Skip to main content

Full text of "Bollettino del club utenti computer Z80"

See other formats


I 



BOLLETTINO DEL CLUB UTENTI MICRO LG-80 
-GIUGNO 1981- 


Questo mese parliamo un po' di libri, ovviamente sui microcomputer. 
Giungono, infatti, molte lettere di soci che chiedono una documentazione piu’ 
vasta e piu' approfondita di quella che e’ stata presentata sulle pagine 
della rivista e dello stesso bollettino (facciamo del ns. meglio). Il 
nostro progetto, come tutti sapete, utilizza un microprocessore Z—80 che 
offre molti vantaggi rispetto ad altri microprocessori, tra questi una 
fornita letteratura completa e sempre aggiornata. Tralasciando volutamente 
quei testi specifici, troppo teorici e in inglese, sono senz’altro degni di 
nota i libri presentati dal dinamico GRUPPO EDITORIALE JACKSON. Oltre alla 
fortunata serie dei BUGB00K che ha dato inizio alla letteratura sui 
microprocessori (8080) e che alcuni di Voi ha senza dubbio apprezzato, sono 
da citare, per chiarezza di esposizione e per semplicità’ d’uso i seguenti 
libri: Z-80 PROGRAMMAZIONE IN LINGUAGGIO ASSEMBLY . Volume di dimensioni 
piuttosto generose che garantisce una completa trattazione sulla 
programmazione in Assembler Z-80. Consigliato vivamente a coloro che 
lavorano preferibi1 mente in linguaggio macchina o meglio ancora in assembler. 
Simile a precedente, ma indicato per risolvere problemi Hardware con 
soluzioni Software, e’ il volume intitolata PROGRAMMAZIONE DELLO Z-80 E 
PROGETTAZIONE LOGICA. Molto interessante e indirizzato in modo particolare 
a una determinata fascia di lettori, IL LIBRO DEL PRINCIPIANTE che con il 
LIBRO DEI CONCETTI FONDAMENTALI , insieme formano un’ottima base per chi 
appunto e’ agli inizi. Non vogliamo dimenticare il volume forse piu’ utile 
ai possessori del ns. Micro, parti colarmente per la trattazione del Software 
elementare. Si chiama NAN0B00K Z-80 VOL.1 TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE. 

Questi libri e altri ancora potrete senza dubbio trovarli con facilita’ da 
noi e presso i Concessionari, o comunque presso i negozi di elettronica, in 
genere, oltre ovviamente alle librerie piu’ fornite; e’ possibile ordinarli 
direttamente alla. JACKSON al seguente indirizzo: GRUPPO EDITORIALE JACKSON 
via Rosei lini, 12 20124 MILANO. 


TAGLIANDO DI ISCRIZIONE AL CLUB UTENTI MICRO LG 80! 


COGNOME .. NOME . 

INDIRIZZO . 

C.A.F. CITTA’ . 

PROVINCIA ... TELEFONO ./ 


CONFIGURAZIONE MICRO 
CONSIGLI h CRITICHE 




>! i Si 




















PERCHE' IL CP/M 


Argomento preferito nelle Vostre telefonate e' ultimamente il sistema 
operativo CP/M. per poter dare una risposta piu' completa a coloro che magari 
vogliano saperne di piu' e non riescono a telefonare, tratteremo ,iniziando 
su questo bollettino , del sistema operativo analizzando sia problemi tecnici 
(come si usa) sia argomenti in generale. Alla domanda, titolo di questo 
paragrafo, rispondiamo ... 

Con il sistema operativo CP/M e' possibile disporre di decine di tipi 
di linguaggi, sia interpreti che compilatori (spiegheremo meglio in seguito 
le differenze). Questa caratteristica , che soltanto il CP/M può' offrirvi 
rende immediatamente obsoleti e limitati la gran parte dei sistemi operativi 
piu' comuni e conosciuti. Di seguito Vi diamo alcuni esempi tra i piu' 
significativi. 

L'APPLE, uno tra i piu' conosciuti personal computer dotato già' di 
un suo sistema operativo dischi, ha nel proprio catalogo una scheda chiamata 
SOFTCARD, prodotta (guarda caso) dalla Microsoft, nella quale e' contenuto 
uno Z-80. (ricordiamo ancora una volta che il CP/M pu.o' funzionare solamente 
su sistemi che utilizzino il processore 8080 - 8085 - o lo Z-80 1'APPLE nella 
sua configurazione standard utilizza il processore 6502). Come avrete già’ 
potuto capire 1'APPLE diventa un sistema CP/M compatibile appena questa 
SOFTCARD viene inserita nel suo bus e nello stesso tempo accede a tutta 
quella vastissima raccolta di programmi quale e' la biblioteca CP/M. 

Altre famose marche americane, conosciute e distribuite anche in 
Italia, hanno da tempo adottato il CP/M. Un altro esempio e' la serie TRS-80 
nei modelli I II e III della RADIO SHACK distributrice dei prodotti TANDY. 
Ebbene anche sui modelli TRS—80 e’ stato implementato , con piu’ facilita' 
perche’ già’ funzionanti con lo Z-80, il CP/M. E’ da notare che tutti i 
modelli TRS-80 dispongono già' di un loro sistema operativo e in America, 
dato che il suddetto personal e’ molto comune, e’ altrettanto facile la 
reperibi1ita' del software. Ciò' nonostante il CP/M , specie sul mod.II e' 
molto richiesto. Altre CASE hanno direttamente adottato il sistema operativo 
CP/M per le proprie macchine, e' il caso del SUPERBRAIN della INTERTEK 
distribuito in Italia dalla ditta Cattaneo di Genova, e ancora lo Z-89 della 
ZENIT distribuito dalla ADVEICQ di Parma. Sono CP/M compatibili tutti quei 
sistemi che per dimensioni e potenza non si possono propria definire dei 
personal, uno di questi e' l'ALTOS distribuito dalla SEBI di Milano, che può' 
lavorare anche in multi utenza e multiprogrammazione con il fratello maggiore 
del CP/M e cioè' 1’ MP/M. Non possiamo non citare in questo elenco l'unico 
prodotto italiano nel settore : il Modello T della General Processor di 
Firenze, che da sempre utilizza il CP/M sin dalla V 1.4 . 

Ricordiamo che la nostra scelta del CP/M e’ stata dettata proprio dal 
fatto che esso e' comunemente impiegato da i piu’ importanti costruttori 
internazionali di personai-computer ; adottarlo significa trasformare il Vs 
microcomputer LG- 80 da sistema di dattico-hobbistico a un potente sistema di 
elaborazione in grado di accedere a una vasta biblioteca programmi sempre in 
continuo aggi ornamento e disponibile a basso prezzo. Noi della MICRO LG 
abbiamo già' a disposizione molti programmi CP/M compatibili tra i quali e' 
possibile trovare : WORD PROCESSOR, ASSEMBLER Z-80, LINGUAGGI INTERPRETI,. 
GIOCHI, APPLICAZIONI. Comunque un elenco completo potremo fornirverlo in 
uno dei prossimi bollettini. Vogliamo aggiungere che l'acquisto da parte 
Vs. di un Sistema Operativo qualsiasi, magari improvvisato, Vi può’ portare, 
come logica conseguenza, ad avere un sistema limitato, non compatibile con il 
Software già' disponibile^ anche di altre macchine, con prestazioni che non 
sempre potranno soddisfare le Vs. esigenze e risolvere i Vs. problemi. 
Pertanto, come solitamente accade a chi acquista prodotti non qualificati, Vi 
troverete in seguito, nella necessita' di dover fare una seconda spesa per 
poter sfruttare pienamente le possibilità' del sistema. . Meditate gente. 
Meditate... ...Ah , dimenticavamo di dirVi , il CP/M e' utilizzato soltanto 
da 300.000 persane ! ì 







SOFTWARE 


CLUB 


Vi presentiamo 
L'autore e' una vecchia 
precedente bollettino 
collaborazione al club 
contiene una USR, cioè' 
necessariamente caricato 


immediatamente un programma gioco molto ben fatto. 

conoscenza al quale abbiamo già' pubblicato in un 
un altro gioco. Premiamo nuovamente questa sua 
proponendovi questo "ATTERRAGGIO". Il programma 
un sottoprogramma in linguaggio macchina che deve 
nel computer con la procedura che ormai tutti 


conoscete. Al momento dell’eseguzione vedremo apparire un disegno di un Razzo 
con il quale si dovrà' tentare un atterraggio possibilmente morbido. Il 
programma indica il tempo che trascorre durante la manovra e la velocita', 


espressa in metri 
gravita’ terreste, 
qualche attimo un 
corrispendente ad 
divertimento. 


al secondo, con la quale il Razzo e' attratto dalla 
per diminuire la velocita' sara’ sufficiente premere per 
numero compreso da attimo un numero compreso tra 0 e 9 
una minore o maggiore spinta del propulsore. Buon 


6 RENItDE NICOLAI «ARCO C/SO 
10 C=3 

15 T=0 

16 F=0 

17 V=0 

18 Y=0 

20 6=30000 
25 6=9.80665 

30 C.sR.(1,2) 

31 0.11,12,13,14,15,16,17 

32 F.N=1T07 

33 REA.Y 

34 5. (50, Y) :N.N 

35 RESTORE 

36 F.N=1T07 

37 REA.Y 

38 S.(49,Y):N.N 

39 RESTORE 

40 F.N=1T07 

41 REA.Y 

42 S.(51,Y):N.N 

43 S.(50,10) 

44 S.(48,171:5.(52,17) 

50 F.R=OT0500 

55 T=N/4 
60 USR 

70 IFC=3T.A=1 

71 IFC=12T.A=2 

72 IFC=48T.A=3 

73 IFC=192T.A=4 

74 IFC=768T.A=5 

75 IFC=3072T.A=6 

76 IFC=1228BT.A=7 

77 IFC=49152T.A=8 

78 IFC=196608T.A=9 

79 IFC=0.75T.A=10 

80 F. Y=lf09 — 

81 B=YI3+17 

82 R.(50,6) 

83 IF(A>=Y)I(A<10)T.S. (50,8) 

84 N.Y 

89 ONAG.90,100,110,120,130,140 

90 F=1 

91 6.200 

100 F=2 

101 6.200 


5 REM JPRQ6R ANNA REALIZZATO DAI! 

BRARANTE 6 10134 TQRINOtl HO FM 

111 6.200 


UJ tfJ <1 -O o 

IL ffi u M o 

>0 ili CD G- O 

^ U- Hi U Ki 

O h 11 O U 

<L U C >0 0' 

U (Il IH IO o 

<r in o- o 

m o u u n 

ui *sr «X Ki £> 
IlISUOU 

-0 il! N -0 OD 
r-i Ll CU Ki c 

UJ -O Ul O <1 
!J h II O K> 

ex 0' so oro- 


O <r fsi -0 N 0- 
EOUrtOU 

UJ K‘ C Si -0 N 
Ll DJ LJ U K> O 

<E ili >C <L O 


flj >0 LU Ch <1 O 
C H li fi o u 

<J- «T <! LU vC ^ 


CD <Z li- o O' ~G 


M <X CD iiD £> 
C -4 CD (J U O U 


o o o o o o 

OD O- C £5 CJ C3 
«0 >C >G 'G O >0 


,150,160,170,180 


120 F=6 

121 6.200 

130 F=9 

131 6.200 

140 F=9.08665 

141 6.200 

150 F=ll 

151 6.200 

160 F=13 

161 6.200 

170 F=15 

171 6.200 
180 F=0 

200 S=S-0.3938281(6-F)- 
220 V=V+(6-F)10.8875 
225 T=I.(«10.8875) 

230 P.ATI,T 

240 IFV<0T.P.S, ,A, ;V 

250 IFV>0T.P.S,V 

253 IF(S<=0)t(V<=20)l(T 

255 IFS<=0T.700 

260 N.N 

270 6.270 

300 F.Y=47T043S.-1 

310 F.X=OT063 

320 S.(X,Y):N.X:N.Y 

355 RET. 

370 F.N=1T025 
380 R.(50,(9+N)) 

390 R. (49, (10+11)) 

400 R.(51,(10+N)) 

410 R.(48,(16+N)) 

420 R.(52,(16+N)) 

430 F. IM8T052 
445 S.(X,(17+N)) 

450 N.Z:N.N 

460 P.:P.:P.:P.:P. , #1H 
470 6.470 

500 R.<48,17):R.(52,17) 
505 F.NMT028 
510 F.IM8T052 
520 S.(X,(10+N)) 

525 R,(X,(9+N)) 

530 N.X 


-VI0.B875 


540 6.(49,(17+N)) 

541 6.(50,(17+N)) 

542 S.(51,(17+N)) 

543 S.(50, (18+N)) 

544 N.N 

545 P.AT245,"CRASH li* 
550 F.N=IT050 

555 A=R.(13) 

556 B=41-R.(i3) 

557 C=R. (2) 

558 IFC=1T.S.((50-A),B) 

559 IFC=2T.S.((50+Ai,8) 

560 N.N 
580 6.580 
600 SOS.300 
610 6.370 
700 60S.300 
710 60T0500 


<=300)T.600 


ATTERRA66I0 PERFETTO Hit* 


N.6 'S4 






E 7 la volta di due programmi in linguaggio macchina presentati sia in 
■forma esadecimale che mnemonica Z-80 per facilitare cosi' i possessori 
del 1'Assembler. Purtroppo gli autori sono sconosciuti in quanto non si sono 
preoccupati di scrivere il loro nome anche sui listati presentati, ma 
solamente sulla busta che li conteneva. Ci raccomandi amo ancora una volta di 
inviare il Vs. software possibilmente su cassetta con chiaramente indicate le 
Vs. generalità'. Chiarito ciò' passiamo ai programmi; uno di questi 
effettua l'hardcopy su stampante dell'immagine video e può' essere richiamato 
tramite il comando in Basic V 1.0 USR, essendo locato dagli indirizzi 1680H 
a 16c7H. Lo stesso vale per il secondo programma che effettua la 
rinumerazione delle linee di un eventuale listato in Basic. Ringraziamo gli 
anonimi autori e li invitiamo a scriverci nuovamente per dare un nome ai loro 
figli... pardon programmi. 

SOURCE FILE NAIE: HARDCOPY PAGE t 1 t>l SOURCE FILE NANE: RENUMBER PAGE • 1 


v'A/fto 
A i$o 


0000 

jtmtmmtmmtttt 

000D CR 

E6U 0DH 


0000 

;t QUESTO PROGRAMMA » 

1680 

0RG 1680H 


0000 

;l EFFETTUA 1 

1680 210017 

LD HL,1700H 


0000 

;t L’HARD COPY 1 

1683 DD210000 

LD 11,0 


0000 

:l DELLA PAGINA VIDEO 1 

U1687 010000 

LD BC.STEP 

i ; QUI VA NESSO 

0000 

;» SULLA STAMPANTE 1 

168 A 


; IL PASSO 

0000 

\tutuummtmtm 

168A éc44 


; DELLA NUMERAZIONE 

0000 

• 

9 

168A FD2A*$?‘ 

LD IY,*t8É) 


OOOD 

CR EQU 0DH 

168E DD09 YYY: 

ADD II,BC 


1680 

0R6 1680H 

1690 DDE5 

PUSH II 


1680 E5 

PUSH HL 

1692 DI 

POP DE 


1681 C5 

PUSH BC 

1693 73 

LD (HL),E 


1682 2100EC 

LD HL, 0EC00H 

1694 23 

INC HL 


1685 0600 

PA6VID: LD B,00 

1695 72 

LD (HL),D 


1687 7E 

BUFFER: LD A,(HL) 

1696 23 HI: 

INC HL 


1688 COSI 16 

CALL STAMPA 

1697 FDE5 

PUSH IY 


1686 04 

INC B 

1699 DI 

POP DE 


168C 23 

INC HL 

169A 37 

SCF 


1686 3E20 

LD A,20H 

169B 3F 

CCF 


16EF B8 

CP B 

169C EB 

EX DE,HL 


1690 20F5 

JR NZ,BUFFER-» 

169D ED52 

SBC HL,DE 


1692 3E0D 

CRLF: LD A,CR 

169F 386C 

JR C,FINE-t 


1694 CDB116 

CALL STAMPA 

16A1 EB 

EX DE,HL 


1697 7C 

LD A,H 

16A2 3E0D 

LD A,GR 


1698 FEEE 

CP 0EEH 

16A4 BE 

CP (HL) 


169ft 20E9 

JR NZ.PA6VID-» 

16A5 20EF 

JR NZ,HI-» 


169C 3E9F 

LD A,9FH 

16A7 23 

INC HL 


169E CDB116 

CALL STAMPA 

16A8 1 BEA 

JR YYY-» 


16A1 CI 

POP BC 

16AA C9 FINE: 

RET 


16A2 E1 

POP HL 

1680 

END 1680H 


16A3 C9 

RET 




16A4 

; SUBR0UTINE DI 




16 A4 

; STANPA 




16B1 

0RG 16B1H 




16B1 F5 

STAMPA: PUSH AF 




16B2 DB03 

BUSY: IN A,(03H) 




16B4 CB47 

BIT 0,A 




16B6 20FA 

JR NZ.BUSY-» 




16B8 FI 

POP AF 




16B9 F5 

PUSH AF 




16BA CBFF 

STR0BE: SET 7,A 




16BC D303 

0UT (03H),A 




16BE CBBF 

RES 7,A 




16C0 D303 

0UT (03H),A 




16C2 CBFF 

SET 7,A 




16C4 D303 

0UT (Q3H),A 




16C6 FI 

POP AF 




16C7 C9 

RET 




0000 

END 




© 

a/.^ '84 










Per chi vuole a tutti i costi il gestionale, eccolo accontentato. IL 
PROGRAMMA che Vi presentiamo e 7 stato realizzato dai nostri col laboratori, e 
vuole essere solamente un esempio di come sia possibile, anche con un Basic 
didattico, risolvere piccoli problemi gestionali. Il programma e 7 stato a 
suo tempo omaggiato a tutti i Concessionari N.E intatti, come vedremo piu 7 
avanti consente la gestione dei Kit di NUOVA ELETTRONICAche come tutti sapete 
sono formati da una sigla fissa (LX) seguita da un numero. il programma 
pertanto può 7 gestire esci usivamente variabili di tipo numerico, data 
1 7 impossibi1ita 7 di questo Basic V 1.0 di riconoscere le stringhe. 

Date le dimensioni del programma (7Kbyte circa) lo presenteremo in 
due puntate, come appunto i romanzi, in modo che abbiate modo di batterverlo 
con calma. Il programma utilizza la solita USR per la lettura e la 
regi strazione dei contenuti del vettore A(I). Se qualcuno di Voi vuol 
variare le dimensioni di tale vettore può 7 rileggere le relative note sul 
primo bollettino. Siete liberi di personalizzar1o secondo le Vs esigenze 
anche se, vogliamo ancora ricordarlo, questo programma e 7 stato realizzato 
piu 7 per scopi didattici che pratici, comunque fate Voi. 


Ed ora cercheremo di spiegarvi come si usa. 

Appena darete il comando RUN il computer Vi domanderà 7 la data del giorno, 
che potrà 7 essere indicata come segue : 12/5/1981, Appena introdotta la 
data sul video Vi apparirà 7 un indice di operazioni che il computer può 7 
eseguire battendo il numero corrispondente ad ogni operazione. Da 0 a 10, 
come potete verificare dal listato a partire dalla linea 4 fino alla 13. 
Quando userete per la prima volta questo programma, dovrete fornirgli i dati 
del magazzino sul quale dovrà 7 lavorare, per far ciò 7 la prima operazione da 
richiedere e 7 la N.8 con la quale sara 7 possibile caricare i dati del 
magazzino. Introdotti i dati, il primo consiglio che Vi diamo e 7 di 
registrarli immediatamente i utilizzando una cassetta vergine e di buona 
qualità 7 . Per eseguire questa operazione e 7 suffuciente premere il numero 3 
dopo aver preparato il registratore in registrazione. Ora il programma e 7 
pronto per essere utilizzato, premendo il tasto 2 potremo aggiornare il 
magazzino con i prodotti venduti o acquisiti durante la giornata. Con 
l'operazione N.4avremo dal calcolatore un elenco delle di sponibi1ita 7 sia su 
video o anche su stampante. Il n.5 Vi elencherà 7 le vendite del periodo in 
esame, e il n.6 Vi fara 7 un resoconto del prodotto non piu 7 disponibile. E 7 
anche possibile, scegliendo il .9, . scrivere con la stampante un ordine da 
inviare al proprio fornitore, mentre il programma n.7 consente di 
controllare la disponibilità 7 del singolo prodotto. Per uscire dal programma 
e 7 sufficiente battere 11 N.10 . 


Ed ora la prima parte del listato. ATTENZIONE prima di battere il 
programma in Basic scrivete la USR in linguaggio macchina. Buon lav... 
hem... divertimento. 


1680 

3 A 

50 

16 

E6 

1690 

CD 

F3 

0F 

21 

16A0 

F4 

0E 

C2 

CI 


01 

C2 

8B 

16 

C3 


FE 

0E 

33 

C9 

11 

FF 

3F 

CD 


16 E5 D5 21 15 F5 
4B 0F DI E1 C9 CD 




1 CLS:P.ft.224,'SCRIVI Lfi DATA DEL 6IORMO":IN.D*:K=500:L=0:S=i 

2 CL5:P.A.67,“GESTIONE MAGAZZINO KIT N.E.' 

3 A=0:P.A.99,'-*iP. 

4P.’ 1= LETTURA DATI DA CASSETTA' 

5 P.' 2= AG6IORMAHENTO MAGAZZINO* 

6 P.' 3* SCRITTURA DATI SU CASSETTA' 

7 P.' 4= DISPONIBILITÀ’ A «AGAZZINO’ 

8 P.' 5« RESOCONTO VENDITE* 

9 P.' b* RESOCONTO KIT ESAURITI' 

10 P.' 7= CONTROLLO A RA6AZZIN0' 

11 P.' B= INIZIALIZZAZIONE DATI' 

12 P.' 9= ORDINE SCRITTO' 

13 P.'10= FINE PR06RAHHA* 

14 IN.' OPERAZIONE DESIDERATA'jX 

15 CLSiONIS.100,150,200,250,300,350,400,450,500,550 

20 6.2 

30 REHSIPR0GRAW1A REALIZZATO BY NICRO L6 -6EN0VA-U 
50 T*0 

52 IF(N<*9)t(I<*9)T=6:RET. 

53 IF(N<*9)l(I<*99)+(N<=99)l(I< s 9)T=5:RET. 

54 !F(N<=9)tU<*9?9)+(N<=999)t(I<*9)T*4;RET. 

55 IF(N<*99)I(I<*99)T=4;RET. 

26 IF (N<=99) I (I<=999) ♦ (N<=>999) 111<*99) T*=3: RET. 

37 IF(N<=999)t(I<“999)T=2;RET. 

70 REH 

73 LP.' N.'jN;* DEL KIT LX';I}:F.N=1TOT:LP." '; 

75 N.N:LP.* '; 

30 A=A+1:IFA=3A=Q;LP. 

35 RET. 

100 REH LETTURA DATI DA CASSETTA 
HO Et=V:L*l 

120 P.A.195,'INSERISCI LA CASSETTA DATI* 

125 P.' POSIZIONA IL REGISTRATORE IN* 

130 P.' ASCOLTO, QUANDO SEI PRONTO' 

135 IN.'BATTI IL TASTO <RETURN>.';B4 
140 CLS:P.A.232,'ATTENDERE PRE60...' 

145 USRiB.2 

150 REH AGGIORNAMENTO MAGAZZINO 
155 CLS;IFL=iT,170 

160 P.A.225,“DEVI LEGGERE 1 DATI DA CASSETTA";!IN,B4 
165 6.2 

170 P.A.133,"AGGIORNAMENTO HAGAZZINO'iP. 

175 P.’ 1' VENDITA' 

180 P.' 2* ACQUISIZIONE MATERIALE' 

185 P.' 3= KIT FUORI CATALOGO* 

J88 P.' 4 1 USCITA' 

190 IN.' SCE6L1 L’OPERAZIONE';): 

193 CLS;ONX6.600,650,700,2 

195 CLSiP.A.224,'OPERAZIONE NON PERMESSA,RIPROVA' 

196 IN.'BATTI <RETURN>';B» 

198 6.170 

200 REM SCRITTURA DATI SU CASSETTA' 

208 CLS:E*='S':S=1 

210 P.A.192,'INSERISCI, NEL REGISTRATORE, LA* 

211 P.'CASSETTA SU CUI SCRIVERE I DATI' 

212 P.'AGGIORNATI.' 

213 P.' POSIZIONA IL REGISTRATORE IN' 

214 P.“REGISTRAZIONE, E SE SEI PRONTO" 

215 IN.'BATTI <RETURN>';B$ ' * 

220 6.140 

250 REH DISPONIBILITÀ’ A MAGAZZINO 

251 IFL=1T.260 

255 P.A.225,‘DEVI LE68ERE I DATI DA CASSETTA';: IN.B*:G.2 
260 SOS.1000 


262 CLSiP.A.100,'DISPONIBILITÀ’ A HAGAZZINO'iP. 

263 P.'SITUAZIONE AGGIORNATA AL 'iP.DI 
265 IFYOOT.272 

268 LP.' '; 

270 LP.* DISPONIBILITÀ’ DEI KIT N.E. A MAGAZZINO'iLP. 

271 LP.' SITUAZIONE AGGIORNATA AL ’;D*:LP. 

272 F.MTQK 

273 60S.2000 
275 IFP<1T.285 

278 P.'KIT LX'jI;' N.';P;* DISPONIBILI* 

280 IFYOOT.285 

281 N=P;60S.50:60S.70 
285 N.I 

290 IN.' BATTI IL TASTO <RETURN)';B* 

295 6.2 

300 REH RESOCONTO DELLE VENDITE 

301 60S.1000 

305 CLSiIFYOOT.312 

307 LP.' *; 

308 LP.* RESOCONTO DELLE VENDITE DEI KIT N.E.'jLP. 

310 LP.sLP. 

312 P.' RESOCONTO VENDITE KIT N.E.'iP. 

315 P.:P.TAB(3),*N. KIT KIT VENDUTI* 

318 F.I*1T0K 

320 P.A.490,'CONTROLLO SU LX'jI; 

321 P.A.162, 

322 IFV< >0F0RT=1T0700iN.T 
325 60S.2000 

328 IFV=0T.335 

329 IFYOOT.332 

330 N=Vi60S.50;60S.70 
332 P.TAB(3),*LX';I,V 
335 N.I 

340 P.ìP.ìIN.' VUOI AZZERARE LE VENDITE <1=SI 0=N0)';Y 

341 IFYOIT.2 

343 F.1=1TOK 

344 60S.2000 

345 V=0 

346 GOS.2500 

348 N.I 

349 6.2 

350 REM LISTA DEI KIT ESAURITI 

351 GOS.1000 

358 LP.' LISTA DEI KIT N.E. ESAURITI.' 

359 P.TAB!7),'LISTA KIT ESAURITI'ìP.ìP. 

360 F.IMTOK 
363 GOS.2000 
365 IFPO0T.380 
367 IFYOOT.373 

370 LP.' KIT LX';I;' ESAURITO' 

373 P.TAB(10),"KIT LX';I;' ESAURITO' 

380 N.I 

385 IN.' BATTI <RETURN>’;B» 

390 6.2 

400 REM CONTROLLO A MAGAZZINO 

410 P.A.70,'CONTROLLO MAGAZZINO* 

411 P.A.165,' ' 

412 P.A.130,'VUOI CONOSCERE LA SITUAZIONE DEL KIT LX'; : IN.I 

413 P.iP. 

415 IFK1T.2 

420 IFI>KCLS:6.410 
422 60S.2000 
425 IFP>OT.438 


a/. 6 







POSTA CLUB 


Entriamo subito in argomento con la lettera del Sig. NICOLI ANDREA di 
Balzano che ci ha scritto proponendoci un ASSEMBLER- EDITOR Z80 su cassetta. 
L’idea ci e’ parsa molto buona tanto che abbiamo invitato il Sig. NICOLI ad 
inviarci il quanto. Venuti in possesso del programma, lo abbiamo provato 
ottenendo dei buoni risultati. E’ implicito che non possiamo pretendere le 
stesse caratter i st i che che 1’ Editor e Assembler CF'/M possono offrire, ma e’ 
altrettanto logico che questo programma può’ essere senz’altro utile a coloro 
che non hanno voluto espandere il Sistema con il Floppy Disk e che comunque 

sentano l’esigenza di un Assembler Z-80. Il programma può’ essere richiesto 

all’Autore stesso solo a partire dal mese di settembre. Durante questa 

periodo, infatti, sara’ ulteriormente migliorato e documentato. Di seguito 
iVi diamo l’indirizzo al quale potrete scrivere: 

■■ 

ANDREA NICOLI Via Roma 9 39100 BOLZANO 

Dobbiamo riconoscere che alcuni utilizzatori del Micro LG-80 hanno 
trovato senz’altro applicazioni molto originali. E’ il caso del Dott. 
LOPRESTI LORENZO di RAGUSA che ha realizzato un programma di ben 17Kbyte sul 
Basic V 1.0 per effettuare il razionamento alimentare dei bovini. Tale 
{programma e’ giornalmente utilizzato in una clinica veterinaria. Il Dott. 
LOF'RESTI si dichiara disponibile per chiunque interessai questo tipo di 

applicazione. L’indirizzo della clinica e’ il seguente: 

CENTRO DI DIETETICA E DIAGNOSTICA Via Garibaldi 139 RAGUSA Tel. 


0932/46534 

I 

Alcuni di Voi ci chiedono un consiglio per l’acquisto della 
stampante. Vogliamo a questo punto precisare che il bollettino e in 
particolare noi della MICRO LG non possiamo autonominarci giudici e censori 
di questo o quel prodotto, come abbiamo già’ fatto per i Drive dei floppy, ci 
limiteremo ad indicarvi i prodotti che noi conosciamo perche’ adoperiamo, o 
trattiamo in negozio, e sarete poi Voi a decidere quale acquistare per le Vs. 
esigenze. L’acquisto della stampante, si sa, e’ una spesa non indifferente, 
pertanto e’ consigliabile non fare scelte frettolose e magari sbagliate. La 
produzione, dopo l’avvento del computer personale, e’ notevolmente aumentata 
e il mercato offre moltissime marche e modelli di queste periferiche. Noi 
stessi abbiamo penato non poco per sciegliere una marca che potesse offrire 
oltre che un buon prodotto anche una efficiente garanzia. La stampante 
innanzi tutto, va scelta per le proprie esigenze e per l’uso che se ne dovrà’ 
fare. E’ inutile, pertanto, acquistare una stampante con 132 colonne, 150 
caratteri al secondo, stampa su. 4 o 5 copie a ricalco, se poi verrà’ 
utilizzata con il Basic V1.0 e per piccole listati di programma. Ecco ciò’ 
che abbiamo provato e le nostre considerazioni: 


Le termiche TRENDC0M, già’ ampiamente descritte sulla rivista N.73, 
sono ottime stampanti per uso, "domestico", sono infatti silenziosissime, ma 
hanno il solo difetta di non permettere un uso diciamo cosi’, professionale 
della macchina. Adoperando carta termica non e’ possibile disporre di altre 
copie oltre l’originale, mentre la conservazione dei fogli stampati e’ 
precaria per un lento processo di ingiallimento degli stessi. Rimane 
comunque un<a macchina valida sotto l’aspetto economico e indicata 
prevalentemente per uso hobbystico. 


Una stampante che può’ essere consigliata per un uso, sempre 
prevalentemente hobbystico, ma che utilizza carta normale e’ la SEIK0SHA mod. 
6P-80. Molto compatta e leggera e’ l’ideale per chi vuol spendere poco 
(circa la meta’ del costo di una stampante ad impatto media) e vuol avere 
buoni risultati, senza preoccuparsi molto sul consumo della carta. E’ una 
80 colonne ma non di misura standard, infatti il suo tabulato e’ leggermente 
piu’ stretto rispetto al formato 9 pollici. La velocita’ non e’ 

•entusiasmante, 40 caratteri al secando, e con l’adeguato software, e’ 
possibile usarla anche graficamente per comporre disegni. 

Cresciamo di prestazioni, qualità’, e, purtroppo anche, di prezzo con 

Hi 'Si © 


le stampanti EPSON. La EPSON produce una serie di stampanti ad impatto, 
perciò' su carta comune, di ottime prestazioni e indicate per un uso anche 
professionale. E' possibile pertanto stampare una o piu' copie sovrapposte 
(fino a 4) e consente una scelta del carattere che nessuna altra stampante 
può’ offrire. Il modello piu' conosciuto e' senz'altro l’MX-80. Questo 
modello permette di stampare 80 colonne normali o 132 compattate, può' fare 6 
tipi di carattere espanso e raggiunge una velocita’ di 80 caratteri al 
secondo compiendo un percorso bidirezionale ottimizzato. Ha una stampa 
sempre molto netta e pulita con le lettere, anche le minuscole, molto ben 
leggibili. E' possibile stabilire da software, lo spazio che separa una 
linea dalla successiva, e, sempre da software può’ stampare caratteri 
grafici. Ultimamente si e' affiancata al modello base, la MX-80F/T che, 
oltre a tutte le caratteristiche viste prima, può' stampare sia su foglio 
singolo che su modulo continuo. E’ cosi’ possibile, utilizzando la propria 
carta intestata, scrivere lettere o fatture. Della stessa famiglia sono la 
MX-82 e la MX-100 che saranno presentate a ottobre in occasione dello SMAU. 
Noi possiamo già' anticiparvi le caratteristiche perche' siamo stati tra i 
primi ad ottenere ,tramite la SEGI, distributore nazionale, alcuni esemplari. 
La MX-82 ha le stesse dimensioni della MX-BO della quale mantiene anche 
l'estetica, ha in piu’ ottime prestazioni grafiche e consente una densità’ di 
ben 1152 punti su una singola linea. E’ perciò’ indicata per chi desidera 
una stampante con una grafica molto risoluta. La MX—100 e’ invece una 
stampante tipicamente per uso professionale ma di costo contenuto. Può' 
stampare su qualunque tipo di tabulato fino ad una larghezza massima di 15,5 
pollici e in formato qondensato stampa ben 233 caratteri per linea , 
incredibile vero!! t’, inutile dirlo, bidirezionale e consente 
1'indirizzamento grafico con una risoluzione di 1632 punti/linea. Tutta la 
produzione EPSON offre, oltre alle ottime caratteri stiche che abbiamo appena 
visto, un sistema per la sostituzione della testina di stampa direttamente 
eseguibile dall’utente. Questo e’ senza dubbio un grande vantaggio rispetto 
alla concorrenza perche' permette, al 1’uti1izzatore , una riparazione 
immediata che lui stesso esegue in pochi secondi senza essere costretto, come 
per altre macchine , a privarsi della stampante per giorni interi con spese 
di intervento spesso superiori alle 200.000 . Questa brillante soluzione 
permette un costo di esercizio molto basso, e addirittura piu’ economico 
delle stesse stampanti termiche. Vi ricordiamo che tutte le stampanti EPSON 
e la stessa SEIK0SHA possono essere direttamente interfacciate con il MICRO 
L8-S0 seguendo le indicazioni riportate sull’ultima rivista, la N.76 a 
pag.55. Per chi invece dispone di un’ altra marca di computer, che non 
prevede una uscita per stampante parallelo, può’ richiedere, insieme alla 
stampante, la scheda di conversione per 1’interfacci amento con il proprio 
micro. Concludiamo dicendovi che tutti i bollettini sono stati stampati da 
una EPSON mod. MX-80. 


MITTENTE : 


DESTINATARIO : 


I CRO I_<3 


C/SO TORINO 47R 


16129 GENOVA 


TEL. 010/561808 


STAMPE 


a/. <r 'gì