Skip to main content

Full text of "Bollettino del club utenti computer Z80"

See other formats


ANNO III 


NUMERO 


9 


tifiti 

tttttt 

iiitit 

tttttttttt 

iftttttttttttttt 

tttttttttt 

tttt fitti# 

fiiiiiiiif 

tttttt 

tifiti 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt tttttt tttt» 

tttttt 

tttttt 


tttttt 


tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 


tttttttttttttttt 

tttttt 

design 

itiltt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 


tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

fitti# 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttttt 

tttttt 

tttttt 

iiitit 

tttttt 

tttttt 

tttttttttt 

tttttt 

fittiti# 

tttttttttt 


BOLLETTINO DEL CLUB UTENTI MICRO DESIGN 
SETTEMBRE 1983 


LINGUAGGI ED UTILITIES PER CP/M 

Come promessovi nel passato bollettino e piu” volte 
richiestoci per lettera e per telefono, ci accingiamo a darvi 
piu* informazioni sui progr amm L CP/M- compat i b i 1 i da noi adattati 
al nostro micro e presentati nel bollettino di APRILE 1983 (per 
la corretta definizione dei termini utilizzati vi rimandiamo al 
bollettino di AGOSTO 1983). 

MBASIC (BASIC 80 MICROSOFT) 

Interprete molto potente e completo, e' notevolmente diffuso 
ed implementa, fra le altre funzioni: 

-Doppia precisione 

-Trattamento di matrici fino a 256 dimensioni 

-Dariabi1i intere 

-Annidamento di piu' istruzioni IF/THEN/ELSE (istruzioni 
IF/THEN/ELSE possono essere inserite all'interno di 
altre IF/THEN/ELSE) 

-Accesso a files casuali su disco 

-Istruzioni di accesso diretto alla memoria: PEEK, POKE 

-Istruzione di PRINT USING per definire il formato delle 
stampe (posizione delle scritte, centratura di queste 
fra margini, allineamento a margini destri o sinistri 
ecc. ) 

-Modo: EDITING 

“Comandi di: AUTO e RENUMBER (numerazione automatica 
delle righe e rinumerazione automatica dopo le 

correzioni) 

Ha una potenzialità' ed una struttura simili al BASIC 3 
MICRO design e ne differisce soprattutto per il trattamento dei 
■files su disco. 

Gira su 32 K di aeaoria. 

E' dotato di manuale in ITALIANO. 

BASCOM (BASIC COMPILER MICROSOFT) 

Compilatore compatibile con il precedente interprete, 
gode pertanto del vantaggio di poter scrivere e provare un 
programma con 1'interprete, fino alla totale messa a punto, 
sfruttando gli strumenti di prova molto potenti messi a 
disposizione dal 1'interprete. A programma completamente provato 
sara' quindi possibile effettuare la compilazione e generare la 
traduzione in linguaggio macchina, che girerà' da 3 a 10 volte 
piu' velocemente ed occuperà' meno memoria. 


Il compilatore può” essere utilizzato anche senza 
1'interprete, ma questo comporta la necessita' di effettuare la 
prova , direttamente in linguaggio macchina, del programma 
compilato, con conseguente maggior difficolta'. 

Il conpilatore opera con un Min imo di 32 K di memoria e 
genera un codice rilocabile standard, compatibile con quello 
generato dal macroassemblatore MACR0-80 e dal compilatore 
F0RTRAN-8Q (vedi seguito). 

Quanto sopra significa che un programma potrà' essere 
composto in parte da routines scritte in assembler ed in parte da 
routines scritte con uno o piu' compilatori (Basic, Fortran). 
Questo facilita particolarmente la programmazione perche' 
consente di usare ogni linguaggio per eseguire le operazioni per 
cui esso e' particolarmente orientato (assemblatore per la 
gestione dello hardware, fortran per il trattamento delle 
formule, ecc.). 

Il codice generato dal compilatore può' essere cucito ad 
altri pezzi, generati dallo stesso compilatore o da un altro 
linguaggio della famiglia, tramite l'uso del concatenatore LINK- 
80, fornito di corredo al linguaggio insieme con una libreria di 
funzioni. 

E' dotato di manuale del LINK-80 e di un elenco di 
differenze rispetto al 1 ' i nterprete;* entrambi in ITALIANO. Sfrutta 
il manuale del 1'interpret e per l'elenco e la spiegazione delle 
istruzioni. 


FORTRAN (F0RTRAN-80 MICROSOFT) 

Compilatore per applicazioni scientifiche, implementa tutte 
le funzioni del Fortran standard ANSI-66, salvo il trattamento di 
variabili complesse (parte reale + parte immaginaria). E' dotato 
in piu' di diversi miglioramenti, fra i quali le operazioni 
logiche (AND, OR, NOT, XOR) ad 8 o 16 bit e le costanti 
esadecimali. 

E' accompagnato da una munita libreria di funzioni 
matematiche e scientifiche in singola e doppia precisione, 
consente inoltre all'utente di ampliare questa libreria con 
l'aggiunta di funzioni auto-costruite. 

Genera codice in linguaggio macchina, ma lo correda di una 
lista dello stesso in linguaggio mnemonico, che ne facilita la 
comprensione e ne semplifica il test mediante l'uso di un 
programma analista (vedi bollettino di Agosto 1983). E' fornito 
corredato del programma concatenatore LINK-SO. 

Gira con alMeno 32 K di Meooria, se dispone di Maggiore 
MeMoria la utilizza per Migliorare la coapattezza del codice 
prodotto, auMentandone l'efficienza. 

E' dotato di manuale in INGLESE» 

MACR0-80 (MICROSOFT) 

Macroassemblatore in rilocabile, genera codice macchina 
partendo da istruzioni scritte nel linguaggio mnemonico 8080, od 
indifferentemente in quello Z80. 

Il codice generato e' rilocabile e direttamente compatibile 
con quello prodotto dai compilatori della famiglia (sopra 
i 1lustrati). 

Il Macroasseablatore occupa circa 14 K ed e' fornito 
corredato del prograMMa concatenatore LINK-80. 

E' dotato di manuale in ITALIANO. 



PL/M 


Compilatore molto efficiente, e' costuito da un sotto insieme 
del noto linguaggio per grossi calcolatori PL/1, particolarmente 
ottimizzato per l'uso su sistemi a microprocessore. 

Facile da imparare, consente di raggiungere anche una 
efficienza di 1,3 (cioè' il codice macchina prodotto dal 
compilatore occupa 1,3 volte la memoria utilizzata da un 
programma equivalente scritto in assemler da un buon 
programmatore). 

Destinato a sistemi a microprocessore, consente anche di 
leggere ed alterare direttamente la memoria , le porte di 

ingresso/uscita e di gestire il sistema degli interrupt. 

Per queste sue caratteristiche e' molto utile quando si 
vogliano gestire sistemi anche veloci di ingresso/uscita segnali, 
senza per altro andare a scontrarsi con le difficolta' di 
programmazione del 1'assembler. 

Non produce direttamente il codice macchina, ma codice 
mnemonico che deve poi essere assemblato col MACRO 80. Questo 
facilita l'uso di un programma analista per il test di 

funzionamento del programma prodotto, ma comporta la necessita' 
di disporre del detto macroassemblatore MACR0-80. 

Gira su almeno 56 K di rettoria. 

E' dotato di manuale in INGLESE.. 

CBASIC 

Semicompilatore Basic orientato alle applicazioni 
commerciali, genera un meta-codice che viene interpretato da un 
apposito supporto run-time detto CRUN. 

Dispone di un insieme di istruzioni limitato, ma scelto con 
molta cura, che lo mette in grado di eseguire pressoché' tutto. 
Gestisce naturalmente i files su disco, dispone delle istruzioni 
per il controllo diretto dello hardware, quali PEEK, POKE, INPUT 
ed OUTPUT, e' dotato dell'istruzione INCLUDE che consente di 
gestire le librerie di funzioni. 

Presenta il vantaggio di conglobare in parte le funzioni 
dell'interprete e del compilatore, permettendo di provare il 
programma con i potenti mezzi tipici degli interpreti, quali il 
TRACE, ma producendo, allo stesso tempo, un meta-codice compatto, 
che occupa poca memoria. 

Gira su almeno 32 Kd i memoria, in -fase di comp i laz i one, 
mentre l'occupazione di memoria in -Fase di esecuzione del 
programma dipende dalla lunghezza di quest'ultimo. 

E' dotato di manuale in INGLESE. 

LISP 

Macroprocessore di stringhe, e' un linguaggio strano e 
destinato ai veri esperti, infatti appartiene a quella categoria 
di linguaggi da qualcuno scherzosamente definiti "WRITE-ONLY", 
nel senso che la loro sintassi e' talmente complicata e distante 
dal linguaggio umano, che una volta che siano stati scritti e' 
difficile ricavarne un senso, da una successiva rilettura. 

A parte questo e' estremamente potente, tanto che le sue 
"istruzioni" sono in grado di modificare il linguaggio stesso. 

E' un linguaggio di tipo prettamente logico-matematico ed e' 
orientato soprattutto ad essere utilizzato negli studi relativi 
alla "intelligenza artificiale" e per questo gode attualmente di 
un grosso "revival". 

Gira con almeno 20 K di memoria. 

E' dotato di manuale d'uso (contiene solo un sommario delle 
istruzioni, non la spiegazione completa) in INGLESE. 



MAC 80 


Macroassemblatore in codice assoluto (non genera codice 
rilocabile). Accetta le istruzioni scritte nel linguaggio 
mnemonico 8080, ma per quelle istruzioni tipiche dello Z8G, non 
comprese fra le precedenti, accetta un codice mnemonico dello 
stesso tipo di quello 8080, costruito ad hoc <es. JRZ ...= JUMP 
relativo per zero- il codice equivalente Z80 e' JR Z,...) 

Essendo un assemblatore in codice assoluto non necessita di 
un programma concatenatore. 

Genera una tabella dei simboli compatibile con quella 
richiesta dal programma analista ZSID (vedi seguito)» 

Occupa circa 20 K di leioria. 

E' dotato di manuale in INGLESE» 

ZSID 

Analista (Debugger) simbolico, sfrutta la tabella dei 
simboli generata dal macroassemb1atore MAC 80 e quindi e' adatto 
per lavorare perfettamente solo con questo. Può' anche lavorare 
su codice prodotto da altri assemblatori o compilatori, ma perde 
la funzione di poter definire indirizzi e costanti con i simboli 
utilizzati nel programma scritto in linguaggio mnemonico. 

Molto simile al DDT, ha all'incirca gli stessi comandi, ma 
nettamente migliorati anche nella potenzialiatita', oltre che 
nella facilita' d'uso derivante dall'utilizzazione dei simboli. 

Oltre ai soliti BREAKP0INTS consente di mettere dei 
TRACEP0INTS, cioè' degli indirizzi ai quali l'esecuzione del 
programma si ferma, ma che non vengono cancellati dalla 
successiva ripartenza, come invece avviene dei breakpoints. Il 
grosso vantaggio dei tracepoints pero' consiste nella 
possibilità' di associare ad essi un numero e di avere lo stop 
del programma solo dopo che esso e' passato dall'indirizzo 
interessato il numero di volte indicato. 

Una grossa potenzialità' e' fornita allo ZSID dall'uso delle 
UTILITIES, programmi che permettono, fra le altre cose, di 
misurare la frequenza relativa di passaggio di un programma da 
certi indirizzi e soprattutto di esaminare quali istruzioni sono 
state e-ffett i vaiente eseguite da un programma prima di arrivare 
ad un breakpoint. Questo consente di mettere il breakpoint su una 
sistuazione di errore e vedere quale strada ha percorso il 
programma per arrivare a tale situazione. 

Lo ZSID necessita di alMeno 32 K di leioria, di cui lascia 
disponibile per il programma in prova circa 15 K (quando sono 
caricate anche le UTILITIES dello ZSID, altrimenti una quantità' 
maggiore). 

E' dotato di manuale in INGLESE. 

ZDT 

Analista (Debugger) non simbolico, simile al DDT fornito di 
corredo al sistema operativo CP/M, ma piu' potente. 

Le funzioni di assembler e disassembler immediato (comandi A 
ed L del DDT) lavorano con codice mnemonico Z80. 

Con riferimento al DDT consente in piu' di posizionare fino 
a 16 BREAKPOINTS, di vedere anche i registri alternativi dello 
Z8Q, di leggere e scrivere direttamente settori del disco (come i 
comandi R ed L dei MONITOR 1.0 e 3.8 MICRO design). 

E' fornito completo della lista dei comandi in 


ITALIANO. 



DISINTEL 


D i sassenib 1 at ore che trasforma il codice macchina in 
linguaggio mnemonico 8080. 

Esso permette di definire delle aree di memoria utilizzate 
per tabelle o comunque per 1' immagazzinamento di dati e non di 
codice. In fase di disassemblaggio il programma salta la 
conversione in linguaggio mnemonico delle aree in questione e si 
limita a mostrarne il contenuto. 

Il codice prodotto da questo disassemblatore e' direttamente 
riassemblabile. 

Gira su 32 K di leioria. 

Il programma e' "interattivo", cioè” rivolge al 1'operatore 
delle domande relative all'inizio dell'area da disassemblare, 
alla sua fine, alla posizione delle aree di dati ecc. E' comunque 
fornito completo di una lista che illustra l'esatto significato 
delle domande. 

DISZILOG 

Come il DISINTEL, ma trasforma il codice macchina in 
linguaggio mnemonico Z80. 

4 % 

WORD MASTER 

Programma di elaborazione di testi, particolarmente 
orientato alla stesura di programmi. 

Questo programma combina il modo usuale di funzionamento di 
un EDITOR di linea (come il programma ED.COM fornito di corredo 
al Sistema Operativo CP/M), dotato pero' di comandi molto 
potenti, al modo tipico di funzionamento orientato allo schermo 
dei piu' potenti W0RD-PR0CESS0RS. 

Quanto sopra significa che in fase di prima stesura il 
programma e' visualizzato sullo schermo non appena viene battuto 
e le correzioni possono essere eseguite al momento, mediante lo 
spostamento di un cursore nel punto piu' opportuno e 
l'inserzione, o la cancellazione o la modifica di frasi, parole o 
lettere. 

In fase di correzione si potranno utilizzare i potenti 
comandi dell'editor di linea, che consentono addirittura la 
cancellazione, sostituzione, od inserzione di interi blocchi di 
testo, prelevati da una memoria temporanea o da disco. 

Il pregio principale del WORD MASTER e' il rapporto 
prestazioni/occupazione di memoria, molto alto, perche' il 
programa occupa solo 8 K di aeMoria. 

Il programma non e' dotato di manuale, ma contiene un file 
di spiegazione dei comandi, che può' essere richiamato anche 
durane la fase di lavoro. 

WORD STAR 

Programma di elaborazione di testi potentissimo ed 
estremamente "facile". Esso infatti utilizza il sistema della 
"sintassi guidata", cioè' in ogni fase delle operazioni presenta, 
su una apposita porzione del video, , il nome del file su cui si 
sta lavorando, il numero di pagina, quello di riga e una lista 
dei comandi piu' utilizzabili in tale situazione, con la 
indicazione del loro effetto. Variando la fase delle operazioni 
(es. passando dalla scrittura alla correzione od alla stampa) 
varia la lista dei comandi nel modo piu' opportuno. 

Fra le caratteristiche principali del programma si possono 
enumerare le seguenti: t „ „ 

ORIENTATO AL VIDEO- La porzione di documento in fase di 



battitura o di correzione e 7 sempre presentatata sul video, 
aggiunte e correzioni sono immediatamente visualizzate, il 
testo e” mostrato sullo schermo nella esatta forma che 
apparirà' in fase di stampa. 

MEMORIZZAZIONE E RILETTURA AUTOMATICA DA DISCO- La 
dimensione del documento non e 7 limitata dalla memoria 
disponibile perche” il testo viene memorizzato 
automaticamente su disco, quando si tende ad eccedere la 
capacita 7 di memoria, e ne viene automaticamente riletto 
quando necessario. 

IMPAGINATURA AUTOMATICA- Già 7 in fase di battitura il testo 
viene automaticamente impaginato, allineando le parole al 
margine sinistro ed a quello destro, se richiesto. I titoli 
sono centrati, su comando, fra i margini della pagina, le 
righe sono spaziate di un interlinea a piacere, le parole 
possono essere allineate in posizioni indicate da un 
tabulatore prefissato e programmabi1 e a piacere. Il testo e 7 
automaticamente suddiviso in pagine di lunghezza 
programmabi1 e, che possono anche essere automaticamente 
numerate in fase di stampa. 

EDITING EVOLUTO- In addizione alle normali funzioni, quali 
il movimento del cursore, la cancellazione di caratteri o 
parole, la loro sost i t uz-i one, - i 1 programma consente funzioni 
quali la ricerca di parole su tutto od una porzione del 
testo e la loro sostituzione o cancellazione, la lettura o 
scrittura su disco di blocchi di testo, lo spostamento di 
blocchi di testo da una parte all'altra dello stesso, la 
loro copia in un altra zona del documento. 

OPZIONI DI STAMPA- Quali la definizione dei margini 
inferiore e superiore del testo rispetto alla lunghezza 
fisica della pagina, la possibilità 7 di inserire per ogni 
pagina una intestazione in alto ed una in basso della 
pagina, fuori della zona del testo, la scrittura di frasi in 
grassetto, oppure j_n sot,t gl_j_neat o ecc. 

Il WORD STAR e 7 il programma da noi usato per la stesura dei 
bollettini e l'elaborazione di tutti i documenti di nostra 
produzione. 

Il prograua gira su sisteai con aeaoria ain ina di 40K e 
richiede video di lunghezza di riga di alaeno 64 caratteri, non 
e' pertanto utilizzabile con l'interfaccia video 32x16. 

Il programma e 7 autodocumentato, ma e 7 comunque dotato di 
manuale in ITALIANO. 

MAILMERGE 

Programma di completamento del WORD STAR e 7 orientato 
particolarmente alla stesura di depliants o circolari 
personalizzate. Permette infatti di definire testi o porzioni di 
testo utilizzabili in diverse occasioni e di includere in questi 
delle variabili da definire in un secondo tempo, quali ad esempio 
il nome del destinatario, la data, l'indirizzo. 

In fase di stampa sara 7 sufficiente definire il nome del 
testo ed i valori assunti dalle variabi1i( Mario Rossi, 15/8/83, 
via Puccini 24) per ottenere il documento completo. 

I valori delle variabili, oltre che forniti da tastiera, 
potranno essere memorizzati su un file su disco. In tale caso il 
mailmerge andra 7 a leggersi questo file e produrrà 7 tanti testi 
"personalizzati" quanti sono gli insiemi di valori di variabili 
presenti nel file. 

DATA STAR 

Programma per la gestione dei moduli, 
fasi operative s 


si compone di due 



La prima e' dedicata alla creazione del tipo di modulo, 
prevede un operatore esperto nel programma e consente di definire 
a piacere un modulo costituito di diciture (parti fisse, ad 

esempio: data...... cliente....... ordine num.) 

e da zone, dette "campi", che dovranno essere riempite con i dati 
variabili nella fase successiva. 

Il creatore di moduli può' assegnare le regole da rispettare 
per il riempimento dei campi, quali ad esempio il fatto che il 
campo in oggetto può' contenere solo numeri (es. prezzi), oppure 
solo lettere (es. nomi). Il creatore di moduli può" definire che 
alcuni campi sono solo la conseguenza di altri campi e non 
possono quindi essere alterati (es. un totale e' solo il 
risultato della somma degli addendi) oppure definire che i dati 
che devono riempire un certo campo sono ricavati da una base di 
dati memorizzata su disco, in conseguenza del contenuto di altri 
campi (es. dato in un campo il codice cliente, i campi relativi 
al nome cliente, indirizzo, codice fiscale, possono essere 
ricavati automaticamente da disco). 

La seconda fase e' dedicata al riempimento dei moduli e 
prevede un operatore assolutamente inesperto. A questi verrà' 
presentato il modulo completo delle parti fisse e con i campi 
ancora vuoti. Il cursore si andra' automaticamente a posizionare 
sul primo campo da riempire e l'operatore dovrà' provvedere al 
riempimento dello stesso. In caso i caratteri forniti contrastino 
con le regole assegnate al campo in oggetto (es. lettere nel 
campo della data) tali caratteri non saranno accettati. Il 
cursore non permetterà' mai al 1'operatore l'accesso a campi 
derivati da altri (es. il totale di una somma, che verrà' 
calcolato automaticamente) o dalla base dati (es. la scrittura 
del codice cliente genererà' automaticamente la ricerca del nome, 
indirizzo e codice fiscali ed i relativi campi saranno riempiti 
automaticamente) in modo che non sia possibile la modifica di 
questi per errore. Il cursore si sposterà' successivamente sui 
campi scrivibili dall'operatore nell'ordine definito in fase di 
creazione del modulo. 

Al termine delle operazioni il modulo cosi' creato potrà' 
essere stampato immediatamente o memorizzato su disco per una 
stampa successiva. 

Il program DATA STAR richiede almeno 48 k di memoria. 

E' dotato di manuale in INGLESE. 


PONTICELLATURA DEI DRIVES FLOPPY-DISK 

Abbiamo ricevuto molte telefonate di persone che non 
riuscivano a far funzionare i drives per floppy a causa di una 
errata disposizione dei ponticelli degli stessi, pertanto abbiamo 
ritenuto utile riportare sul bollettino le ponticel1ature 
corrette dei drives di nostra conoscenza. 

Abbiamo anche notato dalle richieste di consulenza che 
talvolta i malfunzionamenti erano originati dalla mancanza dei 
resi stori di terminazione, oppure dalla presenza di questi su 
piu' di un drive. Pertanto riteniamo utile ripetere la regola: 

LE RESISTENZE DI TERMINAZIONE DEVONO ESSERE PRESENTI SU UNO 
SOLO DI TUTTI I DRIVES CONNESSI ALL'INTERFACCIA PER FLOPPY-DISK 

A questo proposito riteniamo anche utile segnalare che nel 
caso i drives collegati siano sia da 5" e 1/4 che da 8", e' 
opportuno che le resistenze di terminazione siano montate su uno 
dei drives da 5" e 1/4. 

SI RICORDA ANCHE CHE UNO SOLO DEI PONTICELLI DI SELEZIONE 
DEL NUMERO DEL DRIVE (DRIVE 1-4) DEVE ESSERE CHIUSO. 

Inizieremo la rassegna con i drives SHUGART £>A 800/801 






DRIVE 8" SHUGART SINGOLA FACCIA SA 800/801 


VARI 

Ponticel1o 


posisione 


D 

C 

DC 

R 

A 

8 

X 

TI 


aperto 
ehiuso 
aperto 
aperto 
ehiuso 
aperto 
ehiuso 
ehiuso 


PONTICELLI A DUE POSIZIONI 
Ponticello Chiuso su 


HL-DS DS 

Y-Z Z 

800-801 801 


SELEZIONE NUM. DRIVE 
Ponticello chiuso Num. 


drive 


SI 


1 


53 

54 


3 

4 


RESISTORI DI TERMINAZIONE 
(chiusi solo su uno dei drive) 


Ponticel1o 


T2 
T3 
T 4 
T5 
T6 


MITTENTE 

MICRO design 
Via Rostan 1 
16155 Genova 


STAMPE 


*«#*####*###*###*****##* a#****#*#*»*******#***#*####**#****•«****# 

* Tagliando di iscrizione al club utent i * 

* * 

* Cognome...Nome.» 

« # 

* Via. * 

* # 

* C.A.P.Citta'... * 

* * 

* Provincia.Telefono./. * 

* * 

* Configurazione mi ero. * 

* * 

* ... * 

***#*###**##**■*##**#*###*##*#*##****##########**#*###**#*##.####*#