Skip to main content

Full text of "Bollettino del club utenti computer Z80"

See other formats


ANNO 


V 


‘ NUMERO 11-12 


tutti 

tutti 

tutti 

tt tutti ft 

tttttttttt Hit ti 

tttttttttt 

tftttttttt 

tttttttttt 

tutti 

tutti 

tttttt 

tutti 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tutti tutti tutti 

tutti 

tttttt 


tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tutti 

tutti 

tttttt 

tttttt 


tutti tttttttttt 

tttttt 

design 

tutti 

tutti 

tutti 

tttttt 


tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tutti 

tutti 

tutti 

tutti 

tttttt 

tttttt 

tttttttt 

tttttt 

tttttt 

tutti 

tutti 

tttttt 

Hit tttttt 

tttttt 

tt tutti 

tttttttttt 


BOLLETTINO DEL CLUB UTENTI MICRO DESIGN 
NOVEMBRE-DICEMBRE 1985 

Via Rostan. 1 16155 Genova. Tel. 010-687098. CBBS Tel. 010-68873 


SINCERI AUGURI A TUTTI DALLA MICRO DESIGN MI! 


IN QUESTO NUMERO: 

NUOVA MEMORIA STATICA DA 32K MRE-002. 

CONVERTITORE ANALOGICO DIGITALE ADC-101. 

MODEM PER IBM. PER APPLE E PER COMMODORE 64 CON LISTATO BASIC. 
SPECIALE RADIOAMATORI: USO DEL MODEM VIA RADIO. 

CONTENITORE PER SCHEDA MODEM M0D-001. 

IL -BEEP~ SEGNALE SONORO EMESSO DAL CALCOLATORE. 

IL PUNTO SUL C.B.B.S. MICRO DESIGN. 


LA NUOVA MEMORIA STATICA DA 32K BYTE MRE-002. 






C o m e ni o 11 i di voi s a p r a n n o, n e ì c a m p o d e 11 ' e l e tt r o n i c a, la 
"vita" di u n p r o d o 11 o ( i n t e n d e n d o c o n " v i t a " il peri o d o d i t e ni p o 
in cui questo prodotto e' commercialmente e tecnicamente valido), 
tende sempre più' ad accorciarsi. 

Ciò' e ' d o v u t o a 1 r i t: ni o s o s t e ri u t i s si ni o c ori c u i evolv e 1 a 
tecnologia di produzione dei circuiti integrati: e" un continuo 
susseguirsi di chip piu' complessi, di prestazioni piu' elevate 
e , q u a s i s e in p r e , a d u ri c o sto i ri f e r i o r e . 

11 set t: or e dei circuiti i n t e gr at i i n c u i t a 1 e ferì omeri o e ' 

ancor piu' vistoso e' quello dei chip di memoria, dove si sono 
r a g g i u n t e e 1 e v a t i s s i m e d e risi t a' di ini: e g r a z i o n e c o n c o s t o / b i t 
a s s a i co n t e n u t o, g r a z i e s o p r a 11 u 11 o a 11 e e c o ri o ni i e di p r o d u z i o ri e 
d e i p a e s i s u ci a s i a t i c i . 

Q u e s t o p r e a ni bolo se r v e s o 1 a m e ri t e a s p i e g a r e 1 a n a e cita d i u ri 

ri u (.1 v o p i'- o d o 1t o HIC R 0 - cl e s i g ri s la s c h e d a d i ni e ni o r i a 

MRE-002 

I ri f a t: t i t va 1 e s c h e d va ri o n ' r a p p r e s e ri t va q u a 1 cosa d i ri u o v o i ri 
t: e r m i n i d i f u ri z i o ri i ma e ' " s e ni p 1 i c e m e ri t e " u ri a g g i o r ri a m e ri t o 

t e c n o 1 o g i c: o d e 11 a p r e c e d e n t e s c l i e d va d i ni e ni o r i a ( 1 a H R E - 0 0 I ) . 

lai e a g g i o r ri a m e ri t o c o ri s i s t e n e 1 f o r n i r e 1 a s t e s s a c: a p a c i t a ' 
di memoria ad un costo 2 volte inferiore, e questo ci e' 

sembrato un motivo sufficiente (!) per dare il via alla produ- 
zione di tale seheda » 

Infatti, dal questionario che i nostri Soci ci hanno 

g e ri t i I ni e ri t e i ri v i a t o , a b b i a ni o a p p u r a t o c h e m o 1 ti di 1 o r o 

continuano ad usare le vecchie memorie dinamiche da 32 l<, 
s o p p o r t: a ri d o , s t o i e a m e ri t e , u ri e e r t o ri u ni e r o d i prò b I e in i ( p a r t e ri z e 
"difficili", il CP/ìl che si carica una volta si ed una no, 
p r o g r a ni m i c h e s i " p i a ri t a n a " a il ' i m p r o v v i s o ) d o vut i e s s e ri z i a 1 in e ri t e 
va 11 e d i f f i <:: o 11: va ' di t a r a t u r a d e Ila s c li e d a e a 1 m o d i f i c a r s i ri e 1 
t e ni f i a ( a <:: a u s a 1 1 eli’' i ri v e c: c h i a m e ri t o ) d e i valori dei c o ni p o ri e ri t i 

e h e 1 a d e t e r ni i n a ri o . 

A questi soci consigliamo sempre l'acquisto della nuova CPU- 
0 0 'I, ver o " t: o c c a s a ri a " d i o g n i m a 1 f u ri z i o ri a in e ri t: o c l i e il a u ri p r e z z o 
decisa in e ri t: e otti m o r a p p o r t: a t o a 11 e p r e s t a z i o ri i c ii e o f f r e. 
A1 e u n i s o ci, p e r o ' , p o s s e g g o ri o già' ni e m o r i e s t ai: i c h e e d h a ri ri o 
s o 1 a in e n t e 1 a ri e c e s s ita' d i s o s t i t u i r e u ri a s c l i e d a d i ni e in o r i a 
dinamica che da' problemi? da oggi quindi, ai soci che sono 
s t a n c h i di s u b i r e 1 e a ri g li e r i e d e 11 a v e c c li i a di ri a m i c a I... X 3 9 2 in a c h e 
ri o ri d e side r a ri o a equi s t a r e 1 a C P U - ODI ri o i p r o p o r r e ni o 1 va M R E G G 2. 

T a 1 e m e ni or i a c o n s e ri t: i r a ' i ri o 11 r e u ri a ri o t: e v o 1 e r i d u z i o ri e 
dell'assorbimento (sono utilizzate rara cmos) e la possibilità' di 
utilizzare le epront 2 764, cosa assai utile in quanto sia le 2 7 '16 
( c: h e s i p o t e vari o m o ri t a r e s u 11 a M R E - G 01 ) c li e 1 e 2 7 3 2 s t a ri ri o d i v e ri 
tari do obsolete ed introvabili e i prezzi aumenteranno 
sicuramente. 

Naturai ni e ri t: e a ri c l i e sulla MR E-■002 e ' s 1: a t o i ri ser i t o 

i 1 ni e e e a ri i s ni o d i a c c e ri s i o n e e s p e g ri i ni e ri t o d e 11 a s c h e d a , 

meccanismo che consente il cosiddetto funzionamento a pagine 
commutate e la conseguente possibilità' di disporre di notevoli 
guari t i t a ' di meni or i va . 

Le caratteristiche della MRE-002 sono: 

- presenza di 4 zoccoli a 28 pin per l'inserzione di chip di 
memoria ram o epront di dimensione 8I< X 8. 

- possibilità' di selezionare l'indirizzo di partenza della 
s c h e d a a 0000H o p p u r e 8 0 0 0h . 

- possibilità' di abi1itare/disabi1itare tramite ponticello 
il singolo componente di memoria: le dimensioni di memoria 
vanno, quindi, da un minimo di 8 Kbytes ad un massimo di 
32 Kbytes. 



P » s i I:) i 1 i t « ' d i a c e n d e? r e o s p e <:j n r e t r a in i t: e c o in a n d a 
-i t) F1: w a r e ( s c r i t: t: u r a d i u ri a p p r o p r i a t: o b y t: e a libili d i r i z z o 
lì I II appartenente al campo di I/O) 1 ' intera scheda- 
p i e n a c o ni p a t ibi 1 i t « r s o f t w a r e c o n 1 a p r e c: e d e n t e m e ni o r i a 
statica il RE-001 .. 

assorbimento della scheda s 250 in A ( t y p ) , 350 in A (max). 


NOTA: La scheda MRE-002 può" essere utilizzata per sostituire la 
scheda CFD-014 (in quanto può' montare chip di EPRGM) e, nello 
stesso tempo, per Tornire 24 KByte di ram statica. In questo modo 
chi ha la necessita' di usare la CFD-014 (possessori della LX 
529) può" anche, con una spesa limitata (tre chip 6164), 
sostituire la memoria dinamica con 24 KByte di statica. 
Migliorando l r aFFidabi1ita' del sistema. 


La scheda di memoria MRE—002 viene Fornita in un Kit completo 
comprensivo di 4 memorie 8K X 8 (per complessivi 32 Kbytes), al 
prezzo di 

L. 188.000 

Il solo stampato viene Fornito al prezzo di 

L. 35.000 

L' integrato PAL 16L8 già' programmato e' disponibile a 

L. 20.000 

Gli integrati di memoria da 8K x 8 sono disponibili al prezzo di 

L. 15.000 cadauno 

********tt**tttt****tt»*»**tttt***KKtt*ttttKMK***»*tt*ttKtt**tt)tttK**tttt***tt)fttK* 
JHI******»***»********#»»»*#**#*»**#****##****##*#*###*****#***### 
***** * * ** * * * ********* ** ********»**#*#**#**#*#)(*)(#)(* w ***** ****** «* 

IL CONVERTITORE ANALOGICO—DIGITALE 
ADC-101 










nuraer 
v i vac: 
campo 

e 1 ast 
I o r 
c a 1 c o 
r i Per 
i 1 p 1 
Diaceli 


o la presentazione della schedina PAR—1Gì , nel precedente 
o del boi 1 e11 ino, abbiamo constatato, nei nostri soci , un 
e interesse per le applicazioni del microcomputer RI nel 
d e 11'a ut oma zio n e in ge nere, 

M o 11: i s s i m e p e r s o n e, i n f atti, h a n ri o c a p i t o c h e 1 a g r a n d e 

i c it a' de 1 sist ema MICR0 design e 1 a sua st r u11ura modu1 are, 

e 11 d ono p ar t i c o 1 ar men t e ad a 11: o an c.lì e ad i mp i e gh i 
latore da scrivania.. Le varie idee che ci 

ite vanii o d a s e m p 1 i c i a u t o m a t i s m i p e r r e n d e r e 

astico Perroviario del figlio, a veri e propri 
ine utensili industriali - 


diversi dal 
sono state 
i ri tei 1 i geni: e 
controlli di 


0,1 1 intenzione di favorire questo t ipo di appi i razioni , la 
Vi i URO d e s i g n h a p r o gettai o e r e a 1 i z z a t o la riu o va sedie d a A D C •••• 'I Gl, 
u n p r o <1 o 11 o d e s t: i n a t o a d a ni p 1 i f i c a r e e ri o r m e m e n t e 1 e p o s s i b i 1 ita’’ 
d ’ i mp i ego de 1 nost r o coinput er « 

Si tratta di un convertitore analogico/digitale (brevemente 
A/D), cioè' di un dispositivo in grado di tradurre livelli di 
tensione elettrica in numeri binari facilmente interpretabili dal 
calcolatore- 


****** **#*##*# **#*#*■##**** *#* ***"**##* 


I n alt r i t e r ni i n i e ' u n t e s t e r r a p i d o e p r e c i s o , 
d i ret t ament e dal ni i crocomput er , 

Come s i p uo' fac i 1 meri t e i n t u i r e, 1 e p oss i b i 1 ita' 

d i un converi: i t ore A/D sono <: 
t: i'' a s f o r ni a r e q u a 1 s i a s i g r a ri de; 
a d e s s e r e m i s u r a t a d a 1 ci i s p o s i 1 
< tensione, 


manovrato e letto 
d i 


• nonni. Infatti e 1 
a analogica in una 
ivos per quelle 


impiego 
molto facile 
t ens i one ad al: t: a 
di tipo elettrico 

c o r r e n te, r e s i s t e n za ) s o n o s p e s s o s u f f i c: i e ri t i 

e ircuit i , basai: i su ampi i ficai: or i operasi ori al i e ret: i 
P e r a 11: r e g r a n d e z z e f i s i c li e , e s i s 1: o ri o u n ' in f i n ita' di 
i " i n grado d i conver 1: i re i n un pree i so paramet ro 

la g u a n t il: a ' c h e si v u o 1 in i s u r a r e : p e r c i 1: a r e a 1 c u ri i 

esempi ricordiamo le termocoppie e le termoresistenze per la 
temperatura, le celle di carico per i pesi e le forze, le 
f o 1: o c e 11 u 1 e e 1 e f o t o r e s i s 1: e n z e p e r 1 ' interi s ita' 1 u in i ri o sa, i 

in i c r o f o n i p e r la p r e s s i o ri e s o ri o r a, e c o s i ' v i a, I n p r a t i c a i 1 

convertitore A/t) consente di applicare tutta la potenza 
d eli e 1 ab or az i one digitale al mori d o d e 11 e in i sur e ari a 1 o g i c: h e, e on 
risultati altrimenti impossibili. 


semp1iei 
resistive. 
"1: r asci ut 1: oi 
elettrico. 


Ma, prima 
i ni: er essai!t i 
cl e 11 a g 1 i a 1: a m e n t e, 


d i p r o s e g u i r e c o n 1 a cl e s c risi o n e cl e 11 e 
a p p 1 i c a z i o n i dell' A D C •-10 I , e s a m i n i a m o, 

1 e s u e c: a r a 11: e r isti c li e 1: e c: n i c: li e. I n n a n zi t u 11 o 




la scheda e' un piggy-back che deve essere installato in uno 
degli appositi connettori dei moduli SMF-001 o CPU-001. 

tt*************************#**#»*#**##»*****#****************^.,,.^ 


Ricordiamo che questa particolare soluzione meccanica, già' 
adottata dalla MICRO design per molti altri prodotti, permette di 
realizzare funzioni aggiuntive a prezzi ridotti. Infatti, per 
ogni piggy-back, non e' necessario ripetere i circuiti di 
interfaccia al bus, già' disegnati sulla piastra-madre - Inoltre 


p o s s o n o f a c i 1 m e n t: e a g g i u n g e r e f u n z i o n i 


senza occupare 




posizioni del bus con un evidente vantaggio in ter nini di 
o e ni p 1 i c i t a ' e d e 1 a s t: i ita” di i m p i e g o „ I ni o d u 1 i 8 MI- - 0 (3 I c C P U - 0 0 I 
p (,i s s orto a c e o g 1 i e r e r i s p e 11 i v a in e n te 4 e 2 s c h e d e p i g g v - b a c: k » s e n z a 
limitazioni di tipo. 


E' anche possibile installare piu' schede ADC-IOIs dato che ogni 
modulo può' gestire 8 canali analogici,, e' facilmente 
realizzabile un potente sistema di misura automatico con un gran 
numero di ingressi. 

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 


1 P a r a 111 £ t r o p i u ' s i g n i f i c a t i v o d i u n e o n v e r t i i: o r e A / D e ' 1 a 
i iso 1uzione, cioe' 1 a sua capacita' di distinguere pieco 1 e 

v a r i a z i o n i del 1 iv e 1 1 o d i t e n s i o n e i n i n g r e s s o „ Q u e s t o p a r a ni e t r o r 
di solito, vi cri e espresso come numero d i bit si gn i f i cat i v i del 
v a 1 o r e f o r n ito in i n g r e s s o a 1 c a 1 c o 1 a t: o r e. 

*#*##**##******##*#*#*#*###****#*** xx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx 

La risoluzione dell'ADC-101 e r di 8 bits: ossia il nostro 
dispositivo suddivide il proprio campo di misura in una scala di 
256 punti (tale e' il numero di livelli rappresentabili in 8 
bits). 


XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXKXXXXX 


Perciò', ogni punto, dista dal successivo 1/256, circa lo 0,4 %, 
d e 1 o i i d o s c a 1 a t o tal e, P e r e s e ni p i o , ni i s u r a n d o t e n s i o n i c: o ni p r e s e 
fra 0 e 5 Volta, possiamo distinguere variazioni di circa 20 mV„ 


8 p e s s o s i con f o n d e 1 a r i s o 1 u z i o ri e di un c o ri v e r 1: i t o r e, c: o ri 1 a 
sua pi' ec i s i one d i in i sur a. Quest o f at t o avvali t agg i a r i vend i t or i 
p o c. o s e r i di ni a t e r i a 1 e e 1 e 11 r o n i c c>, eli e v a n t a ri o c o s tesissimi 
d i sp os itivi a 10 , 12 o p i u ' bit, t ac eri d o c h e , i l p i u ' d e 11 e 

volte, questa risoluzione e' puramente fittizia. Infatti, se e' 
i e 1 a t iva meli te semp 1 ice estendere i 1 formato di conversione 
dell A/D, e' decisamente diffieile ottenere che il numero letto 


d a 1 c. o in p u t e r c o r r i s> p o n d a c o ri p r e c i s i un e al vaio r e r e a 1 ni e ri t e 
m i s u r a t o. E ' i n u t i 1 e ave r e u n a r i s o 1 u z i o ri e, p e r e s e m p i o , cl e 1 1 o 
0,1 / (IO bits), quando, p o i , 1 a q u a 1 i t a ' d e 1 p r o d o 11 o n o ri p u o ' 
g a r a ri t i r e un e r r o r e i n f e r i o r e a 11 ' I %P e r tari t o 1 a MIC R 0 ci e s i g n 
h a ci e c i s o di li in i t a r e 1 a r i s o 1 u z i o n e cl e 1 p r o p r i o c o n v e r t i t o r e a d 
un valore comparabile con la precisione ottenibile senza 
ut il i z z a i'- e e o m pori e ri t: i e s t r u ni e n t a z i o n e di co s 1: o e 1 e v a t o . 

L e m i s u r e o 11 e n u t e c o ri 1 ' A li) C - 101 s i d i s e o s t a n o d a 1 c a s o 
ideale di circa 1/2 bit in condizioni operative normali, e di 
circa 3/4 di bit in casi estremi. 

I ri pratica, co n s i d e r a n cl o 1 a r i s o 1 u z i o ri e e t u 11 i i tipi d i e r r o r e 
r e 1 a t: ivi al p r o c: e s s o d i c: c> 1 1 v e r s i o ri e , abbi a ni o u ri ' a c c: u r a t: e z z a 
complessiva par i allo 0,5 /, del fondo-scala dello strumento. In 
re 11 c. a ni p o cl i ni i s u r a v a r i a li i 1 e d a 0 a 5 V o 11 s , i l vai o r e f o r mito 


cl a il ADL - 10 1, non s i cl i se ost a cl i p i u ' cl i 25 in V d a que 11 o r e a 1 e „ 

Da detto c h e q u e s te p r e c i s i o n i s o ri o r e I a t i v e a 1 r i f e r i ni e n t o 
a d o 11 a t o, c i o e ' ale a ni p i o ri e cl i t e ri s i o n e a s s u ri t: o come u ri ita' cl i 
ili i s u r a a s s o 1 u t a. L. ' A 0 C ■••• 101 p u o ' o p e r a r e in d u e ni o cl i cl i v e r s i : nel 
pc imo utilizza# come riferimento, la tensione di alimentazione 
del sistema (5 0), per sua natura imprecisa, ma in grado di 
erogare forti correnti ad eventuali dispositivi esterni. Questo 



tipo di operazioni e' utilizzato per le misure di "rapporto", 
ovvero quelle dove non interessa il valore assoluto di una 
grandezza, ma la sua proporzione rispetto ad uri' altra. Per 
esempio, volendo conoscere l'angolo di rotazione di un 
potenziometro, e' sufficiente misurare il rapporto fra la 
tensione di alimentazione agli estremi del potenziometro e quella 
rilevata sul cursore rotante. L'ADC-101 fornirà' il valore 
carretto di questo rapporto in "duecentocinquantaseiesimi", 
indipendentemente dalla precisione dell'alimentazione del 
sistema. 

Il secondo modo di operazioni uti1izza un r ì ferimento di 
tensione interno, compensato alle variazioni di temperatura e 
tarabile con estrema precisione. In questa maniera l'ADC-iOI può' 
effettuare misure di tensione "assolute", indispensabili in 
alcune app1icazioni particolari. Naturalment e 1'affidabi1it a' dei 
valori letti dipende dalla taratura del riferimento, che, 
perciò', deve essere fatta con un volmetro di precisione. 

Un' altra caratteristica notevole del nostro convertitore e' 
la "monotonicita'", ovvero la garanzia che a tensioni in ingresso 
crescenti corrispendono codici di uscita consecutivi, senza salti 
o inversioni di direzione« Quest a capacita', non sempre presente 
in s t r u m e n t i a n e h e d i c o s t: o s u p e r i o r e, e ' f o n cl a m e ri t a 1 e i ri 
applicazioni dove interessa non solo il valore di una grandezza 
analogica, ma anche la sua variazione nel tempo. In un "loop" di 
regolazione, per esempio, il calcolatore elabora certe uscite in 
base ad uri "f eed-back " rilevato da convertitori in ingresso, 
effettuando operazioni di integrazione e derivazione dei segnali. 
In questa situazione, una mancanza di monotonieita' potrebbe 
invalidare completamente i calcoli della macchina, provocando 
effeti, a volte, disastrosi. 

Il processo di conversione A/D non e' istantaneo, ma 
richiede un certo tempo, generalmente proporzionale alla 
accuratezza c h e si v u o 1 e o t: t: e ri e r e. 

X**XXXX»XX*XXXXttttttXtttttttttt*ttX*X*KX*XXXttttKXXKKttttK**XXttttX«WWXttXttXttXXX 

L'ADC-101, rispetto a dispositivi della Medesima classe di 
precisione, e' molto veloce in quanto riesce ad effettuare una 
misura in meno di 100 microsecondi. Una frequenza di 

campionamento cosi' elevata permette utili applicazioni nel campo 
dell'elaborazione numerica dei segnali, un ramo dell'elettronica 
in forte sviluppo e ricco di aspetti interessanti. 

XXX**XXXXXXXttXXXXttXKttXX*ttKX*XXXXXXK*Xtt*KttX«ttXM*X*ttttX*XttXKXX«XXXXX 

C o ni e già' a c c e ri n a t o i ri p r e c od cri za, I ' A D C •- 10 ’i d i s p o n e di 8 
canali analogici d'ingresso collegabili, in sequenza, al 

convertitore, per mezzo di un multiplexer controllato dal 
microcomputer. Ovviamente la misura avviene su un solo canale per 
volta, ma, per molte applicazioni, la velocita' di commutazione 
e' tale che, agli effetti pratici, e' come avere 8 convertitori 

i n d i p enden t i , so 11 ari t o 1 e g ger meri te piu' 1 eri t i . 

Nel caso fossero necessari piu' di 8 canali analogici, e' 
possibile fare operare diversi ADC-101 in parallelo, senza 
ulteriori penalizzazioni di velocita'. Adottando particolari 
tecniche di scansione, la CPU può' raccogliere fino ad un 
centinaio di misure in meno di un millisecondo. 

Il multiplexer può' essere utilizzato anche per altre 
funzioni partitolari. Per esempio, leggendo successivamente due 
canali analogici ed eseguendo una semplice sottrazione, si 
ot t iene un a ni i sur a di t eri s i ori e "di f Per eri z i a 1 e " , cioè' n ori 



i" i f e i" ita a 11 a m a s s a e 1 e 11 r i c a d e 1 s i s t: e m a. Un' alt r a i n t: e r e s s a n t e 
a p p 1 i c a £ i o n e d e 1 ni u 1t: i p 1 e ;< e r e ' q u e 11 a d e li'" a u t o -- r a n g i n g " :: e o n 
semplici partitori ed amplificatori esterni si può' inviare su 
ciascun canale della scheda un valore di tensione ottenuto 
moltiplicando la grandezza in esame con opportuni fattori di 
scala. In questo modo la CPU può' scegliere automaticamente il 
"rango" che meglio si adatta al segnale ricevuto, con un enorme 
amp1ificazione della din amica di misur a„ 


*ttXX»X**«ttXttK»KXXX*tt*XttKXfftt*tt*K*XX*KXXX*»ttttttKM**«ttttttX»ttXttXXttX**XX 
Il convertitore ADC-101, colie tutti i prodotti MICRO design, 
e r aolto flessibile e può' essere facilmente potenziato, con 
l'aggiunta graduale di componenti esterni. 


KXXXXXXttXXXXtttt*XXK**XXXXXtt*tt*ttK*X«KttXK*ttKKttttXKttttXX«Xtt*X*XXtt*ttXX*X 


In particolare la disposizione dei segnali sul connettore 
d'ingresso dei canali analogici, e' stata studiata in modo da 
semplificare al massimo il collegamento con "moduli di 
a d atta m e n t o " p r o g e t tal: i a n c h e d a 11 ' u tenie. Il c o n n e 11 o r e, a A 0 
vie, e' suddiviso in quattro sezioni identiche, ciascuna delle 
quali comprende due cana 1 i de 1 mu 11 i p 1 eer , la tens i one d i 

riferimento, le alimentazioni ±12 V ed adeguate schermature 
cont r o event ua 1 i d i st ur b i i rraggiati. Un norma 1 e f 1 at •-cab 1 e, 
tagliato longitudinalmente ad un estremo in modo da isolare 
g r u p pi di 10 c o nd u 11 ori, s e rve p er co11 egare a d u n u nic o 
convertitore, A moduli di adattamento. Questi ultimi possono 
avere diverse funzioni!! per esempio amplificare i segnali per 
misure di tensioni a basso livello, attenuarli per quelle ad alto 
livello, rilevare resistenze o correnti, estrarre il valore 
efficace da segnali alternati, e cosi' via. 

011:re a 11 'evi dent e sempi i c i t:a ' m ec:can i ca, quest a so 1 uz i one 
offre il vantaggio di poter installare il sensore elettronico 
nelle immediate vicinanze della sorgente del segnale. Questo 
p ar t: i c o 1 ar e e ' mo Ito i mp or t an t e n e 11 e m i sur e d i t en s i on i o 
corrent i a bass i ss i mo 1 i vel 1 o, che al t r i meni: i r i sul t crebbero 
compromesse dai disturbi captati da collegamenti troppo lunghi. 

La MICRO design fornisce, unitamente al kit del 
convertitore, lo stampato di un modulo, 1'ADC-201, adatto alla 
misura di basse tensioni bipolari. Installando gli opportuni 
componenti, calcolati dall'utente stesso seguendo le indicazioni 
d e1 manua1 e incluso nel kit, e' possibi1 e p or t ar e 1 a se a1 a d e11o 
st r umen t o, per esempio, f r a - 1,28 e + 1,27 Vo i t s, c on uri a 
risoluzione di I0 mV esatti. 


*XXXXXtt**K*tttt*XXX*XttttXXttX*XXXXXXtt*ttX*KttXtt*X*tttt«K**K*XttttX*«tt»*XXXX 

L'ADC-101 e' un dispositivo estrenanente versatile, che può' 
avere un ruolo importante in una moltitudine di applicazioni. I 
nostri soci non mancano certo di fantasia e, siamo sicuri, 
riusciranno ad utilizzare la scheda al di la' dei pochi 
suggerimenti che diamo nel seguito. 

XXX*Xtt*«ttttX*tt*K***XXX*KttXXXtt*«X«ttttX*tt*Xtt«XttXXXXXX«*K*X**XKX*X*X*X 

L'applicazione piu' ovvia del 1'ADC-101 e' in un sistema di 
registrazione automatica di misure. Per esempio il nostro 
microcomputer può' rilevare le temperature nei vari ambienti di 
uno stabile, documentando, pazientemente, tutte le variazioni 
avvenute nel corso degli anni, al fine di ottimizzare le spese di 
riscaldamento. Iri un sistema del genere risulta indispensabile la 
scheda 0CS-1Q1, un orologio/calendario in grado di mantenere una 
precisa misurazione del tempo anche in mancanza di tensione di 
alimentazione. In un passo successivo, si può' delegare al 



i n me ni or i e 
p re seri t ai: a 
necess i i: a ' 
ut: i ì i zzando 


s i si. e in a stesso il compito di accendere e spegnere le caldaie, 
deviando il flusso di calore in una zona piuttosto cjie in un' 
a 11: r a , a 1 ni u t a r e d e 11 e c o n d i z i o n i d e 1 t e ni p o e s e c o n ci o i 1 
d e s i d e r i o d e i v a r i i ri q u i 1 i n i . Nata r a 1 in e n t e il di sì p o s i i: i v o d e v e 

e s s e r e t:| u a ri i: o piu” p o sì s i b i 1 e s i c u r o e i ri d i p e n d e n i: e d a 1 1 a i: i r a n n i a 

d i voliib ili dischetti! i programmi sono car icat i permanentemente 

in ni e ni o r i e E P R 0 M r in s t: a 11 a t e sì u 1 1 a n u o v a s <:: h e d a M R E - 0 0 2 , 

p I- e s e n t a t: a i n q u e s i: o si t e s s a ri u m e r o d e 1 b o 11 e 11 i n o . I ri e a s o d i 

n e c e s sita" i 1 in i c r o p u o ' r i c l i i e d e r e a s s i s t e n z a u m a n a " a v o c e " r 

utilizzando la sintesi vocale SIV—101, per annunciare, per 
e s, e ni pio, u n i ri s p i e ga b i 1 e s u r r i s c a ’l d a in e n t o d i u n i ri t e r n o , d ovut o, 
f or se, ad uri i n cen <1 i o. 

I...' e s e ni p io p r e c e d e ri t e , u t ile p e r i 1 1 u s t r a r e 1 ' i n t e r a z i o ri e f r a 
var i prodotti MiERO design, e r molto impegnativo, ma, 
u •' 1,1 e - n G - r n o n F a n taso i e ri t: i f i c o - Q u e s t a e d alt r e a p p 1 i c: a z i o ri i , 
(.. o n c e t i. u a 1 m e n t e simili, c o m e i 1 c: o n 1r oli o d i a g n o sì i: i c o d i ni a c c li i ri e 
ut eri sili, il coll aud o aut ornai: i zzai: o d i p r od oi: i: i e 1 et: t: r i c i ed 
e 1 e i: t: r o ri i c i , le c e ri t r a 1 i ri e c o in p u t e r i z z a t e di v e i c: o li in d u striali, 
s> ono r e a 1 m e 11 1 e all a p o r i: a t a <1 e i sì o c i in a q q i o r ni e n i: e d o t: ai: i d e 11 a 
voi oni: a ' d i fare 

Alt r e a p p 1 i c a z i o ri i d e 1 c o ri veri: i t o r e A D C - ID I , p i u ' 
li o b b i s t i c li e e d i d a 14: i c h e , r i g u a r d a ri o 1 a q i a' a c c e n n a i: a 
elaborazione numerica dei segnali. E' possibile prelevare una 
serie di campioni di una tensione variabile nel tempo, ed 
app 1 i c.ai' v i al gor i t ni i par t i co 1 ar i d i f i 1 i: r agg i o digit a 1 e per 
estrarre le informazioni piu 1 i ut ere s; siaci i: i » Uri esempio classico 
^trasformata di Pourier che con sieri te dì ottenere lo spettro 
i n f r e q u e ri z a d i q u a 1 si i a s i f o r in a d ' o n d a r e g i si t; r a i; a » P u r i: r o p p o 1 a 
ve 1 oc. ita del nostro mi ero non e' tale da permettere un 
elaborazione in tempo reale se non per segnali a variazione molto 
1 e n t. a » A r e q u e ri z e a u d i o p a si s; i a in o si o 11 a ri t o m e ni o r i z z a r e c a m p ioni 
d e. 11 iugr e s s, o per u ri t e inp o p ar i a p oc l i i sec ori d i , e 1 ab or an d a 1 i i ri 
s>equ i t o con 1 a dovut a ca 1 ma - Anche con quest e 1 i m i t: az i ori i , 
c o m u ri q u e, si p o s s; o ri o s v i 1 u p p a r e a p p 1 i c a z ioni di g r a ri d e u t il i i: a ' 
pratica. Questa volta, pero', siamo realmente al limite della 

f a ri t a s c i e ri z a i ri q u a ri t o c i a d d e ri i: r i a in o i ri u n r a ni o d e 11 ' e 1 e 11 r o n i c a 

ancora in piena fase di sviluppo. 

Prima di c o ri c 1 u d e r e v o r r e ni m o r i ri g r a z i a r e il s i g „ A1 d o P o 1 i , 
un nosii.ro soc io di Lucca, che ha col lab orato alla reai izzazione 
d i q 11 ® fi t o p r o g e 4: i: o, p r e sì t a r. d o d i s i n i: e r e s s a 4: a in e ri i: e 1 a s u a 
v a 1 i d a e s p e r i e ri z a ri e 1 s e t: t o r e d e 11 'aut o in a z i o ri e in d u s t: r i a 1 e. 


Il kit completo della scheda ADC-101, esclusi i moduli di 
adattamento ADC-201, e' disponibile al prezzo di 

L. 110.000 

Il solo circuito stampato della scheda ADC-101 costa 

L. 20.000 

Il circuito intergrato PAL 16L8 già' programmato costa 

L. 20.000 

Il solo circuito stampato dei moduli di adattamento ADC-201 e' 

disponibile al prezzo di 
L. 20.000 

Ricordiamo che, per l'installazione del1'ADC-101, e' necessario 
utilizzare una scheda SMF-001 oppure CPU-001. 





1.J n a d o ni a n d a c: l i e , ulti m a m e n t: g » a b b i a m o s g n t i t o r i p e t e r e m o 1t e 
v o 11: e e ' s t a t a :: 

**************************************************************** 

VISTO IL PREZZO RAGIONEVOLE E LE OTTIME PRESTAZIONI DEL VOSTRO 
MODEM, £ r POSSIBILE COLLEGARLO AD ALTRI COMPUTER TIPO IBM, APPLE, 
OLIVETTI,COMMODORE, SPECTRUM ETC„ ? 

*****************************X**KXK*»*X************************* 

La risposta e F certamente positiva. 

Infatti utilizzando 1' interfaccia RS 232 e r possibile 
connetterlo a qualsiasi calcolatore ed operare a 300 baud, full 
d up 1 ex » 8 bit, seri za p ar i t a ’ . Ved i amo i n d et t agl i o 1 e moti al ita' 

per i tipi piu' d i f f usi- 

IL MODEM M0D-001 PER COMMODORE 

C om e a bbiam o a n nuncia t o nei n ume ri pr e ce d en ti e' possibile 
mon t ar e una ver s i on e spec i a 1 e de 1 M0D •00 'I adatto ad esser e 
interfacciato al COMMODORE 64. Tale versione puo r essere ordinata 
in l< i t con i l nome M0D-00 I/G, allo stesso prezzo. Si tratta, in 
pratica, della stessa versione per il microcomputer MICRO design 
su cui vengono montati alcuni componenti aggiuntivi, (dedicati 
all' adattamento dei valori delle tensioni di alimentazione che 
vengono prelevate direttamente dal connettore del COMMODORE) e 
vengono, al tempo stesso, eliminati i driver RS-232 in quanto il 
COMMODORE 64 si interfaccia con livelli TTL. Per realizzare 
fisi c a m e n t e 1 a c o n n e s s i o n e t r a M 0 D 0 0 I / C e C 0 M M 0 D 0 R E 64 a b b i a m o 
e s <:: 1 u s o i 1 s o 1 i t o c o n n e t: t o r e d a s a 1 d a r e d i r e 11 a m e n te sul c i r c u i t o 
del modem in quanto obbliga ad una connessione rigida, 
utilizziamo invece un cavo piatto e una piastrina di conversione 
e he vi e n e i n s e r ita t r a m ite un a p p o s i t o c o n n e 11: o r e n e 11 a U S E R P 0 R T 
del computer. In questo modo si realizza una connessione 
p e r f e 11 a, c o m o d a < i n q u a n t o n o n e 1 n e c e s s a r i o a p r i r e i I 
COMMODORE) e versatile. 

Per qu a n t a rig u ar d a i1 s of t war e n e c essario pe r coll e g ar si a1 
C. B . 13 . S.. a b b i a m o p r o v a t o d i v e r s i p r o g r a m m i " e m u latori di 
terminali" (coirne il VISITERM) che sono disponibili su disco, per 
coloro che, invece, hanno solamente il registratore a cassette 
a b b i a m o r i e 1 a b o r a 1: a u n s e m p 1 ice p r o g r a m m i n o in BASI C c he vi 
p r e s e n t i a m o n e 1 s e g u i t o e c h e c o n s e n t e di collegarsi co n 1 a 
n o s t r a s t: a z i o n e ( 0 I 0 •••• 6 8 8 7 8 3 ) ed e f f e 11 u a r e t u 11 e le operazioni di 
i n t r od uz i on e e 1 e11 ur a messagg i ( p ost a e 1 et trovi i c a ) . 

IL MODEM M0D-001 PER IBM PC E COMPATIBILI 

Per qu a n t o rig u a r d a i comp u t e r IB M PC e compatibili 
(0L10ETTI, ERICS0N, C0MPA0, ETC.) e ' possibile 1 a connessione ad 
una porta seriale qualsiasi ma e' necessario alimentare il modem 
con un piccolo alimentatore esterno in grado di fornire due 
tensioni: una positiva compresa tra gli 8 e i 12 volt e una 

negativa aridi ' essa compresa tra -8 e -12 volt. In questo caso un 
p r o g r a in m a p e r f e t: t a m e n t e c o m p a t i b i 1 e con il nostro C . B . B . S - e ' il 
CROSSTALK che, oltre a consentire 1' uso della posta elettronica 
(recupero e scrittura messaggi), permette, a chi ha la password 
f o r n i t a d a 11 a MIC R 0 d e s i g ri, d i e f f e 11 u a r e i 1 t: r a s f e r i m e ri t o di 
file (downloading, uploading) in quanto comprende il protocollo 
XMODEM. 






IL MODEM MOD-OOI PER APPLE 


Anche per 1 r APPLE (II, Mac Intosh) valgono le 
considerazioni generali e cioè’’ e r possibile col legare il modem 
ad una qualsiasi uscita seriale ed utilizzare un programma di 
emulazione terminale (VISITERM) per collegarsi al C.B.B.S. e far 
funzionare la posta elettronica (recupero e scrittura messaggi). 

Anche in questo caso pero” e r necessario fornire una 
alimentazione separata come per 1” IBM PC. 


XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 


RIASSUMENDO. 

Tutti i computer con uscita seriale standard RS-232 
programmabile a 300 baud possono essere collegati al nostro 
modem. Con un qualsiasi programma emulatore di terminali (che 
invia cioè' i tasti battuti su tastiera sulla linea seriale e 
invia su video i caratteri ricevuti dalla linea seriale) e r 
possibile effettuare collegamenti tra singoli utenti e con la 
nostra stazione C.B.B.S. 

Se due utenti, anche con calcolatori differenti, dispongono 
di programmi con identico protocollo di trasferimento possono 
scambiarsi file. 

Per caricare, invece, programmi dal C.B.B.S. MICRO design occorre 
utilizzare un programma che disponga del protocollo XMODEM (ad 
esempio MODEM, CROSSIALK, ETC.). 

XXXXXXXXXXXXXXXKXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 


LISTATO PROGRAMMA PER USO MODEM M0D-001 SU COMMODORE 


io rea mnmmmtmmtmmmntmtmmummmtm 

20 rea » terainal eaulator (or vic-20 and coaaodore 64 
30 rea tttMMttMtMMtmttMMttMttMMMtMMtn 
40 rea I open 8 bit full duplex rs232 channel and diaension array 

50 rea tmnmnmmmmmmmtmmnmnmmnmu 


100 rea 

110 let baudt = chrt(22) 

115 let duplex* = chr*(192) 

120 open 5,2,3, baudt + duplex* 

130 dia rt(127), st(255) 

140 rea tntmmmmmmmmmmmmtmtmtmmm 
150 rea * inizializazione variabili definizione costanti 

ì&o rea tmmtmmutmmnmmttmnmmmnmmm 


170 let quote* = chrt(34) 

175 let backspacet = chrt(157) 

180 let eraset = " * + backspacet 

190 let dark* = chrt(162) + backspacet 

200 let cursr* = dark* 

205 let tiaet = *000000" 

210 let capX = 32 

220 let Iqint = "C0LLE6AHENTG VIA N0DEM CON COMMODORE 64" 

225 for k = 32 to 64 


230 let st(k) = chrt(k) 
235 let r*(k) = chrt(k) 


240 next 

245 for k = 65 to 90 

250 let st(k) = chrt(k + capX) 


255 let r*(k) =chr*(k+128) 

260 let s*(k+128) =chrt(k) 

265 let rt(k+32) =chrt(k) 

270 next 

275 for k = 91 to 95 
280 let st(k) = chrt(k) 

285 let r*(k) = chrtik) 

290 next 

310 s*<13) = chrt(13):rt(13)=chr*<13)is*(148)=chrt(13( 

315 s*(20) = chrt(8) : rt!8) = chrt(20) : st(160) = chrt(32) 
320 st( 171 ) = chrt( 17): st(174) = chrt(19) : s*(175) = chrtd 
325 st(10) = chrt(10):rt(10)=chrt(10) 

330 s*( 188) = chrt(3) ; s*(179) = chrt!125): rt(125) = chrtd 
340 rt<92) = chrt(94): rt<95) = chrt(164) 

345 print chrt(14) 

350 rea mmmmumttmmtnmmtmmmmmm 

360 rea t staapa aenu’ d’aiuto 

365 rea tmmtmmmmtttmnmmmtmtmmnm 

370 print chrt!147) 

380 print " ttt MODEM - COMMODORE 64 ttt 
400 print 

410 print *fl: visualiza lista tasti funzione" 

420 print 

430 print "f2: invia testo a unita’ principale" 

440 print 

450 print "f3: visualizza teapo di collegaaento" 

460 print 

470 print "f4: key repeat ori-off " 



30 print 

30 print "f5: invia messaggio" 

00 print 

IO print. “f6: cursore la»peggiante on/ott" 

20 print 

SO print "f7i caps on-otf “ 

40 print 

SO print "t8: cambi a colore schermo" 

SO print 

! 0 print "use Commodore key as control key" 

ij reu mmmmmmtmmmtmtmttmtmmtmtmn 

IO rem t receiving and sending loops 

?o retri mmmmmmmmmummnmmmmmmm 

)0 print cursrt; 

35 it blinkotf then 625 

IO let countX = countZ + 1 

15 it count'/, = 10 then let cursrt = darkt 

■0 it countZ = 20 then let cursrt = eraset : let countZ = 0 

25 get chi : if chi = ““ then 650 

SO let ccodeX = asc(ch$+chr$(0)> 

S5 it ccodeX > 132 and ccodeX < 141 then 655 

10 print#5, sticcodeX); 

50 gett5,echot :it echot = *" then 600 

11 print eraset;rt(asc(echot)); 

52 it echot - quotet then poke 212,0 

53 goto 650 

55 on ccodeX - 132 goto 370, 675, 700, 750, 800, 900, 950, 980 

so re» nmmnmmmnmmmmmmummummu 

>5 re» ♦ print time since login 

70 re» mmmmmmmmmmmmtmmtmmmm* 

f 5 print 

IO print »idi(ti»et,3,2); " minutes since login" 

35 goto 600 

15 re» mtnmmmmmtmnmmmmtmnmmmm 

30 re» t send login dressage 

)4 se» mmmmmmnnmtmmtmttmmmummu 

35 print*5, chrt(13)+chrt(10) 

0 get#5, cht 

15 let ti nel = "000000" 

10 tor k =1 to len(lgint) 

25 print#5', s$(a5c(BÌdt(]gini,k,l>}); 

SO next 

!5 printiS, chrt(13)+chrt(10) 

10 goto 650 

15 re» nmmmmmmnmummmtmmtmmtmm 

SO re» t cape on-ott 

i5 re» ttmmmummmtmmmtmmummnmnm 

SO let capì = 32 - cpaX 

i5 tor k = 65 to 90 

10 let stfk) = chrttk e cap7.) 

! 5 next 
30 goto 600 

15 re» Mtmnmmnmmmmmmmmmmtmtmtt 

IO re» t send file 

)5 re» mtmuummmmmumutmmtnummtnm 


815 input "nane ot ti le”;name$ 

320 open l,l,0,na»et 

825 getti, cht : getti, cht 

830 getti, cht : it cht = then 830 

835 let ccodeX = asc(cht) 

840 it ccodeX =10 then dose 1 : goto 600 
845 printtS, si(ccodeX); 

850 tor k = 1 to 20:next 

855 get«5,echot: it echot = "" then 870 

860 print rt(asc(echot)); 

865 it echot = quotet then poke 212,0 
870 tor k =1 to 20:next 
875 goto 830 

895 re» mtmmmmttmmmmmmmmmmmmtmt 

-'A rm * key repeat on-off j 

905 re» 

915 let repeatX = 128 - repeatX 
920 poke 650,repeatX 
925 goto 600 

945 re» tutttt nnmmmmnnmtmmmnmmtmtmm 

ref * * cursore 1 ampeggiante on/ott » 

955 re» ttmmntmnmtnmnnnnmmmmmnmmm 

960 let blinkotf r 1 - blinkotf 
965 let cursrt = darkt 
970 goto 600 

975 re» mmmmmmmmmmmmmtmmmtmmm 

^0 rei » * cambi a scherno t 

985 re» mmmmmmmmummmmnmummmmn 

990 poke 53281,8 : re» tor vie,poke 36879,8 

995 print chrt(5) 

1000 goto 370 



***** ******* ***** * KK * K ** ** K* * X* « K* X M X W il * *»* * X**KK *W* «» KH * X* * * XX 


SPECIALE RADIOAMATORI: TRASMISSIONE DATI VIA RADIO TRAMITE MODEM 


*XK**XXXttX*XXKttXlt*KXtt**ttX*»Xtttt**Xtt*XX*X*XX#XXKKttX*KKttKtt*itK#ttX*XttK 

a cura di 12 KFX. 

Il modem M0D-001 e” stato progettato per essere utilizzato 
sulle normali 1inee telefoniche, vedremo pero 1 che, con se in piici 
m o d i fi c h e, e' p o s s ibi 1 er f a r i o f u n z i o n a r e a n c h e c o 11 e g a t o a d 
a p p a r a t i rie e t: r a s m i 11 e ri t i . 

E s a min e r e m o br e ve men te le d i f fe re n z e t r a i 1 c o11 e ga m e n to 
al la 1 inea telefon ica e quello ad un r i c et rasine 11 itore e ne 
vedremo anche le differenze operative nel caso di uso in campo 
r a d i o a m a t o r i a 1 e , c o n 1 7 o b i e 11 i v o s p e c i f i c: o d i p r o m u o v e r e 1 r u s; o 
d elle te c n i c h e digit a 1 i p r e s s o 1 a f o 11: a s c h i e r a d e g 1 i 0 M » 

La prima grossa differenza, che salta aJ.l r occhio fra Iinea 
t e 1 e f o n - 1 a e a p p a r a t o r i c e t r a s m e t: t i t o r e , e v c l i e i s e g n a 1 i 
t e 1 e f (.) nici vi a g g i a n o s u d u e fili: il " d o p p i n o " c; h e a r r iva i n c a s a 
d i r e 1.1 a m e n t e d al la c: e n t: r a 1 e y aie: o n t r a r i o n e 1 r i c: e t: r a s m e 11 i t o r e 
vi so n o 4 fili s u c ui vi a g gia n o s e p ara ta m e nt e i1 s e g n a1 e 
trasmesso (due fili dal microfono) e quello ricevuto (due fili 
alla cuffia). Nei doppino telefonico i due segnaii viaggiano in 
direzioni opposte (come I' onda diretta e 1” onda rif1 essa in un 
cavo coassiale fra trasmettitore ed antenna disadattata). 

Nel r i c ev i t or e t; e 1 ef ori i c o un ap p osito c i r c iì i t: o ( f or c h e11 a > 
s ep a r a i d u e s e g n ali, Ne11 a f orch e11 a e ntra il d oppin o e n e 
escono 4 fili: due vanno al microfono e due all y auricolare, 

0 u e s t: a s e p a r a z i o n e, in r e a 11 a y , n o n e ' m o 11 o b u o n a ( m e n o d i 
20 dB) il che rende impossibile, per un modem fu11-dup1 ex, 1” 

utilizzo della stessa frequenza in ricezione ed in trasmissione. 
Infatti il n o s t r o m o d e m , s e p o s i z i o n a t: o a 1 a v o r a r e s e c a n d o 1 o 
s t a n da r d CCIIT V 2 I m od o o rigina t e, lra sme 11e ra y c o n d u e to ni a 
980 Hz, e 1180 llz, e riceverà 1 ' due toni a 1650 Hz. e 1850 Hz. 
C i oe r la banda aud i o a d i spos i z. ione 300-3500 Hz , e st: at a divi sa 
in due parti, una dedicata alla ricezione e una dedicata alla 
trasmissione, I filtri presenti dentro il chip del modem fanno si 
che non ci siano disturbi fra le due direzioni, Nei caso di un 
rice t r a smettito r e, ric e zio ne e tra s mission e s o n o be n se p a ra te e 
f u n z i o n a n o u n a alla v o Ita, s i a m o c: i o e ‘ i n u n s i s t e m a 
i n t r i n s e c a m e ri t e h a 1 f d u p 1 e : :. 

Per far funzionare il modem con la nostra radio, occorre 
quindi tener separate ricezione e trasmissione (che, di fatto, 
s o n o g i a” separate a 11 r i n t e r n o d e 1 ni o d e ni ) , C i o 7 s i f a a p r e ri d o i 
ponticelli P I 0 e P "I I ( n o t a t e c l i e nell o s c l i e in a s u 1 m a ri u a 1 e M 0 D 0 01 
t a 1 i ponti c e 11 i s o ri o s t a t i e r r o n e a in e n t e i ri v e r t i t i ) e c o 11 e g a n d a 
con appositi circuiti adattatori di livello la TX dal PIO all' 
ingresso microfono del trasmettitore c PII all" uscita per 
cuffia. 

IJ n p r o b 1 e m a c li e r i in a n e a ri c o r a d a r i s o 1 v e r e e y il s e q u e n t e : 
andando via radio e " opportuno che i due corrisponderli: i 
ut i 1 i zzi no la stessa frequenza d i mar k e d i space, c ioe 1 ’ che non 
vi sia la distinzione fra "originate" e "answer ", questo perche 1 ', 
se si usa la SSB, il canale occupato totale e’ la meta 1 ’ ( e” 
sempre bene ridurre la banda occupata), se vi e” poi un terzo 
corrispondente in 'ruota" il poverino non deve ritoccare 
coni: i ri u a ni e ri t e 1 a s i n t o ri i a d e 1 p r o p r i o r i c e v i t o r e p e r a s c olia r e 
gli altri due. Supponendo di usare tutti lo standard europeo 
CC.ITT V2I nel modo originate (mark a 980 Hz. e space a 1180 Hz.), 
die me gl io si adatta ai filtri SSB dei ri or mal i r i c et rasmet: t itor i , 
a c c o r i'- e c li e i 1 c o ni ni u t a t o r e R 10 E /TRA S a g i s c a a ri c h e s u 1 m o d e ni, 



P ° n e n ci o 1 o i n in o ci o a r i q i n a t e c! u r a n t: e ì a t r a s m i s s i o n e e d i n m o ci c> 
a n s w e r <:l u r a n t: e 1 a r i c: e z i a n e. 

Parliamo ora di r i cet rasmet t i t or i s se si usa il sistema di 
modulazione Ri (VHF e bande superiori) tutto ciò' che abbiamo 
vist o fin or a furi z i o n a a11 a per f e zion e; se si u sa, in v e c e T la SSB 
le co s e s o n o 1 e g g e r m e n t e pi u r c: o m p 1 i c a t e p e r c: li e' 1 a f r e q u e n z a d e i 
tori i che ragq iungono i 1 modem i n r i cez i one d i pende clalla 
P ° s i z i o n e d e 11 a m a n o p o 1 a d i sintonia. 0 c c: o r r e c| u i n d i u n a s i n t o n i a 
molto accurata affinché' il tono di marie ricevuto sia 
effettivamente 980 llz. e non, ad esempio, 1000 i-lz. o 940 Hz. 

8e la sintonia non e' fatta correttamente il tasso eli errore 
c: r e s c: e i n m o d o s p a v e n t o s o . 

Al fine di ottenere una rapida ed efficiente sintonia stiamo 
preparando un po' di hardware e cioè' un filtro a due celle 
e e n t: r a t: o s u l la f r e q u e n z a cl i m a r l< ( s e m p r e p r e s e n t: e q u a n cl o n o n c: i 
s o n o c a r atteri i n t r a n sito) s e g u i t o cl a u n r a cl cl r i z z a t o r e e cl a u n 
indicatore di ampiezza» La sintonia corretta si ottiene cosi' per 
i 1 m a s s i m o v a 1 o r e d e 1 1 ' usci t: a . 

0 e c o r r e t e n e r p r e s e n t e c h e i 1 I... E D d i c a r r i e r d e t: e c t s i 
accende in presenza eli una portante di livello sufficiente, ma 
non si tratta di una segnalazione di corretta sintonia in quanto 
il circuito interno del chip modem rivela semplicemente un 
s e q n a 1 e n e 11 a b a n d a t o l: a 1 e d e 11 a r i e e z i o n e » 

Oh i e ' i ri t e r e s s a t o a d e f f e 11 u a r e p r o v e s u t u t; t: e 1 e f r e q u e n z e 

dagli 80 metri ai 23 cm. compreso il satellite per radioamatori 
0 S C A R I 0 m o d o B p u o ' con t a t1 a r e cl i r e 11 a in e n t: e s 

12 l< F X P i n o, ci a J N 4 5 p o t: e 1 . (039)- 8 3 3431. 


C3- 




Mi 



nOt> 


CB- 


+ li. 

1 

J 


-< - ED 


f TT 


ED 


ò -n 




Kv 


777 


7T7 






CONTENITORE PER MODEM MOD-OOI 


Lo stampato del modem MOD-OOI e' stato realizzato per essere 
i nser i to fac i 1 mente nel conten i tore p 1 ast i co che v i propoli i amo. 11 
montaggio e' molto semplice, basta realizzare 4 fori circolari, 
due per i deviatori, uno per il led che indica la ricezione della 
portante ed uno per 1' uscita del cavo telefonico. Inoltre dovrà' 
essere prevista una scanalatura per il cavo piatto di connessione 
con il computer. Il contenitore misura 155 x 75 x 45 min. ed e' 
adatto sia per la versione MICRO design che per la versione 
COMMODORE 64. Può' essere ordinato al prezzo dì lire 9.000 

K«********XttKMK*tt****K**tt*tt*tt*tt*tt**ttttK***ttttK***W***K*K***K*Ktt*K** 

IL “BEEP"s SEGNALE SONORO EMESSO DAL COMPUTER 

XXttXK«XXXKttXXttXtt*ttX*tt*XXXXXXKXXX*X*tt**Xtt*Xtttttt*ttKXX*ttKttK*tt«XXtttt*XX 

Il carattere eli controllo "CONTROL G", in esadecimale 071-1, 
inviato ad un qu a1siasi t e r min a1 e pr ov oca i1 suon o di u n 
campanello per richiamare 1' attenzione dell' operatore» Ci e' 
stato rieh i est: o se, ne 11 a eprom d i gest: i one de 1 v i deo 4.4, era 
stato previsto questo comando» La risposta e' positiva, infatti, 
quando viene inviato un CON T R 0 !... G s u video, vi e n e e s e g u i t a u n a 
istruzione di OUT sulla porta il cui indirizzo e' contenuto nella 
locazione EFDFH. Occorre costruire un semplice circuito in grado 
di riconoscere questa istruzione di out ed emettere un breve 
segnale sonoro. Circuiti di questo tipo si possono progettare in 
mille modi, basta guardare nel cassetto degli integrati e 
sicuramente si troverà' qualche chip inutilizzato che fa al caso 
nostro. La soluzione che vi presentiamo ci e' stata proposta da 
un socio di Roma che la utilizza inserendola su un connettore 
vuoto della scheda multifunzione. Come tutti sanno, il segnale 
QEL del connettore della SMF-001 diventa attivo basso 
ogniqualvolta viene effettuata una istruzione di out (o di in) 
su una delle 8 porte corrispondenti all' indirizzo selezionato» 
Ad esempio su una multifunzione con ponticello P2 inserito, il 
segnale SEL del connettore in basso a destra viene attivato basso 
da una istruzione di out su una delle porte di indirizzo compreso 
tra 2OH e 27II. Quindi, con il semplice circuito indicato in 
f i g u r a, e ' p o s s i b i 1 e a 11 u n q a r e 1 ' i m p u 1 s o a n o s t: ro pi a c i m e n t o 
modificando la resistenza R del monostabile 74LSI23 e pilotare un 
comunissimo "buzzer" con un open collector 7406» Per utilizzare 
il dispositivo basta scrivere (con il monitor o con un 
p r o g r a m mino) 1 ' i n d i r i z z o p r e s c e 11 o ( a d e s. 2 0 li ) n e Ila 1 o e a z i o n e 

E F D F H. A q u e sto p u n t o o g n i v o 1 1 a c h e u n CON T R 0 L - G v e r r a ' i n v i a t o 
al video se n t i r e ino il s e g n a 1 e s o n o r o.. 


+ 5 

G,MD 


SEL 



([(, 74-06 


‘/Z 7USJ23 





IL PUNTO SUL C.B.B.S. MICRO DESIGN 


Facciamo il punto sul C.B.B.S. che, come ormai tutti sanno, 
la MICRO design ha installato in via sperimentale da giugno e in 
versione definitiva da settembre. Nel primo mese di funzionamento 
abbiano constatato che le eh lanate sono state circa 15 al giorno, 
da tutte le parti d' Italia: dall' estremo nord (Aosta), dal sud 
(Bridisi) ed anche dalle isole. Alcune chiamate sono arrivate 
anche dall' estero (Svizzera e perfino San Marino) oltre ad 
alcuni nostri corrispondonti abituali dagli U.S.A. 

In genere non ci sono state grosse difficolta'. Alcuni che 
n o n ri u se iva n o a c o 11 e g a r s i i n n e s s u n ni o d o hanno p o t u t o 
constatare che, recandosi da un amico vicino di casa con il loro 
m o d e m, r i u s c ivano a d e f f e t: t u a r e c o 11 e g a m e ri ti perfetti. No n c i 
stancheremo quindi mai di dire che la bontà' della linea riveste 
una grande importanza, a volte la linea che collega il telefono 
casalingo con la centrale e' vecchia di decenni, e' logorata e 
consente a mala pena un collegamento audio. In tali casi, quando 
non si riesce a capire neppure con chi si sta parlando, anche la 
trasmissione di dati avviene con difficolta'. Ad esempio abbiamo 
verificato il caso di un socio che riusciva ad effettuare dei 
collegamenti perfetti dalle IO fino alle 18 ma di sera e di notte 
o in caso di pioggia riusciva a mal a pena a ricevere la portante. 
Il problema era dovuto all' umidita' che impregnando il filo di 
collegamento esterno, logorato dagli anni, ne alterava 
completamente le caratteristiche elettriche. 

Ripetiamo comunque che chi riceve in modo comprensibile le 
chiamate urbane e interrurbane non ha nessuna difficolta' ad 
effettuare collegamenti perfetti anche per trasmissione dati. 

Ritornando al C.B.B.S. abbiamo notato che le chiamate sono 
state molte con un uso intensivo dell' apparecchiatura 
specialmente per il recupero dei file messi a disposizione sulle 
user 0 e "I del disco Bs. Moltissimi hanno chiamato, hanno 
utilizzato 1' help, hanno fatto liste, hanno letto i messaggi ma 
non ne hanno lasciati? vi invitiamo pertanto ad essere piu' 
loquaci in quanto pensiamo che ognuno possa contribuire con la 
sua esperienza e le sue idee ed essere utile agli altri. 

Vi presentiamo qui di seguito una parte del sommario dei 
messaggi che sono presenti attualmente sul C.B.B.S. ricordandovi 
che i messaggi da 'I a 100 sono riservati per comunicazioni 
" i ride 1 eb i 1 i " de Ila MI OR 0 design. 


0000-1 nn 07/06/85 MICRO DESIGN 

A r g.a STORIA D EL SIST E M A 
00228 09 ì9/09/85 GIORGIO 

Arq.a ABBI PAZIENZA 
00233 04 22/09/85 MICRO DESIGN 

Ar g » a HELP IN INGLESE 
00234 03 22/09/85 MICRO DESIGN 

A r g.a B E L L E C CITT S T ANDARD 
00235 03 22/09/85 MICRO DESIGN 

Arg.a COLLEGAMENTO INIZIALE 
0023/ 05 22/09/85 MICRO DESIGN 

Arg.a COLLEGAMENTO INTERNAZIONALE 
00239 09 22/09/85 MICRO DESIGN 

Arg.a PONTICELLI MODEM 
00240 04 22/09/85 MICRO DESIGN 

Arg.a BYTE LISTINGS 
00243 15 24/09/85 MICRO DESIGN 

Arg.aVELOCITA' STEP DRIVE 
00244 08 24/09/85 MICRO DESIGN 

Arg.a PERDITA CARATTERI DI ECO 
00246 08 25/09/85 MICRO DESIGN 


TUTTI 

PIERLUIGI 

TUTTI 

TUTTI 

TUTTI 

TUTTI 

TUTTI 

P. LEMM0NS-BYTE 
FAETANINI 
CLAUDIO S0NTACCHI 
CORDEL10 



A r g - "CARA T T E R I F ANI A S M A 
002A7 05 25/09/05 CLAUDIO COR DEGL.. IO 

Arg.sCARATTERI FANTASMA 
00252 03 26/09/85 MICRO DESIGN 

Arti.. : VIDEO N.E. 

00256 09 29/09/85 MICRO DESIGN 

Arg. SAGGIORNAMENT0 DEL CBBS 
00255 04 29/09/85 CLAUDIO CORDEGLIO 

Arg.: PROVA MODEM 

00257 04 29/09/85 CLAUDIO CORDEGLIO 

A r g.. : 01D E 0 DI N E E G R A FIC A 
00261 14 02/10/85 GIORGIO 

A r g. :: M 0 0 1FIC I I E P E R IL B A U D - R A T E 
00262 20 02/10/85 GIORGIO 

A r g „ P R 0 B L E MI C 0 N IL M 0 D E M 
00266 05 10/10/85 MICRO DESIGN 

Arg.sBACO FONEDIT 
00270 13 11/10/85 GIORGIO 

Arg.sAUTO ECO 

00271 19 11/10/85 MICRO DESIGN 

Arg.sANTICIPAZIONI 
00275 08 13/10/85 MICRO DESIGN 

Arg.sRS 232 A 4 MHZ. 

00277 03 13/10/85 CLAUDIO CORDEGLIO 

Arg.sMESSAGGIO NULLO 
00279 08 15/10/85 CLAUDIO CORDEGLIO 

Arg.sGRAFICA 

00280 04 I 5 /1 0 / 8 5 C L A LJ D10 C 0 R D E 6 L10 

Arg.: AUTOCAD 

00281 09 15/10/85 MASSIMO BERRÀ 

Arg.SGONFIO. SISTEMA 
00284 04 16/10/85 ALBERTO RE 

Arg.sSOFTWARE 

00285 09 16/10/85 MICRO DESIGN 

Ar g„ x RADIO MODEM 

00 2 8 6 0 5 I 6 /10 / 8 5 PIE R F A E T A NINI 

Arg.sPROVA MODEM 

00287 03 16/10/85 MICRO DESIGN 

Arg.sPROGRAMMA M3.COM 
00288 15 18/10/85 MICRO DESIGN 

A r g., s A L G 0 R IT M 0 RI E M P IM E N T 0 A R E E 
00289 17 19/10/85 GIORGIO 

A r g. s E S T E N S10 N E D E L P R 0 G R A M M A 
00293 04 21/10/85 ALDO POLI 

A r g. s 0 F F E R T A R A M E E P R 0 M 
00294 08 23/10/85 MICRO DESIGN 

Arg.sCOLLABORAZIONE 
00297 20 25/10/85 MICRO DESIGN 

A r g . s P A S S W 0 R D P E R M E S S A G GI 
00298 04 25/10/85 MICRO DESIGN 

Arg.sTEST MODEM 

00299 07 25/10/85 MICRO DESIGN 

Arg.sERRORI DDFORMAI 
00300 02 26/10/85 MICRO DESIGN 

Arg.sEVASIONE ORDINE 
00301 06 26/10/85 MICRO DESIGN 

Ar g.:M0DIFICA DARLINGT0N 
00302 02 27/10/85 SIFA RE 

Arg.sCERCO S0CI PER PR0VE M0DEM 
00303 03 27/10/85 MICRO DESIGN 

Arg.sBOLLETTINI 


MICRO-DESIGN 

TUTTI 

TUTTI 

FAETANINI 

TUTTI 

CORDEGLIO 

TUTTI 

MAURO 

FAETANINI 

TUTTI 

GENNY MASULLO 
AUTORE MESS.Q276 
GIORGIO 
MASSIMO BERRÀ 
CLAUDIO CORDEGLIO 
TUTTI 

PINO ZOLLO 
GIORGIO 
MAUR 0 
CORDEGLIO 
MAURO 
TUTTI 

SPERIMENTARE 
TUTT I 
GIORGIO 
TUTTI 

MASSIMO BERRÀ 
BRUNO 
TUTTI 
Gl ORCIO 


FINE DEL SOMMARIO