Skip to main content

Full text of "Bollettino del club utenti computer Z80"

See other formats


ANNO III 


NUMERO 


5 


tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttttttt 

tttttttttttttttt 

tttttttttt 

tttttttttt 

tttttttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt tttttt tttttt 

tttttt 

tttttt 


tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 


tttttttttttttttt 

tttttt 

design 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 


tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttt 

tttttttttt 

tttttt 

tttttttt 

tttttttttt 


BOLLETTINO DEL CLUB UTENTI MICRO DESIGN 


MAGGIO 1983 


SPECIALE BIT '83 

Anche quest ' anno siamo presenti all' esposizione BIT 83 che 
o s j.) i t a 1 a m a g g i o i" p a r t e d e i p r o d u 11 o r i d i p e r s o n a 1 c: o m p u t e r .. 
Questo numero speciale del bollettino MICRO design viene distri - 
b u i t o gr at u i t amen t e d ur an t e 1 a most r a e p r esen t a a 1 c: un e i n t er es -- 
s a 11 1 i n o v i t a ' i n s i e m e c o n u n a d e s c r i z i o n e d e 1 n o s t r o s i s t e m a p e r 
c o 1 o r o c h e a n c o r a n o n 1 o c o n o s con o » 

11 c o m p u ter "MICRO design R -1 " e ' n a t o c o m e p r o g e 11 o d i b a s e 
nel 1979 dall' entusiasmo e dalla passione di un gruppo di tecni¬ 
ci genovesi con una solida esperienza nel campo dei m i crociai col a- 
tori., E : ' stato presentato sotto forma di kit dalla rivista NUOVA 
ELETTRONICA e, in breve tempo, e' diventato uno dei piu' diffusi 
in j. t a 1 i a. C o n t e m p o r a n e a m ente e ' nato il club utenti che oggi 
conta piu' di 1200 iscritti, e che si propone di aiutare i prin¬ 
cipianti e fornire consigli anche ai piu' esperti tramite il 
b o 1 i e 11 i n o c h e v i e n e i n v iato g r a t u i t a m e n t e agli i s c r itti ,, D a 1 
gennaio 1982 e' nata una nuova linea di schede "la linea blu" che 
e r commercializzata direttamente dalla MICRO design e che, in¬ 
sieme al sistema operativo CP/M consente di completare il compu¬ 
ter e renderlo veramente una macchina professionale. La caratte- 
r i s t i c a p r i n c i p a 1 e , c h e d isti n g u e q u e s t o m i c r o d a i e o n c o r r e n t: i , 
e 1 quella di essere completamente modulare nel senso che il 
computer può' crescere indefinitamente aggiornandosi al mutare 
de 11 e te cno1oaie. Q uest o e ' o 11 e n u t o con u n a st r u11 u r a a "B U S", 
cioè' esiste una piastra base che realizza praticamente solo i 
o 11 e g a m e n t i t r a 1 e v a rie piasi: r e, s u c u i v e n g o n o i n s e r i t e 1 e 
v a r i e s c lì e d e c h e c o m p o n g o n o i 1 m i c r o c ale o 1 a t o r e. Ognuno può' 
scegliere la configurazione che e' piu' rispondente alle sue 
necessita' e modificarla in qualsiasi momento. Inoltre il sistema 
e' "aperto" nel senso che vengono forniti gli schemi e le liste 
dei programmi principali i n m o d o c: h e 1 ’ u t e n t e p u o ' e f f e 11 u a r e 
m o d i f i c h e e c a p i r n e p e r f e 11 a m e n t e i 1 f u n z i o n a m e n t o t ari t o d a e s - 
s e r e i n g r a d o d i e f f e 11 u a r e 1 a m a g g i o r p a r t: e d e 11 e r i p a r a z i o n i „ 
Nessuna meraviglia quindi che questo microcomputer venga utiliz¬ 
zato nei campi piu' svariati a per uso hobbistico, gestionale, 
nell' automazione, come sistema di sviluppo et e. etc» Il sistema 
cresce man mano che 1' utente impara nuove nozioni, ed e' prati- 
c a m e ri t e i n g r a d o d i s o d d i s f a r e q u a 1 s i a s i n u o v a esige n z a . L ' 
assistenza telefonica gratuita dei progettisti mette in grado 
c li i u iì q u e d i c o s t r u i r 1 o e r e a 1 i z z a r e c o s i ' un ver s a t ile s t r u m e ut o 
d i s t u d i o e d i 1 a v o r o . Unita' c: e n t r a 1 e c o n Z - 8 0 A , s c h e d a vi d e o 8 0 
>' 24 con semigrafico, controller per floppy da 5 e 8 pollici, 

memorie RAM EPROM fino a 56l< (espandibili), interfacce Centro¬ 
nics, seriali RS 232, interfaccia per Winchester da 11 Mbyte, 
plot ter, stampanti, programmatore di EPROM, sistema operativo 
CP/M or i g i na 1 e , Assemb 1 er , Basic, Port rari, Cobo 1 , Pasca 1 , Word 
Star, biblioteca CP/M (piu' di 80 dischi da 8") a prezzo bassis¬ 
simo, garanzia di successo...... CHI PUÒ' DARE DI PIU' ? 




Esaminiamo ora le ultime novità': 


IL DISCO WINCHESTER 

Già' da tempo osservavamo l'evolversi del promettente 
mercato dei dischi rigidi di tipo WINCHESTER, ma ce ne eravamo 
tenuti 1ontani sia perche' la tecno1ogia re1ativa a S poliici era 
piuttosto nuova ed ancora un po' immatura, sia perche' il costo 
elevato dei drive li rendeva un mezzo di memoria di massa adatto 
principalmente ad un uso professionale.. 

Alla fine dell'anno passato, pero', spinti da alcune 
richieste che ci venivano da ditte che volevano utilizzare il 
nostro mi ero per la gestione di larghe basi di dati, abbiamo 
a f f r o nt a t o il p r ob1 ema d eli'in t e r f ac ciame nt o d ei d i s chi 
WINCHESTER. In questo siamo anche stati confortati dal fatto che 
1 a tee no 1 og i a semb r ava or ma i assest at a su un o11 i ino st an d ar d 
qualitativo, specialmente nei prodotti delle ditte piu' esperte 
ed affermate. 

I risultati sono stati piu' che soddisfacenti e le ditte che 
ci avevano richiesto il lavoro, e che stanno utilizzando i dischi 
WIN CH E S T E R da o r mai alcuni mesi, si dim os t r a no e s t re m a m e n te 
soddisfatte. Inutile dire che anche noi ormai utilizziamo i 
s ud d e11i dis c hi e n e sia m o 1 e 11 e ra1 ment e e n t usia s ti. 

Per coloro che hanno sentito soltanto vagamente parlare dei 
WINCHESTER riteniamo utile dare alcuni cenni storici e 
t:ecnolog i c i . 

II nome WINCHESTER deriva dal codice del progetto che la IBM 

inizio' nel 1973 per arrivare alla produzione di un disco rigido 
ad alta c apac i t a ' e ve lecita'.. P er r ag g i un gei" e 1 e p r est az i on i 
richieste la densità' di bit per centimetro deve essere 

e 1 e v a t i s s ima e p e r t a n t o o c c o r r e c h e 1. e t e s t i n e s i a n o 

vicinissime al disco„ A11o st esso tempo pero' e' necessario ehe 
1 e testi ne non t: occh ino i l d i sco, per che ' 1 o st r at o d i oss i do 
m e t a 11 i c o e ' dica r a 11 e r i s t ielle d i v e r s e d a q u e 11 o d e i f 1 o p p y , 
deve essere depositato con uno spessore piu' sottile e il 
c o n t a 11 o p r o 1 u n g a t o 1 o p o t r e b b e r o v i n a r e ,. 

Per ottenere quanto sopra si utilizza un disco rigido di 
materiale metallico, perfettamente bilanciato e con ridotti 
coefficienti di dilatazione termica. Le testine viaggiano a 0,5 
micron (millesimi di millimetro) dalla superficie del disco, su 
u n " c u s c i n o d ' a r i a " c r e a t o d a 11 a 1 o r o p a r t i c o 1 a r e s a g o iti a e d a 11 a 
velocita' del dis e o. Tu 11 o i1 c o m p1 e s so e' r a c c hius o in una 
camera stagna per evitare che polvere od altri agenti 

c o n t a m i n a n tisi i n t e r p o n g a n o f r a testi n a e d i s c o, d a ri ri e g g i a n d o 1 i 

entrarnb i „ 

I drive piu' recenti hanno piu' dischi, montati sovraposti 
sullo steso asse, ed utilizzano entrambe le facce di ogni disco, 
c o n i.r n s i s t e ni a m u 11 i -1 e s t i n a „ 

La velocita' di t: r asf er i meri t o dei dati da e per il drive 
WINCHESTER e' estremamente elevata: 5.000..000 di bit al secondo 
( u n f 1 o p p y - d i s l< 8 " d o p p i a d e n s ita' h a v e l o c: ita' p a r i a 500.. 0 0 0 
bit al secondo, un floppy-disk 5" singola densità' ha velocita' 
di 125.000 bit al secondo). 

P e r n o n r i d u r r e le p r e s t a z i o n i c: o m p 1 e s s i v e d e v e n a t: u r a 1 m e n t e 
essere molto veloce anche lo spostamento delle testine perche' le 
tracce concentriche esistenti su ogni faccia sono molte di piu' 
che nei floppy-disk. Questo problema e' particolarmente sentito, 
tanto che alcuni fra i migliori costruttori forniscono, per i 
dr i ves a magg i or i prest az i on i , un mov i ment o t est i ne ot t: i m i zzat o 
che rende lo s p o s t a m e n t o m o 11: o p i u ' r a p i d o, 

II controllo delle funzioni di un drive WINCHESTER e' 
p art i c o 1 a r m ent e c o m p 1 e s s o , t a ri t o c he vi e ri e a ri e o r a a f f r o ri t a t: o d a 






poche ditte, altamente specializzate, che spesso si fanno 
costruire degli integrati di loro progettazione per poter 
svolgere, alla velocita” necessaria, tutte le funzioni richieste 
e mantenere allo stesso tempo costo ed ingombro limitati. 

Per venire al concreto il disco WINCHESTER da noi 
interface iato è' progettato da una delle piu” esperte ed avanzate 
ditte di questo settore, quella che per prima ha lanciato i 
dischi rigidi WINCHESTER da 5",. la SEAGATE. Molte ditte 
eostruiseono su licenza de 11 a fabbrica sunnominata, ad esempio in 
Europa la HONEYWELL produce éd assiste drives WINCHESTER da 5" su 
licenza SEAGATE, assicurando gli stessi standards di qualità” del 
prodotto originario. 

D o p o u n c erto n u ni e r o d i e s p e r i m e n ti abbi a m o adottai o u n a 

formattazione che ci consente di impaccare 18 settori, da 512 

bvtes ciascuno, per traccia. Il numero di tracce utilizzate e” 
306, e le facce sono 4, per un totale di ( 512>;18x306x4 ) s 

11.280.384 bytes = 11.016 Kbytes 

Un t ot a 1 e qu indi d i o 11 r e 11.000 Kby t es FORMATTATI per dr i ve, 
circa il 204 in piu” di al c un i altri d r i ves, d et ti ''e qu i va 1 en ti", 
presenti sul mercato. Il drive e” provvisto della funzione di 
s p o s t a m e n t o o t: t i m i z z a t a e d impiega m e n o d i u n s e c o n d o p e r 
s p o s tarsi d a1 p rimo cilin d ro a q u e11o p i u ' e s t r e m o„ L” 
interfaccia che utilizza e’ di tipo ST506. ormai diventata lo 
standard "di fatto" per i dischi WINCHESTER da 5" (come 

l'interfaccia SHUGART e” lo standard di fatto nel campo dei 

f1oppy-disk). 

11 d r i v e e ' pii o t a t: o d a u n c o n t r o 11 e r i n t e 11 i g e n te, eh e 
contiene anche la memoria e la logica ad alta velocita” in grado 
di tenere dietro al flusso di bit scambiato con il drive. Il 
controller e” provvisto di una logica di autodiagnosi che ne 
verifica il corretto funzionamento segnalando, su otto LED 
l'eventuale errore. Il controller può” pilotare due drives 
WINCHESTER, per un totale quindi di piu” di 22 Mbytes in linea. 
E s s o si i n terfaccia verso i 1 m i c r o s e e o n d o u n o sta n d arci d e 11 o 
GASI, aneli'esso ormai il piu' diffuso in questo settore. 

In figura e” rappresentato uno schema tipico di collegamento 
di micro, drives e con t r o11er 


MICRO 


BUS- 


-+ ADAPTER +- 


-»..-.—+ ST506 +-..f 

; 4 --f drive | 

SASI ! I ---+ 

--CONTROLLER ! 

I ! ST50Ó +-+ 

ì +.— - DR I VE ! 


-f 





Il modulo di collegamento fra l'interfaccia SASI ed il micro 
si chiama comunemente in gergo HOST-ADAPTER e va collegato alla 
scheda nmltifunzione SMF 001, presentata nei numeri passati del 
boli et tino» 

Il moduletto adapter occupa 8 indirizzi consecutivi nello 
spazio di Ingresso/Uscita del micro ed e' realizzato in modo da 
gar an t: i r e un ve 1 oc e tr asf er i men t o di dati f r a m i c r o e c on t r o 11 er , 
a differenza di altri adapter che penalizzano pesantemente le 
prestazioni. 

Dal punto di vista Software il disco e' gestito dal sistema 
operativo CP/M come due drives logici da circa 5,5 Mbytes 
ciascuno„ 

Naturalmente ai possessori di un sistema CP/M previsto per i 
floppy verrà' fornito un adattamento che consentirà' di adoperare 
cont em p or a n e a mente sia i f1op p y eh e i win ch e st e r ottene n d o u n 
rilevante incremento di velocita' e di capacita' Mantenendo pero' 
la completa funzionalità' e compatibilita' dei programmi 
sviluppati in precedenza con i floppy. 

Quando abbiamo presentato il WINCHESTER alle ditte 
interessate ci siamo sentiti chiedere perche' avevamo scelto un 
disco da piu' di 11 Mbytes formattati, invece di uno di quelli da 
5 Mbytes, che essi giudicavano di capacita' piu' che sufficiente» 
La risposta e' estremamente semplice e si basa su due importanti 
elementi u il prezzo e le prestazioni. Infatti ILI LUÌ) .9 ÌD DE ado dj. 
forn .ir. e un disco da 11. Mbytes FORMATTATI ad un prezzo minore di 
quel Io a cui altr i forniscono un disco da 5 Mbytes FORMATXATI.^ 

011re a1 fa11ore capacita' abbiamo anche tenuto in conto que11o 

della velocita', infatti la quasi totalità' dei dischi WINCHESTER 
da 5 Mbytes non ha l'opzione di spostamento testine ottimizzato 
ed e' quindi molto piu' lento nel posizionamento» Tenendo conto 
che, in un dispositivo che trasferisce 5.000.000 di bit al 
see ondo, il t emp o necessario al raggiungiment o d eIla t rac eia dove 
e' situato il file richiesto diventa una percentuale notevole del 
t: empo tot a 1 e d i t: r asf er i ment o, quest a mancariza provoca una 
drastica riduzione del le prestazioni» 

Crediamo che al termine di questa presentazione molti dei 
lettori siano rimasti attratti dal disco WINCHESTER e desiderino 
conoscerne il prezzo. Al momento di andare in stampa stiamo 
ancora contrattando per ottenere i migliori prezzi possibili in 
modo che il prezzo al pubblico sia, come al solito» nettamente 
inferiore alla concorrenza» Sfogliando le riviste piu' note del 
set t or e ab b i amo c on st at at o c h e il p r ezzo cor r eri t e va dai 
6-500»000 per un Winchester da 5 Megabyte completo di controller» 
host adapter e software, fino a piu' di 10.000-000 per quello da 
10 Megabyte» Noi offriremo un drive con capacita' di oltre 11 
Megabyte completo di controller. host adapter e software ad un 
prezzo nettamente inferiore a quello da 5 Megabyte della 
concorrenza (e con un ulteriore sconto ai nostri soci). 

Potete telefonarci per avere le ultime notizie al numeros 

010-687098 

oppure scrivere as 


MICRO design s.r » 1„ 
Via Rostan 1 
16155 Genova 







Nella foto che segue e r visibile il drive WINCHESTER che vi 
p r op on i amo.. 11 suo i n gomb r o e * e satt ame n t e u gua 1 e a quel I o d i u n 
fioppy-disk da 5" e 1/4 di tipo normale (non SLIM o ad ingombro 
ridotto come i BASF). Le alimentazioni richieste sono quelle 
standard. +5 V e •♦•12 V, anche se le corrent i richieste sono 


superiori a quel le di un 


drive floppy. 




COME DISEGNARE CON IL CALCOLATORE: IL PLOTTER 


Dopo i terminali video, le cassette, i floppy, le stampanti, 
vi presentiamo un' altra interessante periferica da collegare al 
microcalcolatore: IL PLOTTER,, Questa apparecch i at ur a permette di 

tracciare con estrema facilita' disegni ad alta risoluzione sia 
su c ar t a n or male c h e su f ogli t r asp ar en t i „ 

Di plot ter ne esistono un numero enorme di tipi: da quelli 
ad altissima risoluzione con cambio automatico delle penne, fino 
a piatter ad una sola penna, che consentono l'uso di fogli di 
p i c: c o 1 o f or mat o e c h e d i sp on gon o d i un a e 1 et t ron i c a mo 11 o 
semp1ice « 

Come al solito abbiamo ac quist ato diver si p1ot t er, 
limitandoci ovviamente ad una categoria medio bassa, per 
verificarne la qualità', il funzionamento, 1' affidabi1ita' e la 
convenienza. Abbiamo tracciato centinaia di disegni, consumato 
decine di penne ed abbiamo finalmente individuato quello che, a 
nostro giudizio, risulta ottimo sotto tutti i punti di vista. 

Si tratta del plotter SWEET-P che, essendo di -struttura 
semplice, e' molto affidabile e dotato di caratteristiche che si 
t r ov ano so1it a m e n t e s u plotter di p r e zzo ben s u p erio r e. T r a 
q u e s te c a r a 11 e r i s t i c: h e r i c o r d i a m o : 

■Possibilità' di utilizzare fogli rigali di 21.59 cnt. per 28 
oppure rotoli di 21.59 per 304.80 cm, 

-•Area utile per il disegno: 19.05 per 299.72 cm. 

Risoluzione di 0.1 u. 

-Indirizzabilita' su foglio standard: 2500 per 1840 punti 
Scheda di controllo a microprocessore. 

Velocita' programmab i le imassima 15_. 24 cnu/secj.]^ 

•■•• P o s s i b i 1 ì t a ' di p r o g r a m m a z i o n e i n B a s i c 1 -•• 2, Basic 3, 
A s s e m b 1 e r , F o r 1r a n e p r a t i c a ni e n t e q u a 1 s i a s i linguaggio a d 
al t o 1 ivel1o. 

•Set di caratteri ASCII programmab i 1 i in ampiezza e 
inc1inazione. 

•••• D i se gn o d e gli as s i c: a r t e s i an i e o n c o ni and i p r e p r o g r a ni ni a t i „ 

Possibilità' di uso di pennarelli standard o penne speciali. 

•■•• I n t er face i a par a Ilei o a 7 b i t + st r ob e + b usy, dir et t amen t: e 
ut i1izzab i 1 e c on 1 ' i n t er f ac c i a st a ni p an t e . 

■ A1 i men t az i ori e 220 Volt 50 Her z „ 

-Dimensioni: altezza 7.4 cm.,1arghezza 36.32 cm.,profondita' 

22.35 cm. 

•Peso: 2.95 Kg. 

Accessori standard: 


••- A da 11: a t o r e p e r p e n n a r e 11 i co me r c i a 1 i . 

•Quattro penne speciali nei colori: rosso, blu, verde, nero» 

•Man uale in ita1ian o con esempi di p r ogrammazion e. 

La scheda di controllo a microprocessore permette di avere a 
disposizione comandi molto efficaci per realizzare disegni anche 
complessi con un numero limitato di istruzioni. Vi oliamo qui di 
seguito l'elenco dei comandi per dimostrarvi la loro potenza. Vi 
ricordiamo che un punto può' essere individuato dalle coordinate 
rispetto all' origine (posizione assoluta) oppure dalle 
coordinate rispetto alla posizione attuale della penna (posizione 
reiativa). 





Cornane! i : 
AX 
AY 
DA 
DR 
MA 
MR 
LN 
MK 
HO 
CS 
RO 
TX 
PI 
TD 
PL 
PD 
PU 
PS 
RE 


t- r ac:e i a 1 ' asse x e on 1 un gli ezza pr ogr animai) i 1 e 
t r ac: e i a 1 ' asse y e on 1 un gh ezza p r o gr animai) i 1 e 
traccia una linea fino al punto assoluto indicato 
traccia una linea fino al punto relativo indicato 
muove la penna fino al punto assoluto indicato 
muove la penna fino al punto relativo indicato 
traccia una linea tra i due punti indicati 
se r i ve un c ar at t: ere n e 11 a p os i z i ori e indie at a 
rip or t a la p e nn a n e Ila p osi z io n e di p a r t en z a 
p r o g r a ni m a z i o n e d e 1 1 e d i m e n s i o n i d e i c a r a 11 e r i 
p i" o g r a ni mas i o n e dell' o r i e n t: a z i o n e d e i c: a r a 11 e r i 
scr i 11 ura cl i un t est o 

s e g na un punt o nell a p o si z ion e indicata 
definizione del delimitatore de 1 t esto 
p r o g r a mm a zio n e d eIla 1u ng h ez z a dell a p a gin a 
abbassa la penna 
alza la penna 

P r o g r a ni ni a la v e 1 o cita' del p 1 o 11 e r 
r e s e t: p 1 o 11 e r . I n i z i a 1 i z z a tutti i p a r a ni e t r i „ 


0 u i di seguii o r i p o r t i a ni o 1 a f a t o g r a f i a d e 1 p 1 o 11 e r S Ul E E T •••• P v 
e nella prossima pagina sono illustrati alcuni esempi dei grafici 
o t't n i b ili cl a q u e s t a o 11 i ni a a p p a r e c: c l i i a t u r a .. 


iM o t a s d i q u e s t: o p 1 o 11 e r , o 11 r e all a 
e' cl i spon i b i 1 e 1 a ver s i one per 1 ' 
direitamen t e » 


v e r s i o n e p e r i 1 n o s t r o ni icro, * 
A P P L E e li e p o s s i a m o f o r n i r v i 




MITTENTE 

MICRO design 
Via Rostan 1 
16155 Genova 


STAMPE 


X * « X X X X X X X « X X « X « X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X 

* Tagliando di iscrizione gratuita al club utenti x 

x x 

^ ^ g n O fll e a un II II n II m 11 a u i» a u n n u il n n » ■ N O 111 Il ■ Il li n II II ■ Il 11 11 II 11 II TI 11 li II il ■ 11 11 II II Il ■ Il n X' 

X x 

X Uiàiaiiii«naiii aB |i aa i liaNliNHIiKlaHI , aHIHNI | IMINa1IIKtlllll || HIRUII i M X' 
X X 

X t . A . I- .....a.» .Litta untlKUUBHUNUHMMIINMMaHIitltlNIIMnMtlUMaM X 

X x 

X P r ov i nc i a ............................. Te 1 eforio ./. * 

x x 

* Con f i gur az i ori e m i ero.. .....» . ..»... » 

x - - - x 

-ti- .t{. 

annmmnrnnaanaanuaamttttmu a muamummaaaitaammamaaMmtintimaammuamuumnum 

X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X XX X X X X X X X X X XXX XX X XX X X X X X X X XX X X X X X X X X X X X