nostra prima missione 

Per partecipare a una missione selezio¬ 
niamo New Campaign, quindi saltia¬ 
mo tutti gli addestramenti. Al termine del brief¬ 
ing, clicchiamo sul segno di spunta per avviare 
la missione. La nostra navicella è la Ruby 3. 
Seguiamo le direttive del comandante applican¬ 
do quanto fin qui imparato! 


98 Win Magazine 



























bloodyfine 


ITOOEASY 

illl tuo sito in pochi step. 



CANONE 

ANNUO 


+ IVA 


SELEZIONA 
IL LAYOUT 

1 . 

Oltre 150 Template 
grafici 

Oltre 30 lingue 


A 

INSERISCI TESTI 
E IMMAGINI 



■ Tecnologia Drag&Drop 


SCEGLI 

IL TUO DOMINIO/' 



■ Dominio 

■ Posta elettronica 

■ Hosting tutto incluso 



Grafica ottimizzata su 

desktop e dispositivi 
mobili 





vai su www.hostek.it 

e prova on line a realizzare il tuo sito: 
se sei soddisfatto acquistalo subito! 


HOSTEH 

HOSTING TECHNOLOGIES 



















Modem Router Archer VR 

Sfrutta al massimo le potenzialità 
della tua connessione Internet 


TP-Link Italia 


www.tp-link.it a support.it@tp-link.com 


TP-Link è fornitore a livello mondiale di prodotti di networking S0H0 e uno dei maggiori player sul mercato globale, con prodotti disponibili in oltre 120 paesi e decine di milioni 
di clienti. L'azienda è impegnata in ricerca e sviluppo per assicurare efficienza e qualità dei prodotti e garantire ai propri clienti un’esperienza wireless di massimo livello. 


• 3 antenne esterne 

• 4 porte Gigabit Ethernet 

• Wi-Fi 1.6 Gbps 


■l^tp-link 


m 

in 


Tp-Link Archer VR600 

Modem Router Gigabit VDSL/ADSL Wireless AC1600 

Massima copertura grazie a potenti 
antenne esterne Dual Band