Skip to main content

Full text of "Bollettino del club utenti computer Z80"

See other formats


ANNO IV 


NUMERO 


1 


a#* 

*** 

*** 

***** 

******** 

***** 

***** 

***** 

*** 

*** 

*** 

*** 

*** 

*** 

*** 

*** *** ***** 

*** 

*** 


*** 

*** 

*** 

*** 

****** 

*** 

*** 

*** 


******** 

*** 

design 

***** 

*** 

*** 

*** 


*** *** 

*** 

*** 

*** 

*** 

*** 

*** 

*** 

*** 

**** 

*** 

*** 

*** 

*** 

*** 

***** 

*** 

**** 

***** 


BOLLETTINO DEL CLUB UTENTI MICRO DESIGN 
GENNAIO 1984 


tt * 

* LA DOPPIA DENSITÀ' PER CFD-OOI E LX-390 * 

* * 
a##**#######*##*#*##***###*»###»#*****###**###*####**##********#» 

Finalmente e' disponibile il kit, da molti atteso, che 
trasforma il nostro controller CFD 001 in un eccezionale 
controller per doppia densità'. 

Stiamo anche preparando una versione leggermente diversa che 
POTRÀ' ESSERE USATA SUL VECCHIO CONTROLLER PER 5 POLLICI LX-390 
la potete prenotare fin d” ora al solito numero. 

La doppia densità' e' un metodo di registrazione dati che 
consente di memorizzare su disco una quantità' doppia di byte 
senza pero' incrementare la massima frequenza di scrittura. Tutto 
ciò' e' possibile perche', nel caso della doppia densità', vengo¬ 
no, in fase di scrittura, eliminati certi bit di clock che devono 
essere poi ricostruiti in fase di lettura. Se, oltre a questa 
possibilità', si utilizza una formattazione piu' efficiente, si 
può' arrivare a quasi triplicare la capacita' dei dischi senza 
dover cambiare i drive. Infatti i drive sia da 5 che da 8 pollici 
sono predisposti per lavorare indifferentemente in singola o 
doppia densità'. Con questo kit e' quindi possibile sfruttare 
pienamente la potenziale capacita' di immagazzinamento dei drive 
ed utilizzare anche sui 5" programmi che, in singola densità', 
potevano, per le loro dimensioni, risiedere solo sugli 8". Lo 
specchietto che segue illustra 1' aumento di capacita' che si 
ottiene sui vari tipi di drive: (viene indicata la capacita' in 
byte formattati, cioè' che realmente si possono memorizzare). 
##*###*#**####**»#»*#*##*****#####**###**»***#*#*##**»****#****#» 

* AUMENTO DI CAPACITA' DEI FLOPPY IN DOPPIA DENSITÀ' * 

* SENZA CAMBIARE NE' MODIFICARE I DRIVE « 

«a####»####**»##*#**#****#**#####*#*###»*#*#**#**»»****####**»**# 



tipo 

drive 



sin gola 

densita' 

doppia dens 

ET ** 

o 

singola 

faceia 

40 

tracce 

85 

KBYTE 

200 

KBYTE 

C* ** 
vJ 

doppia 

face i a 

40 

tracce 

2x85 

KBYTE 

400 

KBYTE 

5 " 

singola 

face i a 

80 

t racce 

170 

KBYTE 

400 

KBYTE 

5" 

doppia 

face i a 

80 

tracce 

2x170 

KBYTE 

800 

KBYTE 

8" 

singola 

face i a 

77 

t racce 

256 

KBYTE 

616 

KBYTE 

8" 

doppia 

face i a 

77 

t racce 

2x256 

KBYTE 

1232 

KBYTE 


Micro Design 1984 n.1 


V.Risoldi 



Dalla tabella precedente si vede chiaramente che 1' aumento 
di capacita' e' di circa 2,5 volte e che, caratteristica 
richiesta da molti: 

MM*****«*****M«*tf ************************************************* 

* I DISCHI DOPPIA TESTA VENGONO CONSIDERATI COME UN SOLO * 

* DISCO DI GRANDE CAPACITA' * 

a####*##**##»##*#*#**##******#*#*##**»**##*###**#*#**********»*** 

sì può' notare anche che, considerando tutte le 
combinazioni, e' possibile utilizzare ben ? tipi di dischi su di 
uno stesso sistema. Questa carat t er i st i c:a, praticamente unica nel 
mondo dei personal computer, ci ha spinto a realizzare il 
Software in modo tale che sia il programma stesso a riconoscere 
automaticamente il tipo di disco, in modo da liberare 1' utente 
dalla necessita' di dover configurare il CP/M. 

Sara' pertanto possibile inserire in uno stesso drive dischi 
sia singola che doppia densità', inoltre in un drive doppia testa 
sara' possibile inserire dischi registrati su una sola oppure su 
entrambe le facce: 

«a»#######*#*#**##*####*#**##**#**####***#**#***##***#********#** 

* IL SISTEMA OPERATIVO SI ADATTERÀ' AUTOMATICAMENTE AL » 

* TIPO DI DISCO * 

****************************************************************** 

Nello st esso modo, se desideriamo modificare 1 a 

configurazione, spostando ad esempio un drive da 5" dove prima ce 
n' era uno da 8", il sistema si adeguerà' automaticamente anche a 
questa nuova situazione. 



Micro Design 1984 n.1 


2 


V.Risoldi 


























Vediamo ora un po' piu' in dettaglio in cosa consiste il kit 
che vi verrà” fornito per trasformare il controller CFD 001 in un 
perfetto controller per doppia densità”. 

L’ integrato 1771, certamente il migliore disponibile 4 anni 
fa, quando progettammo il controller per floppy da 5", non e” in 
grado di effettuare tutte le complesse operazioni che sono 
richieste per gestire contemporaneamente dei drive in singola e 
in doppia densità’ ed e' perciò' necessario cambiarlo. 

*W*tt****tt*tt**********tt**************tt*tt***tttt**tt*tt**K**M**tt****«tt* 
* # 


* LA NUOVA SCHEDINA VERRÀ' INSERITA NELLO ZOCCOLO LASCIATO * 


LIBERO DAL 1771 


* 

* 


******************MM**M************tt***tt*#******M******«tt****M*** 

mediante speciali barrette di pin contenute nel kit. 

Per far funzionare perfettamente i drive sia in singola che 
in doppia densità' abbiamo dovuto realizzare un progetto 
completamente nuovo in quanto quelli utilizzati nei computer- 
professionali che garantiscono una buona affidabi1ita' richiedono 
un gran numero di componenti e sono di taratura molto complessa. 

Una nostra costante preoccupazione e' invece proprio quella 
di consentire, anche a chi non possiede una costosa 
strumentazione, di realizzare e far funzionare perfettamente il 
nostro progetto. Questo obiettivo si può' raggiungere in due 
modi: o realizzando progetti dotati di caratteristiche 
estremamente limitate e quindi non soddisfacenti e non 
affidabili, oppure cercando di studiare accuratamente il circuito 
in modo da rendere il piu' possibile automatica la taratura. 

Abbiamo dovuto lavorare molto in questa direzione ma siamo 
certi di aver trovato la soluzione ideale che non sacrifica nulla 
in prestazioni ed e' alla portata dell' hobbista non attrezzato. 

Infatti per questo progetto veramente professionale 

*************************«*******************K******************M 
# * 


LA TARATURA RICHIEDE UN SEMPLICE CACCIAVITE 


* 

w 


# 

# 


***M***************tttttttt*****«*******************M***************tf 

e la lettura delle dettagliate istruzioni contenute nel manuale. 

Un' altra nostra costante preoccupazione e' ricercare in 
t ut t i i modi la: 

a####***»**##*###*#**#*#»###########*#####*###########*########## 
* # 

* MASSIMA COMPATIBILITA' CON I PRODOTTI PRECEDENTI # 

# * 
#####*##################***####*#*#############********#*ww»#*### 

anche in questo caso abbiamo cercato di raggiungere il piu' alto 
grado di compatibilita' con quanto sviluppato in precedenza. 
Pertanto i dischi da 5" 40 tracce e quelli da 8" singola 
densità”, singola faccia utilizzati fino ad oggi dai nostri 
clienti sono perfettamente compatibili con la nuova schedina. 


MicroDesign 1984 n.1 


3 


V. Risoldi 


***************************************************************** 
* * 

# NUOVO BIOS UTILIZZABILE CON IL S.O. CP/M * 

* * 
***************************************************************** 

Per quanto riguarda il software, oltre al già' accennato 
programma di riconoscimento automatico dei dischi, sono stati 
inseriti nel BIOS alcuni driver per periferiche (seriali, 
parallelo) ed e” stato riservato dello spazio in memoria con 

****************************************################## w ###*** 
* * 

* POSSIBILITÀ” DI AGGIUNGERE DRIVER SCRITTI DA UTENTE * 

* * 
*Mtt**tttttt**tttt*tttt#******#tt*****tt********tt******tt********ttW*##****** 

NOTA: questa caratteristica risulta molto interessante per i piu' 
esperti in quanto, riuscendo ad accedere ad un controller per 
doppia densità”, e' possibile modificare le tabelle dei drive e 
rendere compatibili (in lettura e scrittura) i dischi di molti 
altri computer per poter effettuare trasferimenti di programmi. 
Tali modifiche sono abbastanza complesse e occorre conoscere 
perfettamente, oltre al manuale "Alteration guide" del CP/M, il 
formato dell' altro computer per poter valutare la convenienza e 
1' entità” del lavoro. 

***************************************************************** 

* * 

* OTTIMIZZAZIONE STEP RATE * 

* * 
************************************************ w * w ************** 

Un' altra interessante modifica e” 1' ottimizzarne della 
velocita' di step (spostamento tra traccia e traccia) della 
testina in modo tale che ora e' possibile sfruttare pienamente 
anche i drive che consentono uno step ogni 3 msec. 

Il programma sceglie automaticamente la velocita' migliore 
per ogni drive e la memorizza in fase di i n i z i al i zzaz i one 

Questo porta innegabili vantaggi, infatti se eseguiamo ad 
esempio un programma mediante il comando del CP/M "SUBMIT", 
noteremo che, spesso, la testina del disco si sposta dalla prima 
all” ultima traccia, impiegando, se il disco e' a 77 tracce e 
viene utilizzato lo step a 12 msec., ben 924 msec. 

Se il disco lo permette, utilizzando lo step a 3 msec. 
avremo invece, per lo stesso spostamento 231 msec.y inoltre il 
funzionamento dei motori passo passo alla loro massima velocita' 
e' di solito piu' silenzioso. 


***************************************************************** 
* * 

* NOTEVOLISSIMO AUMENTO DELLA VELOCITA” DI ACCESSO AI SETTORI * 

* * 
***************************************************************** 

Oltre all' incremento di velocita”, dovuta al trasferimento 
dati piu' rapido tra CPU e disco, e all” aumento di velocita'^di 
spostamento tra traccia e traccia (citato sopra), abbiamo anche 

ottimizzato (adattandolo al clock della CPU) il programma di 

lettura e scrittura dei singoli settori ottenendo un ulteriore e 
miglioramento delle prestazioni anche in singola densità’ come si 


MicroDesign 1984 n.1 


4 


V. Risoldi 


può” osservare dalla tabella che segue, i cui valori sono 
indicativi in quanto rilevati sperimentalmente su un sistema a 2 
MHz. con floppy 8" Shugart e 5'' Basf. 

^***********tt****************tt*tttt****«**tt*************«****tt**K*** 

* MIGLIORAMENTO PRESTAZIONI DEL SISTEMA « 

*«****«****#*************************tt*************************tttf 

Nella tabella le colonne in neretto si riferiscono a prove 
effettuate con la schedina per doppia densità”, quelle in normale 
si riferiscono a prove effettuate con il solo controller CFD 001. 

Le r i ghe si ri fer i scono r i spet t: i vament e : 


a™ caricamento Word Star (inizio esecuzione) 
b~ caricamento Basic da 24 «Byte 
PIP Bs^As#.# di 2 file da 32 «Byte 


5 " s 

i n g. 

5 

" si 

ng. 

8' 

' s 

ing. 

8 

" s i 

n g. 

5" doppia 8" 

doppia 

a- 11 

" 2 


09" 

5 


07 

'5 


03" 

7 

03" 0 

02" 

0 

b- 18 

5 


09" 

3 


11 

" 5 


05" 

5 

04" 1 

03" 

5 

c ■- 2’ 

02" 


1 ' 

04" 

f 

1 ” 

07" 


0” 

31" 

0” 30" 

0” 

25" 


Con 

i 1 

nuovo 

BIOS 

e 

1 e r e ! 

tat 

i ve 

semp 1 

icissime istruz 

i on i 

d i 


installazione, viene fornita tutta una serie di programmi per 
facilitare e migliorare il lavoro sia dell” hobbista che del 
professionista: 


a*###*##**#**####*###*************###**K***********##*»»»*###K«*# 
# # 

* PROGRAMMA DI FORMATTAZIONE E VERIFICA # 

# # 
*********************W*W****W#W##*»****W***W*******#W#*»*##***#*# 


Il programma di formattazione con controllo della velocita' del 
drive, verifica le tracce e consente una formattazione anche 
p a rzia1 e de 1 dis co sia in sin go1 a che in d op pia d e n sita”, si a pe r 
i 5" che per gli 8", singola e doppia faccia, 
ve 1 oc ita' del drive sia fuori talieranza, può' 
la taratura in quanto presenta su video 
rotazione, aggiornandola ad ogni giro. 


Nel caso che 
essere usato 
la velocita” 


1 a 
per 
d i 


***************************************************************** 
* * 

* PROGRAMMA DI CARICAMENTO DEL SISTEMA OPERATIVO * 

* * 
********************************** ******* *********************### 


(analogo al SYSGEN) può' essere usato su 
5",8",sin gola e doppia testa purché' in doppia 
automaticamente le tracce su cui depositare il 


qualsiasi drive 
densità”, sceglie 
sistema operativo. 


MicroDesign 1984 n.1 


5 


V. Risoldi 


************************************************«#*«tt************ 
* * 

* PROGRAMMA DI TARATURA DELLA PRECOMPENSAZIONE * 

# * 
***************************************************************** 


Importantissimo per gli 8" in quanto sulle tracce piu' interne e' 
necessario anticipare o ritardare alcuni impulsi a seconda delle 
configurasioni di bit da scrivere» Questa tecnica consente di 
avere una elevatissima affidabi1ita' anche sulle tracce piu' 
c r i t i c h e. 

Consente anche di verificare le altre tarature 
posizionandosi su una determinata traccia e segnalando 
continuamente sul video gli eventuali errori di lettura che si 
verificano. 

***************M*tt*****tt*K**tt***********Ktt****tf****************** 
* * 

* PROGRAMMA PER LA GENERAZIONE AUTOMATICA * 

* * 
****************************************************************** 

Genera il nuovo sistema operativo CP/M doppia densità'. E ' 
possibile co n un unic o eom ando c re are il file con t enente 1' 
intero sistema operativo che verrà' poi caricato sui dischi di 
sistema. 


***************************************************************** 


* * 

* PARTENZA AUTOMATICA PROGRAMMI DI INIZIALIZZAZIONE * 

* * 
***************************************************************** 

Oltre a tutto questo, ì1 CP/M viene modificat o p er far 

partire automaticamente, al primo bootstrap (cioè' quando viene 
caricato la prima volta), un file di comandi in cui si può' 
inserire:: diverse i n i z i al i zzaz i on i (ad esempio della seriale o 

d e 11 a p a r a 11 e 1 o ), p r o g r a m m i p art i c a 1 a r i d i t: e s t:, p r o g r am m i d i 
utilità', caricamento di altri programmi, etc» 

S p e r i a m o c h e q u e sta d e s e r i z i o n e, n e c e s s a r i a m e n t: e s o m m a ria, 
possa darvi un' idea delle straordinarie caratteristiche della 
s c h e d i n a d o p p i a d e n s ita'. Dogli a m o a n cor a s o t: t o 1 i n e a r e c h e p e r 
aumentare la capacita' di memoria di massa "on line" (cioè' la 
capacita' dei dischi presenti sul sistema) fino ad ieri era 
necessario acquistare altri drive con una spesa non indifferente, 
oggi, invece, con questa schedina, potete istantaneamente 
moltiplicare per 2,5 la capacita' su tutti i drive che possedete. 


Pensat e ad esemp i o che un s i st ema con due dr i ve da 5" 40 t r acce 
singola faccia (come i BASF 6106) passa da 170 «Byte a ben 400 
KByte ed un sistema completo con 4 dischi 8" doppia faccia (come 
i BASF 6105) arriva a 4928 KByte, pari a quasi 5 MEGABYIE. 


MicroDesign 1984 n.1 


6 


V. Risoldi 




***************************************************************** 
* * 

* DOPPIA DENSITÀ' E WINCHESTER, USI DIVERSI * 

*' * 

***************************************************************** 


Da quanto abbiamo appena detto si capisce anche perche' 
abbiamo volutamente scartato, nelle nostre reaiizzazioni, il 
sottosistema con Winchester da 5 Megabyte. Infatti, prevedendo 1' 
uso della doppia densità', era inutile utilizzare un Winchester 
con capacita' paragonabili a quelle dei floppy, abbiamo preferito 
adoperare capacita' nettamente superiori: 11, 22, 44 Megabyte per 
non creare sitemi con caratteristiche simili. Pertanto la doppia 
densità' e' indirizzata a tutti, dall' hobbista al professionista 
che deve gestire quantità' di dati anche notevoli, mentre il 
Winchester e' indicato per coloro che devono avere in linea, 
cioè' direttamente accessibile dal calcolatore, una enorme massa 
di dati e non possono suddividerla su diversi dischi: coloro che, 
in pratica, utilizzano grossi data base, archivi clienti, 
gestioni magazzino, gestione condomini, programmi di fatturazione 
e di contabilita' ed altri programmi professionali. 


***************************************************************** 
* * 

* CONFIGURAZIONE MINIMA * 

* * 
***************************************************************** 

A c a u ili a d e 11 a m a g g i o r e c o m p 1 e s s i t a ' d e i p r o g r a m m i e d e I Eì 10 S 

(.1 e 1 s i s t e m a o p e r a t i v o C P / M , 1 a d o p p i a d e ri s ita' p u o ' e s s e r e u s a t: a , 

attualmente, con un sistema dotato della seguente configurazione 
minima s 

1 ) C P U Z 8 0 c o n c 1 o c l< a 1.920, 2.000, 4.000 MHz. 

2 ) Me m o r i a R A M p e r a 1 m e no 5 6 l< Eì y t e, s c h e d e q u a 1 s i a s i t r a 1 e 

seguenti: MRE 001 da 32 KEÌyte, statiche da 8 KEÌyte o 

d i n a ni i c h e d a 3 2 !< B y t e » 

3) Interfaccia video 32x16 o CVP 001 MICRO design. - 

4 ) C o n t r o 11 e r p e r f 1 o p p y di s l< C F D 0 01 M10 R 0 d e s i g n 
oppure controller per 5" LX 390» 

Possono essere collegato al sistema le periferiche pilotate in 
parallelo e seriale (stampanti, modem, etc.), e fino a quattro 
dischi floppy <5" 40 o 80 tracce, 8", singola o doppia testa) in 
q u a 1 s i a s i c o m b in a z i o n e.. 


***************************************************************** 


* * 

* LA SCHEDINA, COMPLETA DI TUTTO IL SOFTWARE DESCRITTO, * 

* PUÒ' ESSERE RICHIESTA ALLA MICRO DESIGN * 

* AL PREZZO DI LIRE 330.000 * 

* * 


***************************************************************** 


MicroDesign 1984 n.1 


7 


V. Risoldi 



***************************************************************** 

* Tagliando di iscrizione al club utenti * 

* * 

* Cognome...Nome.....* 

* ' * 

* V i a. * 

* * 

* C.A.P..Citta'. * 

* 

* Provincia...Telefono...../......... 

* * 

m Configurazione m i ero... * 

* * 

* ..... * 

***************************************************************** 


MITTENTE 

MICRO design 
Via Rostan 1 
16155 Genova 


STAMPE 


Vi ricordiamo che il nostro numero telefonico e's 

010 - 687098 

e che la consulenza telefonica si effettua il MERCOLEDÌ' 

dalle 17.30 alle 19.00 


ATTENZIONE 

A causa della ormai cronica carenza di componenti elettronici sul 
mercato mondiale le consegne dei kit possono subire dei ritardi. 
Ci scusiamo per questi problemi non dipendenti dalla- nostra 
volontà'. Il nostro ufficio commerciale e' a vostra disposizione 
per chiarimenti tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 
15.00 alle 17.00. 


MicroDesign 1984 n.1 


8 


V. Risoldi 


* *